Zinco - un oligoelemento vitale

Zinco: effetto, dosaggio, carenza ed effetti collaterali - VitaminExpress

Lo zinco svolge un ruolo essenziale per un sistema immunitario forte e per la produzione di energia. È inoltre coinvolto nella produzione di ormoni tiroidei e sessuali, promuove la costruzione dei muscoli, favorisce la guarigione delle ferite e previene la perdita dei capelli.

La carenza di zinco può portare ad un calo delle prestazioni, ad una riduzione della libido e ad una maggiore suscettibilità alle infezioni.

Lo zinco è uno degli oligoelementi vitali che devono essere forniti all'organismo ogni giorno.

L’oligoelemento zinco è coinvolto in numerosi processi metabolici. Ad esempio, svolge un ruolo importante nei processi di crescita del corpo e nel rafforzamento del sistema immunitario, oltre ad essere coinvolto nella produzione di numerosi enzimi.

Dopo il ferro, lo zinco è l'oligoelemento che si trova più frequentemente nel corpo. Per evitare una carenza di zinco, è importante garantirne una fornitura sufficiente e regolare. Ad esempio, le atlete e le donne in gravidanza o in allattamento hanno una maggiore necessità di zinco.

Effetti dello zinco

Lo zinco ha così tanti benefici per la salute che è quasi impossibile descriverli tutti qui. Lo zinco è importante per il sistema immunitario, la riduzione delle infiammazioni, le funzioni cognitive, come antiossidante e molto altro ancora!

Lo zinco è un minerale essenziale che si trova in tutti gli organi, tessuti e fluidi del corpo.

In quanto secondo oligoelemento più comune nel corpo dopo il ferro, svolge un ruolo decisivo in diversi processi biologici, e soprattutto nella produzione di energia e nella formazione di nuovi tessuti, nonché nella costruzione dei muscoli. Lo zinco rende la pelle più bella e rafforza le ossa, i capelli e le unghie.

Lo zinco è necessario per l'azione di oltre 300 enzimi coinvolti nella sintesi e nel metabolismo di carboidrati, grassi, proteine, acidi nucleici e altri micronutrienti.

Inoltre favorisce la guarigione delle ferite e ha anche un effetto antinfiammatorio. Gli effetti positivi di questo minerale includono anche il rafforzamento del sistema immunitario. È indispensabile per la formazione dei globuli bianchi ed è contenuto, tra l'altro, negli ormoni tiroidei e sessuali (ad esempio il testosterone) e nell'insulina.

Lo zinco svolge anche un ruolo nella stabilizzazione delle strutture cellulari e degli organi, nelle difese immunitarie, nella divisione cellulare, nella crescita, nella coagulazione del sangue, nella funzione tiroidea, nella vista, nel gusto e nell'olfatto. [1]

Viene consumato costantemente e richiede perciò un'assunzione regolare attraverso il cibo.

Poiché lo zinco gioca un ruolo così critico all’intero del sistema immunitario, la carenza di zinco contribuisce in modo significativo al carico globale delle malattie ed è quindi un importante problema della salute in generale.[2]

I gruppi a rischio per la carenza di zinco includono le persone con disturbi digestivi, i vegetariani, le donne in gravidanza e in allattamento, gli alcolisti e le persone con anemia falciforme.[3]

Lo zinco è raccomandato in caso di

  • aumento del fabbisogno di zinco per gli atleti agonisti
  • dieta sbilanciata o a basso contenuto di zinco (ad esempio, in una dieta vegana o vegetariana)
  • un sistema immunitario indebolito o con infezioni croniche e acute
  • problemi della pelle (tra cui allergie, acne, neurodermite)
  • aumento delle perdite di zinco, ad esempio in occasione di gravi diarree
  • durante la gravidanza e l'allattamento

Zinco nel cibo

Tra le buone fonti di zinco vi sono le carni rosse, i frutti di mare (soprattutto le ostriche), i latticini, le noci, i legumi e i prodotti integrali. Tuttavia, lo zinco viene assorbito più facilmente se assunto dalla carne e da altre proteine animali.

Anche alcuni formaggi sono dei buoni fornitori di zinco. Fra gli alimenti vegetali, ad esempio, sostengono l'apporto di zinco dell'organismo i cereali integrali, i fiocchi d'avena e i legumi come le lenticchie o i piselli. Anche la maggior parte della frutta a guscio è considerata ricca di zinco.

Purtroppo, le verdure, i cereali e le noci non costituiscono però una fonte ideale perché contengono fitato, un composto presente nelle piante che impedisce l'assorbimento ottimale dello zinco.[4]

La carenza di zinco e le sue conseguenze

Non c'è nessun’altra sostanza che possa sostituire lo zinco nell'organismo umano. Se non viene regolarmente garantita una fornitura adeguata, può verificarsi una carenza di zinco. Una carenza moderata di solito porta a sintomi sistematici piuttosto aspecifici che spesso rimangono a lungo inosservati.

I possibili sintomi della carenza di zinco includono: [5] [6] [7] [8] [9]

  • stanchezza, mancanza di motivazione
  • mancanza di concentrazione, difficoltà di apprendimento
  • aumento della suscettibilità alle infezioni e alle infiammazioni
  • guarigione lenta delle ferite
  • infiammazione cutanee
  • perdita o diradamento dei capelli
  • unghie fragili o con macchie bianche
  • alterazioni della crescita
  • diminuzione dell'interesse sessuale
  • disturbi delle percezioni sensoriali
  • infezioni fungine
  • funghi ai piedi
  • sbalzi d'umore
  • depressione
  • anemia
  • perdita di peso e/o di appetito
  • disturbi dello sviluppo (nei bambini)
  • disturbi della crescita (nei bambini)
  • eruzioni e lesioni cutanee

Dosaggio dello zinco

A volte, anche con una dieta variata, il fabbisogno giornaliero di zinco non può essere coperto a sufficienza. Normalmente si suppone che l'assunzione di zinco da parte degli uomini debba essere di 9-10 mg, mentre le donne hanno bisogno di circa 7 mg di zinco al giorno.

L'assunzione giornaliera di zinco raccomandata dalla Società Tedesca per la Nutrizione (DGE) dipende dall'età e dal peso, con diversi valori guida per uomini e donne.

I seguenti valori indicativi sono espressi in milligrammi (mg) al giorno:[10]

  • neonati fino a 4 mesi: 1 mg
  • neonati da 4 a 12 mesi: 2 mg
  • bambini da 1 a 4 anni: 3 mg
  • bambini da 4 a 7 anni: 5 mg
  • bambini da 7 a 10 anni: 7 mg
  • bambini da 10 a 13 anni: ragazzi: 9 mg; ragazze: 7 mg
  • bambini da 13 a 15 anni: ragazzi: 9,5 mg; ragazze: 7 mg
  • adolescenti dai 15 anni in su e adulti: uomini: 10 mg; donne: 7 mg
  • donne in gravidanza dal 4° mese: 10 mg
  • donne in allattamento: 11 mg

Gli integratori alimentari sotto forma di compresse o capsule di zincopossono costituire un supporto utile nel fornire zinco al corpo umano in caso di una carenza o di un aumentato fabbisogno di zinco.

Effetti collaterali dello zinco e sovradosaggio

Lo zinco appartiene al gruppo dei metalli e può avere un effetto tossico se assunto in grandi quantità. L'assunzione massima raccomandata di zinco è di 40 mg per gli adulti. Possibili segni di avvelenamento acuto da zinco sono nausea e vomito, perdita di appetito, diarrea, crampi addominali e mal di testa.

Un sovradosaggio cronico di zinco (a partire da 150 mg/giorno) può portare a cambiamenti nei depositi di ferro o rame del corpo, così come ad una compromissione del sistema immunitario. Non si deve quindi superare la massima assunzione di zinco raccomandata.[11]

Per chi è particolarmente importante lo zinco?

  • atleti
  • persone con carenza di zinco
  • persone con problemi alla pelle
  • donne in gravidanza e allattamento
  • persone con un sistema immunitario indebolito
  • persone con un maggiore fabbisogno di zinco a causa dell'assunzione di farmaci
  • vegani e vegetariani

Zinco e sistema immunitario

Lo zinco è essenziale per il normale sviluppo e la funzionalità di molte cellule immunitarie.[12] A causa del ruolo critico che lo zinco svolge nel sistema immunitario, anche una sua lieve carenza può influenzare le difese immunitarie e aumentare il rischio di infezioni batteriche, virali e parassitarie.[13]

In condizioni cliniche associate ad immunodeficienza (ad esempio, anemia falciforme, infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV), sindrome di Down, e in pazienti anziani), l'integrazione di zinco può ripristinare l'attività naturale delle cellule killer, la produzione di linfociti e la resistenza alle infezioni.[14] [15]

Studi su pazienti sieropositivi con bassi livelli di zinco nel sangue dimostrano che un'integrazione sostenuta con lo zinco è associata ad un ridotto rischio di infezioni e di malattie.[16] [17] Tuttavia, l'integrazione deve essere usata con cautela, poiché un eccesso di zinco può peggiorare i sintomi della malattia.[18] [19]

Le persone affette da acrodermatite enteropatica (sindrome da carenza ereditaria di zinco, un disturbo genetico che influenza l'assorbimento dello zinco) hanno alti tassi di infezione, ma l'integrazione con zinco in dosi terapeutiche porta al loro recupero completo.[20]

Molti studi hanno dimostrato che nei neonati e nei bambini dei paesi in via di sviluppo la somministrazione di zinco ha ridotto la durata, la gravità e la frequenza della diarrea acuta e cronica, delle infezioni acute delle basse vie respiratorie e della malaria.[21] [22]

Effetti benefici simili sono stati segnalati per altre malattie infettive che colpiscono gli adulti, tra cui la shigellosi (dissenteria batterica), la lebbra, la tubercolosi, la leishmaniosi, l'epatite C e il comune raffreddore (aumentando le citochine Th1).[23] [24]

D'altra parte, livelli di zinco eccessivi possono ridurre le difese immunitarie. Uno studio in giovani uomini sani ha dimostrato che alte dosi di zinco hanno ridotto diverse funzioni immunitarie, tra cui l'attivazione dei linfociti e la fagocitosi dei neutrofili.[25]

Lo zinco agisce come antiossidante

Uno studio in persone anziane ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco potrebbe ridurre i perossidi di grasso nel sangue.[26]

In un altro studio, lo zinco ha ridotto le rotture del DNA nelle donne. Le rotture del DNA sono comunemente usate come marcatore parametrico per determinare la quantità di lesioni indotte dallo stress ossidativo. [27]

Lo zinco è stato inoltre in grado di ripristinare i livelli normali degli scavenger di radicali superossido nello sperma degli uomini con astenospermia (scarsa motilità dello sperma). .[28]

Inoltre, lo zinco ha protetto i topi dallo stress ossidativo indotto dalle radiazioni.[29]

L'integrazione con lo zinco ha dimostrato un'ulteriore efficacia nel trattamento del morbo di Wilson, un disturbo in cui il rame si accumula nei tessuti.[30]

Lo zinco aiuta anche a prevenire la morte delle cellule cutanee a causa dello stress ossidativo e delle tossine batteriche.[31] [32]

Zinco e infiammazioni

Lo zinco inibisce la produzione di molte citochine infiammatorie inibendo il NF-kB.[12]

Studi su persone anziane (che spesso soffrono di carenza di zinco) dimostrano che lo zinco sopprime l'infiammazione abbassando le citochine e altri marcatori infiammatori.[33] [34]

Lo zinco mostra efficacia anche in una varietà di condizioni infiammatorie, tra cui la sindrome dell'intestino irritabile, l'acne e l'asma. [35] [36]

In un modello di topo invecchiato, l'integrazione con lo zinco ha portato ad un minore aumento dei marcatori infiammatori dovuto all'età.

