Vitamina B6 –la vitamina del gruppo B dai molteplici talenti

Informazioni, effetto, dosaggio, effetti collaterali

Vitamina B6 è il nome dato a varie sostanze coinvolte in numerosi processi metabolici centrali del corpo. La vitamina B6 nelle sue forme attive agisce come coenzima ed è coinvolta in circa 100 diverse reazioni metaboliche.

Il corpo ha bisogno di questa sostanza vitale essenziale per la conversione e l'integrazione delle proteine e per il metabolismo dei grassi. Allo stesso modo, questa vitamina non solo influenza il sistema ormonale e il sistema immunitario, ma contribuisce anche alla formazione di neurotrasmettitori nel sistema nervoso.

Una carenza di vitamina B6 si verifica principalmente in combinazione con altre condizioni di carenze vitaminiche. In particolare i giovani, le donne in gravidanza, gli anziani e le persone con disturbi digestivi cronici o dipendenza dall'alcol hanno un rischio maggiore di una carenza combinata di vitamina B. Una carenza di vitamina B può anche derivare dall'assunzione di farmaci.

Le conseguenze di una tale carenza sono di vasta portata. Eruzioni cutanee, diarrea, vomito, crampi, tremori - sono tutti sintomi che possono verificarsi in caso di una carenza di vitamina B6. Un integratore alimentare contenente vitamina B6 può contribuire ad un apporto adeguato e quindi prevenire o contrastare i sintomi della carenza.

Cos'è la vitamina B6?

Non esiste la vitamina B6. Piuttosto, 'vitamina B6' o 'piridossina'sonodei termini collettivi per tre composti chimici: piridossina, piridossale e piridossamina. Tutti i composti sono presenti in natura e possono essere convertiti nell'altra forma nel metabolismo.

Il piridossalfosfato e il fosfato piridossamina sono anche classificati come forme attive di composti chimici della vitamina B6. Poiché la vitamina B6 è utilizzata nella medicina ortomolecolare principalmente sotto forma di piridossina e cloridrato di piridossina, nel linguaggio comune la vitamina B6 è spesso indicata come piridossina.[1]

Effetto della vitamina B6

Sotto forma di piridossale 5-fosfato, la vitamina B6 svolge un ruolo decisivo nel metabolismo agendo come coenzima di vari enzimi. Il piridossale 5-fosfato è particolarmente attivo nel metabolismo delle proteine e degli aminoacidi, è coinvolto nella conversione degli amminoacidi e provoca la produzione delle cosiddette ammine biogene. Fra queste ci sono dei neurotrasmettitori (sostanze messaggere) come la dopamina, la serotonina o l'acido γ-aminobutirrico.[1]

La formazione della mielina, il rivestimento delle cellule nervose e la produzione di importanti componenti della membrana cellulare dipendono anche, in una certa misura, da un adeguato apporto di vitamina B6.

Questa vitamina è inoltre coinvolta nella formazione dell'emoglobina, il pigmento rosso del sangue. L'emoglobina non solo conferisce al sangue il suo colore rosso, ma trasporta anche ossigeno e anidride carbonica nel sangue.

Non solo: la vitamina B6 serve a scomporre l'amminoacido omocisteina, noto per essere associato all'indurimento delle arterie (arteriosclerosi), agli attacchi di cuore e agli ictus.[2]

Da qualche tempo è anche diventato evidente che l'organismo ha bisogno della vitamina per le difese immunitarie. Risultati di studi recenti dimostrano che la vitamina B6 non ha solo una funzione coenzimatica. Si presume piuttosto che agisca direttamente sul recettore, cioè il sito di legame degli ormoni steroidei.

Gli ormoni steroidei includono ormoni sessuali come estrogeni, progesterone e testosterone, ma anche glucocorticoidi come l'ormone dello stress cortisolo. La vitamina B6 può quindi influenzare significativamente l'azione degli ormoni.[3] [4]

In sintesi, la vitamina B6 è quindi importante per:

  • il metabolismo degli aminoacidi
  • la produzione di neurotrasmettitori
  • la formazione dell'emoglobina, ilpigmento rosso del sangue
  • la regolazione del sistema immunitario
  • la funzione del sistema ormonale
  • il metabolismo dei grassi e la crescita

Carenza di vitamina B6

A differenza della carenza di vitamina B12, che si stima colpisca fino al 33% della popolazione a seconda dell'età e del sesso, la carenza di vitamina B6 si verifica molto meno frequentemente.

Il National Consumption Study II del 2008 mostra che solo il 12% degli uomini e il 13% delle donne non raggiungono la dose giornaliera raccomandata. In generale, tuttavia, la carenza di vitamina B6 (che comprende i composti piridossina, piridossale e piridossamina) non si verifica da sola, ma in associazione con altri disturbi da carenza di vitamina B.[5] [6]

Carenza di vitamina B6 - chi è particolarmente a rischio?

I valori B6 non ottimali si trovano soprattutto nei gruppi a rischio come:

  • persone sottopeso
  • anziani che non assumono abbastanza cibo
  • persone che seguono unadieta radicale
  • chi tende ad un elevato consumo o abuso di alcol
  • chi soffre di una malattia autoimmune o di un'infiammazione cronica

Anche le donne in gravidanza o che allattano e i pazienti con malattie renali come l'insufficienza renale o l'uremia cronica hanno un rischio maggiore di carenza a causa di un aumentato fabbisogno di vitamine. Inoltre, alcuni farmaci possono aumentare il fabbisogno di vitamina B6.

Anche le donne in gravidanza o che allattano e i pazienti con malattie renali come l'insufficienza renale o l'uremia cronica hanno un rischio maggiore di carenza a causa di un aumentato fabbisogno di vitamine. Inoltre, alcuni farmaci possono aumentare il fabbisogno di vitamina B6.[7]

Ecco come si manifesta una carenza di vitamina B6

La capacità di stoccaggio della vitamina B6 da parte dell'organismo è compresa tra le 4 e le 6 settimane. Anche una leggera mancanza di questa sostanza vitale può causare gravi sintomi. Come per le altre vitamine del gruppo B, una carenza di B6 è inizialmente evidente soprattutto a causa di una perdita di vitalità.

Proprio come per la carenza di vitamina B12, la carenza di B6 può portare alla cosiddetta cheilite angolare(piccole e dolorose crepe agli angoli della bocca). Nel cavo orale possono verificarsi anche ferite o ulcere.

Le persone con una carenza di vitamina B6 possono soffrire di diarrea, perdita di appetito, vomito e anemia. Tuttavia, i sintomi della carenza spesso colpiscono in particolare il sistema nervoso.

In caso di grave carenza, i nervi periferici possono degenerare in modo che le sequenze di movimento del corpo non possano più essere controllate correttamente. Questo porta alla paralisi e ad altri disturbi della coordinazione del movimento (atassia). Altri disturbi neurologici che possono manifestarsi come sintomi di una carenza sono:[8]

  • depressione
  • confusione
  • convulsioni

Dosaggio della vitamina B6

L'assunzione giornaliera raccomandata di vitamina B6 è stabilita dal DGE da 1,2 a 1,6 mg. I valori variano a seconda del sesso e dell'età. Anche il fabbisogno proteico giornaliero e la presenza di malattie croniche giocano un ruolo nel calcolo del dosaggio.

