Stitichezza

Stitichezza - quando andare in bagno diventa un problema

Nella maggior parte dei casi, la stitichezza può essere alleviata privilegiando una dieta ricca di fibre, bevendo liquidi e facendo più esercizio. L'assunzione di magnesio può stimolare la peristalsi. I semi di chia sono ricchi di fibre e sono di aiuto in caso di stitichezza.

Che sia dovuta a un cambiamento di dieta durante una vacanza, alla soppressione dello stimolo di andare in bagno o a un'infezione, quasi tutti sono colpiti dalla stitichezza nella propria vita.

Tuttavia, i medici definiscono stitichezza solo quando le feci sono molto dure e per un periodo di tempo prolungato, con l'intestino che riesce a svuotarsi solo a fatica e meno di tre volte alla settimana.

Si fa una distinzione fondamentale tra la stitichezza acuta dovuta a un cambiamento improvviso nello stile di vita e la stitichezza cronica che colpisce quasi un adulto su cinque nei paesi occidentali industrializzati.

Sono le donne a soffrirne di più e gli anziani ne sono più colpiti rispetto alla media. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la stitichezza è innocua e può essere curata con misure appropriate.

Cause: cosa causa la stitichezza?

Una delle cause più comuni della stitichezza è il rallentamento del trasporto delle feci attraverso l'intestino crasso. Questo disturbo è dovuto principalmente ad una dieta povera di fibre, ad un insufficiente apporto di liquidi e alla mancanza di esercizio fisico.

Un'altra causa della stitichezza cronica può essere l'abuso di lassativi. In questo caso, l'intestino crasso si abitua col tempo a ricevere un aiuto esterno, interrompendo sempre più frequentemente la sua normale attività. Il risultato di questa lentezza intestinale è la stitichezza, la cui soluzione viene affidata ancora ai lassativi.

Tuttavia, ci sono altre cause che possono portare alla stitichezza come, ad esempio, alcuni farmaci, emorroidi, polipi intestinali o ragadi anali.

Anche le malattie del sistema nervoso e del metabolismo come il diabete, la sclerosi multipla e l'ipotiroidismo o le malattie organiche intestinali come il cancro del colon, il morbo di Crohn e la diverticolite sono delle possibili cause.

Sintomi: come si nota la stitichezza?

I sintomi della stitichezza possono essere molto diversi, perché dipendono in gran parte dalla percezione soggettiva della persona colpita. Inizialmente, c'è di solito una sensazione di pienezza e l'addome è percepito come gonfio. Anche la sensazione generale di indisposizione con perdita di appetito è uno dei sintomi secondari della stitichezza.

Inoltre, la defecazione è difficile e spesso piccole porzioni di feci riescono ad essere espulse solo con una forte pressione, dando la sensazione di mancato completo svuotamento. Possono insorgere dolori addominali, stanchezza e altre sensazioni.

Diagnosi: come riconoscere la stitichezza?

Per giungere alla diagnosi è importante innanzitutto individuare lo stile di vita. Oltre alla dieta, ai farmaci e all'esercizio fisico, è necessario conoscere il funzionamento intestinale. Individuare la frequenza, la natura delle feci e la durata della stitichezza è fondamentale per il successo del trattamento.

Per escludere una malattia grave, oltre alla palpazione dell'addome, si possono eseguire esami del sangue e delle feci per il sangue occulto, ecografie o una colonscopia.

Terapia: come si può trattare la stitichezza?

Le misure terapeutiche per la stitichezza dipendono essenzialmente dalle cause. Se dietro la stitichezza c'è una malattia, il focus è il suo trattamento. Se, invece, la stitichezza deriva dall'assunzione di un farmaco, potrebbe essere sufficiente cambiare il preparato o il dosaggio.

Tuttavia, poiché la forma più comune di stitichezza, quella cronica, è dovuta ad una disfunzione del colon, l’obiettivo del trattamento è la normalizzazione della funzione intestinale. Inizialmente, l'attività intestinale può essere stimolata ricorrendo a misure generali come l’introduzione di alimenti ricchi di fibre nella dieta, il bere a sufficienza e l'esercizio fisico.

Quando queste misure non risultano sufficienti, è possibile ricorrere a farmaci lassativi. Si distingue tra i cosiddetti agenti riempitivi e gonfianti, lassativi osmotici e agenti che stimolano l'attività intestinale. In linea di principio, tuttavia, i lassativi non andrebbero assunti a lungo termine a causa dell'effetto di assuefazione.

Di norma, la stitichezza senza una causa organica può essere prevenuta con mezzi semplici come una dieta ricca di fibre, l'assunzione di liquidi sufficienti e l'esercizio fisico regolare.

Lassativi

In natura ci sono molte piante con un effetto lassativo come, ad esempio, le foglie di senna, il rabarbaro, il bradipo e l’aloe ma bisogna tener presente che anche i lassativi a base di erbe possono causare assuefazione.

Gli agenti gonfianti e riempitivi naturali come lo psillio, la crusca o i semi di lino, invece, sono innocui. Anche se non hanno un effetto lassativo diretto, la loro azione gonfiante aumenta il volume delle feci che stimola l'attività intestinale.

Suggerimenti: come normalizzare l'attività dell'intestino:

  • L'esercizio fisico regolare favorisce il movimento intestinale.
  • La frutta, la verdura e i prodotti integrali agiscono come agenti naturali di rigonfiamento per regolarizzare l'intestino.
  • Bere molti liquidi, specialmente acqua naturale, assicura una consistenza morbida delle feci.
  • I pasti regolari normalizzano l'attività intestinale.
  • Non sopprimere mai il bisogno di andare in bagno per mancanza di tempo o per vergogna.
Magnesio

Magnesio

Il magnesio è coinvolto nella formazione di oltre 300 enzimi vitali nel corpo. Questo dimostra quanto sia importante per le prestazioni e l'energia. Il magnesio rilassa i muscoli e previene i crampi muscolari. È un antistress naturale, regola la pressione sanguigna e previene i disturbi del ritmo cardiaco. Il magnesio è il minerale più prezioso del nostro tempo.

Maggiori informazioni su Magnesio ›

Semi di chia

Semi di chia

I semi di chia sono ricchi di acidi grassi omega 3 e omega 6, proteine, fibre, vitamine e minerali. Grazie alle loro potenti proprietàpurificano l'intestino e regolano la digestione. Stabilizzano lo zucchero nel sangue e possono aiutare a perdere peso, poiché legano molta acqua, saziano e riducono la voglia di dolci.

Maggiori informazioni su Semi di chia ›

Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!