Vitamina B12: cosa occorre sapere!

La vitamina B12 è una vitamina essenziale e idrosolubile, che svolge numerose funzioni importanti nel corpo. Queste includono, soprattutto, il supporto nella produzione di globuli rossi, nonché nello sviluppo e nella funzione del sistema nervoso. La vitamina B12 è ricavabile attraverso il cibo ed è disponibile solo negli alimenti di origine animale. Per questo, i vegani e i vegetariani sono coloro che rischiano particolarmente di andare incontro ad una carenza di vitamina B12. Questo vale anche per gli anziani, perché la capacità di assorbire e utilizzare la vitamina B12 dal cibo diminuisce con l'età.

Gli effetti della vitamina B12

La vitamina B12 gode di una certa posizione speciale. Non solo è la più grande e complessa di tutte le vitamine, ma è anche l'unica che contiene un elemento metallico: il cobalto, uno degli elementi più rari, il quale peraltro dà alla vitamina B12 il suo nome chimico, cobalamina.

La vitamina B12 non può essere prodotta da nessun organismo vegetale o animale e deve quindi essere assunta con il cibo. La fonte originaria di vitamina B12 è quella prodotta dai batteri, che viene assorbita dal corpo attraverso gli alimenti di origine animale. È per questo che le diete vegane necessitano di integratori di vitamina B12 per prevenire i sintomi della carenza.

In origine, la vitamina B12 era conosciuta per le sue proprietà curative in caso di anemia causata dalla carenza di vitamina B12. È ormai noto che quest'ultima svolga tutta una serie di compiti e funzioni vitali all'interno dell'organismo.

Vitamina B12: mutevole e multifunzionale

Per sviluppare appieno il suo effetto, la vitamina B12 viene assorbita attraverso il cibo e solamente nell'ileo, l'ultima parte dell'intestino tenue. A causa delle sue enormi dimensioni - per via delle molecole - la vitamina B12 necessita dell'aiuto delle proteine di trasporto per passare attraverso la parete mucosa dell'intestino, anche per poter raggiungere più in profondità le cellule del corpo. Nella cellula, la vitamina B12 viene poi convertita nelle sue forme bioattive, i cosiddetti coenzimi, la metilcobalamina e la 5-deossiadenosilcobalamina.[1] [2] [3]

Il ruolo della vitamina B12 nella cellula

I due coenzimi condividono dunque i compiti della vitamina B12. Entrambi, infatti, sono coinvolti nei processi cellulari di base. La metilcobalamina è necessaria per produrre l'aminoacido metionina, un importante componente delle proteine, ma è anche necessaria per la produrre gli elementi strutturali del DNA e dell'RNA nella cellula.

Se manca la vitamina B12, non è possibile produrre abbastanza DNA durante la divisione cellulare. Queste funzioni, proprie della vitamina B12, sono particolarmente importanti nelle cellule con un alto tasso di divisione cellulare, come il midollo osseo. Una carenza di vitamina B12, pertanto, influisce sul tasso di produzione di cellule del sangue, comportando quantità insufficienti, di globuli rossi in particolare, e quindi anemia.

La vitamina B12 fornisce energia

Il secondo coenzima, 5-desossiadenosilcobalamina, è attivo nei mitocondri. Si tratta di organuli cellulari che forniscono energia per ogni cellula del corpo. La vitamina B12 è fortemente coinvolta nella produzione di acidi grassi ed elementi strutturali di altri amminoacidi. Interviene nel ciclo dell'acido citrico, che elabora le molecole organiche per produrre energia e costruire nuove sostanze. In tal caso, una mancanza di vitamina B12 porta a disturbi neurologici e cognitivi.[1] [3]

Le funzioni di base della vitamina B12 possono quindi essere riassunte come segue:

  • Sintesi di DNA e RNA
  • Produzione di acidi grassi
  • Sintesi degli aminoacidi
  • Supporto alla produzione di energia cellulare

Gli effetti della vitamina B12 sulla salute

Queste funzioni molecolari, proprie della vitamina B12, si riflettono negli effetti della stessa sulla salute, in quanto:

  • aumenta l'energia e riduce la stanchezza e l'affaticamento[4]
  • garantisce un sano funzionamento del sistema nervoso[5]
  • promuove la crescita normale e lo sviluppo dei nervi[6]
  • aiuta nella produzione di globuli rossi[7]
  • regola la divisione cellulare sana e promuove la longevità[8]
  • protegge il sistema cardiovascolare dall'omocisteina[9]
  • assicura un sistema immunitario sano[10]
  • sostiene la salute riproduttiva femminile e la gravidanza[11]
  • promuove il benessere mentale e regola l'umore[12]
  • promuove la chiarezza mentale, la concentrazione e la memoria[13]
  • aumenta l'energia fisica, emotiva e mentale[14]

La vitamina B12 ha quindi un'influenza positiva notevole sulla salute fisica e mentale. Sarebbe quindi opportuno evitare un insufficiente apporto di vitamina B12 in ogni caso, soprattutto se si segue una dieta vegana. In questo senso, gli integratori alimentari possono contribuire ad aumentare i livelli di vitamina B12.

Di quanta vitamina B12 si ha bisogno?

Il corpo normalmente immagazzina tra i 3 e i 5 mg di vitamina B12, [15] principalmente nel fegato, per poi da qui renderla disponibile in base alle necessità. L'assunzione giornaliera raccomandata di vitamina B12 è di 2,4 µg. Questa quantità è contenuta, ad esempio, in 50 g di carne magra di manzo, oppure in 120 g di formaggio o tuorlo d'uovo, o ancora in circa 70 g di merluzzo giallo. Le verdure, la frutta, i legumi, le noci, i cereali o il riso non sono una fonte di vitamina B12.

Quando si assume la vitamina B12 attraverso il cibo, si deve anche tener conto del fatto che il quantitativo contenuto negli alimenti non corrisponde necessariamente alla quantità utilizzabile. Solo la metà o i due terzi circa della vitamina B12 assunta con la carne, per esempio, è successivamente disponibile per l'organismo in forma bioattiva.

Inoltre, occorre che sia assorbito solo un massimo di 2 µg di vitamina B12 per pasto prima che il sistema nell'intestino tenue sia saturo. Pertanto, la dose giornaliera di vitamina B12 deve essere assunta in più pasti.[16]

Come misurare i livelli di vitamina B12?

La concentrazione di vitamina B12 può essere misurata mediante analisi di laboratorio del sangue. Questo permette di determinare la quantità di vitamina B12 presente nel sangue, che è compresa tra 200 e 900 pg/ml presente nel sangue.

Valori inferiori a 200 pg/ml sono quindi considerati come carenza di vitamina B12. Normalmente concentrazioni sieriche inferiori a 200 pg/ml causano i sintomi della carenza di vitamina B12. Negli anziani, però, i sintomi possono manifestarsi anche a livelli compresi tra 200 e 500 pg/ml.[17]

Uno studio su persone anziane che avevano subito una frattura dell'anca ha dimostrato che le concentrazioni di vitamina B12 nel siero inferiori a 350 pg/ml erano associate a una diminuzione delle capacità cognitive. Ciò significa che un apporto inadeguato di vitamina B12 negli anziani potrebbe favorire la perdita di memoria.[18] Per un apporto ottimale di vitamina B12, è quindi necessario mirare a concentrazioni sieriche superiori a 500 pg/ml, soprattutto nelle persone anziane.

Non bisogna temere un apporto eccessivo di vitamina B12, poiché il quantitativo in eccesso viene espulso nelle urine. Livelli anormalmente alti di vitamina B12 di solito si verificano solo a causa di malattie del fegato o del midollo osseo.[17]

La vitamina B12 negli alimenti

Il corpo ha bisogno di un apporto giornaliero di vitamina B12 sufficiente a prevenire una carenza della stessa e le sue conseguenze potenzialmente gravi. Ma quali alimenti contengono maggiori quantità di vitamina B12?

La vitamina B12 si trova quasi esclusivamente negli alimenti di origine animale. La quantità di vitamina B12 presente non dipende solo dalla fonte, ma anche da come viene preparata. Ad esempio, si può ipotizzare che circa il 30% della vitamina B12 vada perduta con la cottura.[19]

Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha compilato una tabella alimentare completa di vitamina B12 di oltre 7000 alimenti e il loro contenuto di vitamina B12.[20] Si afferma chiaramente che le migliori fonti di vitamina B12 siano le frattaglie come fegato e reni di manzo, agnello, oca e anatra, ma anche le cozze e le ostriche sono in cima alla lista degli alimenti ricchi di vitamina B12.

Contenuto di vitamina B12 negli alimenti (per 100 g):

Carni:

  • Fegato di manzo, cotto: 96 µg
  • Fegato di vitello, crudo: 91 µg
  • Fegato d'anatra o d'oca, crudo: 54 µg
  • Rene di vitello, crudo: 50 µg
  • Fegato di maiale, crudo: 26 µg
  • Fegato di pollo, arrostito: 21 µg
  • Bistecca di manzo, alla griglia: fino a 8 µg (a seconda del taglio)
  • Carne di manzo (controfiletto), grigliato: 4 µg
  • Selvaggina (cervo), brasata: 3 µg
  • Agnello (spalla), crudo o cotto: 3 µg
  • Pollo, grigliato: 0,7 µg

Prodotti a base di carne:

  • Salsiccia di fegato: 13 µg
  • Salame: 3 µg
  • Carne di manzo macinata, cotta: 3 µg
  • Salsiccia di Francoforte: 1,6 µg
  • Salsiccia gigante: 1,2 µg
  • Prosciutto (maiale): 1,1 µg
  • Costole (bovino): 1,1 µg
  • 'Bürgermeisterstück' (carne di manzo), senza grassi, crudo: 1,1 µg
  • Sanguinaccio: 1 µg
  • Burger da Fast Food: 0,9 µg

Pesci e molluschi:

  • Cozze, al vapore: 99 µg
  • Polpo, al vapore: 36 µg
  • Ostriche, al vapore: 29 µg
  • Salmone affumicato: 18 µg
  • Pesce (merluzzo, aringa), crudo: 10 µg
  • Salmone selvatico, cotto: 3 µg
  • Tonno in scatola: 3 µg
  • Calamaro: 1,3 µg
  • Insalata di tonno: 1,2 µg

Latticini e uova:

  • Latte in polvere (magro): 4 µg
  • Formaggio svizzero: 3 µg
  • Siero di latte in polvere: 2,4 µg
  • Mozzarella, Parmigiano: 2,3 µg
  • Brie: 1,7 µg
  • Edam, Gouda: 1,5 µg
  • Parmigiano, grattugiato: 1,4 µg
  • Camembert: 1,3 µg
  • Yogurt greco: 0,8 µg
  • Latte di pecora: 0,7 µg
  • Yogurt naturale: 0,6 µg
  • Latte, latticello: 0,5 µg
  • Gelato, yogurt gelato: 0,5 µg
  • Panna acida: 0,3 µg
  • Formaggio di pecora, morbido: 0,2 µg
  • Burro: 0,2 µg
  • Crema (liquida): 0,2 µg
  • Latte materno: 0,05 µg
  • Uovo di anatra, crudo: 5 µg
  • Uovo, essiccato: 3 µg
  • Uovo sodo: 1,1 µg
  • Uovo, crudo: 0,9 µg
  • Uovo strapazzato: 0,8 µg
  • Uovo in camicia: 0,7 µg

Prodotti arricchiti con vitamina B12:

  • Cereali da colazione: fino a 20 µg (a seconda del prodotto)
  • Latte di mandorla, latte di cocco: 1,3 µg
  • Latte di soia: 1,1 µg
  • Latte di riso: 0,6 µg

Altri alimenti, preparazioni e pasti:

  • Alghe marine, essiccate: 2,3 µg*
  • Alghe bagnate: 0,3 µg*
  • Purè di patate: 0,2 µg
  • Pancake: 0,2 µg
  • Croissant: 0,2 µg
  • Maionese: 0,1 µg
  • Margarina: 0,1 µg
  • Pasta (con uovo), cotta: 0,1 µg
  • Miso, Tempeh: 0,1 µg
  • Insalata di patate con uovo: 0,1 µg
  • Muesli: 0,1 µg

Alimenti contenenti tracce di vitamina B12 (tra 0,01 µg e 0,05 µg):

  • funghi*
  • birra
  • pane
  • patate dolci*
  • vino

Alimenti che, secondo studi scientifici, non contengono vitamina B12:

  • grassi
  • oli
  • olio di fegato di merluzzo
  • frutta
  • verdure
  • spezie
  • legumi
  • insalate
  • erbe
  • farina
  • riso
  • pasta (senza uovo)
  • gelatina
  • lievito

*Nota: i valori di vitamina B12 calcolati in relazione a piante, funghi e alghe dipendono dal terreno di cottura e sono spesso soggetti a forti variazioni regionali.[20]

Non esistono fonti vegetali di vitamina B12?

In contrasto con i risultati delle misurazioni dell'USDA, altre fonti hanno trovato quantità notevoli di vitamina B12 in alcune alghe marine come nori, clorella e spirulina. Ciononostante, i risultati dei test estremamente variabili e il contenuto potenzialmente molto elevato di pseudovitamina B12 possono rappresentare un problema.[19] [21] [22]

La biodisponibilità della vitamina B12 è fondamentale!

Gli alimenti qui elencati sono forniti con i valori medi della vitamina B12 misurati per 100 g di prodotto. Va notato, però, che non tutta la vitamina B12 contenuta è effettivamente disponibile per l'organismo.

La biodisponibilità della vitamina B12 presente nel corpo varia notevolmente a seconda dell'alimento e del metodo di preparazione. Ad esempio, assumendo 200 g di hamburger di agnello cotto, è disponibile un valore 3 µg teorico di vitamina B12, ma il corpo ne utilizzerà solo l'80% circa.

Nel caso del latte, la biodisponibilità è del 60% circa, mentre per quanto riguarda il paté di fegato, invece, può essere utilizzato solo il 10% circa della vitamina B12 assorbita. Come regola generale, gli adulti sani sfruttano circa il 50% della vitamina B12 assunta attraverso il cibo.[19]

Riassunto

Quantità sufficienti a soddisfare il fabbisogno di vitamina B12 si trovano solo negli alimenti di origine animale e nei prodotti da essi derivati. Le frattaglie come il fegato e i reni rappresentano i principali. Ma anche i latticini, le uova e i prodotti con essi preparati sono fonti preziose di vitamina B12.

Le persone che evitano quasi o del tutto gli alimenti di origine animale possono coprire il proprio fabbisogno solo con alimenti arricchiti con vitamina B12. In alternativa, per non incorrere in una carenza può essere utile utilizzare integratori alimentari a base di vitamina B12.

Le forme di vitamina B12

Gli alimenti contengono naturalmente diverse forme di vitamina B12. Queste forme sono disponibili anche sotto forma di integratori di vitamina B12. Ma quale forma di vitamina B12 è la migliore? Ci sono forme di vitamina B12 più efficaci di altre?

La vitamina B12 appartiene al gruppo chimico della cobalamina, che comprende tutte le forme di vitamina B12. Le cobalamine hanno l'oligoelemento cobalto come atomo centrale. La vitamina B12 è l'unica sostanza naturale, cioè un composto formato da organismi, che contiene un elemento di cobalto.

5 atomi di azoto sono legati a questo elemento centrale di cobalto insieme a un ligando. Questa struttura centrale è circondata da un quadro stabile di strutture ad anello, come ha dimostrato il Premio Nobel Dorothy Hodgkins con la diffrazione dei raggi.[23]

Il sesto ligando sull'elemento centrale di cobalto risulta decisivo per le varie forme di vitamina B12, può appartenere a diversi gruppi chimici ed è in gran parte responsabile della funzione specifica della rispettiva forma di vitamina B12.

Di seguito le forme di vitamina B12 presenti in natura: [24]

  • Cianocobalamina: forma inattiva
  • Idrossicobalamina: forma inattiva
  • Metilcobalamina: coenzima bioattivo
  • Adenosilcobalamina: coenzima bioattivo

Le funzioni delle diverse forme di vitamina B12

Le forme inattive di vitamina B12, come la cianocobalamina e l'idrossicobalamina (chiamata anche idroxocobalamina), vengono scomposte nel corpo dopo l'assorbimento e convertite nelle forme bioattive metilcobalamina e adenosilcobalamina.

Prima viene rimosso il gruppo -HO o -CN, e in un secondo momento viene aggiunto il gruppo -CH3 o -5 'deossiadenosile. I rispettivi passaggi vengono eseguiti da specifici enzimi cellulari. Se uno di questi enzimi non è funzionale, la vitamina B12 bioattiva non può essere prodotta.

Dopo la conversione nelle forme bioattive metilcobalamina e adenosilcobalamina, i coenzimi della vitamina B12, come suggerisce il nome, lavorano insieme agli enzimi. I coenzimi sono necessari per il funzionamento degli enzimi, per questo non possono essere sostituiti da altri fattori.

La metilcobalamina agisce nella cellula con l'enzima metionina sintasi, che è necessario per la produzione del materiale genetico DNA e RNA. La metilcobalamina è quindi particolarmente importante nelle cellule molto attive, come quelle del midollo osseo, dove si formano le cellule del sangue. Una carenza di metilcobalamina provoca la produzione di globuli rossi non sufficientemente funzionali, portando all'anemia.[25] [26]

L'adenosilcobalamina è efficace nei mitocondri. Si tratta di piccoli organuli cellulari in cui viene generata energia per la cellula. Qui, l'adenosilcobalamina attiva l'enzima metilmalonil-CoA mutase.

Ciò è essenziale per la produzione di acidi grassi ed elementi costitutivi del DNA, così come per il ciclo del citrato, che viene utilizzato per la produzione di energia cellulare. La mancanza di adenosilcobalamina può portare a disturbi neurologici e cognitivi.[25] [26]

L'idrossicobalamina, oltre ad essere un precursore del coenzima della vitamina B12, ha un'altra funzione speciale: può assumere un gruppo -CN, che altrimenti viene scisso come cianuro. L'idrossicobalamina è quindi utilizzata per la disintossicazione in caso di avvelenamento da acido cianidrico.

Quali forme di vitamina B12 vengono assimilate attraverso il cibo?

Le principali forme di vitamina B12 assunte attraverso il cibo sono principalmente idrossicobalamina, ma anche metilcobalamina e adenosilcobalamina. Tra le forme che solo molto raramente si trovano negli alimenti, rileviamo la cianocobalamina e la sulfitcobalamina, un altro derivato della cobalamina.[27]

Quali forme occorre assumere come preparati di vitamina B12?

Poiché le due forme attive, metilcobalamina e adenosilcobalamina, rappresentano le uniche forme di vitamina B12 direttamente utilizzabili, sempre più nutrizionisti raccomandano di assumerle sotto forma di integratore alimentare.

La metilcobalamina, in particolare, mostra la più alta attività nella metilazione del DNA, che è il compito principale dell'enzima della vitamina B12 attiva. È per questo che la metilcobalamina costituisce la forma più frequentemente raccomandata di vitamina B12 come integratore alimentare.

L'idrossicobalamina è la forma più comune di vitamina B12 presente negli alimenti. La cianocobalamina, invece, è la forma sintetica più economica ed è quindi spesso disponibile nei preparati a base di vitamina B12.

Un confronto tra le due forme inattive di vitamina B12 mostra quanto segue: [24]

  • L'idrossicobalamina rappresenta il 50% della vitamina B12 che viene assorbita e legata alla transcobalamina nel plasma sanguigno, ed è quindi la forma più comune di vitamina B12 presente nel sangue.
  • L'idrossicobalamina viene immagazzinata più a lungo nel corpo per poi essere escreta attraverso i reni più lentamente rispetto alla cianocobalamina. A causa del suo effetto depot, viene quindi impiegata spesso nelle iniezioni di vitamina B12.
  • In condizioni sperimentali, nella conversione della vitamina B12 in forme bioattive l'idrossicobalamina si è dimostrata più efficiente rispetto alla cianocobalamina.

Sulla base di questi risultati, l'idrossicobalamina è superiore alla cianocobalamina.

Fattore intrinseco della vitamina B12

La vitamina B12 viene assorbita attraverso gli alimenti di origine animale in modo da essere finalmente disponibile come coenzima purificato per gli enzimi cellulari. A tale scopo, la molecola di vitamina B12 deve essere incanalata attraverso la parete dell'intestino tenue. A causa delle dimensioni della molecola di vitamina B12, questo passaggio cruciale può essere compiuto solo con l'aiuto di un mezzo di trasporto.

Una proteina chiamata fattore intrinseco trasporta la molecola di vitamina B12 attraverso la mucosa intestinale, rendendola disponibile alle cellule del corpo. Il fattore intrinseco è quindi il fulcro dell'assunzione di vitamina B12, e senza di esso la vitamina B12 ingerita può essere assorbita solo per diffusione passiva, ma non mediante trasporto attivo attraverso il fattore intrinseco.

Come funziona il fattore intrinseco?

Negli alimenti, la vitamina B12 si lega alle proteine e ai peptidi nel cibo e da essi viene rilasciata nella saliva durante la masticazione e nello stomaco. Il basso valore di pH dell'acido gastrico facilita il rilascio di vitamina B12. In primo luogo, la vitamina B12 si combina alla cosiddetta proteina R, che lega la vitamina B12 nella saliva e nell'acido gastrico meglio del fattore intrinseco.[28] [29]

Sebbene la proteina R abbia una maggiore capacità legante per la vitamina B12, il fattore intrinseco possiede invece la più alta specificità per la vitamina B12. Ad esempio, anche gli analoghi della vitamina B12 sono combinati per mezzo della proteina R, ma non del fattore intrinseco. La vitamina B12 legata al fattore intrinseco, perciò, si lega ad un recettore e viene incanalata attraverso la parete dell'ileo lungo fino a 3 m nell'ultima parte dell'intestino tenue.[28] [29]

Dove viene prodotto il fattore intrinseco?