In caso di dieta povera di piridossina e di sintomi che indicano una carenza di vitamina B6, si raccomanda un'integrazione con una dose giornaliera da 5 a 25 mg per almeno 3 settimane. In seguito si può assumere una dose di mantenimento di circa 3 mg al giorno.

Un'integrazione di vitamina B6 da 50 a 300 mg al giorno può essere utile anche per la profilassi dei sintomi di carenza causata dall'assunzione contemporanea di farmaci come l'isoniazide, la cicloserina, la teofillina o l'idralazina.

Per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, la D-A-CH-League Homocysteine raccomanda di integrarecon circa 25 mg di vitamina B6 al giorno, anche se i livelli di omocisteina nel sangue sono leggermente elevati.[9] [10]

Fabbisogno giornaliero della vitamina B6

Secondo la DGE (Società Tedesca per la Nutrizione) per prevenire una carenza è necessario l'apporto giornaliero delle seguenti quantità di vitamina B6.[11]

  • neonati da 0 a 4 mesi: 0,1 mg
  • neonati da 4 a 12 mesi: 0,3 mg
  • bambini da 1 a 4 anni: 0,4 mg
  • bambini da 4 a 7 anni: 0,5 mg
  • bambini da 7 a 10 anni: 0,7 mg
  • bambini da 10 a 13 anni: 1,0 mg
  • bambini da 13 a 15 anni: 1,4 mg
  • adulti da 15 a 19 anni: da 1,2 a 1,6 mg
  • adulti da 19 a 65 anni: da 1,2 a 1,5 mg
  • adulti dai 65 anni in su: da 1,2 a 1,4 mg
  • donne in gravidanza dal 4° mese: 1,9 mg
  • donne che allattano: 1,9 mg

Interpretazione delle linee guida

Le raccomandazioni della Società Tedesca per la Nutrizione si rivolgono principalmente a persone sane. Il fabbisogno giornaliero è calcolato in modo che una persona sana non soffra di carenza di vitamina B6.

Essendo un coenzima, la B6 è coinvolta in molti processi metabolici e svolge un ruolo, tra l'altro, nella gestione dell'infiammazione. Le persone che soffrono di infiammazione cronica o acuta hanno di conseguenza un maggiore fabbisogno di vitamina B6.[12]

Bisogna inoltre ricordare che il corpo ha accesso solo ad una parte della quantità di sostanza vitale assorbita dal cibo. La vitamina B6 viene assorbita principalmente nell'intestino tenue e in particolare nel digiuno. In una persona sana, il tasso di assorbimento è del 70-75 per cento.

In caso di colonizzazione errata o di infiammazione dell'intestino tenue, il tasso di assorbimento può risultare ridotto. Una parte della vitamina è prodotta anche da batteri intestinali per aumentare la quantità di piridossina disponibile. Le malattie del tratto gastrointestinale contrastano questa sintesi di B6 e fanno aumentare significativamente il fabbisogno di vitamina B6 dal cibo.[13]

Sovraddosaggio di vitamina B6

Le vitamine sono essenziali per il corpo umano, in quanto supportano varie funzioni corporee e fanno parte dei processi metabolici essenziali. Tuttavia, il modo di dire 'Nel più ci sta il meno' non si applica all'assunzione dei preparati vitaminici, poiché un sovradosaggio di tali sostanze vitali può portare ad effetti collaterali indesiderati. È possibile un sovradosaggio anche quando si assume la vitamina B6?Se sì, come si riconoscere?

Sovradosaggio solo in caso di assunzione di grandi quantità

Sintomi di sovradosaggio si verificano solo quando la vitamina B6 è assunta in dosi troppo elevate per un periodo da 12 a 40 mesi. Infatti, l'assunzione a lungo termine di dosi da 1000 mg a 6000 mg di vitamina B6 può portare a disturbi neurologici.

Questi si manifestano principalmente attraverso disturbi del coordinamento dei movimenti (atassia). Le persone colpite si muovono in modo scoordinato e soffrono di movimenti eccessivi. Possono anche provare sensazioni cutanee come formicolii o intorpidimento delle estremità del corpo.

Altri sintomi di sovraddosaggio sono lesioni cutanee dolorose e disturbi allo stomaco e all'intestino come nausea, diarrea o bruciore di stomaco. Per evitare i sovradosaggi, il Food and Nutrition Board (FNB) raccomanda di non assumere più di 100 mg di vitamina B6 al giorno.[14] [2]

Vitamina B6 per vegani e vegetariani

In tutto il mondo, circa 75 milioni di persone sono vegetariane e non mangiano carne e prodotti a base di carne. Sempre più persone decidono anche di adottare una dieta vegana. Le ragioni sono varie: la decisione di fare a meno della carne e di altri prodotti animali può avere motivazioni culturali, etiche o economiche.

Una dieta senza prodotti animali può avere senso anche dal punto di vista della salute. Uno stile di vita vegetariano o vegano può infatti ridurre il rischio delle malattie tipiche della civiltà come il diabete mellito o l'arteriosclerosi.[15]

Una dieta vegetariana o vegana equilibrata di solito copre completamente il fabbisogno di nutrienti e sostanze vitali come minerali, oligoelementi e vitamine. L'unica eccezione è la vitamina B12, che in una dieta vegana deve essere assuntacon gli integratori alimentari o gli alimenti arricchiti. A differenza della vitamina B12, la B6 si trova sia negli alimenti vegetali che in quelli di origine animale.

Fonti vegetalidi vitamina B6

Buone fonti vegetali di vitamina B6 sono le verdure amidacee come patate e i vari tipi di frutta e,in termini di quantità,non sono inferiori a quelle animali.

Ad esempio, mentre una porzione di fegato di manzo contiene circa 0,9 mg di B6, una porzione di ceci ha un contenuto di B6 di circa 1,1 mg. Inoltre, la vitamina B6 che si trova nelle piante è relativamente stabile al calore.

Sono soprattutto gli alimenti animali a perdere la B6 quando vengono riscaldati. Una dieta vegetariana o vegana non è quindi un fattore di rischio per la carenza di vitamina B6.[16]

Vitamina B6 e PMS

Nei giorni precedenti l'inizio delle mestruazioni, molte donne soffrono di disturbi fisici e psicologici, noti come sindrome premestruale o PMS. I sintomi tipici della sindrome premestruale comprendono dolore, stanchezza, ritenzione idrica e stati d'animo depressivi.

Si stima che una donna su tre in età fertile soffra di sindrome premestruale. Diversi studi suggeriscono che l'assunzione di integratori di vitamina B6 può aiutare a ridurre tali sintomi.

Sebbene anche i sintomi generali siano ridotti, l'assunzione di cloridrato di piridossina e di altri integratori alimentari contenenti B6 ha un effetto particolarmente marcato sugli sbalzi d'umore che possono verificarsi nella sindrome premestruale.

