Spedizione gratuita da 50€
Consegna in solo 2-3 giorni lavorativi
Acquisto in contrassegno
Spedizione gratuita da 50€
Consegna in solo 2-3 giorni lavorativi
Acquisto in contrassegno

Saldi estivi: 15% di sconto su tutto con il codice SUN15

Ashwagandha - la regina dell'ayurveda

Informazioni, effetto, carenza, dosaggio, effetti collaterali

23 gen 2023
Ashwagandha - la regina dell'ayurveda

L'ashwagandha è stata usata nella medicina indiana per 5000 anni per rafforzare la forza vitale. Si dice che dia pace interiore e forza, riduca la paura, aumenti l'energia, la vitalità e le prestazioni, agisca come un afrodisiaco naturale, ringiovanisca il corpo e la mente e promuova la longevità.


Tabella dei contenuti

Nuovo
Ashwagandha Royal
Vitality Nutritionals
Ashwagandha Royal
90 capsule
(8)
19,99 €

Disponibile

ZenRylax
Vitality Nutritionals
ZenRylax
60 capsule
(8)
34,99 €

Disponibile

Prodotti consigliati
Nuovo
Ashwagandha Royal
Vitality Nutritionals
Ashwagandha Royal
90 capsule
(8)
19,99 €

Disponibile

ZenRylax
Vitality Nutritionals
ZenRylax
60 capsule
(8)
34,99 €

Disponibile


Ashwagandha - la regina dell'ayurveda

Che cos'è l'ashwagandha?

L'ashwagandha (withania somnifera) è una pianta medicinale dell'ayurveda, la medicina indiana. L'ashwagandha è anche conosciuta come bacca dormiente, ginsengindiano o ciliegia invernale. È una pianta della famiglia delle solanacee.[1] [2] 

L'ashwagandha è anche chiamato 'ginseng indiano', che in India è usato nello stesso modo in cui il ginseng è usato nella medicina tradizionale cinese per trattare una vasta gamma di disturbi negli esseri umani.

In Ayurveda, l'ashwagandha è considerato un'erba 'rasayana', un rimedio che funziona in modo non specifico e completo per promuovere la salutee la longevità.[3] 

È considerato anche un 'adattogeno', un rimedio naturale che, compensando gli squilibri del sistema ormonale e immunitario, normalizza le funzioni fisiologiche causate dallo stress cronico.

Sebbene sia stato usato in India per secoli come rimedio ad ampio spettro e sia considerato il re dell'ayurveda, l'ashwagandha è intensamente studiato in laboratorio solo da alcuni decenni.[4] 

Effetti dell'ashwagandha

Se vuoi aumentare la tua energia, sembrare più giovane e rimanere in salute, allora l'ashwagandha potrebbe essere la pianta curativa che stai cercando. Come vedrai presto, i benefici per la salute dell'ashwagandha sono impressionanti.

L'ashwagandha è una pianta medicinale adattogena popolare nella medicina ayurvedica che ha mostrato ottimi risultati nell'abbassamento del livello di grassi nel sangue e nel ripristino dell'equilibrio nei problemi ormonali della tiroide.

In India, l'ashwagandha è anche usata per rafforzare il sistema immunitario.

L'ashwagandha è anche chiamato ginseng indiano per le sue proprietà capaci di aumentare la resistenza e di ridurre lo stress in modo molto efficace.

Ci sono più di 200 studi sugli effetti dell'ashwagandha per:

  • migliorare dei disturbi tiroidei
  • trattare della stanchezza ormonale
  • alleviare l'ansia e il malumore
  • combattere i sintomi dello stress
  • aumentare la resistenza
  • prevenire e trattare le alterazioni dei tessuti
  • ridurre le alterazioni non fisiologiche delle cellule nel cervello
  • stabilizzare la glicemia
  • ridurre il livello di colesterolo
  • promuovere il sistema immunitario

Qui parleremo dei benefici dell'ashwagandha in termini di guarigione della tiroide e delle ghiandole surrenali, di miglioramento dell'umore e dei livelli di energia, di prevenzione del cancro e di promozione della salute del cervello.

L'ashwagandha e la tiroide

L'ashwagandha è ideale per migliorare la salute della tiroide. Gli scienziati non sanno esattamente come funzionano gli adattogeni, ma sappiamo che possono essere estremamente efficaci per ristabilire l'equilibrio ormonale.

Uno degli aspetti più incredibili di una pianta medicinale adattogena come l'ashwagandha è che può aiutare le persone con una ghiandola tiroidea sbilanciata. È stato anche dimostrato che aiuta le persone con un'infiammazione tiroidea la cui ghiandola tiroidea non è più completamente attiva, così come chi ne ha invece una iperattiva.

Le erbe adattogene lavorano con il corpo per ripristinare l'equilibrio, sia che i livelli siano bassi o alti.

Studi sugli animali hanno dimostrato che l'ashwagandha ripristina l'equilibrio degli ormoni tiroidei. In uno studio di 20 giorni, l'ashwagandha è stata somministrata ai topi e sono stati analizzati sia i loro livelli di T3 e T4 sia la loro perossidazione lipidica (protezione attraverso gli antiossidanti). Sono stati riscontrati aumenti significativi del siero T4, suggerendo che questa erba può aiutare a ridurre la funzione tiroidea.

L'ashwagandha potrebbe anche migliorare la funzione tiroidea, in quanto riduce notevolmente la perossidazione dei lipidi eliminando i radicali liberi che causano danni alle cellule. Questi risultati dimostrano che l'ashwagandha può essere utile nel trattamento dell'ipotiroidismo.

Attualmente ci sono milioni di persone che soffrono di problemi alla tiroide (molti non lo sanno nemmeno) e l'ashwagandha potrebbe essere la soluzione che stanno cercando.

L'ashwagandha e la rivitalizzazione della ghiandola surrenale

L'ashwagandha ha anche dimostrato di essere efficace nella funzionalità della ghiandola surrenale, aiutando in caso di affaticamento surrenale e stress cronico.

Le ghiandole surrenali sono ghiandole endocrine responsabili del rilascio di ormoni (cortisolo e adrenalina) in risposta allo stress dell'organismo.

Se le ghiandole surrenali sono sovrautilizzate a causa di un eccessivo stress emotivo, fisico e mentale, questo può portare ad uno stato di indebolimento dei reni. Come si può vedere nella tabella sottostante, l'affaticamento della ghiandola surrenale può anche influenzare gli altri ormoni, tra cui il progesterone, il che può portare a problemi di fertilità e a bassi livelli di DHEA, che a loro volta possono accelerare il processo di invecchiamento.

Studi medici hanno dimostrato che l'ashwagandha migliora i livelli di cortisolo, aumenta la sensibilità all'insulina e fornisce naturalmente l'equilibrio ormonale. Uno studio ha riportato il caso di una donna di 57 anni con alterazioni atipiche nel tessuto renale. Dopo esser stata trattata con l'ashwagandha per sei mesi, ha mostrato miglioramenti in quattro marcatori ormonali surrenali tra cui il corticosterone e l'11-deossicortisolo, con diminuzioni rispettivamente del 69% e del 55% - un miglioramento significativo! Questo miglioramento ormonale è stato accompagnato da una notevole riduzione della perdita di capelli.