Il fattore intrinseco è prodotto dalle cellule parietali dello stomaco. Queste ne producono in grandi quantità, superando di un fattore 50 il quantitativo fisiologicamente richiesto. Il motivo di questa produzione di massa non è attualmente chiaro, ma può servire a garantire l'assorbimento della vitamina B12, che è possibile solo mediante l'ultima parte dell'intestino tenue e quasi esclusivamente con l'aiuto del fattore intrinseco.[28] [29]

Cosa succede se non viene prodotto alcun fattore intrinseco?

  1. Deficit congenito del fattore intrinseco

    La mancanza del fattore intrinseco può essere dovuta a diverse cause. Una mutazione nel gene che codifica il fattore intrinseco non permette di produrlo. La conseguenza di questo si esprime in un deficit congenito del fattore intrinseco (IFD). Si tratta di una malattia ereditaria autosomica recessiva, in cui ogni genitore eredita una copia del gene difettosa.

    La sindrome di Immerslund-Gräsbeck è una malattia molto simile all'IFD; ma le mutazioni non si trovano nel gene del fattore intrinseco, ma in quello delle sottounità del recettore del fattore intrinseco nell'ileo. Entrambe le malattie ereditarie si manifestano nei sintomi tipici della carenza di vitamina B12, con disturbi gastrointestinali, pancitopenia (mancanza di cellule del sangue) e anemia. Ai fini della diagnosi, l'assenza del fattore intrinseco è confermata dall'utilizzo di anticorpi specifici. Entrambe le malattie possono essere trattate con la regolare somministrazione parenterale di vitamina B12.[30] [31]

    In alternativa, una carenza di vitamina B12 in assenza del fattore intrinseco può essere corretta anche mediante un elevato apporto di vitamina B12. In questo caso, il meccanismo di assorbimento si basa sulla diffusione passiva della vitamina B12 attraverso la parete intestinale. Poiché per la diffusione può essere utilizzato solo l'1.2% circa del quantitativo di vitamina B12 assimilata, in tal caso occorre assumere un dosaggio di vitamina B12 proporzionalmente più elevato (da 1000 µg a 2000 µg al giorno.[32] [33]

  2. 2. Reazione autoimmune anti-fattore intrinseco

    L'anemia perniciosa è una malattia autoimmune in cui vengono prodotti anticorpi anti-fattore intrinseco, i quali si legano ad esso e impediscono che la vitamina B12 sia legata e trasportata attraverso la mucosa intestinale.[34]

Produzione insufficiente del fattore intrinseco

Se non viene prodotto sufficiente fattore intrinseco, il corpo non è in grado di assorbire la quantità fisiologicamente necessaria di vitamina B12. Una produzione insufficiente del fattore intrinseco può avvenire nei seguenti casi:

  • Nel corso del normale invecchiamento

    Nelle persone di età superiore ai 70 anni, l'analisi della concentrazione del fattore intrinseco mediante l'utilizzo di anticorpi specifici ha mostrato che in circa l'1-2% dei soggetti non è stato prodotto sufficiente fattore intrinseco, generando una carenza di vitamina B12.[35]

  • Per via della scarsa funzionalità delle cellule parietali

    Il fattore intrinseco è prodotto e secreto dalle cellule parietali dello stomaco. In alcune malattie, come l'AIDS, queste cellule sono compromesse e secernono una quantità troppo bassa di acido gastrico, di pepsina e di fattore intrinseco. Nel 40% dei pazienti affetti da AIDS sottoposti a esame, è stata infatti riscontrata un'insufficiente produzione di fattore intrinseco.[36]

  • Attraverso interventi chirurgici nel tratto gastrointestinale

    Nel corso di alcune operazioni, come il bypass gastrico o la gastrectomia (rimozione parziale dello stomaco), la produzione di fattore intrinseco si riduce o si perde completamente a causa della perdita di cellule parietali.[28] [29] [34]

Fattore intrinseco e infezioni

L'interazione tra il fattore intrinseco e le infezioni batteriche è bilaterale. Da un lato, interagendo con il fattore intrinseco, i batteri possono influenzare negativamente l'assunzione di vitamina B12; dall'altro, il fattore intrinseco sembra giocare un ruolo determinante nella protezione contro le infezioni.

  • Helicobacter pylori, un comune fattore scatenante delle ulcere gastriche, può favorire una reazione autoimmune contro le cellule parietali e il fattore intrinseco, impedendo così l'assorbimento della vitamina B12.[37]
  • L'eccessiva esposizione dell'intestino tenue a batteri Gram-negativi (ad es. E. coli) riduce anche la funzione del fattore intrinseco.[29]
  • L'infestazione parassitaria da lamblia o tenia del pesce comporta una riduzione del legame del fattore intrinseco con i recettori specifici dell'intestino tenue.[29]
  • Esperimenti condotti sui topi hanno dimostrato che l'assenza del fattore intrinseco porta ad una maggiore suscettibilità alle infezioni da Salmonella o Citrobacter (enterobatteri).[38]

Questa prova scientifica indica uno o più ruoli del fattore intrinseco nelle infezioni batteriche e parassitarie che ancora non sono del tutto compresi.

Riassunto

Il fattore intrinseco gioca un ruolo chiave nell'assorbimento della vitamina B12 attraverso l'intestino tenue. Una produzione insufficiente o del tutto inesistente di fattori intrinseci porta alla carenza di vitamina B12, alla quale è possibile trovare rimedio solo mediante l'assunzione di dosi elevate di vitamina B12 per via orale o iniettiva (da (1000 mcg a 2000 mcg al giorno).

Vitamina B12 e troppo poco acido gastrico

Il mal di stomaco, il bruciore di stomaco e l'esofagite da reflusso solitamente mostrano un sintomo comune che si esprime nella sensazione che lo stomaco produca troppi acidi. Nella maggior parte dei casi, però, è vero il contrario: viene prodotto troppo poco acido gastrico.

A peggiorare la situazione, si aggiunge il fatto che, per contrastare il bruciore e il mal di stomaco, molte persone assumono bloccanti acidi, che vanno a inibire ulteriormente la capacità dello stomaco di produrre acido cloridrico.

La mancanza di acido nello stomaco interferisce con la digestione e riduce la quantità di sostanze nutritive ricavabili dal cibo.

Poiché una quantità insufficiente di acido gastrico nello stomaco può causare una carenza di fattore intrinseco, il quale è però fondamentale per garantire l'assorbimento della vitamina B12, questo va a spiegare ulteriormente perché così tante persone non assumono quantità sufficienti di vitamina B12.

Dosaggio della vitamina B12

La vitamina B12 è una vitamina essenziale che può essere immagazzinata nel corpo (soprattutto nel fegato), ma viene in gran parte escreta attraverso i reni grazie alla sua solubilità in acqua. Per un apporto ottimale, occorre quindi che la vitamina B12 sia assunta quotidianamente attraverso il cibo.

Nel caso in cui non dovesse essere possibile (ad esempio, attraverso una dieta vegana) o risulta insufficiente (ad esempio, nel caso degli anziani, per via del ridotto assorbimento nell'intestino), sarebbe opportuno assumere la vitamina B12 anche sotto forma di integratori alimentari. Ma di quanta vitamina B12 si ha bisogno?

Fabbisogno giornaliero di vitamina B12 raccomandato

Il fabbisogno giornaliero di vitamina B12 dipende dal peso corporeo; per questo motivo esistono diverse linee guida per bambini e adulti. La Società Tedesca per la Nutrizione fornisce, come linee guida, i seguenti valori:[39]

  • Neonati:

nbsp;Da 0 a 4 mesi: 0,4 µg/giorno Da 4 a meno di 12 mesi: 0,8 µg/giorno

  • Bambini:

  • nbsp;Da 1 a meno di 4 anni: 1,0 µg/giorno Da 4 a meno di 7 anni: 1,5 µg/giorno Da 7 a meno di 10 anni: 1,8 µg/giorno Da 10 a meno di 13 anni: 2,0 µg/giorno Da 13 a meno di 15 anni: 3,0 µg/giorno

  • Adolescenti dai 15 anni in su e adulti: 3,0 µg/giorno

  • Donne in gravidanza: 3,5 µg/giorno

  • Donne in fase di allattamento: 4,0 µg/giorno

  • Interpretazione delle linee guida

    Nonostante tutto, il fabbisogno giornaliero di vitamina B12 raccomandato dal DGE costituisce solo una linea guida per prevenire la carenza acuta di vitamina B12 in persone altrimenti perfettamente sane.

    È fondamentale che solo una piccola parte della vitamina B12 assunta sia effettivamente disponibile per il corpo. Per questo, il fabbisogno giornaliero di vitamina B12 non deve necessariamente coincidere con la quantità da assumere.

    Normalmente la vitamina B12 la si ricava dal cibo, venendo poi trasportata per mezzo di un fattore di trasporto attraverso la mucosa intestinale, prima di essere convertita in coenzimi bioattivi di vitamina B12.[40] Nel processo, una parte significativa della vitamina B12 ingerita viene persa.

    Quanta vitamina B12 può assorbire il corpo?

    L'assorbimento della vitamina B12 nell'intestino tenue avviene in gran parte legando la vitamina B12 al fattore intrinseco della molecola di trasporto. Va notato che solo un quantitativo fino a 1,5 µg di vitamina B12 per pasto può essere assorbito, prima che il sistema sia saturo.

    Però, sulla base di studi su persone nelle quali è assente il fattore intrinseco, i ricercatori hanno scoperto che una parte della vitamina B12 ingerita viene assorbita anche per diffusione passiva attraverso la parete dell'intestino tenue, indipendentemente dai meccanismi di trasporto.[32] Dunque, circa l'1,2% della quantità di vitamina B12 ingerita viene assorbita per diffusione passiva, anche in assenza di fattore intrinseco.

    • Assorbimento attivo di vitamina B12 mediante fattore intrinseco: 1,2 µg per pasto
    • Assorbimento passivo per diffusione: 1,2% della quantità di vitamina B12 assorbita

    Tuttavia, nelle persone anziane, questi livelli di assunzione possono essere ridotti a causa della minore efficienza del tratto intestinale, motivo per cui le persone oltre i 50 anni vanno incontro a carenza di vitamina B12 più frequentemente rispetto ai più giovani.[33]

    Un corpo sano, quindi, per coprire il fabbisogno giornaliero può assorbire un massimo di 1,5 µg per pasto più l'1,2% della quantità di vitamina B12 fornita.

    Dosaggio ideale della vitamina B12

    A causa della limitata capacità di assorbimento del sistema, è quindi necessario fornire all'organismo una quantità di vitamina B12 notevolmente superiore alla dose giornaliera raccomandata. Ma come fare in modo che il corpo sia adeguatamente rifornito di vitamina B12 senza dover smaltire, nel vero senso dell'espressione, troppa vitamina B12 attraverso i sistemi fognari urbani?

    • In caso di carenza acuta di vitamina B12, occorre assumere quotidianamente da 1000 µg a 2000 µg (cioè 1-2 mg) di vitamina B12. In questo contesto, gli studi hanno dimostrato che l'assunzione orale di vitamina B12 è efficace quanto l'iniezione intramuscolare, alla quale si ricorrere con più frequenza in campo medico (4). Questa quantità è anche sufficiente per reintegrare le riserve di vitamina B12 esaurite.[41]
    • Uno studio di dose-finding dell'Università olandese di Wageningen ha rilevato che una lieve carenza di vitamina B12 nelle persone anziane va contrastata con un dosaggio da 500 µg a 1000 µg per garantire un rimedio efficace.[42]
    • Uno studio danese ha messo in discussione il fabbisogno giornaliero raccomandato di vitamina B12, evidenziando che, per mantenere livelli adeguati di vitamina B12, le persone giovani e sane necessitano di un consumo giornaliero pari ad almeno 4-7µg.[43] Nei bambini e negli adolescenti, un'assunzione di oltre 10 µg al giorno non sembra causare un ulteriore aumento dei livelli di vitamina B12, e quindi appare necessaria solo se si sospetta una carenza della stessa.[44]

    Dosaggio di vitamina B12 raccomandato

    Sulla base dei risultati scientifici in merito al dosaggio, emergono le seguenti raccomandazioni:

    • Persone sane sotto i 50 anni: da 4 µg a 7 µg al giorno
    • Persone oltre i 50 anni, vegetariani, vegani, donne incinte o che allattano, o altri gruppi a rischio: da 500 µg a 1000 µg al giorno
    • Persone con carenza acuta di vitamina B12: da 1000 µg a 2000 µg di vitamina B12 al giorno
    • Per persone sane si intendono coloro che non hanno particolari esigenze di integrazione. Un possibile aumento del fabbisogno può essere dovuto a sforzi fisici e sport, così come a stress, consumo di alcol o caffeina, malnutrizione o dieta sbilanciata.

    In sintesi, si può supporre che il fabbisogno giornaliero di vitamina B12 ufficialmente raccomandato sia inferiore al fabbisogno effettivo di individui giovani e sani. Il dosaggio ottimale di vitamina B12 in grado di eliminare o prevenire i possibili sintomi di una carenza dipende dall'età, dalle condizioni di vita e dal tipo di alimentazione.

    Sovradosaggio di vitamina B12

    Le vitamine (di vitale importanza) sono necessarie, poiché sostengono le funzioni essenziali del corpo e aiutano a preservare la salute. Tuttavia, alcune vitamine vanno assunte nel dosaggio corretto, dal momento che quantità eccessive possono manifestare effetti collaterali.

    Infatti la vitamina B12 viene spesso somministrata o assunta in dosi elevate: è possibile dunque incorrere in un sovradosaggio? Come riconoscere un'overdose da vitamina B12?

    La vitamina B12 ha effetti collaterali quasi nulli anche in dosi elevate

    Molto presto, in seguito alla scoperta della vitamina B12 come fattore scatenante – e rimedio – dell'anemia, sono stati studiati i molteplici effetti di diverse dosi di vitamina B12. Divenne presto chiaro che la vitamina B12 ha 'pochissimi effetti collaterali'.[45] Questo perché la vitamina B12 in eccesso può essere espulsa attraverso i reni e l'urina. Pertanto, quantità fino a 3000 µg sono considerate innocue.[46]

    È possibile un'overdose da vitamina B12?

    Secondo lo stato attuale della scienza, un sovradosaggio di vitamina B12 è praticamente impossibile a causa dell'escrezione automatica. Dosi estremamente elevate potrebbero portare ad un sovraccarico non specifico dei reni, ma da un punto di vista medico sembrerebbe un rischio poco preoccupante.

    Dosaggi estremamente elevati di 5000 µg vengono impiegati come antidoto per l'avvelenamento da cianuro dovuto all'inalazione di fumo. Anche queste dosi sono considerate sicure nel trattamento dei bambini e delle donne in gravidanza in caso di intossicazione da inalazione di fumo.[47]

    È utile un eccesso di vitamina B12?

    Tralasciando i casi di avvelenamento da cianuro e anemia perniciosa acuta, dosi di vitamina B12 superiori a 1000 µg hanno realmente poco senso. In caso di carenza di vitamina B12 o di ridotta capacità di assorbimento della stessa – dovute, ad esempio, a interazioni farmacologiche o all'assenza di fattore intrinseco – sono sicuramente consigliabili dosaggi fino a 1000 µg al giorno.

    La ragione di questo è l'utilizzo effettivo (relativamente basso) di vitamina B12 attraverso il fattore intrinseco ma anche mediante la diffusione passiva. Mentre l'assunzione tramite il fattore intrinseco è limitata a 1,5 µg per pasto, solo poco più dell'1% della quantità di vitamina B12 assorbita viene messa a disposizione dall'organismo per mezzo della diffusione passiva.

    È molto improbabile, dunque, che l'assunzione di dosi elevate di vitamina B12 comporti un eccesso di approvvigionamento. Di sicuro, però, aiuta a prevenire lo sviluppo di una carenza di vitamina B12, i cui effetti potrebbero avere conseguenze ben più gravi di quelle di un possibile sovradosaggio.

    Effetti collaterali della vitamina B12

    Eruzione cutanea simile all'acne

    In alcuni casi, dopo la somministrazione intramuscolare o orale di dosi variabili di vitamina B12, è comparsa un'eruzione cutanea simile all'acne. È stata osservata sul viso e sulla parte superiore del busto e si è verificata durante i primi 6 mesi di terapia, risolvendosi però rapidamente con l'interruzione del trattamento.[48]

    Questo effetto collaterale della vitamina B12, di per sé già raro, è però anche dovuto ad un effettivo sovradosaggio, allo stesso modo in cui a volte piccole quantità ne costituivano il fattore scatenante. La causa del manifestarsi di questa eruzione cutanea non è ancora chiara e sembra fondare le sue radici in cause o intolleranze individuali, perché un quadro chiaro è inesistente. In ogni caso, l'interruzione dell'assunzione di vitamina B12 dovrebbe condurre alla risoluzione dei sintomi.

    Shock anafilattico

    In casi molto rari che prevedono iniezioni di vitamina B12, sono stati osservati i possibili effetti collaterali, simili a quelli di farmaci somministrati in modo analogo, per esempio casi isolati di shock anafilattico.[45] [49]

    Tuttavia, è più probabile che ciò sia dovuto al metodo di somministrazione o ai materiali di supporto, il che potrebbe applicarsi anche per altre reazioni locali e sistematiche a seguito di iniezioni di vitamina B12, come irritazioni cutanee, vertigini, vampate di calore o nausea.[50]

    È interessante notare che le diverse forme di vitamina B12 sembrano portare a effetti collaterali altrettanto differenti. Per esempio, risultava più probabile osservare casi di reazioni immediate di ipersensibilità di tipo 1 (come lo shock anafilattico) utilizzando cianocobalamina, mentre erano invece più rare segnalazioni individuali di allergie all'idrossilcobalamina.[50] [51]

    Combinazioni di nutrienti e vitamina B12

    Fornire al corpo le giuste sostanze nutritive è un processo complesso in cui tutti gli elementi coinvolti dovrebbero formare un equilibrio. Spesso per poter utilizzare in modo ottimale ogni singolo elemento occorre fornire determinate combinazioni di nutrienti.

    La vitamina B12 reagisce anche con una varietà di molecole e sostanze nutritive, dando luogo a interazioni che possono aiutare ad assorbire la vitamina B12 così come altre vitamine e sostanze nutritive in modo più efficace, prevenendo o correggendo potenziali carenze.

    Vitamina B12 e acido folico

    Una delle interazioni più note della vitamina B12 avviene con l'acido folico. Entrambe le molecole sono decisamente coinvolte nel metabolismo dell'unità monocarboniosa. In questo contesto, la vitamina B12 è responsabile della combinazione di un gruppo metilico (composto chimico di un atomo di carbonio con tre atomi di idrogeno) con l'omocisteina, disattivando quest'ultima.

    L'omocisteina è un prodotto naturale di degradazione dell'amminoacido metionina contenuto negli alimenti. Livelli elevati di omocisteina possono contribuire a disturbi del sistema nervoso, depressione, demenza e altre malattie. La vitamina B12 lavora a stretto contatto con i folati (forma naturale di acido folico). Mentre la vitamina B12 rallenta l'omocisteina attraverso la metilazione diretta, l'acido folico fa in modo che questo stato di omocisteina sia mantenuto attraverso la rimetilazione.[52] [53]

    L'interazione della vitamina B12 e dell'acido folico non è diretta, ma entrambi gli elementi si influenzano a vicenda interagendo negli stessi processi chimici. Inoltre, la vitamina B12 regola l'attivazione dell'acido folico. Se non sono disponibili quantità sufficienti di vitamina B12, il folato non può più essere metilato e rimane bloccato in un precursore inattivo, ovvero il 5-metiltetraidrofolato. Un deficit di vitamina B12 può dunque comportare anche una carenza di acido folico.[54]

    Effetti clinici dell'interazione tra vitamina B12 e acido folico

    Le carenze di acido folico o di vitamina B12 hanno effetti clinicamente simili, che vanno dai disturbi nervosi e mentali all'anemia e ai difetti alla nascita. Le similitudini sono dovute all'influenza di entrambe le molecole sui livelli di omocisteina.[54] [55]

    Ciononostante, per via dell'interazione tra vitamina B12 e acido folico, un elevato livello di omocisteina non consente di decidere se si è presenza di un deficit di vitamina B12 o di acido folico, o di entrambi. Occorrono ulteriori determinazioni di vitamina B12 e di acido folico. In caso di dubbio, e ad esempio durante la gravidanza, si consiglia di assumere un preparato che preveda la combinazione di acido folico e vitamina B12.

    Vitamina B12 e vitamine del gruppo B

    La famiglia delle vitamine del gruppo B comprende 8 vitamine idrosolubili che svolgono funzioni fondamentali nelle cellule del corpo umano. Le vitamine del gruppo B sono particolarmente importanti per il cervello. Possono attraversare la barriera emato-encefalica e si accumulano nel cervello. La concentrazione di vitamine B5 e B7, ad esempio, è 50 volte superiore nel cervello rispetto al plasma sanguigno.

    Studi su diverse combinazioni di vitamina B hanno evidenziato l'esistenza di una correlazione tra le funzioni e gli effetti di tutte le vitamine del gruppo B. I dettagli di queste interazioni, però, sono ancora poco chiari.[56] Ciononostante, ci sono alcuni membri della famiglia della vitamina B la cui interazione con la vitamina B12 è stata studiata esaminata nel dettaglio:

    • Vitamina B12 e vitamina B6: entrambe sono coinvolte nel metabolismo di un solo carbonio. Per questo motivo sono entrambe essenziali.[52]
    • Vitamina B12 e vitamina B7 (biotina): la prima fa parte del ciclo del citato, attraverso il quale i mattoni organici vengono riciclati per produrre energia e costruire nuove sostanze. In questo contesto, la biotina e il magnesio sono partner necessari per l'attivazione della vitamina B12.
    • Vitamina B12, vitamina B2 (riboflavina) e vitamina B3 (niacina): insieme al folato e alle vitamine B12 e B6, la vitamina B2 è coinvolta anche nel metabolismo del carbonio singolo, che regola la metilazione di altre molecole e l'omocisteina. Inoltre, la vitamina B2 e la vitamina B3 sono necessarie per la conversione della vitamina B12 nelle sue forme attive, metilcobalamina e adenosilcobalamina.[57]

    Vitamina B12 e calcio

    La vitamina B12 può essere incanalata solo attraverso la mucosa intestinale e resa disponibile alle cellule del corpo legandosi al fattore intrinseco. Per questo legame è necessario il calcio, così come il corretto valore del pH. Se il valore del pH è acido o vi è una carenza di calcio, la vitamina B12 non è in grado di legarsi al fattore intrinseco.[58]

    La vitamina B12 va assunta da sola o in combinazione?

    Tenendo presente le interazioni qui descritte della vitamina B12 con altre vitamine del gruppo B, acido folico, magnesio e calcio, si pone la questione se sia più sensato e ragionevole assumere la vitamina B12 in combinazione con le sostanze nutritive interagenti. Questo dipende dai singoli casi e dai possibili sintomi specifici di una carenza. Se si sospetta solo una carenza di vitamina B12, ad esempio nel caso di una dieta vegana, l'assunzione di vitamina B12 da sola può essere sufficiente a ripristinare l'equilibrio.

    In altre situazioni, come durante una gravidanza, la vitamina B12 viene solitamente somministrata insieme all'acido folico per prevenire senza alcun rischio i difetti alla nascita. Recenti studi dimostrano, però, che i trattamenti che prevedono combinazioni di vitamina B potrebbero essere molto più efficaci del previsto.

    Data l'importanza di tutte le vitamine del gruppo B per il cervello e per il sistema nervoso, è possibile che le vitamine del gruppo B siano coinvolte nello sviluppo della sclerosi multipla. Gli scienziati ipotizzano che il trattamento mediante combinazioni di vitamina B potrebbe eliminare la causa della sclerosi multipla e avere un impatto significativo sul decorso della malattia.[59]

    Studi e referenze

    1. Kapadia CR.Vitamin B12 in health and disease: part I--inherited disorders of function, absorption, and transport.Gastroenterol. 1995 Dec;3(4):329-44.
    2. Obeid R, Fedosov SN, Nexo E.Cobalamin coenzyme forms are not likely to be superior to cyano- and hydroxyl-cobalamin in prevention or treatment of cobalamin deficiency. Mol Nutr Food Res. 2015;59(7):1364-1372.
    3. Quadros EV.Advances in the Understanding of Cobalamin Assimilation and Metabolism.Br J Haematol. 2010;148(2):195-204.
    4. E. Wiebe.N of 1 trials. Managing patients with chronic fatigue syndrome: two case reports.Can Fam Physician. 1996 Nov; 42: 2214–2217.
    5. Kumar N.Nutrients and Neurology.Continuum (Minneap Minn). 2017 Jun;23(3, Neurology of Systemic Disease):822-861.
    6. Finkelstein JL, Layden AJ, Stover PJ.Vitamin B-12 and Perinatal Health.Adv Nutr. 2015 Sep 15;6(5):552-63.
    7. Ockrent C.Relation between vitamin B12 and the red blood cells.Nature. 1950 Feb 18;165(4190):280.
    8. Hausman DB, Fischer JG, Johnson MANutrition in centenarians.Maturitas. 2011 Mar;68(3):203-9.
    9. Stanger O, Herrmann W, Pietrzik K.Clinical use and rational management of homocysteine, folic acid, and B vitamins in cardiovascular and thrombotic diseases.Z Kardiol. 2004 Jun;93(6):439-53.
    10. TAMURA J, KUBOTA K, MURAKAMI H, et al.Immunomodulation by vitamin B12: augmentation of CD8+ T lymphocytes and natural killer (NK) cell activity in vitamin B12-deficient patients by methyl-B12 treatment.Clin Exp Immunol. 1999;116(1):28-32.
    11. Bennett M.Vitamin B12 deficiency, infertility and recurrent fetal loss.J Reprod Med. 2001 Mar;46(3):209-12.
    12. Karakuła H1, Opolska A, Kowal A.Does diet affect our mood? The significance of folic acid and homocysteine.Pol Merkur Lekarski. 2009 Feb;26(152):136-41.
    13. Bryan J1, Calvaresi E, Hughes D.Short-term folate, vitamin B-12 or vitamin B-6 supplementation slightly affects memory performance but not mood in women of various ages.J Nutr. 2002 Jun;132(6):1345-56.
    14. Coppen A, Bolander-Gouaille C.Treatment of depression: time to consider folic acid and vitamin B12.J Psychopharmacol. 2005 Jan;19(1):59-65.
    15. Bird JK, Murphy RA, Ciappio ED.Risk of Deficiency in Multiple Concurrent Micronutrients in Children and Adults in the United States.Nutrients. 2017;9(7).
    16. Watanabe F.Vitamin B12 sources and bioavailability.Exp Biol Med (Maywood). 2007;232(10):1266-74.
    17. Vitamin B12 Level
    18. Mizrahi EH, Lubart E, Leibovitz A.Low Borderline Levels of Serum Vitamin B12 May Predict Cognitive Decline in Elderly Hip Fracture Patients.Isr Med Assoc J. 2017;19(5):305-308.
    19. Watanabe F.Vitamin B12 sources and bioavailability.Exp Biol Med. 2007 Nov;232(10):1266-74.
    20. United States Department of Agriculture, Agricultural Research Service, USDA Food Composition Databases.
    21. Watanabe F, Yabuta Y, Bito T.Vitamin B12-containing plant food sources for vegetarians.Nutrients. 2014 May 5;6(5):1861-73.
    22. Herbert V.Vitamin B-12: plant sources, requirements, and assay.Am J Clin Nutr. 1988 Sep;48(3 Suppl):852-8.
    23. Hodgkin DC, Kamper J, Mackay M.Structure of vitamin B12.Nature. 1956;178(4524):64-6.
    24. Obeid R, Fedosov SN, Nexo E. Cobalamin coenzyme forms are not likely to be superior to cyano- and hydroxyl-cobalamin in prevention or treatment of cobalamin deficiency. Mol Nutr Food Res. 2015;59(7):1364-1372.
    25. Kapadia CR.Vitamin B12 in health and disease: part I--inherited disorders of function, absorption, and transport.Gastroenterol. 1995 Dec;3(4):329-44.
    26. Quadros EV.Advances in the Understanding of Cobalamin Assimilation and Metabolism. Br J Haematol. 2010;148(2):195-204.
    27. Farquharson J, Adams JF.The forms of vitamin B12 in foods.Br J Nutr. 1976;36(1):127-36.
    28. Neale G.B12 Binding proteinsGut, 1990, 31, 59-63.
    29. Festen HP.Intrinsic factor secretion and cobalamin absorption. Physiology and pathophysiology in the gastrointestinal tract.Scand J Gastroenterol Suppl. 1991;188:1-7.
    30. Kapadia CR.Vitamin B12 in health and disease: Part I - Inherited disorders of function, absorption, and transport.Gastroenterologist. 1995 Dec;3(4):329-44.
    31. Boina Abdallah A, Ogier de Baulny H, Kozyraki R.How can cobalamin injections be spaced in long-term therapy for inborn errors of vitamin B(12) absorption?Mol Genet Metab. 2012 Sep;107(1-2):66-71.
    32. Berlin H, Berlin R, Brante G.Oral treatment of pernicious anemia with high doses of vitamin B12 without intrinsic factor.Acta Med Scand. 1968 Oct;184(4):247-58.
    33. Vidal-Alaball J, Butler C, Cannings-John R, et al.Oral vitamin B12 versus intramuscular vitamin B12 for vitamin B12 deficiency.Cochrane Database Syst Rev. 2005;(3):CD004655.
    34. Ankar A, Bhimji S.Vitamin, B12 (Cobalamin), Deficiency. [Updated 2017 Jun 20]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2017 Jun
    35. Bunting RW, Bitzer AM, Kenney RM.Prevalence of intrinsic factor antibodies and vitamin B12 malabsorption in older patients admitted to a rehabilitation hospital.J Am Geriatr Soc. 1990 Jul;38(7):743-7.
    36. Herzlich BC, Schiano TD, Moussa Z.Decreased intrinsic factor secretion in AIDS: relation to parietal cell acid secretory capacity and vitamin B12 malabsorption.Am J Gastroenterol. 1992 Dec;87(12):1781-8.
    37. Ayesh MH, Jadalah K, Al Awadi E.Association between vitamin B12 level and anti-parietal cells and anti-intrinsic factor antibodies among adult Jordanian patients with Helicobacter pylori infection.Braz J Infect Dis. 2013 Nov-Dec;17(6):629-32.
    38. Mottram L, Speak AO, Selek RM.Infection Susceptibility in Gastric Intrinsic Factor (Vitamin B12)-Defective Mice Is Subject to Maternal Influences.MBio. 2016 Jun 21;7(3). pii: e00830-16.
    39. DGE Referenzwerte Vitamin B12
    40. Kapadia CR.Vitamin B12 in health and disease: part I--inherited disorders of function, absorption, and transport.Gastroenterol. 1995 Dec;3(4):329-44.
    41. Berlin R, Berlin H, Brante G.Vitamin B12 body stores during oral and parenteral treatment of pernicious anaemia.Acta Med Scand. 1978;204(1-2):81-4.
    42. Eussen SJ, de Groot LC, Clarke R.Oral cyanocobalamin supplementation in older people with vitamin B12 deficiency: a dose-finding trial.Arch Intern Med. 2005;165(10):1167-72.
    43. Bor MV, von Castel-Roberts KM, Kauwell GP.Daily intake of 4 to 7 microg dietary vitamin B-12 is associated with steady concentrations of vitamin B-12-related biomarkers in a healthy young population.Am J Clin Nutr. 2010;91(3):571-7.
    44. MacFarlane AJ, Shi Y, Greene-Finestone LS.High-Dose Compared with Low-Dose Vitamin B-12 Supplement Use Is Not Associated with Higher Vitamin B-12 Status in Children, Adolescents, and Older Adults.J Nutr. 2014;144(6):915-20.
    45. Expert Panel.Vitamin B-12.Br Med J. 1968 Oct 19;4(5624):167-8.
    46. Ross GI, Mollin DL, Cox EV.Hematologic responses and concentration of vitamin B12 in serum and urine following oral administration of vitamin B12 without intrinsic factor.Blood. 1954 May;9(5):473-88.
    47. Shepherd G, Velez LI.Role of hydroxocobalamin in acute cyanide poisoning.Ann Pharmacother. 2008 May;42(5):661-9.
    48. Veraldi S, Benardon S, Diani M.Acneiform eruptions caused by vitamin B12: A report of five cases and review of the literature.J Cosmet Dermatol. 2017 Jun 8
    49. Bilwani F, Adil SN, Sheikh U.Anaphylactic reaction after intramuscular injection of cyanocobalamin (vitamin B12): a case report.J Pak Med Assoc. 2005 May;55(5):217-9.
    50. Moloney FJ, Hughes R, O'Shea D.Type I immediate hypersensitivity reaction to cyanocobalamin but not hydroxycobalamin.Clin Exp Dermatol. 2008 Jul;33(4):412-4.
    51. Heyworth-Smith D, Hogan PG.Allergy to hydroxycobalamin, with tolerance of cyanocobalamin.Med J Aust. 2002 Aug 5;177(3):162-3.
    52. Selhub J.Folate, vitamin B12 and vitamin B6 and one carbon metabolism.J Nutr Health Aging. 2002;6(1):39-42.
    53. Audhya T.Role of B vitamins in biological methylation.Health Diagnostics and Research Institute.
    54. Scott JM.Folate and vitamin B12.Proc Nutr Soc. 1999 May;58(2):441-8.
    55. de Benoist B.Conclusions of a WHO Technical Consultation on folate and vitamin B12 deficiencies.Food Nutr Bull. 2008 Jun;29(2 Suppl):S238-44.
    56. Kennedy DO.B Vitamins and the Brain: Mechanisms, Dose and Efficacy—A Review. Nutrients. 2016;8(2):68.
    57. Pezacka E, Green R, Jacobsen DW.Glutathionylcobalamin as an intermediate in the formation of cobalamin coenzymes.Biochem Biophys Res Commun. 1990 Jun 15;169(2):443-50.
    58. Mackenzie IL, Donaldson RM.Effect of divalent cations and pH on intrinsic factor-mediated attachment of vitamin B12 to intestinal microvillous membranes.J Clin Invest. 1972;51(9):2465-2471.
    59. Nemazannikova N, Mikkelsen K, Stojanovska L.Is there a link between vitamin B and multiple sclerosis?Med Chem. 2017 Sep 6.
    Vitamina B12
    La vitamina B12 è essenziale per l'energia e i nervi. È coinvolta nella formazione dei globuli rossi e nel metabolismo delle proteine, favorisce la concentrazione e la memoria, assicura la salute delle mucos...
    Riconoscere e trattare in tempo la carenza di vitamina B12
    Una carenza di vitamina B12 danneggia l'organismo a lungo termine. Assumiamo questa vitamina vitale principalmente con gli alimenti di origine animale. Se la quantità assorbita è insufficiente, le riserve di...

    Prodotti consigliati

    I vostri vantaggi

    • CONSEGNA GRATUITA

    • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

    • RISPARMIA FINO AL 20%

      con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

    • COMODO PAGAMENTO

      PayPal, Carta di credito, Addebito diretto

    Cosa dicono di noi i nostri clienti