La vitamina svolge un ruolo significativo nella produzione dei neurotrasmettitori serotonina e dopamina, che, tra le altre cose, sono responsabili del benessere mentale ed emotivo.

Influenzando il metabolismo dei messaggeri, la vitamina B6 può quindi presumibilmente sollevare e/o stabilizzare l'umore prima e durante le mestruazioni. [17] [18]

In particolare l'assunzione combinata di magnesio e vitamina B6 per un periodo di almeno 2 mesi mostra un effetto significativo in termini di disturbi come depressione, sbalzi d'umore, stanchezza e irritabilità.[19]

Vitamina B6 e insonnia

L'insonnia è sempre caratterizzata da un sonno troppo scarso. Le persone affette hanno problemi ad addormentarsi e/o si svegliano più volte durante la notte e non riesco a riaddormentarsi.

Anche il formicolio alle gambe (restless legs) o il russare possono disturbare il sonno. La melatonina ormonale,prodotta nella ghiandola pineale del cervello dal neurotrasmettitore serotonina,gioca un ruolo decisivo nella regolazione sonno-veglia. Oltre alla serotonina e alla melatonina, viene coinvolta nel processo del sonno anche la sostanza messaggera dopamina.[20] [21]

La carenza di vitamina B6 può causare disturbi del sonno

Nella sua forma attiva P5P, la vitamina B6 è coinvolta nella sintesi di neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina. La sostanza messaggera serotonina è formata dall'amminoacido triptofano.

Il corpo ha bisogno di acido folico per convertire il triptofano nel precursore della serotonina 5-idrossi-triptofano (5-HTP). La vitamina B6 è necessaria affinché il 5-HTP si trasformi in serotonina.

La conversione dell'amminoacido L-3,4-diidrossifenilalanina (L-DOPA) in dopamina può essere ottenuta anche utilizzando solo la vitamina B6. Un sufficiente apporto di vitamina B6 contribuisce quindi al giusto equilibrio dei neurotrasmettitori. Dopamina, serotonina e melatonina sono necessarie per addormentarsi, facilitano il passaggio al sonno profondo e riducono i risvegli notturni.[22]

La vitamina B6 e la sindrome delle gambe senza riposo

Dal 2 al 10 per cento della popolazione soffre della cosiddetta sindrome delle gambe senza risposo (Restless Legs Syndrome -RLS), un disturbo neurologico caratterizzato da un impulso a muovere le gambe.

In genere, questi disturbi si verificano soprattutto in situazioni di riposo e sono quindi una causa frequente di disturbi del sonno. Tutte le vitamine del gruppo B e quindi anche la vitamina B6 svolgono un ruolo decisivo nella funzionalità del sistema nervoso e possono quindi alleviare i sintomi della malattia.

Gli esperti sospettano inoltre che la sindrome delle gambe senza riposo sia (in parte) causata da un'alterazione del metabolismo della dopamina. Per questo motivo, per trattare la malattia vengono utilizzati i cosiddetti agonisti della dopamina, i quali agiscono sui recettori come il neurotrasmettitore dopamina.

La vitamina B6 può essere utile per sostenere la stimolazione della sintesi della dopamina. Soprattutto le persone che devono assumere il farmaco Lurasidone a causa di un disturbo bipolare possono beneficiare di un'assunzione supplementare di B6. Il Lurasidone è un neurolettico atipico che causa la RLS come effetto collaterale comune.[23]

Vitamina B6 e depressione

La depressione ha un quadro clinico sfaccettato. Le cause e i fattori scatenanti delle malattie mentali non sono ancora chiari. Oltre agli aspetti psicosociali, come le precedenti esperienze traumatiche o il sovraffaticamento cronico, vengono spesso considerati come cause anche gli aspetti neurobiologici, come lo squilibrio dei neurotrasmettitori in alcune regioni del cervello o la carenza di micronutrienti.

Il collegamento tra omocisteina, depressione e vitamina B6

In vari studi è stata trovata una connessione significativa tra un elevato livello di omocisteina nel sangue e la comparsa di sintomi depressivi. L'omocisteina è un amminoacido naturale che viene prodotto come prodotto intermedio nel cosiddetto metabolismo della metionina.

Troppa omocisteina nel sanguefavorisce lo sviluppo di varie malattie. Oltre all'acido folico e alla vitamina B12, la vitamina B6 svolge un ruolo decisivo nell'abbassamento dei livelli di omocisteina, in quanto può essere utilizzata per convertire l'omocisteina in cisteina, un amminoacido molto meno dannoso. Il livello di omocisteina può essere significativamente ridotto con l'assunzione di vitamina B12, acido folico e vitamina B6.[24] [25]

Vitamina B6 nel metabolismo dei neurotrasmettitori

Agendosull'equilibrio dei neurotrasmettitori, la vitamina B6 è fortemente coinvolta nella regolazione dell'umore e anche della memoria. Questo è uno dei motivi per cui la vitamina viene utilizzata come supporto terapeutico nel trattamento della depressione. Ad esempio, la vitamina B6 contribuisce alla produzione dei neurotrasmettitori serotonina, noradrenalina e dopamina.

Una carenza di vitamina B6 può portare a disturbi dell'equilibrio dei neurotrasmettitori e quindi a significative limitazioni funzionali della funzionalità nervosa. Per questo, un insufficiente apporto di vitamina B6 può contribuire allo sviluppo di disturbi neurologici e psicologici come la depressione.

Gli studi suggeriscono anche che la vitamina B6 possa supportare in modo significativo la terapia con gli antidepressivi. Gli antidepressivi non solo hanno un effetto più rapido quando vengono assunti anche la vitamina B6, B12 e l'acido folico, ma le ricadute sono meno frequenti.[26] [27]

I risultati degli studi sono contrastanti?

Anche se ci sono ripetute indicazioni di un effetto positivo della vitamina B6 sugli stati d'animo depressivi, non tutti gli studi possono confermarlo. Ad esempio, uno studio del 2016 ha dimostrato che la vitamina B6 previene la depressione soprattutto nelle donne.

Negli uomini un alto livello di vitamina B12 ha avuto un effetto protettivo. Tuttavia, l'effetto positivo della vitamina B6 sulla depressione nelle donne non ha potuto essere confermato in vari studi sulla depressione post-partum.

In sintesi, il ruolo effettivo della vitamina B6 nello sviluppo della depressione non è stato ancora completamente chiarito. Tuttavia, gli studi indicano che gli integratori alimentari contenenti vitamina B6 o B12 e acido folico possono essere adatti per il trattamento di sostegno e la prevenzione delle malattie mentali.[28] [29] [30]

Vitamina B6 - demenza e Alzheimer

La demenza è un quadro clinico neurologico caratterizzato dalla progressiva perdita delle capacità mentali. Le malattie neurodegenerative colpiscono soprattutto le persone di età superiore ai 65 anni. La forma più conosciuta e più comune è il morbo di Alzheimer (AD), conosciuta anche come malattia di Alzheimer.

In Germania ci sono circa 1,6 milioni di persone affette da demenza, di cui 2/3 con diagnosi di Alzheimer. Ogni anno si verificano 300.000 nuovi casi - a causa dei cambiamenti demografici ci si aspetta che questo numero aumenti ulteriormente.[31]

Cosa causa il morbo di Alzheimer?

Nel morbo di Alzheimer si verifica una perdita lenta e progressiva delle cellule nervose nel cervello. Le aree più colpite sono quelle responsabili della memoria, del linguaggio e dell'orientamento.

Le 2 proteine ß-amiloide e tau, che si agglomerano per formare le cosiddette'placche', giocano un ruolo importante nella perdita delle cellule nervose. Tale perdita compromette anche la trasmissione del segnale nel tessuto cerebrale ancora sano. Le ragioni di ciò sono l'insufficiente produzione del trasmettitore acetilcolina e l'eccessiva secrezione della sostanza messaggera glutammato.

Si ritiene che la demenza in generale e il morbo di Alzheimer in particolare siano causati da fattori genetici ed epigenetici. Oltre agli acidi grassi omega e alle vitamine B12, B9, C, A e D, la vitamina B6 è uno dei fattori che possono ridurre il rischio di demenza.[32] [33]

La vitamina B6 può aiutare la demenza e il morbo di Alzheimer?

Vari studi condotti su persone anziane e persone affette da demenza mostrano che l'assunzione di vitamina B6, per lo più in combinazione con la vitamina B12 e l'acido folico, può alleviare i sintomi delle malattie neurodegenerative.

Ad esempio, le vitamine del gruppo B possono ridurre il livello di ß-amiloidi nel sangue, che sono il componente principale delle placche senili e quindi anche il principale fattore scatenante del morbo di Alzheimer e di altre malattie correlate alla demenza.[34]

L'assunzione di 20 mg di vitamina B6 al giorno (in combinazione con 0,5 mg di vitamina B12 e 0,8 mg di acido folico) ha mostrato in uno studio effetti positivi sulle capacità cognitive. L'apporto di sostanze vitali ha rallentato la decomposizione della sostanza cerebrale (atrofia) e quindi ha migliorato le prestazioni della memoria.[35]

Douaud et al. sono stati anche in grado di dimostrare con il loro studio che l'integrazione di vitamine del gruppo B può rallentare l'atrofia tipica della demenza della massa grigia del cervello.[36]

Epilessia e vitamina B6

Il termine tecnico 'epilessia' copre vari disturbi neurologici con una vasta gamma di sintomi. In sostanza, si parla di epilessia quando un paziente ha ripetute crisi epilettiche.

Lo 0,5-1 per cento della popolazione soffre di epilessia, rendendo questa malattia uno dei disturbi neurologici più comuni. Un attacco epilettico è una scarica spontanea di cellule nervose o associazioni di cellule nervose del sistema nervoso centrale che si culminano nelle convulsioni.

Nel sistema nervoso, in caso di epilessia,è presente uno squilibrio tra l'effetto dei neurotrasmettitori GABA e il glutammato. Di conseguenza, l'eccitabilità e la probabilità di convulsioni viene aumentata.[37]

Epilessie dipendenti dalla vitamina B6

L'epilessia dipendente dalla vitamina B6 è anche conosciuta come epilessia dipendente dalla piridossina o PDE. È caratterizzata da crisi epilettiche che si verificano nei neonati a poche ore dalla nascita.

In alcuni casi il bambino soffre anche di crisi epilettiche nel grembo materno. Il neonato può mostrare anche anomalie neurologiche tra i singoli attacchi di convulsioni, causati da difetti congeniti nel metabolismo della vitamina B6 o associati all'inattivazione di tale vitamina.

Se si sospetta un'epilessia dipendente dalla vitamina B6, ai pazienti vengono iniettati in vena da 50 a 100 mg di piridossina. Nell'85% dei neonati i sintomi mostrano un netto miglioramento. I pazienti con PDE devono integrare la vitamina B6 per il resto della loro vita.[38]

Interazione tra le vitamine del gruppo B e l'epilessia

I pazienti epilettici presentano spesso un deficit nel loro equilibrio vitaminico. Per esempio, hanno di solito una scarsa disponibilità di vitamina B12; gli uomini epilettici hanno spessoanche un basso livello di vitamina B6.

Una delle ragioni di queste carenze sono i farmaci che i pazienti affetti da epilessia ricevono. Il valproato, in particolare, può avere un effetto negativo sull'apporto di sostanze vitali se assunto per un lungo periodo di tempo. Negli epilettici trattati a lungo termine, il livello di vitamine deve quindi essere controllato a intervalli regolari. [39]

Vitamina B6, omocisteina ed epilessia

Negli esperimenti sugli animali, i ricercatori sono riusciti a provocare crisi epilettiche nei ratti iniettando omocisteina. L'omocisteina e altri metaboliti contenenti zolfo come l'acido omocisteico sono apparentemente in grado di stimolare i cosiddetti recettori NMDA.

L'iperstimolazione di questi recettori del glutammato può innescare un attacco epilettico. L'omocisteina riduce anche la disponibilità dell'adenosina, che agisce come anticonvulsivo nell'organismo, cioè come protezione contro le crisi tonico-cloniche.

Poiché i farmaci antiepilettici possono compromettere notevolmente il folato e il metabolismo di B12 e B6, gli epilettici hanno spesso elevati livelli di omocisteina nel sangue. Questi possono essere ridotti con l'assunzione di vitamina B6, B12 e acido folico. La terapia con la vitamina B6 può quindi alleviare le crisi epilettiche non solo nell'epilessia dipendente dallavitamina B6, ma anche in altre forme di malattie neurologiche. [40] [41] [42] [43]

Vitamina B6 e cancro

Nell'Unione Europea, il cancro è la seconda principale causa di morte subito dopo le malattie cardiovascolari. Circa 1/5 di tutti i decessi sono dovuti al cancro. Ogni anno, in Europa il cancro viene diagnosticato a 2,5 milioni di persone.

Le ragioni sono molteplici. Ad esempio, le tossine come quelle contenute nelle sigarette possono aumentare significativamente il rischio di cancro. Secondo le stime dell'OMS, fino al 30% di tutti i tumori sono dovuti a una dieta non corretta e squilibrata. Per i tumori del tratto gastrointestinale, la percentuale arriva al 70 per cento.[44]

La vitamina B6 può ridurre il rischio di cancro?

Uno studio su larga scala del 2017 con 27.853 partecipanti allo studio di età superiore ai 45 anni ha indagato la connessione tra l'assunzione di vitamine del gruppo B attraverso il cibo e gli integratori alimentari e il rischio di cancro al seno. Un'assunzione sufficiente attraverso il cibo e gli integratori alimentari è correlata in modo significativo con un minor rischio di cancro al seno.[45]

In altri studi, livelli sierici più elevati di vitamina nel sangue hanno mostrato una correlazione con un minor rischio di cancro ai polmoni. Pare anche esserci una correlazione significativa tra la vitamina B6 e il cancro al colon.[46] [47]

Tuttavia, sembra fare la differenza quale forma di vitamina viene fornita. In uno studio del 2018 Matsuo et al. hanno studiato l'effetto della vitamina B6 sulla crescita e la proliferazione delle cellule del melanoma.

Il melanoma maligno è un tumore maligno delle cellule pigmentate della pelle. Lo studio ha dimostrato che la vitamina B6 sotto forma di piridossale potrebbe rallentare la crescita delle cellule e la proliferazione. Al contrario, l'effetto inibitore della crescita della vitamina B6 sotto forma di piridossina era piuttosto debole.[48]

Danni al DNA dovuti alla carenza di nutrienti?

Una possibile spiegazione del collegamento tra la carenza di vitamina B6 e l'aumento del rischio di cancro si trova nelle dichiarazioni del biologo molecolare e professore di biochimica Bruce Ames, che ha studiato l'influenza dei micronutrienti sul DNA umano e ha scoperto che una carenza di nutrienti come la vitamina B6, la vitamina B12, l'acido folico o la vitamina C porta a danni nel DNA.

Se mancano i nutrienti, i cromosomi sono più instabili e tendono a rompersi. L'effetto della carenza di vitamine e minerali sul DNA è addirittura paragonabile all'influenza dannosa della radioattività e di varie sostanze chimiche cancerogene.[49]

La vitamina B6 come fattore di rischio per il cancro ai polmoni?

Uno studio della Ohio State University contrasta con i risultati positivi dello studio sopra descritto. I ricercatori hanno valutato i dati di oltre 77.000 uomini e donne ed hanno esaminato il rapporto tra l'assunzione di integratori alimentari e il rischio di cancro.

È stato dimostrato che l'assunzione di vitamina B6 e vitamina B12 ha portato ad un rischio quasi raddoppiato di cancro ai polmoni negli uomini. I fumatori avevano persino un rischio quasi triplicato quando assumevano la vitamina B6 come mono-preparato. Questo effetto non è stato dimostrato nelle donne.

Tuttavia, i risultati dello studio sono controversi. In primo luogo, l'aumento del rischio si applica solo a dosi superiori a 20 mg di B6 al giorno per un periodo di 10 anni. D'altra parte, i ricercatori si sono basati solo sulle dichiarazioni delle persone che hanno condotto il test in questo studio, ma non le hanno verificate. Quindi non è chiaro quanta vitamina B6 le persone che hanno partecipato alla sperimentazione abbiano effettivamente assunto.[50]

Riassumendo:

Anche se non è stato ancora provato scientificamente nessun legame concreto tra la vitamina B6 e il cancro, ci sono numerose indicazioni che un buon apporto di vitamina B6 possa avere un effetto protettivo. È quindi consigliabile assicurarsi di avere un adeguato livello di vitamina B6.

Vitamina B6 in gravidanza, allattamento e sviluppo del bambino

L'apporto di vitamine del gruppo B è particolarmente importante durante la gravidanza. Il fabbisogno di vitamina B6 è leggermente aumentato sia durante la gravidanza che durante l'allattamento. Secondo le raccomandazioni del DGE, le donne incinte o che allattano dovrebbero assumere circa 1,9 mg di vitamina B6 al giorno.

La piridossina non solo supporta il metabolismo del nascituro nella conversione di grassi, carboidrati e proteine, ma svolge anche un ruolo nello sviluppo del cervello, del sistema nervoso e nella produzione di globuli rossi (eritrociti).

Vitamina B6 per la nausea mattutina

Soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza molte donne soffrono di nausea e vomito. Il disagio e la nausea si manifestano più frequentemente al mattino e sono spesso vissuti come estremamente stressanti.

In uno studio di carattere generale del 2016, i ricercatori hanno raccolto i farmaci per il trattamento della nausea mattutina per valutarne l'efficacia, trovando prove che lo zenzero e la vitamina B6 possono alleviare le sgradevoli nausee mattutine.

In particolare in caso di nausea mattutina da leggera a moderata durante la gravidanza, si consiglia un'integrazione di B6 con un dosaggio da 10 mg fino a25 mg per 3 volte al giorno,dopo aver consultato il ginecologo curante.[51]

La vitamina B6 rappresenta un pericolo per il nascituro?

Ci sono alcune prove nella letteratura scientifica che l'assunzione di vitamina B6 nei primi mesi di gravidanza possa portare a deformità nel nascituro. Tuttavia, una ricerca più dettagliata suggerisce che l'assunzione di 100 mg di vitamina B6 al giorno nei primi mesi di gravidanza non abbiaalcun effetto negativo sulla salute del nascituro o sul suo peso alla nascita.[52] [53]

Embryotox, il Centro di Farmacovigilanza e Consulenza per la Tossicologia Embrionica della Charité University Medicine di Berlino, raccomanda l'integrazione con la vitamina B6 in gravidanza solo se ci sono ragioni terapeutiche come il trattamento con l'isoniazide o il dolore neuropatico.

Secondo Embryotox, per il trattamento della nausea mattutina in gravidanza non va mai superata la dose giornaliera di 80 mg. Va sempre notato che, a causa del trasporto placentare attivo, le concentrazioni nel nascituro sono circa il doppio di quelle della madre.[54]

La vitamina B6 può inibire la produzione di latte

I risultati di alcuni studi suggeriscono che la vitamina B6 in dosi più elevate (da 200 a 600 mg al giorno) possa inibire la produzione di latte. Tuttavia, uno studio di carattere generale del 2017 non conferma questa relazione. Gli esperimenti comprendevano 7 prove che hanno coinvolto 1155 donne, 271 delle quali stavano assumendo piridossina.

Solo 2 studi hanno mostrato una connessione tra l'assunzione di vitamina B6 e la riduzione della produzione di latte. Gli altri studi non hanno potuto dimostrare questo effetto inibitore. Ad un dosaggio normale fino a 20 mg al giorno, è molto probabile che non ci siano effetti sulla produzione di latte.[55]

Vitamina B6 negli alimenti

La vitamina B6 è fra quelle sostanze vitali onnipresenti. Ciò significa che si trovano in quasi tutti gli alimenti animali e vegetali. Mentre la piridossina è principalmente un componente degli alimenti vegetali, il piridossale, la piridossamina e i corrispondenti esteri dell'acido fosforico si trovano soprattutto negli alimenti di origine animale.

Presenza negli alimenti della vitamina B6 (espressa in mg per 100 g)

Carne

  • pollo: 0,50
  • manzo: 0,50
  • oca: 0,58
  • fegato di maiale: 0,59

Latte, latticini e uova

  • latticello: 0,04
  • yogurt: 0,05
  • formaggio cagliato: 0,08
  • uova: 0,12

Verdure

  • cetriolo: 0,04
  • asparagi: 0,06
  • verza: 0,20
  • valeriana: 0,25
  • patate: 0,30
  • carote: 0,30
  • cavolini di Bruxelles: 0,30

Pesce

  • ippoglosso: 0,42
  • sardina: 0,97
  • aragosta: 1,18
  • salmone: 0,98

Prodotti cerealicoli

  • fiocchi d'avena: 0,16
  • pane bianco: 0,02
  • riso naturale: 0,28
  • crusca: 0,73

Legumi

  • fagioli bianchi: 0,41
  • piselli: 0,12
  • ceci: 0,54
  • lenti: 0,60
  • soia: 1,00

nbsp;[56]

Mentre la vitamina B6 proveniente dalle piante è relativamente stabile al calore, la perditadi tale sostanza vitale durante la cottura degli alimenti da fonti animali arriva fino al 45%. Anche durante la sterilizzazione del latte si verificano perdite di circa il 40%.

Va inoltre notato che il piridossale e la piridossamina, così come gli esteri dell'acido fosforico, sono estremamente sensibili alla luce UV. Per questo motivo, il contenuto di vitamina B6 in una bottiglia di latte di vetro trasparente esposta alla luce del sole si riduce della metà nel giro di poche ore.

Come regola generale, si deve tener conto di una perdita di circa il 20% anche se gli alimenti vengono maneggiati con delicatezza e conservati in modo adeguato. Tuttavia, una dieta sana con frutta e verdura sufficienti e una composizione equilibrata di pasti con diversi ingredienti copre generalmente il fabbisogno giornaliero raccomandato.[57]

Effetti collaterali della vitamina B6

Non ci si devono aspettare effetti collaterali se si seguono le corrette istruzioni di dosaggio. L'uso prolungato di compresse o capsule in dosi eccessive può causare nausea, vomito e sintomi neurologici. In alcuni casi viene aumentata la sensibilità della pelle alla luce. La somministrazione di alte dosi di vitamina B6 può portare nei neonati ad un aumento di sonnolenza, mancanza d'aria e apatia.[58]

Interazioni con la vitamina B6

La vitamina B6 ha interazioni con vari farmaci che influenzano i livelli di vitamina B6.

Interazioni con il farmaco Cicloserina

La Cicloserina, antibiotico ad ampio spettro utilizzato principalmente per il trattamento della tubercolosi, è associata ad una maggiore escrezione di vitamina B6 attraverso i reni. Si sospetta che la perdita della vitamina attraverso i reni sia almeno in parte responsabile della neurotossicità del farmaco. L'integrazione della vitamina B6 durante l'assunzione dell'antibiotico può contrastare questi effetti collaterali.[59]

Vitamina B6 e farmaci antiepilettici

I farmaci per l'epilessia con i principi attivi valproato, carbamazepina e fenitoina possono abbassare il livello di vitamina B6 nel sangue e allo stesso tempo aumentare il livello di omocisteina. Questo aumenta significativamente il rischio di crisi epilettiche negli epilettici.[60]

Teofillina e vitamina B6

La teofillina è un principio attivo del gruppo dei farmaci antiasmatici utilizzati per il trattamento dell'asma bronchiale e della BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). I pazienti trattati con un farmaco contenente teofillina hanno una minore concentrazione di vitamina B6 nel sangue. Questo può portare a disturbi neurologici durante l'assunzione del farmaco.[61]

Vitamina B6 e contraccettivi orali

Solo in Germania circa 6 milioni di donne assumono regolarmente la pillola contraccettiva. I preparati ormonali contengono diverse combinazioni di estrogeni e progestinici, a seconda del preparato. Vari studi indicano che i contraccettivi per le donne possono portare a carenze di micronutrienti.

Oltre alla vitamina B6, sono particolarmente colpite le vitamine B2, B12, C, il magnesio e lozinco. Si sospetta che la perdita di B6 sia dovuta ad un aumento del consumo di enzimi dipendenti dalla B6. È possibile che i bassi livelli di B6 siano dovuti anche a processi infiammatori acuti innescati dalla pillola.

Ad esempio, le donne che assumono contraccettivi orali spesso hanno livelli elevati di infiammazione nel sangue. La carenza di B6 indotta dagli estrogeni può portare a disturbi del metabolismo dei neurotrasmettitori e avere un effetto negativo sulla funzione del sistema nervoso centrale. Questo può manifestarsi in depressione, nervosismo o irritabilità. Tutti e 3 i sintomi sono effetti collaterali comuni dei contraccettivi orali.

Uno studio di intervento randomizzato, controllato con placebo, condotto da Fäth-Neubauer et al. ha dimostrato che l'integrazione di sostanze nutritive può migliorare soggettivamente la qualità della vita delle donne che assumono la pillola. Questa autovalutazione delle donne potrebbe in realtà essere dimostrata da un miglioramento misurabile del loro stato di vitamina e serotonina.[62]

Interazioni ed effetti sinergici con altre vitamine e sostanze nutritive

La vitamina B6 reagisce e interagisce con una varietà di nutrienti e sostanze vitali. Per un utilizzo ottimale della singola vitamina, si raccomanda di aggiungere combinazioni di sostanze nutritive, le quali spesso migliorano l'assorbimento e l'effetto delle singole sostanze.

Vitamina B6, vitamina B12 e acido folico

La vitamina B6, così come le vitamine B12 e l'acido folico,è coinvolta nel cosiddetto metabolismo monocarbonico. Il metabolismo C1 comporta varie reazioni biochimiche in cui vengono trasferiti composti chimici con un singolo atomo di carbonio.

L'organismo ha bisogno delle 3 vitamine per disattivare la dannosa omocisteina e prevenire così i disturbi del sistema nervoso e le malattie cardiovascolari. Mentre la vitamina B12 rende l'omocisteina momentaneamenteinnocua attraverso la metilazione diretta, l'acido folico assicura il mantenimento di questo stato.

La vitamina B6 contribuisce anche ad una conversione dell'amminoacidoin una forma innocua. Quindi, affinché il metabolismo C1 funzioni senza problemi, è necessaria l'interazione di tutte e 3 le vitamine. Effetti sinergici simili si possono osservare quando la vitamina B6 viene assunta in combinazione con altre vitamine del gruppo B, come la vitamina B3 (niacina) e la vitamina B7 (biotina)).[63]

Vitamina B6 e magnesio

Il magnesio appartiene ai minerali essenziali e deve quindi essere fornito all'organismo dall'esterno. È coinvolto nella divisione cellulare, nella funzionalità nervosa e nella contrazione muscolare. Anche la formazione delle ossa e la regolazione dell'attività cardiaca sono strettamente legate all'apporto di magnesio.

Una carenza di magnesio può portare a crampi muscolari, depressione, stanchezza, vertigini o aritmia cardiaca. Per un migliore assorbimento del magnesio dall'intestino nel sangue e nelle cellule del corpo, si consiglia di assumere il minerale in combinazione con la vitamina B6. [64]

Analisi della vitamina B6

Se si sospetta una carenza di vitamina B6, si raccomanda di far analizzare il livello di vitamina nel sangue. Le persone che hanno un aumentato rischio di carenza di vitamina B6 dovrebbero anche avere i loro livelli misurati a intervalli regolari.

Come viene testata la vitamina B6?

Per valutare l'apporto di vitamina B6, si determina il livello di piridossalfosfato nel sangue. I valori di riferimento variano a seconda del laboratorio. Oltre all'esame del sangue può essere eseguito anche un esame delle urine, in cui viene misurata la sostanza cistationina, marcatore di una carenza di B6.

La formazione e la degradazione della cistationina sono catalizzate da enzimi che richiedono la vitamina B6 come cofattore. Per questo, un aumento della cistationina nelle urine può essere visto come una chiara indicazione di una carenza funzionale di vitamina B6.[65]

Studi e referenze

  1. Feng J He, Graham A MacGregor.Beneficial effects of potassium.https://doi.org/10.1136/bmj.323.7311.497
  2. National Institutes of Health.Vitamn B6 Dietary Supplement Fact Sheet.Office of Dietary Supplements (ODS).
  3. Allgood, Victoria E., Cidlowski, John A.Novel role for vitamin B6 in steroid hormone action: a link between nutrition and the endocrine system.The Journal of Nutritional Biochemistry, Volume 2, Issue 10, 1991, 523-534.
  4. C-H Cheng, S-J Chang, B-J Lee, K-L Lin & Y-C Huang.Vitamin B6 supplementation increases immune responses in critically ill patients.Eur J Clin Nutr, 2006, 60(10), 1207-1213.
  5. Schmidt J, Prof.Häufigkeit, Ursachen und Risikogruppen des Vitamin B12-Mangels.
  6. Bundesministerium für Ernährung, Landwirtschaft und Verbraucherschutz.Nationale Verzehrstudie II.
  7. Domke A., Großklaus R., Niemann B et al.Verwendung von Vitaminen in Lebensmitteln – Toxikologische und ernährungsphysiologische Aspekte.Bundesinstitut für Risikobewertung, 2004.
  8. Higdon Jane, et al.Vitamin B6.Oregon State University, Linus Pauling Institute, Micronutrient Information Center.
  9. World Health Organization.WHO Model Prescribing Information: Drugs Used in Mycobacterial Diseases.WHO Library Cataloguing in Publication Data, 1991.
  10. Stanger O., Herrmann W., Pietrzik K. et al.Konsensuspapier der D.A.CH.-Liga Homocystein über den rationellen klinischen Umgang mit Homocystein, Folsäure und B-Vitaminen bei kardiovaskulären und thrombotischen Erkrankungen – Richtlinien und Empfehlungen.Journal für Kardiologie, Vol. 10(5), 2003, 190-199.
  11. Deutsche Gesellschaft für Ernährung e.V.Referenzwerte Pyridoxin (Vitamin B6).
  12. Bird Ranjana P.The Emerging Role of Vitamin B6 in Inflammation and Carcinogenesis.Advances in Food and Nutrition Research, Vol. 83, 2018, 151-194.
  13. Gregory III Jesse F.The Bioavailability of Vitamin B6.Annals of the New York Academy of Sciences, Vol. 585 (1), 1990, 86-95.
  14. Institute of Medicine. Food and Nutrition Board.Dietary Reference Intakes: Thiamin, Riboflavin, Niacin, Vitamin B6, Folate, Vitamin B12, Pantothenic Acid, Biotin, and Cholineexternal link disclaimer.Washington, DC: National Academy Press, 1998.
  15. American Dietetic AssociationPosition of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets.Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, Vol. 109 (7), 2009, 1266-1282.
  16. National Institutes of HealthVitamin B6 Dietary Supplement Fact Sheet.
  17. Whelan AM, Jurgens TM, Naylor H.Herbs, vitamins and minerals in the treatment of premenstrual syndrome: a systematic review.Database of Abstracts of Reviews of Effects (DARE), 2009.
  18. Brush MG., Bennett T., Hansen K.Pyridoxine in the treatment of premenstrual syndrome: a retrospective survey in 630 patients.The Journal of the Royal College of General Practioners, Vol. 39(326), Sep. 1989, 364-368.
  19. Stewart A.Clinical and biochemical effects of nutritional supplementation on the premenstrual syndrome.The Journal of Reproductive Medicine, Vol. 32(6), 1987, 435-441.
  20. Fathizadeh N., Ebrahimi E., Valiani M. et al.Evaluating the effect of magnesium and magnesium plus vitamin B6 supplement on the severity of premenstrual syndrome.Iranian Journal of Nursing and Midwifery Research, Vol. 15(1), 2010, 401-405.
  21. Holst SC. et al.Dopaminergic role in regulating neurophysiological markers of sleep homeostasis in humans.The Journal of Neuroscience Vol. 34(2), 2014, 566-573.
  22. SJ Torres, CA Nowson.Relationship between stress, eating behavior, and obesity.Nutrition. 2007 Nov-Dec;23(11-12):887-94. Epub 2007 Sep 17.
  23. V Lerner, J Bergman, N Statsenko et al.Vitamin B6 treatment in acute neuroleptic-induced akathisia: a randomized, double blind, placebo-controlled study.Journal of Clinical Psychiatry, Vol.68(7), 2007, 1031-1037.
  24. Biselli P.M., Sanches de Alvarenga M.P., Abbud-Filho M. et al.Effect of folate, vitamin B6, and vitamin B12 intake and MTHFR C677T polymorphism on homocysteine concentrations of renal transplant recipients.Transplant Proceedings, Vol. 39 (10), 2007, 3163-3165.
  25. Kumar A., Palfrey H.A., Pathak R et al.The metabolism and significance of homocysteine in nutrition and health.Nutrition and Metabolism, Vol. 22 (14), 2017.
  26. Almeida O.P., Ford A.H., Singh V. et al.B vitamins to enhance treatment response to antidepressants in middle-aged and older adults: results from the B-VITAGE randomised, double-blind, placebo-controlled trial.The British Journal of Psychiatry, Vol. 205 (6), 2014, 450-457.
  27. Mesripour A., Hajhashemi V., Kuchak A.Effect of concomitant administration of three different antidepressants with vitamin B6 on depression and obsessive compulsive disorder in mice models.Research in Pharmaceutical Sciences, Vol. 12 (1), 2017, 46-52.
  28. Gougeon L, Payette H, Morais JA et al.Intakes of folate, vitamin B6 and B12 and risk of depression in community-dwelling older adults: the Quebec Longitudinal Study on Nutrition and Aging.European Journal of Clinical Nutrition, Vol. 70 (3), 2016, 380-385.
  29. Miyake Y., Sasaki S., Tanaka K. et al.Dietary folate and vitamins B12, B6, and B2 intake and the risk of postpartum depression in Japan: the Osaka Maternal and Child Health Study.Journal of Affective Disorders, Vol. 96 (1-2), 2006, 133-138.
  30. Livingston J E, MacLeod P., Applegarth D. A.Vitamin B6 status in women with postpartum depression.American Journal of Clinical Nutrition, Vol. 31 (5), 1978, 886-891.
  31. Deutsche Alzheimer Gesellschaft e.V.Informationsblatt 1 Die Häufigkeit von Demenzerkrankungen.
  32. Nicolia V., Lucarelli M., Fuso A.Environment, epigenetics and neurodegeneration: Focus on nutrition in Alzheimer's disease.Experimental Gerontology, Vol. 68, 2015, 8-12.
  33. Athanasopoulos D, Karagiannis G, Tsolaki M.Recent Findings in Alzheimer Disease and Nutrition Focusing on Epigenetics.Advances in Nutrition, Vol. 7 (5), 917-927.
  34. Flicker L, Martins RN, Thomas J.B-vitamins reduce plasma levels of beta amyloid.Neurobiology of Aging, Vol. 29 (2), 2008, 303-305.
  35. Smith AD, Smith SM, de Jager CA, et. al.Homocysteine-lowering by B vitamins slows the rate of accelerated brain atrophy in mild cognitive impairment: a randomized controlled trial.PLoS One, Vol. 5 (9), 2010, e12244.
  36. Douaud G, Refsum H, de Jager CA, et. al.Preventing Alzheimer's disease-related gray matter atrophy by B-vitamin treatment.Proc Natl Acad Sci U S A., Vol. 110 (23), 2013 9523-9528.
  37. Brandt Christian.Epilepsien in Zahlen.Informationszentrum Epilepsie (ize) der Dt. Gesellschaft für Epileptologie e.V, 2016.
  38. Plecko B, Abela L.Vitamin-B6-abhängige Epilepsien – ein Update.Epileptologie, Vol.33, 2016, 102-109.
  39. Krause, K.-H.Welche Auswirkungen hat ein Mangel an Vitamin B1, B2 und B6 bei langzeitbehandelten Epileptikern.Therapiewoche, Vol. 14, 1990, 977-986.
  40. Clayton P.T.B6-responsive disorders: A model of vitamin dependency.Journal of Inherited Metabolic Disease, Vol. 29 (2-3), 2006, 317-326.
  41. Hammond E.J., Hurd R.W., Wilder B.J. et al.Focal and generalized experimental seizures induced by homocysteine.Electroencephalography and Clinical Neurophysiology, Vol. 49 (1-2), 1980, 184-186.
  42. Abushik P.A., Niittykoski M., Giniatullina R., et al.The role of NMDA and mGluR5 receptors in calcium mobilization and neurotoxicity of homocysteine in trigeminal and cortical neurons and glial cells.Journal of Neurochemistry, Vol. 129 (2), 2014 2014, 264-274.
  43. Belcastro V., Striano P.Antiepileptic drugs, hyperhomocysteinemia and B-vitamins supplementation in patients with epilepsy.Epilepsy Research, Vol. 102 (1-2), 2012, 1-7.
  44. Weltgesundheitsorganisation.Krebs und schlechte Ernährung sind miteinander verknüpft.Regionalbüro für Europa.
  45. Egnell M., Fassier P., Lécuyer L. et al.B-Vitamin Intake from Diet and Supplements and Breast Cancer Risk in Middle-Aged Women: Results from the Prospective NutriNet-Santé Cohort.Nutrients, Vol. 9 (5), 2017, 16-32.
  46. Hartman T. J., Woodson K., Stolzenberg-Solomon R. et al. Association of the B-vitamins pyridoxal 5'-phosphate (B(6)), B(12), and folate with lung cancer risk in older men.American Journal of Epidemiology, Vol. 153, 2001 688-694.
  47. Zhang S. M., Moore S. C., Lin J., et al. Folate, vitamin B6, multivitamin supplements, and colorectal cancer risk in women.American Journal of Epidemiology, Vol. 163, 2006, 108-115
  48. Matsuo T., Fujiwara A., Nakamura K. et al. The effects of vitamin B6 compounds on cell proliferation and melanogenesis in B16F10 melanoma cells.Oncology Letters, Vol. 15 (4), 2018, 5181-5184.
  49. Ames B. N.DNA damage from micronutrient deficiencies is likely to be a major cause of cancer.Mutation Research/Fundamental and Molecular Mechanisms of Mutagenesis, Vol. 475 (1-2), 2001, 7-20.
  50. Brasky Theodore M., White E., Chen Chi-Ling.Long-Term, Supplemental, One-Carbon Metabolism–Related Vitamin B Use in Relation to Lung Cancer Risk in the Vitamins and Lifestyle (VITAL) Cohort.Journal of Clinical Oncology, Vol. 35 (30), 2017, 3440-3448.
  51. O´Donnell A., McParlin C., Robson S.C. et al.Treatments for hyperemesis gravidarum and nausea and vomiting in pregnancy: a systematic review and economic assessment.Health Technol Assess, Vol. 20 (74), 2016, 1-268
  52. Simpson JL, Bailey LB, Pietrzik K et al.Micronutrients and women of reproductive potential: required dietary intake and consequences of dietary deficiency or excess. Part I--Folate, Vitamin B12, Vitamin B6.J Matern Fetal Neonatal Med., Vol. 23 (12), 2010, 1323-1343.
  53. Shrim A, Boskovic R, Maltepe C.Pregnancy outcome following use of large doses of vitamin B6 in the first trimester.J Obstet Gynaecol, Vol. 26 (8), 2006, 749-751.
  54. EmbryotoxArzneimittelsicherheit in Schwangerschaft und Stillzeit.
  55. AlSaad D, Awaisu A, Elsalem S et al.Is pyridoxine effective and safe for post-partum lactation inhibition? A systematic review.Journal of Clinical Pharmacy and Therapeutics, Vol. 42 (4), 2017, 373-382.
  56. U.S. Department of Agriculture.U.S. Department of Agriculture.USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24. Nutrient Data Laboratory Home Page.
  57. Bognár, A.Vitaminverluste bei der Lagerung und Zubereitung von Lebensmitteln.Ernährung / Nutrition, Vol. 19 (10), 1995, 478-483.
  58. National Institutes of HealthVitamin B6 Dietary Supplement Fact Sheet.
  59. World, Health Organization.Companion Handbook to the WHO Guidelines for the Programmatic Management of drug-resistant tuberculosis.2011.
  60. Apeland T, Froyland ES, Kristensen O et al.Drug-induced pertubation of the aminothiol redox-status in patients with epilepsy: improvement by B-vitamins.Epilepsy Res, Vol. 82 (1-6), 2008.
  61. Bender DA.Non-nutritional uses of vitamin B6.Br J Nutr, Vol. 81, 1999, 7-20.
  62. Fäth-Neubauer B, Viebahn I.Der Einfluss eines speziellen Mikronährstoff-Präparats auf den Mikronährstoff-Status und das psychische Wohlbefinden von Frauen, die orale Kontrazeptiva verwenden.Biogena Studie, 2012.
  63. Selhub J.Folate, vitamin B12 and vitamin B6 and one carbon metabolism.J Nutr Health Aging, Vol. 6 (1), 2002, 39-42.
  64. Abraham GE, Schwartz UD, Lubran MM.Effect of vitamin B-6 on plasma and red blood cell magnesium levels in premenopausal women.Ann Clin Lab Sci, Vol. 11(4), 1981, 333-336.
  65. Kuklinski B.Nitrosativer Stress - Teil 1.Internationales Journal für orthomolekulare und verwandte Medizin, Sonderdruck Nr. 124, 2008, 1-19.

Prodotti consigliati

I vostri vantaggi

  • CONSEGNA GRATUITA

  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

  • COMODO PAGAMENTO

    PayPal, Carta di credito, Addebito diretto

Cosa dicono di noi i nostri clienti