L'ashwagandha è un antiossidante

L'ashwagandha (glycowithanolides) è un efficace antiossidante. Nei ratti ripara i danni ossidativi causati dalla streptozotocina.[5] 

L'effetto chemioprotettivo dell'ashwagandha potrebbe essere dovuto alle sue proprietà antiossidanti e disintossicanti.[6] 

L'ashwagandha svolge un ruolo antiossidante per alleviare i problemi renali causati dallo stress ossidativo.[7] 

Se assunto una volta al giorno per 21 giorni, l'ashwagandha ha causato un aumento della superossido dismutasi (SOD), della catalasi e della glutatione perossidasi nei ratti.[8] 

L'ashwagandha è antinfiammatorio

È stato dimostrato che l'ashwagandha stimola l'attività del sistema immunitario e aumenta l'attività cellulare delle cellule killer naturali nei topi.[9] 

L'estratto di ashwagandha ha favorito la proliferazione di linfociti, cellule del midollo osseo e cellule del timo nei topi.[9] 

L'ashwagandha ha aumentato le citochine Th1 e la popolazione delle cellule T, legata allo stress, è diminuita nei topi sottoposti a stress cronico.[10] 

L'ashwagandha ha soppresso le cellule soppressori mieloidi (MDSC) e i macrofagi associati al tumore (TAM). [11] 

L'estratto di ashwagandha ha causato un aumento dell'attività dei macrofagi.[9] 

Ashwagandha per l'ansia e lo stress

Ci sono ora chiare prove che l'ashwagandha possa aiutare nel trattamento dell'ansia e degli sbalzi d'umore. Uno studio ha anche dimostrato che l'effetto era paragonabile ai comuni farmaci farmaceutici Lorazepam e Imipramina, ma senza i loro effetti collaterali.[12]

In uno studio di controllo di 12 settimane, a 87 partecipanti con stati d'ansia sono stati somministrati due volte al giorno 300 mg di estratto di ashwagandha o due compresse placebo. Il gruppo di trattamento con l'ashwagandha ha mostrato miglioramenti significativamente maggiori nell'ansia ma anche nella concentrazione e nei livelli di stress e fatica rispetto al gruppo placebo.

Un altro grande vantaggio dell'ashwagandha è l'assenza di reazioni indesiderate durante l'assunzione rispetto agli antidepressivi e ai farmaci ansiolitici, che possono avere gravi effetti collaterali.

L'ashwagandha è specificamente usato come tonico per calmare e rafforzare i nervi.

L'effetto dell'ashwagandha sugli esseri umani

L'estratto di ashwagandha potrebbe essere utile nel trattamento psichiatrico dell'ansia. [13] 

L'estratto di ashwagandha altamente concentrato aumenta in modo sicuro ed efficace la resistenza allo stress, migliorando così l'autovalutazione della qualità della vita degli individui.[14] 

L'ashwagandha ha causato una significativa diminuzione dei livelli di cortisolo e una riduzione dello stress rispetto a un placebo.[14] Il cortisolo, l'ormone dello stress del corpo, contribuisce alla perdita e alla debolezza muscolare, alle rughe e ai disturbi cognitivi.

L'estratto di ashwagandha migliora la memoria di lavoro audio-verbale nelle persone con comportamento bipolare.[15] 

L'effetto dell'ashwagandha sugli animali

L'ashwagandha è uno stabilizzatore dell'umore per l'ansia e gli sbalzi d'umore e per il comportamento dei ratti causato dall'isolamento sociale. [16] [17] 

L'estratto di ashwagandha ha avuto successo nel trattamento dei disturbi comportamentali (OCD) nei topi.[18] 

L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace nei topi nel trattamento dei problemi legati al sonno e allo stress ossidativo ad essi associato.[19] 

L'ashwagandha ha avuto un significativo effetto di riduzione dello stress negli esperimenti con i ratti e gli animali trattati hanno mostrato una migliore tolleranza allo stress.[20] 

L'estratto di ashwagandha ha ridotto le modificazioni allo stomaco croniche e legate allo stress più efficacemente rispetto alla ranitidina, all'aumento del desiderio sessuale e ai danni cognitivi (esperimenti sui ratti).[21] 

L'ashwagandha ha raddoppiato le prestazioni natatorie nei ratti e ha impedito la diminuzione del cortisolo surrenale e acido ascorbico (durante lo stress del nuoto).

Meccanismo

L'ashwagandha ha un effetto GABA-mimetico.[13] 

L'ashwagandha ha un effetto di induzione del sonno attraverso un meccanismo simile alla GABA.[22] 

L'ashwagandha supporta le funzioni cerebrali

L'ashwagandha appartiene ad un sottogruppo dei 'rasayanas' (o elisir) conosciuti come 'medhya-rasayanas' (medhya si riferisce alla capacità mentale e intellettuale).[23] 

L'ashwagandha ha un effetto sulle capacità cognitive. È utile per i bambini con problemi di memoria e previene la perdita di memoria negli anziani.[12] 

Il rilassamento, causato dagli effetti antistress dell'ashwagandha, migliora anche la memoria visiva a lungo termine.[24] 

L'ashwagandha combatte gli agenti patogeni

L'ashwagandha (glicoproteina di withania somnifera) si è dimostrata efficace contro la maggior parte dei funghi e batteri fitopatogeni testati.[25] 

  • Antimicotico

  • L'ashwagandha ha inibito la crescita dei funghi sopprimendo la formazione di spore e la crescita delle ife. [25] L'ashwagandha ha mostrato un'efficace attività antimicotica con l'aspergillus flavus, il fusarium oxysporum e il fusarium verticilloides.
  • Antibatterico

  • L'ashwagandha è spesso utilizzato per il trattamento dei disturbi polmonari.[26]

    L'ashwagandha è spesso utilizzato per il trattamento dei disturbi polmonari.[25]

    L'ashwagandha ha combattuto lo staphylococcus aureus (SA) e lo staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA).[27] 

    L'estratto di ashwagandha ha inibito la crescita della neisseria gonorrea gram-negativa.[28] 

    L'assunzione orale di estratto di ashwagandha ha curato con successo le infezioni da salmonella nei topi.[29] 

  • Virostatico

  • L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace nei pazienti con malattia epatica virale acuta.[30]

    L'ashwagandha si è dimostrato efficace nelle colture cellulari del virus dell'herpes simplex tipo 1 (HSV-1).[31] 

    L'estratto di ashwagandha ha mostrato proprietà antivirali in colture cellulari di borsite infettiva.[32] 

    L'ashwagandha potrebbe aiutare ad alleviare i disturbi neurocognitivi associati all'HIV-1.[33] 

  • Antiparassitario

  • L'ashwagandha aiuta nel trattamento della leishmaniosi.[34]

    L'estratto di ashwagandha è usato per trattare la malaria.[35] 

    L'ashwagandha ha mostrato un effetto antiparassitario nei roditori affetti da malaria. [36] 

Ashwagandha e alterazioni cellulari maligne

Gli studi hanno dimostrato che l'estratto di ashwagandha ha effetti promettenti nella prevenzione e nel trattamento del cancro. In alcuni studi, gli scienziati hanno scoperto che l'estratto di ashwagandha ha un effetto di inibizione tumorale estremamente efficace.[23] 

L'estratto aiuta a sopprimere la diffusione delle cellule tumorali, in particolare delle cellule tumorali del seno, dei polmoni, dello stomaco e del colon, che sono tra i tipi di cancro più comuni in tutto il mondo.

Si ritiene che l'ashwagandha prevenga la crescita delle cellule tumorali, soprattutto grazie alla sua capacità di potenziare il sistema immunitario e alle sue proprietà antiossidanti. Gli integratori contenenti ashwagandha sono correlati ad un aumento dei globuli bianchi, segno che il sistema immunitario è in grado di proteggere meglio l'organismo dalle malattie e dalle influenze dannose.[37] 

Un altro modo per prevenire il cancro attraverso l'ashwagandha è quello di impedire che i vasi sanguigni intorno alle cellule tumorali sostengano la crescita dei tumori.

Oltre alla sua capacità di inibire la crescita delle cellule tumorali, gli studi hanno dimostrato che l'ashwagandha in combinazione con la chemioterapia può essere molto utile nel trattamento di un tumore preesistente.

L'assunzione dell'estratto sembra garantire che il sistema immunitario non venga soppresso a causa della chemioterapia. L'ashwagandha può contrastare uno dei maggiori problemi della chemioterapia, la diminuzione dei globuli bianchi, che porta ad un rischio molto più elevato di infezione nei pazienti affetti da cancro.

Molti esperti di cancro ora raccomandano l'estratto di ashwagandha, sia per prevenire cambiamenti cellulari che per supportare i trattamenti convenzionali contro il cancro. Infatti, gli studi hanno dimostrato che in alcuni pazienti i sintomi sono addirittura scomparsi dopo aver ricevuto solo l'ashwagandha invece di altri trattamenti.[23] 

Effetto dell'ashwagandha contro le alterazioni cellulari

L'ashwagandha è efficace contro l'affaticamento causato da alterazioni cellulari patologiche e aiuta anche a migliorare la qualità della vita.

L'ashwagandha è un radiosensibilizzante o agente chemioterapico efficace e relativamente sicuro.

L'ashwagandha aumenta il numero di globuli bianchi (WBC) e la loro funzione, che si riduce nel trattamento chemioterapico del cancro.

L'ashwagandha ha causato un aumento del numero dei globuli bianchi (WBC) di neutropenia indotta da paclitaxel (concentrazione anormalmente bassa di neutrofili) durante la chemioterapia.

  • Tumori della ghiandola mammaria

  • L'ashwagandha (withaferin A) ha inibito la crescita e la migrazione cellulare delle cellule tumorali del seno.

    L'estratto di ashwagandha ha ridotto significativamente il numero di divisioni cellulari nel cancro al seno.

    L'ashwagandha (withaferin A) ha inibito l'attivazione dello STAT3 nelle cellule tumorali del seno.

  • Alterazioni tissutali nell'intestino

  • L'ashwagandha (withaferin A) è efficace in caso di cambiamenti cellulari nell'area intestinale (sopprime il Notch-1).

    L'estratto di alcool dalle foglie di ashwagandha ha mostrato un'inibizione del 98% della crescita delle cellule intestinali alterate.

  • Alterazioni dei tessuti nel cervello

  • Le foglie di ashwagandha (withaferin A, withanon, withanolide A) inibiscono la crescita e la differenziazione delle cellule cerebrali e aiutano a trattare i cambiamenti tissutali.

    L'ashwagandha ha un effetto anti-cancro sulle cellule del neuroblastoma (IMR-32).

  • Alterazioni cellulari nello stomaco

  • La radice di ashwagandha (conanolide solfoxide) impedisce la crescita delle cellule che possono essere responsabili dei cambiamenti dei tessuti nello stomaco negli esseri umani.
  • Alterazioni della prostata

  • L'ashwagandha ha un effetto inibitorio sulle alterazioni tissutali della prostata.

    L'ashwagandha (withaferin A) sopprime i proteasomi tumorali nelle colture di cellule tumorali della prostata umana.

  • Alterazioni polmonari

  • L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace contro le alterazioni del tessuto polmonare nei topi indotte dall'uretano.

    L'ashwagandha (withaferin A) ha impedito la crescita e l'attività citotossica nelle linee cellulari umane che possono causare cambiamenti del tessuto nel polmone (NCI-H460).

  • Alterazioni nel tessuto renale

  • L'ashwagandha (withaferin A) ha impedito la crescita delle cellule umane, che può essere la causa di cambiamenti nel tessuto renale.
  • Alterazioni nella crescita delle cellule della pelle

  • L'ashwagandha ha causato la morte cellulare delle cellule melanomeriche negli esseri umani (attraverso la formazione di ROS).

    L'ashwagandha è stata efficace nel trattamento dei cambiamenti cellulari nella testa e nel collo.

    Un trattamento a lungo termine con l'ashwagandha ha portato a una diminuzione delle alterazioni della pelle sotto controllo.

    L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace nel prevenire le alterazioni delle cellule della pelle negli animali esposti alle radiazioni UVB.

    L'ashwagandha (withaferin A) ha impedito l'attivazione dei geni associati alle alterazioni della pelle.

  • Cancro al pancreas

  • L'ashwagandha (withaferin A) ha mostrato un effetto inibitorio sulle alterazioni delle cellule pancreatiche.
  • Alterazioni cellulari alla cervice

  • L'ashwagandha (withaferin A) è efficace nel trattamento e nella prevenzione dei problemi cervicali.
  • L'ashwagandha può proteggere il sistema nervoso

  • L'ashwagandha (metaboliti dei componenti) promuove la crescita dei nervi quando viene assunto per almeno sette giorni.

    L'ashwagandha promuove la formazione dei dendriti.

    L'ashwagandha è efficace anche nella coordinazione neuromuscolare.

    L'ashwagandha svolge un potenziale ruolo neuroprotettivo nello stress acuto nei ratti.

    La radice dell'ashwagandha potrebbe aiutare in caso di disturbi del movimento.

    L'ashwagandha ha causato l'espansione dei neuriti nelle cellule nervose corticali normali e danneggiate.

    L'ashwagandha è stato efficace per trattare la perdita di memoria indotta da scopolamina negli esperimenti con i topi e con le colture di cellule cerebrali.

    L'ashwagandha si è dimostrato utile per i disturbi associati alla perdita delle capacità cognitive.

    L'ashwagandha si è dimostrato utile per i disturbi associati alla perdita delle capacità cognitive.

L'ashwagandha e i disturbi neurodegenerativi

L'ashwagandha ha invertito deficit comportamentali ed effetti collaterali osservati in esperimenti sui problemi neurodegenerativi.

L'ashwagandha (withanoside IV) potrebbe, se assunto per via orale, ridurre le disfunzioni neuronali.

L'ashwagandha e le alterazioni nervose

L'ashwagandha migliora le catecolamine, il danno ossidativo e le anomalie fisiologiche osservate negli studi sui disturbi delle alterazioni cerebrali nei topi.

L'estratto di ashwagandha ha causato un miglioramento del comportamento e delle malformazioni anatomiche e biochimiche dei topi con alterazioni cerebrali associate a disturbi del movimento.

L'ashwagandha e le alterazioni cerebrali ereditarie

L'ashwagandha ha mostrato un effetto neuroprotettivo in caso di disfunzioni biochimiche e mitocondriali in un esperimento animale sulle alterazioni ereditarie nel cervello.

L'ashwagandha e problemi comportamentali

L'ashwagandha è efficace nelle persone con gravi problemi comportamentali.

Bambini con problemi di salute

Una preparazione a base di erbe combinata con ashwagandha può portare attenzione e controllo nei bambini. L'effetto della pura ashwagandha non è ancora chiaro.

L'ashwagandha promuove la salute del cuore

È stato dimostrato che i componenti dell'ashwagandha hanno un effetto benefico 'rinforzante' sul cuore.

Inoltre, secondo gli studi, il trattamento con l'ashwagandha aumenta la frequenza cardiaca e favorisce la contrattilità e il rilassamento.

L'ashwagandha abbassa la pressione sanguigna (bloccando automaticamente i gangli).

L'ashwagandha è molto efficace nell'abbassare i livelli di colesterolo e prevenire l'indurimento delle arterie.

La polvere di ashwagandha porta ad una significativa diminuzione dei trigliceridi (dal 31,25% al 44,85%) se assunto da 0,75 a 1,5 grammi al giorno nei ratti ad alto contenuto di colesterolo.

È stato dimostrato in vari esperimenti che l'ashwagandha protegge il cuore dallo stress e dai danni.

  • L'ashwagandha ha migliorato la resistenza cardiorespiratoria negli atleti di alto livello.
  • L'ashwagandha ha protetto contro i danni ossidativi da attacchi di cuore indotti da isoprotenalina (ISO) nei ratti.
  • L'estratto di ashwagandha protegge il cuore dalla tossicità causata dalla doxorubicina.
  • L'ashwagandha mostra un effetto protettivo sui problemi vascolari nei ratti.
  • L'ashwagandha ha dimostrato di avere un effetto protettivo sulle alterazioni cardiovascolari indotte dall'isoproteninina nei ratti.
  • La massima efficacia è stata dimostrata nel ripristino funzionale del cuore dei ratti, con una dose di 50 mg/kg.
  • Gli integratori dell'ashwagandha contenenti latte sono consigliati nel trattamento dei disturbi cardiovascolari legati allo stress.

L'ashwagandha è un antidiabetico

L'ashwagandha migliora i livelli di glucosio nel sangue e nelle urine, la glicoemoglobina (HbA1C) e gli enzimi epatici nei ratti con un ridotto utilizzo di zucchero.

La radice dell'ashwagandha può causare un basso livello di zucchero nel sangue nelle persone con problemi di metabolismo dello zucchero.

L'ashwagandha, insieme all'estratto di 'shilajit', riduce significativamente i sintomi associati ai problemi di utilizzo dello zucchero, i livelli medi di zucchero nel sangue durante il digiuno e i livelli di colesterolo.

L'ashwagandha abbassa i livelli di zucchero nel sangue nei ratti con diabete di tipo II, previene i livelli eccessivi di insulina e migliora la tolleranza al glucosio.

L'ashwagandha ha migliorato la disfunzione testicolare indotta dal diabete nei ratti in età prepuberale.

L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace nel neutralizzare i radicali liberi e migliorare lo stato antiossidante dei ratti con metabolismo degli zuccheri alterato.

La withaferin A è in parte responsabile di questi effetti.

L'ashwagandha riduce il dolore e abbassa la temperatura corporea

L'ashwagandha è un antidolorifico con un effetto calmante sul sistema nervoso durante le reazioni al dolore.

L'ashwagandha (1000 mg/kg per via orale) ha prodotto un significativo sollievo dal dolore in un test in cui dei ratti sono stati posti su una piastra calda.

L'ashwagandha riduce anche la febbre.

L'ashwagandha per le donne

L'ashwagandha allevia i sintomi delle fluttuazioni ormonali. Stimola le ghiandole ormonali e supporta la regolazione della secrezione ormonale durante le fasi di maggiore cambiamento ormonale.

L'ashwagandha è anche efficace nel ridurre sintomi come vampate di calore, sbalzi d'umore e ansia.

L'estratto di ashwagandha stimola l'attività della ghiandola tiroidea e promuove l'antiperossidazione del tessuto epatico.

L'ashwagandha rilassa la psiche, allevia l'ansia e quindi stabilizza l'umore in pazienti con disturbi comportamentali, compresi gli sbalzi d'umore causati dagli ormoni.

Dolori femminili

L'ashwagandha era uno dei componenti di un preparato ayurvedico multierbe chiamato 'testo' (ad una concentrazione di 25 mg), ed ha fornito un significativo sollievo nelle pazienti con disturbi degli organi sessuali.

Alterazioni ormonali

L'ashwagandha può essere utilizzato come trattamento dell'amenorrea.

Controllo delle alterazioni del tessuto nel corpo femminile

Il trattamento a lungo termine con l'ashwagandha regola le crescite benigne che si sviluppano sulle pareti muscolari dell'utero.

L'ashwagandha aumenta le possibilità di rimanere incinta

L'ashwagandha è stato usato per trattare i disturbi della fertilità nei topi maschi.

L'ashwagandha può aiutare a ripristinare l'equilibrio ormonale e ad aumentare la fertilità rilassando e alleviando lo stress.

L'ashwagandha aumenta il livello ormonale della lutropina (LH) a livelli normali negli uomini sterili.

In individui sterili, i livelli di testosterone (T) vengono aumentati dopo il trattamento con l'ashwagandha.

L'ashwagandha migliora la funzione della ghiandola tiroidea, responsabile della regolazione degli ormoni riproduttivi.

L'ashwagandha è efficace nel trattamento degli uomini con problemi ormonali delle gonadi.

L'ashwagandha è anche efficace nel ripristinare la fertilità maschile, in quanto migliora la qualità dello sperma e gli ormoni sessuali negli uomini.

L'assunzione per 60 giorni di ashwagandha (withania somnifera) ha migliorato significativamente il peso dei testicoli e degli organi sessuali aggiuntivi nei ratti maschi.

L'ashwagandha è efficace nel ripristinare lo sperma nei topi.

L'ashwagandha ha dimostrato di combattere la formazione di ROS (specie reattive dell'ossigeno) negli uomini sterili.

L'estratto di ashwagandha è stato efficace nel migliorare le prestazioni sessuali dei ratti maschi.

L'ashwagandha è (grazie alle sue proprietà medicinali a base di erbe) uno dei migliori antidoti per la tossicità riproduttiva indotta dall'arsenico nei ratti maschi.

L'ashwagandha è efficace anche contro i metaboliti dello sperma negli uomini sterili.

Tuttavia, l'ashwagandha non ha mostrato alcun miglioramento negli uomini con disfunzione erettile a causa psicologica.

L'ashwagandha nell'infertilità maschile

L'ashwagandha (withania somnifera dunal) è tradizionalmente usato nella medicina ayurvedica come afrodisiaco per trattare le disfunzioni sessuali maschili e l'infertilità.

Gli studi sostengono l'ipotesi che aumenti i livelli di testosterone negli esseri umani. I test hanno inoltre dimostrato che l'ashwagandha può indurre la spermatogenesi nei ratti.

Uomini e donne soffrono in egual misura del peso della sterilità umana, anche se l'eziologia è sconosciuta in circa la metà degli uomini sterili. Tuttavia, la causa principale della riduzione della fertilità è l'oligospermia.1

Inoltre, molti uomini con disfunzioni sessuali si sottopongono a terapie alternative, creando la necessità di composti sicuri ed efficaci. L'uso dell'ashwagandha, con i suoi effetti positivi sullo stress e sulla salute mentale, oltre a influenzare alcuni problemi di base dell'infertilità maschile, potrebbe avere effetti benefici significativi sulle coppie che affrontano l'infertilità.

In uno studio pilota di 90 giorni condotto nei centri di sterilità di Mumbai, India, hanno partecipato 46 uomini di età compresa tra i 22 e i 40 anni che soffrivano di oligospermia (con un numero di spermatozoi maggiore di 20 milioni per ml di liquido seminale).

Tutti gli uomini avevano una storia di rapporti sessuali regolari con un partner sano che non soffriva di infertilità. Gli uomini sono stati assegnati a caso al trattamento con l'intera gamma di estratto di ashwagandha e hanno ricevuto 225 mg per dose tre volte al giorno, mentre il gruppo di controllo ha ricevuto capsule placebo tre volte al giorno. Al termine del trattamento sono stati misurati i parametri dello sperma e i livelli di ormoni sierici.

Alla fine dei 90 giorni di trattamento, negli uomini che avevano ricevuto l'ashwagandha è stato rilevato quanto segue:

  • aumento del 167% del numero di spermatozoi
  • aumento del 53% della quantità di sperma
  • aumento del 57% della motilità dello sperma
  • aumento del 17% dei livelli di testosterone nel siero

Tutti i miglioramenti sono stati statisticamente significativi rispetto al miglioramento minimo di tutti i valori del gruppo placebo. Quasi il 70% del gruppo dell'ashwagandha ha descritto la terapia come 'eccellente' rispetto al 12% del gruppo placebo.

Gli scienziati sono giunti alla seguente conclusione: 'I risultati dello studio attuale forniscono la prova della sicurezza, dell'efficacia e della tollerabilità del trattamento con l'estratto di ashwagandha'.

L'ashwagandha riduce le malattie del sistema immunitario

La polvere di ashwagandha ha un effetto preventivo sui topi con lupus eritematoso sistemico (LES).

La polvere di ashwagandha riduce l'infiammazione del lupus eritematoso sistemico indotto dal pristano.

L'ashwagandha promuove la salute delle ossa

L'ashwagandha stimola la formazione delle ossa ed è anche un mezzo per la formazione delle ossa.

L'ashwagandha integra il miglioramento della ritenzione di calcio e della calcificazione ossea.

L'ashwagandha ha avuto un effetto positivo sui livelli di tibiacalcio e fosforo nelle galline ovaiole, senza mostrare effetti negativi.

Le foglie di ashwagandha impediscono la perdita ossea nei topi (sia inibendo il riassorbimento che stimolando la formazione di nuove ossa prima dell'insorgenza dell'osteoporosi).

L'estratto di ashwagandha ha avuto un effetto protettivo nell'artrite indotta da adiuvanti nei ratti.

L'ashwagandha ha migliorato la calcificazione ossea nei ratti con carenza di calcio senza ovaie.

L'ashwagandha ha soppresso l'artrite gottosa nei ratti.

L'estratto della radice dell'ashwagandha ha effetti protettori sulle ossa nell'osteoartrite.

Effetti ormonali dell'ashwagandha

  • Testosterone

  • I livelli di testosterone (T) negli individui sterili sono aumentati dopo il trattamento con l'ashwagandha.
  • Estrogeno

  • L'ashwagandha agisce come un anti-estrogeno nelle cellule tumorali del seno, ma questo non è necessariamente il caso delle cellule normali.
  • Ormone luteinizzante

  • L'ashwagandha ha causato negli uomini sterili l'aumento dell'ormone luteinizzante (LH) a livelli normali.
  • Ormone follicolo-stimolante

  • I livelli di ormone follicolo stimolante (FSH) negli uomini sterili sono aumentati dopo il trattamento con l'ashwagandha.
  • Ormone tiroideo

  • L'ashwagandha stimola la funzione dell'ormone tiroideo nei topi femmina.

    L'ashwagandha può solo aumentare la concentrazione di T4 (tiroxina) nei topi femmina.

    L'estratto di ashwagandha ha stimolato l'attività della ghiandola tiroidea nei topi maschi adulti.

    L'ashwagandha ha migliorato l'ipotiroidismo indotto dalla metformina nei topi con diabete di tipo II.

    L'ashwagandha è un trattamento efficace per l'ipotiroidismo se assunto per 20 giorni.

    L'ashwagandha impedisce anche il gozzo (ghiandola tiroidea allargata).

L'ashwagandha protegge il fegato

L'ashwagandha aumenta significativamente il contenuto di acido biliare del fegato nei ratti con livelli elevati di colesterolo.

L'ashwagandha ha abbassato gli enzimi epatici nel metabolismo (glucosio-6-fosfatasi), glicogeno e li ha riportati a livelli normali nei ratti con diabete indotti dall'allossana.

L'ashwagandha previene nei ratti i disturbi della tossicità epatica indotti dalle radiazioni ionizzanti.

L'ashwagandha protegge il fegato dei ratti dai metalli pesanti.

L'ashwagandha è salutare per l'intestino

I trattamenti con estratto di ashwagandha sono prescritti in caso di ulcere intestinali, intestino irritabile e sanguinamento rettale.

L'estratto delle radici dell'ashwagandha ripristina la mucosa nei ratti con malattia infiammatoria intestinale (IBD).

L'ashwagandha previene la stitichezza.

L'ashwagandha viene utilizzato nella prevenzione e nel trattamento delle emorroidi (vene gonfie intorno all'ano o al retto).

L'ashwagandha protegge le cellule pancreatiche

L'ashwagandha (withaferin A) potrebbe essere usato come trattamento di supporto per migliorare l'esito del trapianto di pancreas.

L'ashwagandha protegge dai danni alle cellule del pancreas nei ratti con diabete di tipo II.

L'ashwagandha protegge i reni

L'estratto di ashwagandha protegge i reni dalla tossicità indotta dalla gentamicina.

L'ashwagandha ha curato efficacemente i globuli renali nei danni indotti dal carbendazim.

L'ashwagandha previene le malattie respiratorie

I polisaccaridi purificati dell'ashwagandha hanno avuto un effetto antitosse sulle cavie.

Due cucchiaini di ashwagandha tre volte al giorno assicurano un rapido recupero dalla bronchite.

L'ashwagandha per la pelle

L'ashwagandha (una pasta a base di foglie cotte) è spesso usata per curare ferite, scabbia, tigna, leucoderma, lebbra e acne.

L'ashwagandha (withaferin A) previene le macchie bianche della pelle (evitando il rischio di ipopigmentazione della pelle).

L'estratto di ashwagandha ha causato uno scurimento della pelle nei melanofori della lucertola muraiola.

L'ashwagandha può ridurre la dipendenza da morfina

L'ashwagandha può aiutare a ridurre la dipendenza da morfina.

L'ashwagandha ha soppresso i sintomi di astinenza della morfina - un segno dello sviluppo della dipendenza da morfina.

L'ashwagandha nelle malattie genetiche

L'ashwagandha si è dimostrato efficace nel trattamento della malattia genetica 'sindrome adrogenitale' (crescita eccessiva della ghiandola surrenale) in una donna di 57 anni.

L'ashwagandha è anche efficace nel trattamento dei sintomi della sindrome di Down.

L'ashwagandha supporta la crescita muscolare

Nei ratti trattati con l'ashwagandha è stato osservato un significativo aumento del peso corporeo rispetto al gruppo di controllo.

Gli integratori di ashwagandha hanno causato un significativo aumento della massa muscolare e della forza nei giovani uomini e potrebbero essere utili in combinazione con l'allenamento di resistenza.

L'ashwagandha è stata efficace nel trattamento dei pazienti affetti da sarcopenia (perdita di massa muscolare e di forza dovuta al processo di invecchiamento).

L'ashwagandha sembra essere privo di rischi e rafforza l'attività muscolare.

L'ashwagandha per la longevità

Gli estratti di foglie di ashwagandha (i-extract) hanno proprietà anti-invecchiamento.

Si dice che abbiano anche forti proprietà afrodisiache e ringiovanenti e prolunghino la vita.

L'ashwagandha previene le convulsioni

L'ashwagandha è stato usato per secoli per curare le crisi epilettiche.

L'ashwagandha ha soppresso le convulsioni indotte dal PTZ (pentetrazolo) negli animali durante il prelievo di etanolo.

L'ashwagandha è anche un componente dei granuli di 'siotone', che forniscono una protezione significativa contro le convulsioni causate da pentetrazolo, gravi scosse elettriche e stricnina.

L'ashwagandha riduce le cataratte legate all'età

L'ashwagandha può rallentare la formazione di cataratte nelle cellule.

L'estratto vegetale dell'ashwagandha previene anche le 'cataratte diabetiche' causate da livelli di zucchero nel sangue cronicamente elevati.

L'ashwagandha offre una protezione ottimale contro i danni ossidativi alle lenti indotte dal selenito.

L'ashwagandha è spesso usato per trattare la congiuntivite.

L'ashwagandha protegge dalle tossine industriali

L'estratto di foglie di ashwagandha protegge le normali cellule umane dalla tossicità dell'acido metossiacetico (un metabolita industriale essenziale).

L'ashwagandha ha dimostrato di essere efficace anche contro i fumi del diesel, i metalli pesanti e i pesticidi che danneggiano i vari sistemi organici del corpo.

L'effetto dell'ashwagandha sulle cellule del sangue

L'ashwagandha (withaferin A) scatena una morte suicida delle cellule sanguigne.

L'ashwagandha (le foglie) ha curato con successo l'anemia, una malattia molto diffusa tra le donne indiane nelle zone rurali.

L'ashwagandha ha anche il potenziale per moltiplicare i globuli rossi.

L'estratto di ashwagandha ha dimostrato di aumentare il numero di globuli bianchi. L'iniezione dell'ashwagandha con il latte ha portato ad un aumento del numero dei globuli bianchi negli animali con livelli bassi.

L'ashwagandha è un antiveleno efficace

L'applicazione esterna dell'estratto vegetale agisce come antidoto ai morsi di serpente nelle zone rurali dell'India.

Una glicoproteina purificata dell'ashwagandha ha inibito la ialuronidasi delle tossine del cobra (naja naja) e della vipera (daboi russelii).

La radice dell'ashwagandha in combinazione con altri rimedi è prescritta contro il veleno di serpente e le punture di scorpione.

Combinazioni dell'ashwagandha

L'ashwagandha, insieme all'aloe vera, ha abbassato i livelli di zucchero nel sangue nei topi con diabete causato da streptozotocina (STZ).

L'ashwagandha agisce sinergicamente con il diazepam nei ratti per proteggerli da comportamenti indotti dall'isolamento.

L'ashwagandha lavora insieme alla vitamina D (1,25 (OH)2 D3) per promuovere la ritenzione di calcio e la calcificazione ossea.

Una combinazione di glucano ed estratti di ashwagandha derivati dal fungo maitake ha forti effetti biologici e contribuisce ad un sistema immunitario sano e alla riduzione dello stress.

L'ashwagandha in combinazione con i farmaci contro la tubercolosi e il chyawanprash (un preparato a base di erbe a base di molti ingredienti naturali) sono stati efficaci nel trattamento della tubercolosi polmonare.

Parti dell'ashwagandha

La radice dell'ashwagandha è considerata un tonico, afrodisiaco, narcotico e diuretico, ha effetti antiparassitari, astringenti, termogenici e stimolanti. È un ingrediente importante in più di 200 ricette di medicine tradizionali come ayurveda, siddha e unani.

Le foglie hanno un sapore amaro e un odore caratteristico. Sono consigliate in caso di febbre e gonfiori dolorosi.

I fiori hanno un effetto astringente, purificante, diuretico e afrodisiaco.

I semi contengono un agente antiparassitario.

L'ayurveda prescrive bacche e foglie tenere, che vengono poi applicate esternamente a tumori, ghiandole tubercolari, carbonchi e ulcere.

Altri componenti benefici sono gli steli, i frutti e la corteccia.

Componenti chimici attivi

I componenti chimici biologicamente attivi sono alcaloidi (isopelletierina, anaferina), lattoni steroidei (withanolidi, withaferine).

Altri componenti sono saponine (sitoindoside VII e VIII) e conanolidi (sitoindoside IX e X).

L'ashwagandha è anche noto per una vasta gamma di metaboliti secondari a basso peso molecolare come terpenoidi, flavonoidi, tannini, fenoli e resine.

L'estratto di foglie contiene carboidrati, zuccheri glicosidici, proteine e aminoacidi. È anche una ricca fonte di ferro.

Dosaggio e assunzione dell'ashwagandha

Una dose tipica dell'ashwagandha è di 3-6 grammi di radice secca o 300-500 mg di estratto al giorno. L'effetto migliore si ottiene con un'assunzione regolare per diversi mesi.

Inoltre, sono efficaci anche ricette in forma di infuso leggero o estratto alcolico miscelato con burro fuso, miele o olio per uso esterno.

Nei ratti che hanno ricevuto fino a 1.500 mg di estratto di ashwagandha per chilo per via orale per 6 mesi, si è dimostrato privo di rischi.

L'estratto di ashwagandha di 2.000 mg per chilo di peso corporeo assunto quotidianamente non ha mostrato effetti negativi nei ratti e può quindi essere classificato come non tossico.

Effetti collaterali dell'ashwagandha

L'ashwagandha è generalmente sicuro e non ha effetti collaterali se assunto nel dosaggio raccomandato. Elevate quantità di polvere di ashwagandha possono causare dolori addominali e diarrea.

Controindicazioni dell'ashwagandha

L'ashwagandha non deve essere assunto durante la gravidanza, poiché dosi elevate possono portare all'aborto spontaneo.

Poiché l'ashwagandha agisce come un leggero sedativo sul cervello, i pazienti dovrebbero evitare l'alcool, i sedativi e altri farmaci ansiolitici durante l'assunzione dell'ashwagandha.

Poiché l'ashwagandha può influenzare gli ormoni tiroidei, le persone con ipotiroidismo dovrebbero assumere l'ashwagandha solo sotto controllo medico, in quanto può essere necessario regolare il dosaggio del farmaco.

L'ashwagandha e il cervello

Lo stress emotivo, fisico e chimico può danneggiare il cervello e il sistema nervoso. Recenti ricerche hanno dimostrato che l'ashwagandha non è solo un rimedio per lo stress, ma protegge anche il cervello dalla degenerazione e allevia gli effetti dell'Alzheimer, della depressione e dell'ansia.

Una delle ragioni principali dell'alta efficacia dell'ashwagandha nella guarigione del cervello sono i potenti antiossidanti che distruggono i radicali liberi responsabili del processo di invecchiamento. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica 'Phytotherapy Research' spiega questi benefici:

'Diversi studi hanno dimostrato che gli antiossidanti naturali come la vitamina E, la vitamina C e il betacarotene possono aiutare a distruggere i radicali liberi e supportare in caso di insorgenza e progressione della malattia [dell'Alzheimer]. Ma abbiamo scoperto che l'effetto inibitorio della perossidazione dei lipidi era più efficace di altri antiossidanti disponibili in commercio'.

Gli scienziati del National Brain Research Centre hanno scoperto che i topi affetti da Alzheimer non riuscivano a ricordare ciò che avevano imparato, ma dopo 20 giorni di trattamento con un integratore di ashwagandha è stato osservato un miglioramento significativo. I risultati di questo studio hanno mostrato una riduzione delle placche amiloidi (che causano la degenerazione cerebrale).

L'ashwagandha per la resistenza

Gli studi hanno dimostrato che l'ashwagandha può aumentare la resistenza durante l'attività fisica, migliorando le funzioni cerebrali e riducendo il dolore fisico. Grazie all'effetto positivo, calmante e allo stesso tempo energizzante sul cervello e alla capacità di ridurre gli ormoni dello stress, gli studi hanno dimostrato un miglioramento della concentrazione, della motivazione e della resistenza durante l'assunzione di ashwagandha.

Uno studio speciale ha dimostrato che i ratti da laboratorio a cui era stato somministrato l'ashwagandha riuscivano a nuotare il doppio del tempo rispetto alla stessa specie di ratti che non aveva ricevuto un integratore.[23] Gli scienziati ritengono che effetti simili si riscontrino negli esseri umani a causa della capacità dell'estratto di bilanciare gli ormoni surrenali che giocano un ruolo importante nell'attività fisica.

L'estratto ha avuto anche un effetto antidolorifico su muscoli e articolazioni, mantenendo un livello di energia uniforme; un'altra ragione per credere che questo potrebbe essere un integratore promettente per gli atleti o per le persone che hanno problemi ad essere fisicamente attivi a causa del dolore.

L'ashwagandha promuove l'attività di telomerasi

L'ashwagandha (withania somnifera sunal) è stato usato per migliaia di anni nell'ayurveda come 'rasayana' o 'prolungamento della vita'. Gli scienziati stanno studiando i modi per prolungare una vita sana, concentrandosi su alcuni fattori fisiologici che potrebbero accelerare il processo di invecchiamento, in particolare la rottura dei telomeri.

Anche se si ritiene che l'ashwagandha possa prolungare la vita, ci sono poche prove scientifiche a sostegno di questa affermazione. L'efficacia dell'ashwagandha nel rallentare il processo di invecchiamento potrebbe essere in parte dovuta alla sua capacità di promuovere l'attività della telomerasi?

L'accorciamento dei telomeri con l'invecchiamento è ben noto, mentre la telomerasi, necessaria per mantenere la lunghezza dei telomeri attraverso la replicazione, gioca un ruolo chiave per una vita sana.1) Vari fattori, tra cui lo stress, accelerano il processo di invecchiamento accorciando i telomeri.2)

Poiché l'ashwagandha ha proprietà antistress, la sua capacità di promuovere l'attività della telomerasi suggerisce che potrebbe effettivamente agire come un 'agente che allunga la vita' sostenendo i processi fisici naturali.

Parametri dello studio:

Le cellule umane HeLa sono state conservate nel terreno di coltura DMEM e integrate con il 10% di siero fetale di vitello in un'incubatrice umidificata. Le cellule (40% - 60% di confluenza) sono state trattate con diverse concentrazioni - 10 μg, 50 μg, 100 μg, 500 μg, 5 mg – di estratto di ashwagandha. Le cellule sono state raccolte, centrifugate ed esaminate per studiare l'attività della telomerasi e analizzate usando la determinazione quantitativa dell'attività dell'enzima telomerasi basata sulla reazione a catena della polimerasi (metodo TRAP).

Risultato dello studio:

L'estratto di ashwagandha ad una concentrazione di soli 10 μg a 50 μg ha aumentato l'attività della telomerasi del 45% a 72 ore di esposizione.

Si potrebbe osservare un aumento in base alla dose dell'attività della telomerasi fino a 50 μg/ml, dopo di che l'attività ha cominciato a diminuire, poiché il preparato è una sospensione in polvere.

L'attività della telomerasi è stata più alta tra 50 ng e 5 μg di estratto totale di cellule proteiche, con 2 μg che rappresentano la concentrazione proteica ideale in questo studio.

Gli scienziati hanno concluso che 'l'estratto di ashwagandha può promuovere l'attività della telomerasi' e si propongono di analizzare l'effetto protettivo olistico in diversi stati di malattia incipiente negli adulti.

L'ashwagandha e i disturbi sessuali nelle donne

Molte donne soffrono di disfunzioni sessuali con problemi durante l'orgasmo e i rapporti sessuali. L'ashwagandha (withania somnifera) è stato tradizionalmente usato nell'ayurveda come adattogeno per proteggere il corpo dallo stress e per trattare le disfunzioni sessuali sia negli uomini che nelle donne.

L'assunzione di estratto di ashwagandha altamente concentrato può alleviare le disfunzioni sessuali femminili (FSD) riducendo lo stress o invertendo la sindrome da carenza di androgeni?

Si ritiene che fino a due terzi di tutte le donne siano affette da disfunzioni sessuali (FSD) e che siano soprattutto le donne ad avere problemi emotivi o legati allo stress a soffrirne. 1

Inoltre, si sa poco sulle cause e le opzioni di trattamento sono inadeguate, anche se un approccio multiforme sembra essere la soluzione migliore. In questo studio, l'ashwagandha, in combinazione con la terapia, ha ridotto lo stress e aumentato i livelli di testosterone, fattori che potrebbero entrambi causare la FSD. Tuttavia, gli scienziati hanno concluso che l'ashwagandha non dovrebbe essere considerato un afrodisiaco, in quanto l'integratore non ha influito sul desiderio sessuale.

Parametri dello studio:

Uno studio pilota randomizzato in doppio cieco con un gruppo di controllo placebo è stato condotto presso il 'Trupti Hospital' e il 'Santati Fertility Center', Thane in Maharashtra, India. Un totale di 50 donne di età compresa tra i 21 e i 50 anni che avevano avuto una relazione eterosessuale stabile per più di un anno e a cui era stata diagnosticata una disfunzione sessuale femminile (FDS), hanno ricevuto 300 mg di ashwagandha o un placebo due volte al giorno per otto settimane e hanno partecipato a un programma di consulenza.

La funzione sessuale è stata valutata utilizzando due scale psicometriche: il questionario del 'Female Sexual Function Index' (FSFI) e la 'Female Sexual Distress Scale' (FSDS), nonché il numero totale di rapporti sessuali e il numero di esperienze sessuali riuscite.

Risultati dello studio:

Dopo otto settimane, si è potuto osservare quanto segue nelle donne che hanno ricevuto l'ashwagandha:

  • un aumento del valore medio complessivo dello SFFI, che indica un significativo miglioramento della FSD
  • gli intervalli medi di eccitazione e lubrificazione del FSFI erano aumentati significativamente rispetto al gruppo placebo
  • un significativo miglioramento sia dell'orgasmo che della soddisfazione sessuale

Non è stata rilevata alcuna differenza nell'attività sessuale tra i due gruppi, ma dopo otto settimane è stato osservato un significativo miglioramento nei rapporti sessuali nel gruppo trattato.

Gli scienziati hanno concluso: 'l'estratto di ashwagandha potrebbe essere utile nel trattamento della FSD e l'assenza di effetti negativi indica che l'estratto può essere assunto in modo sicuro'.

L'ashwagandha per la resistenza cardiorespiratoria

L'ashwagandha è un noto adattogeno ed è apprezzato per aumentare la vitalità, l'energia e la resistenza, suggerendo che può migliorare le prestazioni fisiche. La questione è se un'alta concentrazione di estratto di ashwagandha può promuovere la resistenza cardiorespiratoria e migliorare la qualità della vita (QOL) in adulti sani e atletici.

Poiché agli adulti piace ottenere risultati migliori dall'esercizio fisico, migliorando il VO2 max (il massimo assorbimento di ossigeno del corpo che può essere utilizzato durante l'esercizio fisico), miglioreranno l'efficacia e le prestazioni muscolari.1 Inoltre, i valori della qualità della vita sono fondamentali per il fatto che l'esercizio fisico migliora sia lo stato fisico che quello mentale. 2

Le formule ayurvediche, conosciute anche come rasayana, come l'ashwagandha, sono state utilizzate come rimedio per la debolezza generale e per migliorare la vitalità e la resistenza; tuttavia, è stata necessaria una ricerca per dimostrare la loro efficacia clinica.

Lo studio ha dimostrato che l'ashwagandha aumenta sia la resistenza cardiorespiratoria che la qualità della vita in adulti sani e atletici.

Un gruppo di controllo prospettico, randomizzato, in doppio cieco e con placebo è stato condotto nelle 'Hyderabad Spine Clinics', Secunderabad, in India. Un totale di 50 adulti sani di età compresa tra i 20 e i 45 anni e con un indice di massa corporea normale (IMC) hanno ricevuto 300 mg di ashwagandha o un placebo due volte al giorno per 12 settimane.

L'efficacia è stata valutata l'ottava e la dodicesima settimana con un test Shuttle Run di 20 minuti a partire dal valore iniziale, determinando il consumo di ossigeno al picco delle prestazioni fisiche (VO2 max) e con un'autovalutazione della qualità della vita attraverso il questionario del 'World Health Organization-QOL'.

Durante e alla fine dello studio, negli adulti che hanno assunto l'ashwagandha è stato osservato quanto segue:

  • Il VO2 max era aumentato del 4,91% dopo otto settimane e del 5,67% dopo 12 settimane.
  • Anche le misurazioni della qualità della vita (QOL) sono state influenzate positivamente con un 9,46%, di miglioramento rispetto al valore di riferimento del 7,6% e un miglioramento parziale di benessere fisico rispetto al valore di riferimento.
  • Anche gli effetti ambientali sul QOL erano significativamente più elevati alla fine dello studio.
  • Non sono stati osservati cambiamenti nei parametri di base come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna o la respirazione a riposo.
  • Tutti i cambiamenti sono stati statisticamente significativi rispetto al gruppo placebo.

Gli scienziati hanno dichiarato: 'l'estratto di ashwagandha ad ampio spettro altamente concentrato migliora la resistenza di una persona allo stress e quindi contemporaneamente migliora l'autovalutazione della qualità della vita'.

Collegamento tra stress e controllo del peso

L'ashwagandha (withania somnifera dunal) ha una lunga storia di utilizzo come adattogeno e aiuta a combattere gli effetti negativi dello stress sul corpo. È stato dimostrato in studi preclinici che vari composti bioattivi nell'ashwagandha influenzano i livelli di cortisolo e hanno proprietà ansiolitiche.

Dato che gli studi precedenti hanno mostrato un'associazione tra stress, ansia e aumento di peso, si è posta la questione se l'estratto di ashwagandha possa migliorare il benessere generale e ridurre i marcatori fisiologici di stress associati all'obesità, oltre a frenare l'appetito e ridurre il comportamento alimentare sregolato legato allo stress, al fine di influenzare il peso e aumentare il benessere generale.

Un terzo di tutti gli adulti riferiscono di vivere sotto stress estremo, e quasi la metà di tutti gli adulti dice che negli ultimi anni lo stress è aumentato, secondo l'American Institute of Stress. Lo stress cronico è associato ad effetti negativi sulla salute del cuore, del cervello e del sistema immunitario e più recentemente all'aumento di peso.

Infatti, i risultati di uno studio pubblicato nel febbraio 2017 mostrano che in oltre 2.500 uomini e donne, chi aveva i livelli più alti di cortisolo, l'ormone dello stress, aveva anche una circonferenza della vita più ampia, oltre a un peso e un IMC più alti; le persone obese mostravano livelli di cortisolo particolarmente alti. 2

L'utilizzo di una soluzione naturale come l'estratto di ashwagandha per ridurre la connessione tra stress e peso controllando i livelli di cortisolo potrebbe avere un impatto significativo sui costi sanitari e sulla felicità personale.

Uno studio clinico prospettico di otto settimane presso il centro studi di Pune, India, ha esaminato 52 uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 60 anni che avevano un punteggio sulla 'Perceived Stress Scale' (PSS) superiore a 20, che indicava sintomi di stress cronico, e un Indice di Massa Corporea (IMC) tra 25 e 39,9.

Si è trattato di uno studio randomizzato in doppio cieco con un gruppo di controllo e la somministrazione di placebo. I soggetti hanno ricevuto un estratto di ashwagandha ad ampio spettro due volte al giorno con una dose di 300 mg o compresse placebo due volte al giorno.

I risultati primari sono stati misurati con il valore PSS e il 'Food Cravings Questionnaire Trait' (FCQ) e i risultati secondari sono stati collegati al peso, all'IMC, ai livelli sierici di cortisolo e alla felicità.

Al termine delle otto settimane, le persone che avevano ricevuto l'ashwagandha hanno mostrato i seguenti risultati:

  • diminuzione del 22% del livello medio di cortisolo nel siero
  • perdita di peso del 3% rispetto a solo l'1,4% del gruppo placebo

Nel risultato primario e nella misurazione del valore PSS, gli individui che hanno preso l'ashwagandha hanno mostrato una marcata riduzione del valore medio, che è sceso da 20,3 a 13,6: un miglioramento molto maggiore rispetto al gruppo placebo.

I valori medi FCQ per la pianificazione, il rinforzo positivo, il rinforzo negativo, la mancanza di controllo, l'emozione e l'ambiente erano diminuiti statisticamente in modo significativo nel gruppo dell'ashwagandha, indicando che i soggetti rifiutavano di usare il cibo come metodo di gestione dello stress.

Gli scienziati sono giunti alla seguente conclusione: 'l'estratto di ashwagandha può aiutare i pazienti sotto stress cronico a controllare il loro peso'.


Prodotti consigliati
Nuovo
Ashwagandha Royal
Ashwagandha Royal
(8)
90 capsule
19,99 €

Disponibile

ZenRylax
ZenRylax
(8)
60 capsule
34,99 €

Disponibile


I vostri vantaggi
  • SPEDIZIONE GRATUITA
    da 50€
  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI
    if unsatisfied
  • RISPARMIA FINO AL 20%
    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus
  • COMODO PAGAMENTO
    Contrassegno, Carta di credito, PayPal, Compra ora, paga dopo, Bonifico Bancario, Google Pay, Apple Pay

Tabella dei contenuti
Prodotti consigliati
Nuovo
Ashwagandha Royal
Ashwagandha Royal
(8)
Capsule di ashwagandha - alto dosaggio e alta qualità
19,99 €

Disponibile

ZenRylax
ZenRylax
(8)
Riporta la gioia nella tua vita
34,99 €

Disponibile


I vostri vantaggi
  • SPEDIZIONE GRATUITA
    da 50€
  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI
    if unsatisfied
  • RISPARMIA FINO AL 20%
    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus
  • COMODO PAGAMENTO
    Contrassegno, Carta di credito, PayPal, Compra ora, paga dopo, Bonifico Bancario, Google Pay, Apple Pay