Zinco e reazioni autoimmuni

Molti studi dimostrano che lo zinco può sopprimere le reazioni immunitarie indesiderate (ad esempio l'autoimmunità e i rigetti dei trapianti) stimolando le cellule T regolatorie.[37] [38]

Uno studio in uomini sani ha mostrato che lo zinco potrebbe ridurre il tasso di rigetto dei trapianti, proteggendo il corpo dalle infezioni derivanti da un sistema immunitario depresso.

Nei modelli murini di sclerosi multipla e artrite, lo zinco è stato in grado di migliorare i sintomi della malattia riducendo l'infiammazione, sopprimendo la proliferazione delle cellule T e aumentando le cellule T regolatorie.[39] [40] [41]

Nelle colture di linfociti misti, le cellule T regolatorie indotte dallo zinco hanno contribuito a ridurre il rigetto dei trapianti diminuendo le citochine infiammatorie e la proliferazione delle cellule T.

Allo stesso modo, lo zinco ha ridotto il rigetto del trapianto di cuore nei modelli murini impedendo la morte del tessuto del trapianto (inibendo la caspasia-3). [42]

Nei pazienti con artrite reumatoide sono stati osservati cambiamenti positivi in termini di gonfiore articolare, rigidità mattutina e tempi di deambulazione dopo la terapia con lo zinco. [43] [44] [45]

Zinco per allergia e asma

In risposta al polline dell'erba, un allergene che è una delle principali cause della rinite allergica in molte parti del mondo, lo zinco ha aumentato le cellule T regolatorie e ha diminuito la proliferazione nelle cellule mononucleari del sangue periferico (PBMC) isolate dai soggetti allergici.[46]

Bassi livelli di zinco nel sangue sono associati a sintomi di asma più gravi nei bambini.[47]

Uno studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha migliorato i sintomi (ad esempio tosse, respiro affannoso e mancanza di respiro) nei bambini con asma.

Lo zinco potrebbe inoltre ridurre l'infiammazione respiratoria e l'iperreattività nei modelli murini di infiammazione allergica e asma.[34] [48]

Nei topi allergici, lo zinco è stato in grado di inibire la morte delle cellule epiteliali nel tratto respiratorio (inibendo la caspasia-3).

Lo zinco e la guarigione delle ferite

Lo zinco ha migliorato la riparazione delle ulcere della pelle nei diabetici.[49] La carenza di zinco è anche associata alla guarigione ritardata delle ferite.[50]

Gli studi sugli animali e sull'uomo dimostrano che la somministrazione di zinco può accelerare il processo di guarigione dopo operazioni, ustioni e altre ferite.

In applicazione topica, l'ossido di zinco ha migliorato la guarigione delle ferite escissionali nei ratti.

Zinco per le funzioni mentali

L'integrazione con lo zinco potrebbe migliorare il recupero cognitivo nelle persone con carenza di zinco che hanno avuto un ictus ischemico.[51]

Uno studio in doppio cieco nei bambini ha mostrato che l'integrazione di zinco ha portato a maggiori prestazioni neuropsicologiche, soprattutto in termini di attenzione e capacità di ragionamento, rispetto al gruppo di controllo.[52] [53]

Uno studio randomizzato ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha portato ad un aumento dell'attività, dello sviluppo mentale e della qualità motoria nei neonati e nei bambini.[54] [55]

Nei pazienti più anziani affetti da Alzheimer, la terapia a base di zinco protegge dal declino cognitivo abbassando i livelli di rame libero nel sangue, tossici per il cervello. [56] [57]

Molti studi su animali dimostrano che lo zinco in concentrazioni moderate è neuroprotettivo e aiuta a mantenere l'apprendimento e la memoria.[58] [59]

In un modello murino del morbo di Alzheimer, l'integrazione di zinco ha ridotto i fattori patologici associati alla progressione della malattia (ad esempio i carichi di proteine β amiloide e tau) e ha migliorato la funzione mitocondriale e il fattore di crescita BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello) nell'ippocampo.

Un altro studio ha dimostrato che l'integrazione materna con lo zinco ha migliorato l'apprendimento spaziale e la memoria nei cuccioli di ratto.

Uno studio ha rilevato che dosi moderate di zinco (12 mg/kg) hanno prolungato la sopravvivenza in un modello di topo ALS.[60]

Zinco e disturbi psichiatrici

Uno studio su pazienti affetti da OCD ha dimostrato che l'aggiunta di zinco alla terapia con fluoxetina è stata in grado di ridurre i sintomi (come valutato dalla scala ossessiva compulsiva Yale-Brown). [61] Poiché lo zinco può sopprimere il rilascio e la trasmissione di glutammato, può migliorare i sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo.[62]

Uno studio ha dimostrato che in combinazione con il metilfenidato (uno stimolante dell’SNC) l’integrazione dello zinco ha ridotto l’iperattività e l’impulsività nei bambini con ADHD.[63] [64]

Uno studio in uomini affetti da schizofrenia ha scoperto che lo zinco in combinazione con il risperidone ha migliorato molti sintomi associati al disturbo (ad esempio aggressività, allucinazioni e deliri). Questo effetto è in parte attribuito alle proprietà antiossidanti e antidepressive dello zinco.[65]

Zinco e autismo

Uno studio ha rilevato che le persone autistiche hanno livelli di zinco più bassi rispetto alle persone non autistiche. Nello studio, la gravità dei sintomi autistici (cioè la mancanza di consapevolezza, l’iperattività, la carenza di concentrazione e attenzione, il ridotto contatto visivo, la furtività, la sensibilità ai suoni, la sensibilità tattile e le crisi epilettiche) è diminuita dopo il trattamento con zinco e vitamina B6.[66]

Gli studi hanno scoperto che il trattamento prenatale di zinco ha impedito comportamenti di tipo autistico (ad esempio, deficit sociali indotti, comportamento ripetitivo e inflessibilità cognitiva) nei cuccioli di ratto, suggerendo un possibile legame tra la carenza di zinco e lo sviluppo dell'autismo.[67]

Uno studio recente ha mostrato che lo zinco inverte i cambiamenti delle cellule cerebrali causati dall'autismo: "Il nostro lavoro dimostra che anche le cellule portatrici di cambiamenti genetici associati all'autismo sono influenzate dallo zinco.”

"La nostra ricerca si concentra sulla proteinaShank3 che si trova nelle sinapsi del cervello ed è associata a disturbi dello sviluppo neurologico come l'autismo e la schizofrenia." "I pazienti umani con cambiamenti genetici nella Shank3 mostrano profondi deficit di comunicazione e di comportamento. In questo studio dimostriamo che la Shank3 è una componente chiave di un sistema di segnalazione sensibile allo zinco e regola il modo in cui le cellule cerebrali comunicano."

"È affascinante come i cambiamenti correlati all'autismo nel gene Shank3 influenzino la comunicazione delle cellule cerebrali", afferma la Dott.ssa Montgomery. "Questi cambiamenti genetici nello Shank3 non alterano la capacità di rispondere allo zinco."

"Di conseguenza, abbiamo dimostrato che lo zinco può aumentare la comunicazione tra le cellule cerebrali, che in precedenza era stata indebolita dai cambiamenti correlati all'autismo nella Shank3."

"I disturbi nella regolazione dello zinco nel corpo possono non solo influenzare il funzionamento delle sinapsi nel cervello, ma anche portare a disturbi cognitivi e comportamentali in pazienti affetti da disturbi psichiatrici."

"Insieme ai nostri risultati, i dati suggeriscono che fattori ambientali/nutrizionali come le variazioni dei livelli di zinco possono alterare il sistema di segnalazione di questa proteina e ridurre la sua capacità di regolare la funzione delle cellule nervose nel cervello", dice la Dott.ssa Montgomery.

Zinco per lo stress e l'umore

L'integrazione di zinco si è dimostrata efficace nel trattamento dei disturbi dell'umore (ad es. depressione e ansia) a livello clinico e nei modelli animali.[68] [69]

Lo zinco aumenta anche i livelli del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), che sono bassi nelle persone affette da depressione. Uno studio ha scoperto che la terapia a base di zinco è stata in grado di migliorare l'umore generale nei soggetti in sovrappeso, probabilmente aumentando i livelli di BDNF.[70]

Lo zinco controlla la morte delle cellule

Sia alte che basse concentrazioni intracellulari di zinco innescano l'apoptosi (una forma di morte cellulare programmata) in molti tipi di cellule.[71] [72]

Carenza di zinco e cancro

La carenza di zinco aumenta significativamente il rischio di cancro alla bocca, all'esofago e allo stomaco. Il tessuto del tratto digestivo è più suscettibile a causa dell'elevata esposizione alle tossine esterne.[73]

I bassi livelli di zinco nel sangue sono anche associati al cancro alla testa, al collo, ai polmoni, alla cistifellea, alla prostatae alle ovaie. [74] Il ripristino dei livelli di zinco può migliorare la funzione naturale delle cellule killer, essenziale per uccidere le cellule tumorali.[75] [76]

Lo zinco può inoltre bloccare la crescita dei tumori riducendo l'assorbimento del glucosio, impedendo la crescita di nuovi vasi sanguigni e inducendo la morte cellulare nelle cellule tumorali animali e umane.[77] [78] [79] [80]

Lo zinco è un antimicrobico

In dosi elevate, lo zinco inibisce la crescita di diverse specie batteriche, soprattutto di organismi gram-positivi.[81]

Lo zinco ha mostrato effetti antibatterici contro gli organismi aerobici e anaerobici nei canali radicali.[82]

Lo zinco ha inoltre inibito l'accumulo e la crescita dello Staphylococcus aureus (S.aureus) nel tessuto cutaneo.[83]

Lo zinco ha mostrato anche effetti antimicrobici nella guarigione delle ferite nei ratti.[84]

Zinco ed epilessia

Diversi studi hanno riportato una significativa diminuzione dei livelli di zinco nel sangue dei pazienti con epilessia persistente.[85] [86]

Uno studio sui bambini epilettici ha dimostrato che la zinco-terapia ha ridotto significativamente la frequenza delle crisi epilettiche nel 31% dei bambini trattati.[87]

L'integrazione con lo zinco potrebbe inoltre prolungare la latenza (il periodo tra un attacco e l'altro) delle crisi febbrili nei ratti.[88]

Lo zinco promuove la crescita

In una serie di studi, l'integrazione di zinco ha mostrato significativi effetti positivi nella misurazione dell'altezza e del peso dei bambini, soprattutto dei bambini sottopeso e con problemi di crescita.[89] [90]

Un'analisi degli studi sulla crescita nei bambini ha mostrato che una dose di 10 mg di zinco al giorno per 24 settimane ha portato ad un aumento dell’altezza netto di circa 0,37 cm nei bambini che hanno ricevuto l'integrazione di zinco rispetto ai bambini trattati con un placebo.[91]

Lo zinco aumenta anche la massa muscolare dei bambini.[92]

Zinco e intestino

L'integrazione con lo zinco ha un effetto protettivo sulla mucosa intestinale di modelli animali e sull'uomo in una varietà di malattie gastrointestinali (ad esempio malattie infiammatorie intestinali, tossicità alcolica e colite).[93]

Lo zinco ha stabilizzato la mucosa intestinale e ridotto le lesioni allo stomaco e all'intestino tenue migliorando i processi di riparazione intestinale nei ratti e nei topi.

Lo zinco ha anche protetto la mucosa intestinale dai danni causati dall'alcool nei ratti e nei topi.[94]

Lo zinco può prevenire la permeabilità intestinale, riducendo così il rischio di malattie infiammatorie intestinali.[95] [96] [97]

Uno studio su pazienti con dispepsia (disturbi digestivi) ha scoperto che l'infiammazione gastrica indotta dall’H.pylori è correlata negativamente con la concentrazione di zinco, suggerendo che lo zinco può ridurre il rischio di cancro allo stomaco, eliminando l'infiammazione gastrica.[98]

Lo zinco e la qualità del sonno

Le donne e i bambini con una maggiore concentrazione di zinco nel sangue hanno una migliore qualità del sonno.[99] Uno studio sui neonati ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco può prolungare la durata del sonno.

Lo zinco stimola l'appetito

Uno dei primi segni di carenza di zinco è la perdita di appetito.[100]

Uno studio nei ratti ha dimostrato che l'integrazione orale con zinco è stato in grado di stimolare drammaticamente l'assunzione di cibo (aumentando l'orexina e il neuropeptide Y).

Studi clinici in pazienti con anoressia nervosa (AN) mostrano una significativa associazione tra la malattia e i bassi livelli di zinco nel sangue.[101] [102]

Molti studi con l'integrazione orale con lo zinco hanno riportato un aumento dell'aumento di peso, della massa muscolare, dell'appetito, della sensibilità al gusto e dell'assunzione di cibo nei pazienti affetti da AN.[103] [104] [105]

Lo zinco e la salute della pelle

Lo zinco ha dimostrato di essere benefico per una varietà di malattie della pelle (ad esempio acne, verruche, rosacea, eczema, psoriasi, melasma e forfora). [20]

Nelle persone con acne vulgaris, i gruppi che hanno ricevuto lo zinco come integratore alimentare hanno mostrato un significativo miglioramento dei sintomi rispetto ai gruppi placebo.[106] [107]

Gli studi clinici in pazienti con verruche virali hanno portato ad una completa sparizione delle verruche per la maggior parte delle persone trattate con lo zinco.[108] [109]

Lo zinco mostra un'efficacia simile nel trattamento dell'herpes genitale (verruche genitali causate dal virus dell'Herpes simplex (HSV) 1 e 2). [110]

Uno studio condotto su persone affette da rosacea (una malattia infiammatoria cronica caratterizzata da arrossamento, capillari sottili e protuberanze rosse sul viso) ha dimostrato che lo zinco per via orale può ridurre i sintomi della malattia.[111]

L'integrazione con lo zinco mostra un'efficacia simile nel trattamento di altre malattie infiammatorie della pelle come la psoriasi e l'eczema, probabilmente a causa delle sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.[112]

Lo zinco può anche trattare l'eczema seborroico (forfora). Gli studi dimostrano che gli shampoo contenenti zinco possono ridurre significativamente le incrostazioni e le infiammazioni associate alla forfora.[113]

Il melasma è un’alterazione dei pigmenti della pelle che causa una colorazione della pellemarrone. Il trattamento con lo zinco è stato in grado di ridurre la gravità di questa malattia nei pazienti affetti da effetti collaterali minimi.[114]

Lo zinco protegge anche dai danni della pelle provocati dal sole, che possono causare l'invecchiamento della pelle e il cancro. Uno studio su esseri umani ha mostrato che l'integrazione orale con zinco protegge contro i raggi UV meglio dell'ossido di titanio.[115]

Zinco e perdita di capelli

In uno studio clinico, è stato dimostrato che lo zinco topico migliora la crescita dei capelli negli uomini calvi. Si ritiene che gli effetti antimicrobici, antinfiammatori, antiossidanti e antiandrogeni dello zinco sul cuoio capelluto siano potenzialmente coinvolti nella densità dei capelli. [116] [117] [118] [119]

Un altro studio in donne con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha avuto effetti positivi su una serie di sintomi, tra cui l'alopecia (perdita di capelli).[120]

Il trattamento con lo zinco ha anche invertito la perdita di capelli nei pazienti sottoposti a gastroplastica verticale (bendaggio gastrico), un'operazione chirurgica che può portare a carenza di zinco.[121]

Lo zinco protegge il fegato

L'integrazione con lo zinco nei modelli animali di malattie alcoliche del fegato (ALD) protegge il fegato bloccando la maggior parte dei meccanismi di danni al fegato (ad esempio la permeabilità intestinale, l'endotossinemia, lo stress ossidativo, la produzione di citochine infiammatorie in eccesso e la morte delle cellule epatiche).[122] [123]

Nei pazienti con cirrosi epatica non alcolica, l'integrazione di zinco ha migliorato la funzionalità epatica e ha impedito un eccessivo accumulo di rame, che può danneggiare il fegato (R). Lo zinco ha inoltre migliorato i risultati nei pazienti con epatite C, che, se non trattata, può portare a cicatrici al fegato.[124]

Zinco per ossa forti

Gli studi hanno scoperto che lo zinco può aumentare la densità e la forza delle ossa stimolando la formazione delle ossa e prevenendo la perdita ossea.[125]

Negli osteoblasti (le cellule che formano le ossa) dei topi, il trattamento con lo zinco ha stimolato l'attività di formazione delle ossa.[126]

Un altro studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha aumentato i marcatori di formazione ossea (cioè ALP, BAPE e BAP-M) negli uomini sani.[127]

Lo zinco è stato anche in grado di sopprimere l'attività delle fratture ossee nelle colture di midollo osseo di topo inibendo i marcatori di fratture ossee (ad esempio l'ormone paratiroideo e il PGE2).[128]

A causa dei suoi effetti di rafforzamento delle ossa, lo zinco ha dimostrato di proteggere da molte complicazioni legate alle ossa negli animali e nell'uomo.[129] [130]

Lo zinco e il cuore

Gli studi hanno dimostrato che nelle persone con arteriosclerosi (indurimento delle arterie), malattie cardiache, dolori al petto e attacchi di cuore i livelli di zinco sono spesso bassi.[131] [132] [133] [134]

Uno studio ha scoperto che un maggiore tasso di insufficienza cardiaca è associato a carenza di zinco.[135]

Altri studi hanno dimostrato che alte dosi di zinco sono state in grado di prevenire e trattare l'angina (dolore toracico) nei pazienti con aterosclerosi.[135]

L’integrazione di zinco ha protetto inoltre il cuore da lesioni da ictus in ratti e topi.[132]

Zinco e diabete

Gli ioni di zinco possono legarsi ai recettori dell'insulina e attivare le vie di segnalazione dell'insulina.[136]

Imitando l'insulina, lo zinco riduce l'eccessiva secrezione di insulina da parte delle cellule pancreatiche, le quali proteggono il tessuto pancreatico dai danni.[137]

Lo zinco migliora anche la solubilità dell'insulina nelle cellule pancreatiche e aumenta il legame dell'insulina al suo recettore.[138]

A causa del ruolo essenziale dello zinco nella lavorazione, nello stoccaggio e nella secrezione di insulina, una carenza può portare ad un aumento della resistenza all'insulina.[139]

Uno studio ha rilevato che i pazienti prediabetici avevano maggiori probabilità di soffrire di carenza di zinco.[138]

Altri studi hanno trovato alte percentuali di carenza di zinco nei pazienti con diabete di tipo 2.[140]

Gli studi sulle donne riferiscono che una maggiore assunzione di zinco nella dieta può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.[141] [140]

Diversi studi hanno scoperto che l'integrazione di zinco ha ridotto i livelli di glucosio nel sangue a digiuno e ha migliorato la sensibilità all'insulina nei modelli animali diabetici e negli esseri umani. [142] [142] [143] [144]

Lo zinco ha anche ridotto la gravità della neuropatia diabetica (dolore ai nervi), lo stress ossidativo e i livelli di colesterolo/trigliceridi nei diabetici di tipo 2.[145] [146] [144] [147]

Zinco e dieta

La leptina è un ormone che svolge un ruolo importante nel controllo dell'appetito e del peso. Bassi livelli di zinco possono portare alla riduzione della produzione di leptina dalle cellule di grasso nei ratti e negli esseri umani.[148] [149] [147]

Il ripristino dei livelli di zinco negli uomini con una carenza marginale di zinco ha portato ad un aumento dei livelli di leptina nel sangue (forse a causa di elevati IL-2 e TNF-alfa).[150]

Zinco e fertilità maschile

La concentrazione di zinco seminale è positivamente correlata con il numero, la motilità e la vitalità di spermatozoi.[151] [152] [153] Ciò è probabilmente dovuto al ruolo che lo zinco svolge nella stabilizzazione delle membrane cellulari e del DNA (riducendo il danno ossidativo) degli spermatozoi e migliorando la spermatogenesi (la formazione di nuovi spermatozoi). [154]

Dosi da basse a moderate (12-120 mg/kg) di zinco sembrano migliorare la funzione riproduttiva nei ratti.

Lo zinco si trova in alte concentrazioni nella prostata e nei testicoli ed è coinvolto nella sintesi del testosterone.[154] [155]

Negli uomini sterili (con basso livello di testosterone nel sangue) l’integrazione di zinco ha portato ad un aumento del numero di spermatozoi, di testosterone, di diidrotestosterone (DHT) e della fertilità.[156]

L'effetto di miglioramento del testosterone dello zinco potrebbe aiutare ad aumentare la libido e le prestazioni sessuali negli uomini con disfunzione erettile, che spesso hanno bassi livelli di testosterone.[157] [158] [159]

Lo zinco può anche ridurre i danni ossidativi ai testicoli. Nei ratti, lo zinco ha dimostrato di preservare la funzione testicolare (misurata in base al peso testicolare, alla concentrazione di sperma e ai livelli di testosterone) in risposta allo stress ossidativo indotto dal fumo di sigaretta.

Zinco per la fatica

Basse concentrazioni di zinco nel sangue sono associate a molti sintomi della sindrome da affaticamento cronico (ad es. stanchezza, depressione e difficoltà di concentrazione).

Uno studio ha dimostrato che i livelli di zinco nel sangue nei pazienti con sindrome da affaticamento cronico (CFS) erano significativamente inferiori al normale e che la gravità della sindrome era correlata negativamente con i livelli di zinco. Lo studio ha concluso che lo zinco può essere efficace nell'attenuare i sintomi del CFS grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.[160]

L'infiammazione intestinale (causata da una perdita intestinale) è comune nelle persone con CFS.[161]

Uno studio ha scoperto che il trattamento delle perdite intestinali con una miscela di sostanze antinfiammatorie e antiossidanti, tra cui lo zinco, ha portato nei pazienti CFS a un significativo miglioramento dei sintomi.[162]

Zinco e prestazioni sportive

Uno studio sui lottatori ha scoperto che un allenamento pesante può ridurre significativamente gli ormoni tiroidei e i livelli di testosterone, portando all'esaurimento. Tuttavia, l'integrazione con lo zinco potrebbe prevenire questa conseguenza, suggerendo che l'assunzione di zinco (in dosi fisiologiche) può beneficiare le prestazioni atletiche. Un altro studio su uomini sedentari ha mostrato risultati simili.[163]

Zinco e coagulazione del sangue

Studi sull'uomo dimostrano che lo zinco è coinvolto nella regolazione dei fattori protrombotici (formazione di coaguli di sangue) e antitrombotici (prevenzione dei coaguli di sangue) derivati dalle piastrine e dal lume dei vasi sanguigni.[164] [165]

L'iperzincinemia (alti livelli di zinco nel sangue) può causare la coagulazione del sangue durante l'ipozincinemia (bassi livelli di zinco nel sangue) portando a tempi di coagulazione del sangue prolungati. Entrambe le condizioni causano un deterioramento dell'aggregazione piastrinica e un'emorragia anomala.[165]

Uno studio ha scoperto che il ripristino dei livelli di zinco negli uomini con carenza di zinco ha portato alla normalizzazione dell'aggregazione piastrinica e del tempo di coagulazione.[166]

Zinco durante la gravidanza

Bassi livelli di zinco nel sangue sono associati a complicazioni della gravidanza (ad esempio, aborto spontaneo, preeclampsia, gravidanza prolungata, parto prematuro e sviluppo fetale anormale).[167] [168] [169]

Gli studi hanno dimostrato che l'integrazione di zinco da parte della madre (se si ha una carenza di zinco o si è sottopeso) può ridurre il rischio di parto prematuro e proteggere dai danni fetali dovuti all'esposizione all'alcool.[170] [171]

Uno studio ha scoperto che le madri indiane che hanno ricevuto un’integrazione di zinco hanno avuto gravidanze più lunghe e bambini con pesi più sani.[172]

Un altro studio su donne in gravidanza (con bassi livelli di zinco nel sangue) ha mostrato che l'integrazione di zinco (25mg/giorno) ha aumentato significativamente il peso alla nascita del neonato e le circonferenze della testa durante la seconda metà della gravidanza.[173]

Si pensa che questi effetti benefici siano il risultato della capacità dello zinco di inibire la morte delle cellule embrionali, di aumentare i fattori di crescita (ad esempio IGF, PDGF e FGF) e di ridurre i danni ossidativi, contribuendo così a promuovere uno sviluppo sano del feto.[167] [174]

Lo zinco e la salute delle donne

La carenza di zinco è associata a squilibri ormonali che possono portare a problemi di funzione ovarica, irregolarità mestruali e infertilità.[175]

Diversi studi hanno scoperto che la somministrazione orale di zinco (in combinazione con l'acido mefenamico e da solo) potrebbe ridurre la gravità e la durata dei dolori mestruali nelle donne.[169] [176] [177]

Questi effetti sono probabilmente dovuti all'inibizione del metabolismo delle prostaglandine nell'utero da parte dello zinco, che porta a ridurre i crampi dolorosi nel basso addome.[178]

Nelle donne con la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), l'insulino-resistenza può portare ad un aumento della produzione di ormoni androgeni (ad esempio testosterone e DHEA), con conseguente calvizie, crescita dei peli del corpo, ciclo irregolare e infertilità.[179]

Gli studi hanno scoperto che l'integrazione con lo zinco può abbassare i livelli di insulina e migliorare i sintomi della malattia (ad esempio, la crescita dei peli del corpo e la calvizie) nelle donne con PCOS.[180] [120]

Le donne con endometriosi (una condizione in cui il tessuto interno dell'utero cresce al di fuori dell'utero) hanno mostrato bassi livelli di zinco nel sangue.[181]

Uno studio ha riportato che l'assunzione di antiossidanti (come vitamina C, vitamina E, selenio e zinco) è stato inversamente correlato con la gravità della progressione dell'endometriosi nelle donne, suggerendo che lo zinco può rallentare lo sviluppo di questo disturbo.[181]

Zinco per il dolore

Lo zinco ha dimostrato di avere proprietà analgesiche in una serie di studi sugli animali.[182] [183]

Nei ratti con lesioni del nervo sciatico, l'iniezione di cloruro di zinco ha notevolmente alleviato l'iperalgesia termica (aumento della sensibilità al dolore) in base alla dose assunta.[182]

Un altro studio ha dimostrato che i sali di zinco sono stati in grado di sopprimere il dolore nei topi esposti a una serie di stimoli dolorosi (ad esempio calore e sostanze chimiche irritanti).[184]

Nei pazienti con malattia epatica cronica, lo zinco ha ridotto la frequenza e la gravità dei crampi muscolari. [185] Si ritiene che lo zinco allevi parzialmente il dolore legandosi al recettore NMDA (come antagonista) coinvolto nell'avvio del dolore.

Zinco per il senso del gusto

La carenza di zinco è associata ad una ridotta sensibilità al gusto.[186]

Questo può essere dovuto al fatto che la gustina (o anidrasi carbossilica VI), un enzima dipendente dallo zinco, non è molto attiva quando le concentrazioni di zinco nella saliva sono basse.[187]

Uno studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha portato ad un aumento del senso del gusto (giudicato dalle soglie di accettazione del sale) negli adolescenti indiani (che spesso soffrono di carenza di zinco).[188]

Zinco per i disturbi dell'udito

La carenza di zinco è associata a una riduzione dell'udito nei topi e nei ratti e può essere curata con un'integrazione di zinco.[189]

Questo è probabilmente il risultato dell'effetto protettivo dello zinco (che aumenta la SOD) contro le tossine nelle strutture dell'orecchio (ad es. coclea e vestibolo).[190]

Le persone con acufene (ronzio nelle orecchie) hanno livelli di zinco più bassi nel sangue.[191] [192]

Uno studio ha riportato che l'integrazione con lo zinco (50 mg/giorno) per due mesi è stata in grado di ridurre la gravità dell'acufene nell'82% dei pazienti.[191]

In un altro studio è stato scoperto che l'integrazione di zinco al corticosterone orale è stata associata ad un miglioramento dei sintomi nelle persone con improvvisa perdita dell'udito neurosensoriale (sordità improvvisa per motivi sconosciuti) rispetto al solo corticosterone.[193]

L'otite media (OM) è un'infezione dell'orecchio medio. Uno studio ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco potrebbe ridurre significativamente il tasso di otite media nei bambini sani provenienti da aree a basso reddito.[194]

Zinco e durata di vita

Si presume che lo stress ossidativo acceleri il processo di invecchiamento. Lo zinco è un componente chiave della superossido-dismutasi Cu/Zn (Cu/Zn-SOD), un potente enzima che neutralizza i radicali superossidi.[195] [196]

Uno studio ha scoperto che i vermi (ad esempio S.cerevisiae) e i topi geneticamente modificati per avere alti livelli di SOD avevano una durata di vita più lunga.

Le mutazioni del gene SOD sono associate a molte malattie legate all'età (ad esempio la SLA, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e il cancro). [197]

Anche le infiammazioni sono coinvolte nel processo di invecchiamento. [198]

È stato dimostrato che gli integratori di zinco riducono nei pazienti anziani l'infiammazione, lo stress ossidativo e il tasso di infezione.[199]

Ad esempio, lo zinco può promuovere la longevità grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, soprattutto nei pazienti più anziani che spesso soffrono di carenza di zinco.

Lo zinco e la tiroide

Negli studi sugli animali e sull'uomo, la carenza di zinco è associata ad una diminuzione della funzione tiroidea (dovuta a bassi livelli di triiodotironina (T3) e tiroxina libera (FT4) nel sangue). [200] [201]

Nell'uomo, l'integrazione con lo zinco ha dimostrato di avere effetti efficaci sulla funzione tiroidea.[202] [203]

Nei pazienti ipotiroidei disabili sottoposti a terapia anticonvulsivante (con deficit di zinco da lieve a moderato), l'integrazione con zinco è stata in grado di normalizzare i livelli di ormoni tiroidei nel sangue (cioè T3 e FT3) e ripristinare la funzione tiroidea. [202]

In un caso studio di due studentesse universitarie, l'assunzione di zinco ha aumentato i livelli di ormoni tiroidei (cioè T3 e T4) e il tasso metabolico residuo. L'integrazione con zinco sembrava anche invertire gli effetti nocivi delle radiazioni emesse dai monitor dei computer sui livelli di ormoni tiroidei degli utilizzatori di computer.[204]

Zinco e chemioterapia

La mucosite (ulcerazione delle mucose) è un effetto collaterale comune della chemioterapia e della radioterapia.[205]

Studi su pazienti sottoposti a chemioterapia e radioterapia suggeriscono che l'assunzione di zinco sarebbe in grado di ridurre la gravità della mucosite orale. La disgeusia (distorsione del gusto) e la disosmia (distorsione dell'olfatto) possono verificarsi anche durante la chemioterapia.[206] [207]

Uno studio ha rilevato che un'assunzione giornaliera di 100mg di zinco per 4-6 mesi ha migliorato i sintomi di disgeusia e disosmia in pazienti con deficit di anidroasi carbonica VI (gustina).

Lo zinco è noto per stimolare la produzione di carboanidrasi VI, un enzima della saliva coinvolto nella crescita delle papille gustative.

Lo zinco e la sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un gruppo di condizioni (ad esempio obesità, insulino-resistenza, pressione alta e colesterolo alto) che possono portare ad un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiache e diabete di tipo 2.[208]

Uno studio in bambini con sindrome metabolica ha scoperto che l'integrazione di zinco riduce la resistenza all'insulina, lo stress ossidativo, l'infiammazione, lo zucchero nel sangue, il colesterolo e l'indice di massa corporea. [209]

Zinco e salute degli occhi

La degenerazione maculare legata all'età, una delle principali cause di cecità negli anziani, si ritiene sia causata dallo stress ossidativo. Studi clinici hanno scoperto che l'integrazione con lo zinco può rallentare la progressione della malattia, eventualmente prevenendo il danno ossidativo alla retina. [210] [211] [212] [213]

Si ritiene che lo zinco possa proteggere dalla retinopatia diabetica (che può portare alla cecità) impedendo la morte delle cellule capillari della retina e la neovascolarizzazione (crescita di nuovi vasi sanguigni). Ciò è dovuto alla capacità dello zinco di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione (inibendo la NADPH ossidasi e la NF-κB), coinvolto nella progressione della retinopatia diabetica.[214]

La cecità notturna è uno dei primi sintomi della carenza di vitamina A. Uno studio ha scoperto che lo zinco è stato in grado di migliorare l'effetto della vitamina A nel ripristinare la visione notturna nelle donne in gravidanza (con bassi livelli di zinco). [215]

Lo zinco e la funzione mitocondriale

Uno studio nei ratti ha scoperto che l'assunzione di zinco ha migliorato il sistema di trasferimento degli elettroni e la fosforilazione ossidativa nei mitocondri del fegato, aumentando la produzione di energia (ATP) nelle cellule del fegato.[216]

Zinco e odore di corpo

La bromidrosi (odore corporeo) è solitamente associata ad un aumento della flora batterica nell'ascella, costituita principalmente da specie di Stafilococco e Corynebacterium.[217]

Grazie al suo effetto antibatterico, lo zinco topico ha dimostrato negli studi clinici di essere efficace nel ridurre l'odore delle ascelle e dei piedi.[20]

Zinco e salute orale

La carenza di zinco può portare ad un'eccessiva formazione di placca e peggiorare il processo infiammatorio nelle malattie gengivali (a causa dell'aumento della produzione di IL-1).[218] [219]

I collutori a base di zinco sono risultati efficaci nel ridurre la crescita della placca.[219]

Analogamente, uno studio condotto su bambini provenienti da aree a basso reddito ha rilevato che un'assunzione giornaliera di 15 mg di zinco per dieci settimane è associata a una ridotta formazione di placca dentale.[220]

Zinco e mucoviscidosi

La fibrosi cisticaè una malattia genetica che può causare difficoltà respiratorie, polmonite e incapacità di ingrassare. Uno studio retrospettivo in pazienti con fibrosi cistica ha rilevato che l'integrazione con lo zinco potrebbe migliorare la funzione polmonare e l'assunzione di energia e ridurre il tasso di infezione.[221]

Zinco nell’avvelenamento da arsenico

Uno studio su pazienti con avvelenamento cronico da arsenico ha dimostrato che lo zinco in combinazione con l'estratto di spirulina è stato efficace nel ridurre i sintomi (ad esempio, la melanosi e la cheratosi).[222]

Dipendenza da zinco e oppioidi

Gli utilizzatori di oppioidi hanno livelli di zinco più bassi. [223] [224] [225]

Studi su topi e ratti hanno scoperto che lo zinco riduce l'intensità della dipendenza dalla morfina (un oppioide), mentre i chelati di zinco aumentano i sintomi di astinenza.[226] [227]

Sulla base di questi risultati, un articolo della letteratura clinica ha suggerito che l'integrazione con lo zinco è utile per ridurre il rischio di dipendenza nelle persone che assumono oppioidi per il dolore cronico, a causa degli effetti antidolorifici e della bassa tossicità dello zinco.[227]

Cosa dicono gli esperti dello zinco:

1. Zinco per la prevenzione dei raffreddori

L'analisi di diversi studi condotti da ricercatori della Cochrane Collaboration, una rete internazionale, ha dimostrato che lo zinco non solo può aiutare le persone a guarire dalle infezioni acute, ma può anche essere usato in modo preventivo.

Quando il farmaco viene assunto regolarmente per diversi mesi, gli studenti hanno meno raffreddori, meno assenze e meno uso frequente di antibiotici rispetto ai compagni di classe della stessa età.

2. Zinco per la salute della prostata

Studi in Francia e Svezia hanno dimostrato che un adeguato apporto di zinco - in combinazione con il selenio - può ridurre significativamente il rischio di cancro alla prostata. Lo zinco può anche essere usato in modo sensato come misura integrativa per le malattie della prostata.

Zinco Studies and references

  1. Josko Osredkar and Natasa Sustar Copper and Zinc, Biological Role and Significance of Copper/Zinc Imbalance. Clinic Toxicol S3:001. doi:10.4172/2161- 0495.S3-001
  2. Penny ME. Zinc supplementation in public health. Ann Nutr Metab. 2013;62 Suppl 1:31-42. doi: 10.1159/000348263. Epub 2013 May 3.
  3. Ananda S. Prasad Discovery of Human Zinc Deficiency: Its Impact on Human Health and Disease. Adv Nutr. 2013 Mar; 4(2): 176–190.
  4. Hunt JR. Bioavailability of iron, zinc, and other trace minerals from vegetarian diets. Am J Clin Nutr. 2003 Sep;78(3 Suppl):633S-639S.
  5. King JC. Zinc: an essential but elusive nutrient. A J Clin Nutr. 2011;94(2):679S-684S.
  6. Hemilä H. Zinc lozenges and the common cold: a meta-analysis comparing zinc acetate and zinc gluconate, and the role of zinc dosage. JRSM Open. 2017;8(5):2054270417694291.
  7. Haase H, Mocchegiani E, Rink L. Correlation between zinc status and immune function in the elderly. Biogerontology. 2006 Oct-Dec;7(5-6):421-8.
  8. Lomagno KA, Hu F, Riddell LJ. Increasing iron and zinc in pre-menopausal women and its effects on mood and cognition: a systematic review. Nutrients. 2014 Nov 14;6(11):5117-41
  9. Prasad AS. Impact of the discovery of human zinc deficiency on health. J Am Coll Nutr. 2009 Jun;28(3):257-65.
  10. Deutsche Gesellschaft für Ernährung Zink - empfohlene Zufuhr
  11. National Institutes of Health. Zinc: Fact Sheets for Health Professionals.
  12. Klaus-Helge Ibs and Lothar Rink Zinc-Altered Immune Function. 2003 The American Society for Nutritional Sciences.
  13. Keen CL, Gershwin ME. Zinc deficiency and immune function. Annu Rev Nutr. 1990;10:415-31.
  14. Shankar AH, Prasad AS. Zinc and immune function: the biological basis of altered resistance to infection. Am J Clin Nutr. 1998 Aug;68(2 Suppl):447S-463S.
  15. Fraker PJ, King LE, Laakko T, Vollmer TL. The dynamic link between the integrity of the immune system and zinc status. J Nutr. 2000 May;130(5S Suppl):1399S-406S.
  16. Mocchegiani E, Muzzioli M. Therapeutic application of zinc in human immunodeficiency virus against opportunistic infections. J Nutr. 2000 May;130(5S Suppl):1424S-31S.
  17. Baum MK, Lai S, Sales S, Page JB, Campa A. Randomized, controlled clinical trial of zinc supplementation to prevent immunological failure in HIV-infected adults. Clin Infect Dis. 2010 Jun 15;50(12):1653-60. doi: 10.1086/652864.
  18. Tang AM, Graham NM, Saah AJ. Effects of micronutrient intake on survival in human immunodeficiency virus type 1 infection. Am J Epidemiol. 1996 Jun 15;143(12):1244-56.
  19. Overbeck S, Rink L, Haase H. Modulating the immune response by oral zinc supplementation: a single approach for multiple diseases. Arch Immunol Ther Exp (Warsz). 2008 Jan-Feb;56(1):15-30.
  20. Mrinal Gupta, Vikram K. Mahajan, Karaninder S. Mehta, Pushpinder S. Chauhan Zinc Therapy in Dermatology: A Review. Dermatol Res Pract. 2014; 2014: 709152.
  21. Sazawal S, Black RE, Jalla S, Mazumdar S, Sinha A, Bhan MK. Zinc supplementation reduces the incidence of acute lower respiratory infections in infants and preschool children: a double-blind, controlled trial. Pediatrics. 1998 Jul;102(1 Pt 1):1-5.
  22. Valavi E, Hakimzadeh M, Shamsizadeh A, Aminzadeh M, Alghasi A. The efficacy of zinc supplementation on outcome of children with severe pneumonia. A randomized double-blind placebo-controlled clinical trial. Indian J Pediatr. 2011 Sep;78(9):1079-84. doi: 10.1007/s12098-011-0458-1. Epub 2011 Jun 10.
  23. Prasad AS. Zinc: role in immunity, oxidative stress and chronic inflammation. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2009 Nov;12(6):646-52. doi: 10.1097/MCO.0b013e3283312956.
  24. Prasad AS. Impact of the discovery of human zinc deficiency on health. J Am Coll Nutr. 2009 Jun;28(3):257-65.
  25. Chandra RK. Excessive intake of zinc impairs immune responses. JAMA. 1984 Sep 21;252(11):1443-6.
  26. Fortes C, Agabiti N, Fano V, Pacifici R, Forastiere F, Virgili F, Zuccaro P, Perruci CA, Ebrahim S. Zinc supplementation and plasma lipid peroxides in an elderly population. Eur J Clin Nutr. 1997 Feb;51(2):97-101.
  27. S Bashir, G Harris, M A Denman, D R Blake, and P G Winyard. Oxidative DNA damage and cellular sensitivity to oxidative stress in human autoimmune diseases. Ann Rheum Dis. 1993 Sep; 52(9): 659–666.
  28. Hadwan MH, Almashhedy LA, Alsalman AR. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26780395 Int J Vitam Nutr Res. 2015;85(3-4):165-73. doi: 10.1024/0300-9831/a000235.
  29. Floersheim GL, Floersheim P. Protection against ionising radiation and synergism with thiols by zinc aspartate. Br J Radiol. 1986 Jun;59(702):597-602.
  30. Brewer GJ. Zinc acetate for the treatment of Wilson's disease. Expert Opin Pharmacother. 2001 Sep;2(9):1473-7.
  31. Rostan EF, DeBuys HV, Madey DL, Pinnell SR. Evidence supporting zinc as an important antioxidant for skin. Int J Dermatol. 2002 Sep;41(9):606-11.
  32. Lansdown AB, Mirastschijski U, Stubbs N, Scanlon E, Agren MS. Zinc in wound healing: theoretical, experimental, and clinical aspects. Wound Repair Regen. 2007 Jan-Feb;15(1):2-16.
  33. Bin Bao, Ananda S Prasad, Frances WJ Beck, James T Fitzgerald, Diane Snell, Ginny W Bao, Tapinder Singh, and Lavoisier J Cardozo. Zinc decreases C-reactive protein, lipid peroxidation, and inflammatory cytokines in elderly subjects: a potential implication of zinc as an atheroprotective agent. Am J Clin Nutr. 2010 Jun; 91(6): 1634–1641.
  34. Morgan CI, Ledford JR, Zhou P, Page K. Zinc supplementation alters airway inflammation and airway hyperresponsiveness to a common allergen. J Inflamm (Lond). 2011 Dec 7;8:36. doi: 10.1186/1476-9255-8-36.
  35. Chen BW, Wang HH, Liu JX, Liu XG. Zinc sulphate solution enema decreases inflammation in experimental colitis in rats. J Gastroenterol Hepatol. 1999 Nov;14(11):1088-92.
  36. Göransson K, Lidén S, Odsell L. Oral zinc in acne vulgaris: a clinical and methodological study. Acta Derm Venereol. 1978;58(5):443-8.
  37. Kaltenberg J, Plum LM, Ober-Blöbaum JL, Hönscheid A, Rink L, Haase H. Zinc signals promote IL-2-dependent proliferation of T cells. Eur J Immunol. 2010 May;40(5):1496-503. doi: 10.1002/eji.200939574.
  38. Maywald M, Rink L. Zinc supplementation induces CD4+CD25+Foxp3+ antigen-specific regulatory T cells and suppresses IFN-γ production by upregulation of Foxp3 and KLF-10 and downregulation of IRF-1. Eur J Nutr. 2016 Jun 3.
  39. Kitabayashi C, Fukada T, Kanamoto M, Ohashi W, Hojyo S, Atsumi T, Ueda N, Azuma I, Hirota H, Murakami M, Hirano T. Zinc suppresses Th17 development via inhibition of STAT3 activation. Int Immunol. 2010 May;22(5):375-86. doi: 10.1093/intimm/dxq017. Epub 2010 Mar 9.
  40. Schubert C, Guttek K, Grüngreiff K, Thielitz A, Bühling F, Reinhold A, Brocke S, Reinhold D. Oral zinc aspartate treats experimental autoimmune encephalomyelitis. Biometals. 2014 Dec;27(6):1249-62. doi: 10.1007/s10534-014-9786-8. Epub 2014 Aug 22.
  41. Rosenkranz E, Maywald M, Hilgers RD, Brieger A, Clarner T, Kipp M4, Plümäkers B, Meyer S, Schwerdtle T, Rink L. Induction of regulatory T cells in Th1-/Th17-driven experimental autoimmune encephalomyelitis by zinc administration. J Nutr Biochem. 2016 Mar;29:116-23. doi: 10.1016/j.jnutbio.2015.11.010. Epub 2015 Dec 1.
  42. Kown MH, van der Steenhoven TJ, Jahncke CL, Mari C, Lijkwan MA, Koransky ML, Blankenberg FG, Strauss HW, Robbins RC. Zinc chloride-mediated reduction of apoptosis as an adjunct immunosuppressive modality in cardiac transplantation. J Heart Lung Transplant. 2002 Mar;21(3):360-5.
  43. Lancet. 1976 Sep 11;2(7985):539-42. Oral zinc sulphate in rheumatoid arthritis. Simkin PA.
  44. Aaseth J, Haugen M, Førre O. Rheumatoid arthritis and metal compounds--perspectives on the role of oxygen radical detoxification. Analyst. 1998 Jan;123(1):3-6.
  45. Faure P, Benhamou PY, Perard A, Halimi S, Roussel AM. Lipid peroxidation in insulin-dependent diabetic patients with early retina degenerative lesions: effects of an oral zinc supplementation. Eur J Clin Nutr. 1995 Apr;49(4):282-8.
  46. Rosenkranz E, Hilgers RD, Uciechowski P, Petersen A, Plümäkers B, Rink L. Zinc enhances the number of regulatory T cells in allergen-stimulated cells from atopic subjects. Eur J Nutr. 2017 Mar;56(2):557-567. doi: 10.1007/s00394-015-1100-1. Epub 2015 Nov 20.
  47. Khanbabaee G, Omidian A, Imanzadeh F, Adibeshgh F, Ashayeripanah M, Rezaei N. Serum level of zinc in asthmatic patients: a case-control study. Allergol Immunopathol (Madr). 2014 Jan-Feb;42(1):19-21. doi: 10.1016/j.aller.2012.07.008. Epub 2013 Jan 9.
  48. Lang C, Murgia C, Leong M, Tan LW, Perozzi G, Knight D, Ruffin R, Zalewski P. Anti-inflammatory effects of zinc and alterations in zinc transporter mRNA in mouse models of allergic inflammation. Am J Physiol Lung Cell Mol Physiol. 2007 Feb;292(2):L577-84. Epub 2006 Nov 3.
  49. Apelqvist J, Larsson J, Stenström A. Topical treatment of necrotic foot ulcers in diabetic patients: a comparative trial of DuoDerm and MeZinc. Br J Dermatol. 1990 Dec;123(6):787-92.
  50. Rojas AI, Phillips TJ. Patients with chronic leg ulcers show diminished levels of vitamins A and E, carotenes, and zinc. Dermatol Surg. 1999 Aug;25(8):601-4.
  51. Aquilani R, Baiardi P, Scocchi M, Iadarola P, Verri M, Sessarego P, Boschi F, Pasini E, Pastoris O, Viglio S. Normalization of zinc intake enhances neurological retrieval of patients suffering from ischemic strokes. Nutr Neurosci. 2009 Oct;12(5):219-25. doi: 10.1179/147683009X423445.
  52. Penland JG, Sandstead HH, Alcock NW, Dayal HH, Chen XC, Li JS, Zhao F, Yang JJ. A preliminary report: effects of zinc and micronutrient repletion on growth and neuropsychological function of urban Chinese children. J Am Coll Nutr. 1997 Jun;16(3):268-72.
  53. Gibson RS, Vanderkooy PD, MacDonald AC, Goldman A, Ryan BA, Berry M. A growth-limiting, mild zinc-deficiency syndrome in some southern Ontario boys with low height percentiles. Am J Clin Nutr. 1989 Jun;49(6):1266-73.
  54. Friel JK, Andrews WL, Matthew JD, Long DR, Cornel AM, Cox M, McKim E, Zerbe GO. Zinc supplementation in very-low-birth-weight infants. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 1993 Jul;17(1):97-104.
  55. Sazawal S, Bentley M, Black RE, Dhingra P, George S, Bhan MK. Effect of zinc supplementation on observed activity in low socioeconomic Indian preschool children. Pediatrics. 1996 Dec;98(6 Pt 1):1132-7.
  56. George J. Brewer. Alzheimer’s disease causation by copper toxicity and treatment with zinc Front Aging Neurosci. 2014; 6: 92.
  57. George J. Brewer and Sukhvir Kaur. Zinc Deficiency and Zinc Therapy Efficacy with Reduction of Serum Free Copper in Alzheimer's Disease Int J Alzheimers Dis. 2013; 2013: 586365.
  58. Adamo AM, Zago MP, Mackenzie GG, Aimo L, Keen CL, Keenan A, Oteiza PI. The role of zinc in the modulation of neuronal proliferation and apoptosis. Neurotox Res. 2010 Jan;17(1):1-14. doi: 10.1007/s12640-009-9067-4.
  59. Singla N, Dhawan DK. Zinc, a neuroprotective agent against aluminum-induced oxidative DNA injury. Mol Neurobiol. 2013 Aug;48(1):1-12. doi: 10.1007/s12035-013-8417-7. Epub 2013 Feb 19.
  60. Ermilova IP, Ermilov VB, Levy M, Ho E, Pereira C, Beckman JS. Protection by dietary zinc in ALS mutant G93A SOD transgenic mice. Neurosci Lett. 2005 Apr 29;379(1):42-6. Epub 2005 Jan 13.
  61. Sayyah M, Olapour A, Saeedabad Ys, Yazdan Parast R, Malayeri A. Evaluation of oral zinc sulfate effect on obsessive-compulsive disorder: a randomized placebo-controlled clinical trial. Nutrition. 2012 Sep;28(9):892-5. doi: 10.1016/j.nut.2011.11.027. Epub 2012 Mar 30.
  62. Bancila V, Nikonenko I, Dunant Y, Bloc A. Zinc inhibits glutamate release via activation of pre-synaptic K channels and reduces ischaemic damage in rat hippocampus. J Neurochem. 2004 Sep;90(5):1243-50.
  63. Arnold LE, Bozzolo H, Hollway J, Cook A, DiSilvestro RA, Bozzolo DR, Crowl L, Ramadan Y, Williams C. Serum zinc correlates with parent- and teacher- rated inattention in children with attention-deficit/hyperactivity disorder. J Child Adolesc Psychopharmacol. 2005 Aug;15(4):628-36.
  64. Akhondzadeh S, Mohammadi MR, Khademi M. Zinc sulfate as an adjunct to methylphenidate for the treatment of attention deficit hyperactivity disorder in children: a double blind and randomized trial. BMC Psychiatry. 2004 Apr 8;4:9.
  65. Sandstead HH. Subclinical zinc deficiency impairs human brain function. J Trace Elem Med Biol. 2012 Jun;26(2-3):70-3. doi: 10.1016/j.jtemb.2012.04.018. Epub 2012 Jun 4.
  66. J. Russo, Robert deVito. Analysis of Copper and Zinc Plasma Concentration and the Efficacy of Zinc Therapy in Individuals with Asperger’s Syndrome, Pervasive Developmental Disorder Not Otherwise Specified (PDD-NOS) and Autism Biomark Insights. 2011; 6: 127–133.
  67. Thiago Berti Kirsten, Gabriela P. Chaves-Kirsten, Suene Bernardes, Cristoforo Scavone, Jorge E. Sarkis, Maria Martha Bernardi, and Luciano F. Felicio Lipopolysaccharide Exposure Induces Maternal Hypozincemia, and Prenatal Zinc Treatment Prevents Autistic-Like Behaviors and Disturbances in the Striatal Dopaminergic and mTOR Systems of Offspring. PLoS One. 2015; 10(7): e0134565. Published online 2015 Jul 28. doi: 10.1371/journal.pone.0134565
  68. Cope EC, Levenson CW. Role of zinc in the development and treatment of mood disorders. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2010 Nov;13(6):685-9. doi: 10.1097/MCO.0b013e32833df61a.
  69. Sawada T, Yokoi K. Effect of zinc supplementation on mood states in young women: a pilot study. Eur J Clin Nutr. 2010 Mar;64(3):331-3. doi: 10.1038/ejcn.2009.158. Epub 2010 Jan 20.
  70. Solati Z, Jazayeri S, Tehrani-Doost M, Mahmoodianfard S, Gohari MR. Zinc monotherapy increases serum brain-derived neurotrophic factor (BDNF) levels and decreases depressive symptoms in overweight or obese subjects: a double-blind, randomized, placebo-controlled trial. Nutr Neurosci. 2015 May;18(4):162-8. doi: 10.1179/1476830513Y.0000000105. Epub 2014 Jan 7.
  71. Cummings JE, Kovacic JP. The ubiquitous role of zinc in health and disease. J Vet Emerg Crit Care (San Antonio). 2009 Jun.
  72. Formigari A, Irato P, Santon A. Zinc, antioxidant systems and metallothionein in metal mediated-apoptosis: biochemical and cytochemical aspects. Comp Biochem Physiol C Toxicol Pharmacol. 2007 Nov;146(4):443-59. Epub 2007 Aug 1.
  73. Li P, Xu J, Shi Y, Ye Y, Chen K, Yang J, Wu Y. Association between zinc intake and risk of digestive tract cancers: a systematic review and meta-analysis. Clin Nutr. 2014 Jun;33(3):415-20. doi: 10.1016/j.clnu.2013.10.001. Epub 2013 Oct 10.
  74. Alam S, Kelleher SL. Cellular mechanisms of zinc dysregulation: a perspective on zinc homeostasis as an etiological factor in the development and progression of breast cancer. Nutrients. 2012 Aug;4(8):875-903. Epub 2012 Jul 30.
  75. Wu J, Lanier LL. Natural killer cells and cancer. Adv Cancer Res. 2003;90:127-56.
  76. Tapazoglou E, Prasad AS, Hill G, Brewer GJ, Kaplan J. Decreased natural killer cell activity in patients with zinc deficiency with sickle cell disease. J Lab Clin Med. 1985 Jan;105(1):19-22.
  77. Agren MS, Söderberg TA, Reuterving CO, Hallmans G, Tengrup I. Effect of topical zinc oxide on bacterial growth and inflammation in full-thickness skin wounds in normal and diabetic rats. Eur J Surg. 1991 Feb;157(2):97-101.
  78. Prasad AS, Beck FW, Snell DC, Kucuk O. Zinc in cancer prevention. Nutr Cancer. 2009;61(6):879-87. doi: 10.1080/01635580903285122.
  79. Uzzo RG, Crispen PL, Golovine K, Makhov P, Horwitz EM, Kolenko VM. Diverse effects of zinc on NF-kappaB and AP-1 transcription factors: implications for prostate cancer progression. Carcinogenesis. 2006 Oct;27(10):1980-90. Epub 2006 Apr 10.
  80. Leslie C Costello, Renty B Franklin. Cytotoxic/tumor suppressor role of zinc for the treatment of cancer: an enigma and an opportunity Expert Rev Anticancer Ther. Nov 2012.
  81. Fox CL Jr, Rao TN, Azmeth R, Gandhi SS, Modak S. Comparative evaluation of zinc sulfadiazine and silver sulfadiazine in burn wound infection. J Burn Care Rehabil. 1990 Mar-Apr;11(2):112-7.
  82. Tchaou WS, Turng BF, Minah GE, Coll JA. In vitro inhibition of bacteria from root canals of primary teeth by various dental materials. Pediatr Dent. 1995 Sep-Oct;17(5):351-5.
  83. Akiyama H, Yamasaki O, Kanzaki H, Tada J, Arata J. Effects of zinc oxide on the attachment of Staphylococcus aureus strains. J Dermatol Sci. 1998 May;17(1):67-74.
  84. Söderberg T, Agren M, Tengrup I, Hallmans G, Banck G. The effects of an occlusive zinc medicated dressing on the bacterial flora in excised wounds in the rat. Infection. 1989 Mar-Apr;17(2):81-5.
  85. Kheradmand Z, Yarali B, Zare A, Pourpak Z, Shams S, Ashrafi MR. Comparison of Serum Zinc and Copper levels in Children and adolescents with Intractable and Controlled Epilepsy. Iran J Child Neurol. 2014 Summer;8(3):49-54.
  86. Saad K, Hammad E, Hassan AF, Badry R. Trace element, oxidant, and antioxidant enzyme values in blood of children with refractory epilepsy. Int J Neurosci. 2014 Mar;124(3):181-6. doi: 10.3109/00207454.2013.831851. Epub 2013 Sep 3.
  87. Seven M, Basaran SY, Cengiz M, et al. Deficiency of selenium and zinc as a causative factor for idiopathic intractable epilepsy. Epilepsy Res. 2013;104:35–39.
  88. Aydın L, Erdem SR, Yazıcı C. Zinc supplementation prolongs the latency of hyperthermia-induced febrile seizures in rats. Physiol Int. 2016 Mar;103(1):121-6. doi: 10.1556/036.103.2016.1.12.
  89. Brown KH, Peerson JM, Baker SK, Hess SY. Preventive zinc supplementation among infants, preschoolers, and older prepubertal children. Food Nutr Bull. 2009 Mar;30(1 Suppl):S12-40.
  90. Brown KH, Peerson JM, Rivera J, Allen LH. Effect of supplemental zinc on the growth and serum zinc concentrations of prepubertal children: a meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 2002 Jun;75(6):1062-71.
  91. Imdad A, Bhutta ZA. Effect of preventive zinc supplementation on linear growth in children under 5 years of age in developing countries: a meta-analysis of studies for input to the lives saved tool. NCBINCBI Logo Skip to main content Skip to navigation Resources How To About NCBI Accesskeys Sign in to NCBI PubMed US National Library of Medicine National Institutes of Health Search databaseSearch term Search AdvancedHelp Result Filters Format: AbstractSend to BMC Public Health. 2011 Apr 13;11 Suppl 3:S22. doi: 10.1186/1471-2458-11-S3-S22.
  92. Iannotti LL, Zavaleta N, León Z, Shankar AH, Caulfield LE. Maternal zinc supplementation and growth in Peruvian infants. Am J Clin Nutr. 2008 Jul;88(1):154-60.
  93. Sonja Skrovanek, Katherine DiGuilio, Robert Bailey, William Huntington, Ryan Urbas, Barani Mayilvaganan, Giancarlo Mercogliano, and James M Mullin. Zinc and gastrointestinal disease World J Gastrointest Pathophysiol. 2014 Nov 15; 5(4): 496–513.
  94. Jason C. Lambert, Zhanxiang Zhou, Lipeng Wang, Zhenyuan Song, Craig J. McClain, and Y. James Kang Preservation of Intestinal Structural Integrity by Zinc Is Independent of Metallothionein in Alcohol-Intoxicated Mice Am J Pathol. 2004 Jun; 164(6): 1959–1966.
  95. Sturniolo GC, Di Leo V, Ferronato A, D'Odorico A, D'Incà R. Zinc supplementation tightens "leaky gut" in Crohn's disease. Inflamm Bowel Dis. 2001 May;7(2):94-8.
  96. Sturniolo GC, Fries W, Mazzon E, Di Leo V, Barollo M, D'inca R. Effect of zinc supplementation on intestinal permeability in experimental colitis. J Lab Clin Med. 2002 May;139(5):311-5.
  97. Michielan A, D'Incà R. Intestinal Permeability in Inflammatory Bowel Disease: Pathogenesis, Clinical Evaluation, and Therapy of Leaky Gut. Mediators Inflamm. 2015;2015:628157. doi: 10.1155/2015/628157. Epub 2015 Oct 25.
  98. Sempértegui F, Díaz M, Mejía R, Rodríguez-Mora OG, Rentería E, Guarderas C, Estrella B, Recalde R, Hamer DH, Reeves PG. Low concentrations of zinc in gastric mucosa are associated with increased severity of Helicobacter pylori-induced inflammation. Helicobacter. 2007 Feb;12(1):43-8.
  99. Ji X1, Liu J. Associations between Blood Zinc Concentrations and Sleep Quality in Childhood: A Cohort Study. Nutrients. 2015 Jul 13;7(7):5684-96. doi: 10.3390/nu7075247.
  100. Suzuki H, Asakawa A, Li JB, Tsai M, Amitani H, Ohinata K, Komai M, Inui A. Zinc as an appetite stimulator - the possible role of zinc in the progression of diseases such as cachexia and sarcopenia. Recent Pat Food Nutr Agric. 2011 Sep;3(3):226-31.
  101. Katz RL, Keen CL, Litt IF, Hurley LS, Kellams-Harrison KM, Glader LJ. Zinc deficiency in anorexia nervosa. J Adolesc Health Care. 1987 Sep;8(5):400-6.
  102. Humphries L, Vivian B, Stuart M, McClain CJ. Zinc deficiency and eating disorders. J Clin Psychiatry. 1989 Dec;50(12):456-9.
  103. Birmingham CL, Gritzner S. How does zinc supplementation benefit anorexia nervosa? Eat Weight Disord. 2006 Dec;11(4):e109-11.
  104. Birmingham CL, Goldner EM, Bakan R. Controlled trial of zinc supplementation in anorexia nervosa. Int J Eat Disord. 1994 Apr;15(3):251-5.
  105. Safai-Kutti S. Oral zinc supplementation in anorexia nervosa. Acta Psychiatr Scand Suppl. 1990;361:14-7.
  106. Dreno B, Amblard P, Agache P, Sirot S, Litoux P. Low doses of zinc gluconate for inflammatory acne. Acta Derm Venereol. 1989;69(6):541-3.
  107. Verma KC, Saini AS, Dhamija SK. Oral zinc sulphate therapy in acne vulgaris: a double-blind trial. Acta Derm Venereol. 1980;60(4):337-40.
  108. Sharquie KE1, Khorsheed AA, Al-Nuaimy AA. Topical zinc sulphate solution for treatment of viral warts. Saudi Med J. 2007 Sep;28(9):1418-21.
  109. Mun JH, Kim SH, Jung DS, Ko HC, Kim BS, Kwon KS, Kim MB. Oral zinc sulfate treatment for viral warts: an open-label study. J Dermatol. 2011 Jun;38(6):541-5. doi: 10.1111/j.1346-8138.2010.01056.x. Epub 2010 Nov 2.
  110. Mahajan BB, Dhawan M, Singh R. Herpes genitalis - Topical zinc sulfate: An alternative therapeutic and modality. Indian J Sex Transm Dis. 2013 Jan;34(1):32-4. doi: 10.4103/0253-7184.112867.
  111. Sharquie KE, Najim RA, Al-Salman HN. Oral zinc sulfate in the treatment of rosacea: a double-blind, placebo-controlled study. Int J Dermatol. 2006 Jul;45(7):857-61.
  112. Crutchfield CE 3rd, Lewis EJ, Zelickson BD. The highly effective use of topical zinc pyrithione in the treatment of psoriasis: a case report. Dermatol Online J. 1997 Mar;3(1):3.
  113. Marks R, Pearse AD, Walker AP. The effects of a shampoo containing zinc pyrithione on the control of dandruff. Br J Dermatol. 1985 Apr;112(4):415-22.
  114. Sharquie KE, Al-Mashhadani SA, Salman HA. Topical 10% zinc sulfate solution for treatment of melasma. Dermatol Surg. 2008 Oct;34(10):1346-9. doi: 10.1111/j.1524-4725.2008.34287.x. Epub 2008 Jun 27.
  115. Pinnell SR, Fairhurst D, Gillies R, Mitchnick MA, Kollias N. Microfine zinc oxide is a superior sunscreen ingredient to microfine titanium dioxide. Dermatol Surg. 2000 Apr;26(4):309-14.
  116. Rodney Sinclair. Male pattern androgenetic alopecia BMJ. 1998 Sep 26; 317(7162): 865–869.
  117. Berger RS, Fu JL, Smiles KA, Turner CB, Schnell BM, Werchowski KM, Lammers KM. The effects of minoxidil, 1% pyrithione zinc and a combination of both on hair density: a randomized controlled trial. Br J Dermatol. 2003 Aug;149(2):354-62.
  118. Guéniche A, Viac J, Lizard G, Charveron M, Schmitt D. Protective effect of zinc on keratinocyte activation markers induced by interferon or nickel. Acta Derm Venereol. 1995 Jan;75(1):19-23.
  119. Stamatiadis D, Bulteau-Portois MC, Mowszowicz I. Inhibition of 5 alpha-reductase activity in human skin by zinc and azelaic acid. Br J Dermatol. 1988 Nov;119(5):627-32.
  120. Jamilian M, Foroozanfard F, Bahmani F, Talaee R, Monavari M, Asemi Z. Effects of Zinc Supplementation on Endocrine Outcomes in Women with Polycystic Ovary Syndrome: a Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Trial. Biol Trace Elem Res. 2016 Apr;170(2):271-8. doi: 10.1007/s12011-015-0480-7. Epub 2015 Aug 28.
  121. Neve HJ, Bhatti WA, Soulsby C, Kincey J, Taylor TV. Reversal of Hair Loss following Vertical Gastroplasty when Treated with Zinc Sulphate. Obes Surg. 1996 Feb;6(1):63-65.
  122. Zhou Z, Wang L, Song Z, Saari JT, McClain CJ, Kang YJ. Zinc supplementation prevents alcoholic liver injury in mice through attenuation of oxidative stress. Am J Pathol. 2005 Jun;166(6):1681-90.
  123. Lambert JC, Zhou Z, Wang L, Song Z, McClain CJ, Kang YJ. Prevention of alterations in intestinal permeability is involved in zinc inhibition of acute ethanol-induced liver damage in mice. J Pharmacol Exp Ther. 2003 Jun;305(3):880-6. Epub 2003 Mar 6.
  124. Matsumura H, Nirei K, Nakamura H, Arakawa Y, Higuchi T, Hayashi J, Yamagami H, Matsuoka S, Ogawa M, Nakajima N, Tanaka N, Moriyama M. Zinc supplementation therapy improves the outcome of patients with chronic hepatitis C. J Clin Biochem Nutr. 2012 Nov;51(3):178-84. doi: 10.3164/jcbn.12-11. Epub 2012 Aug 10.
  125. Merialdi M, Caulfield LE, Zavaleta N, Figueroa A, Costigan KA, Dominici F, Dipietro JA. Randomized controlled trial of prenatal zinc supplementation and fetal bone growth. Am J Clin Nutr. 2004 May;79(5):826-30.
  126. Hyun-Ju Seo, Young-Eun Cho, Taewan Kim, Hong-In Shin, and In-Sook Kwun Zinc may increase bone formation through stimulating cell proliferation, alkaline phosphatase activity and collagen synthesis in osteoblastic MC3T3-E1 cells Nutr Res Pract. 2010 Oct; 4(5): 356–361.
  127. Peretz A, Papadopoulos T, Willems D, Hotimsky A, Michiels N, Siderova V, Bergmann P, Neve J. Zinc supplementation increases bone alkaline phosphatase in healthy men. J Trace Elem Med Biol. 2001;15(2-3):175-8.
  128. Yamaguchi M, Kishi S. Zinc compounds inhibit osteoclast-like cell formation at the earlier stage of rat marrow culture but not osteoclast function. Mol Cell Biochem. 1996 May 24;158(2):171-7.
  129. Fung EB, Kwiatkowski JL, Huang JN, Gildengorin G, King JC, Vichinsky EP. Zinc supplementation improves bone density in patients with thalassemia: a double-blind, randomized, placebo-controlled trial. Am J Clin Nutr. 2013 Oct;98(4):960-71. doi: 10.3945/ajcn.112.049221. Epub 2013 Aug 14.
  130. Saltman PD, Strause LG. The role of trace minerals in osteoporosis. J Am Coll Nutr. 1993 Aug;12(4):384-9.
  131. Bayır A, Kara H, Kıyıcı A, Oztürk B, Akyürek F. Levels of selenium, zinc, copper, and cardiac troponin I in serum of patients with acute coronary syndrome. Biol Trace Elem Res. 2013 Sep;154(3):352-6. doi: 10.1007/s12011-013-9754-0. Epub 2013 Aug 1.
  132. Xu Z, Zhou J. Zinc and myocardial ischemia/reperfusion injury. Biometals. 2013 Dec;26(6):863-78. doi: 10.1007/s10534-013-9671-x. Epub 2013 Aug 28.
  133. Islamoglu Y, Evliyaoglu O, Tekbas E, Cil H, Elbey MA, Atilgan Z, Kaya H, Bilik Z, Akyuz A, Alan S. The relationship between serum levels of Zn and Cu and severity of coronary atherosclerosis. Biol Trace Elem Res. 2011 Dec;144(1-3):436-44. doi: 10.1007/s12011-011-9123-9. Epub 2011 Jul 1.
  134. Giannoglou GD, Konstantinou DM, Kovatsi L, Chatzizisis YS, Mikhailidis DP. Association of reduced zinc status with angiographically severe coronary atherosclerosis: a pilot study. Angiology. 2010 Jul;61(5):449-55. doi: 10.1177/0003319710366702. Epub 2010 Jun 7.
  135. Eby GA, Halcomb WW. High-dose zinc to terminate angina pectoris: a review and hypothesis for action by ICAM inhibition. Med Hypotheses. 2006;66(1):169-72. Epub 2005 Aug 5.
  136. Jansen J, Karges W, Rink L. Zinc and diabetes--clinical links and molecular mechanisms. J Nutr Biochem. 2009 Jun;20(6):399-417. doi: 10.1016/j.jnutbio.2009.01.009.
  137. Sprietsma JE, Schuitemaker GE. Diabetes can be prevented by reducing insulin production. Med Hypotheses. 1994 Jan;42(1):15-23.
  138. Islam MR, Arslan I, Attia J, McEvoy M, McElduff P, Basher A, Rahman W, Peel R, Akhter A, Akter S, Vashum KP, Milton AH. Is serum zinc level associated with prediabetes and diabetes?: a cross-sectional study from Bangladesh. PLoS One. 2013 Apr 17;8(4):e61776. doi: 10.1371/journal.pone.0061776. Print 2013.
  139. Marreiro DN, Geloneze B, Tambascia MA, Lerário AC, Halpern A, Cozzolino SM. Role of zinc in insulin resistance. Arq Bras Endocrinol Metabol. 2004 Apr;48(2):234-9. Epub 2004 Jul 7.
  140. Vashum KP, McEvoy M, Shi Z, Milton AH, Islam MR, Sibbritt D, Patterson A, Byles J, Loxton D, Attia J. Is dietary zinc protective for type 2 diabetes? Results from the Australian longitudinal study on women's health. BMC Endocr Disord. 2013 Oct 4;13:40. doi: 10.1186/1472-6823-13-40.
  141. Sun Q, van Dam RM, Willett WC, Hu FB. Prospective study of zinc intake and risk of type 2 diabetes in women. Diabetes Care. 2009 Apr;32(4):629-34. doi: 10.2337/dc08-1913. Epub 2009 Jan 26.
  142. Ruz M, Carrasco F, Rojas P, Codoceo J, Inostroza J, Basfi-fer K, Valencia A, Vásquez K, Galgani J, Pérez A, López G, Arredondo M, Perez-Bravo F. Zinc as a potential coadjuvant in therapy for type 2 diabetes. Food Nutr Bull. 2013 Jun;34(2):215-21.
  143. Beletate V, El Dib RP, Atallah AN. Zinc supplementation for the prevention of type 2 diabetes mellitus. Cochrane Database Syst Rev. 2007 Jan 24;(1):CD005525.
  144. Jayawardena , Ranasinghe P, Galappatthy P, Malkanthi R, Constantine G, Katulanda P. Effects of zinc supplementation on diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis. Diabetol Metab Syndr. 2012 Apr 19;4(1):13. doi: 10.1186/1758-5996-4-13.
  145. