Intestino

Quando l'intestino va in sciopero

Un intestino sano attira poca attenzione. I sintomi di una mancanza o di un'eccessiva attività intestinale sono flatulenza, stitichezza, gonfiore e movimenti intestinali imprevedibili.

Quando la digestione non funziona correttamente, di solito si associa questo a una massiccia riduzione della qualità della vita. Una cattiva digestione influisce sul benessere e impedisce uno stile di vita attivo e spontaneo.

Fenomeni importanti come feci mucose o sanguinolente devono sempre essere chiariti da un medico. Solo allora si possono individuare e trattare cause pericolose come carcinomi e ulcere o intolleranze alimentari.

Un intestino sano fornisce al corpo i nutrienti ottimali

Nel processo digestivo, seppure il cibo entri attraverso la cavità orale, l'intestino svolge l'importante compito di assorbire i nutrienti dal cibo, introducendoli nel flusso sanguigno e rendendoli così disponibili al corpo.

La barriera verso l'interno vero e proprio del corpo è infatti proprio l'intestino. Nello stomaco e nel duodeno, al cibo sminuzzato sono già stati aggiunti gli enzimi digestivi, che scompongono biochimicamente i nutrienti del cibo.

Questo processo produce blocchi di costruzione che possono essere utilizzati dal corpo umano. Per trasferire questi blocchi di costruzione nel flusso sanguigno, il bolo alimentare viene trasportato lungo i villi dell'intestino tenue attraverso l'intestino tenue, lungo da tre a sei metri.

I villi dell'intestino tenue, piccoli rialzi a forma di dito sulla parete interna dell'intestino, sono intervallati da minuscoli vasi sanguigni. I nutrienti entrano nel sangue attraverso di loro. Dissolti nel sangue, i nutrienti raggiungono tutte le cellule del corpo.

Una volta che il bolo alimentare è passato attraverso l'intestino tenue, entra nell'intestino crasso, che è lungo solo un metro e mezzo. Qui, vengono assorbiti i suoi liquidi. Nell'ultima sezione dell'intestino crasso, il retto, il prodotto finale povero di nutrienti e disidratato viene infine immagazzinato fino allo svuotamento dell'intestino.

Un intestino troppo attivo

Sintomi come gonfiore, stitichezza o flatulenza sono di per sé aspecifici e si presentano - a seconda della dieta - in forma lieve di tanto in tanto. Tuttavia, chiunque soffra regolarmente di uno o più di questi sintomi dovrebbe esaminare attentamente il proprio stile di vita e le proprie abitudini alimentari e consultare un medico se necessario.

Stitichezza

Le cause della stitichezza sono di solito da ricercare in una dieta sbagliata. Un apporto insufficiente di liquidi, troppe poche fibre, troppi prodotti derivati dal grano o troppi dolci rendono difficile il lavoro dell'intestino. La mancanza di esercizio fisico e lunghi periodi in una posizione sedentaria riducono ulteriormente l'attività intestinale.

In rari casi, la stitichezza può essere dovuta a un disturbo fondamentale dei movimenti muscolari dell'intestino. Il movimento dell'intestino tenue è debole e rallentato.

Il bolo alimentare rimane quindi nell'intestino per diversi giorni. Le sostanze nutritive non riescono ad essere utilizzate efficacemente e i sintomi tipici della stitichezza, come l'indurimento dell'intestino e i movimenti intestinali difficili, ne sono il risultato.

La diagnosi di intestino pigro si fa ingerendo delle perline di metallo. Alcuni giorni dopo l'ingestione, le palline rimaste nel tratto digestivo vengono contate per mezzo dei raggi X. Se c'è un disturbo peristaltico degno di trattamento, può essere trattato con farmaci che stimolano il movimento muscolare dell'intestino.

Un'altra rara causa di stitichezza è lo spasmo permanente del muscolo sfintere. Lo sfintere può comportarsi così a causa delle emorroidi o rifiutando regolarmente di avere un movimento intestinale.

In questo caso si utilizza con successo un metodo di trattamento in cui la contrazione e il rilassamento dello sfintere vengono riappresi per mezzo di un dispositivo che ne misura la tensione meccanica.

Diarrea

La diarrea è nota per accompagnare le infezioni batteriche o virali. Come la stitichezza, anche la diarrea può essere il risultato di un’alimentazione sbagliata.

Gli alimenti a cui si è intolleranti, il cibo avariato, le spezie piccanti, la nicotina o il consumo di dolcificanti possono scatenare la diarrea. Per prevenire la disidratazione, la diarrea viene trattata con farmaci, per esempio con compresse di carbone.

Parola chiave: sindrome dell'intestino irritabile (IBS)

Questo termine si riferisce a un disturbo funzionale dell'intestino, chiamato anche intestino nervoso. Assume i sintomi di varie altre malattie intestinali. Per la diagnosi di IBS, è fondamentale escludere proprio queste altre possibili malattie con gli stessi sintomi.

Anche se l'IBS con i suoi sintomi sgradevoli limita la qualità della vita, non è minacciosa. Il trattamento dell'IBS è ancora oggetto di ricerca.

La salute intestinale non è una questione di fortuna - le sostanze vitali a base di erbe sostengono l'intestino

Le farmacie offrono una vasta gamma di lassativi e preparati digestivi, molti dei quali possono essere acquistati senza ricetta.

Tuttavia, l'uso permanente di lassativi non elimina le cause dei problemi intestinali e può anche essere pericoloso. Dovrebbero quindi essere usati solo in casi eccezionali e preferibilmente in consultazione con un medico.

È possibile ottenere una digestione regolare a lungo termine mediante:

  • un'adeguata assunzione di liquidi
  • una dieta ricca di vitamine e fibre
  • pasti regolari a orari fissi
  • abbastanza esercizio fisico

Inoltre, le sostanze vitali a base di erbe possono aiutare a sostenere l'intestino nel suo funzionamento naturale. I preparati con principi attivi di estratti vegetali, cellulosa vegetale, silice e composti di magnesio possono avere un effetto positivo sull'attività intestinale, se usati regolarmente.

Incenso

Incenso

L’incenso viene estratto dalla resina dell'albero di Boswellia serrata e da migliaia di anni viene impiegato come rimedio nella medicina ayurvedica. A rendere l'incenso così unico sono le sue proprietà antinfiammatorie, cosa principalmente attribuita al contenuto di acido boswellico AKBA presente nell'incenso.

Maggiori informazioni su Incenso ›

Omega 3

Omega 3

Gli acidi grassi omega 3 sono tra le sostanze vitali più importanti del nostro tempo, poiché hanno un effetto estremamente positivo sulla salute. La ricerca mostra che gli omega 3 possono aiutare a prevenire le malattie cardiache, a normalizzare la pressione sanguigna, ad abbassare i livelli di colesterolo e ad alleviare i dolori articolari, le emicranie e la depressione.

Maggiori informazioni su Omega 3 ›

Semi di chia

Semi di chia

I semi di chia sono ricchi di acidi grassi omega 3 e omega 6, proteine, fibre, vitamine e minerali. Grazie alle loro potenti proprietàpurificano l'intestino e regolano la digestione. Stabilizzano lo zucchero nel sangue e possono aiutare a perdere peso, poiché legano molta acqua, saziano e riducono la voglia di dolci.

Maggiori informazioni su Semi di chia ›

Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!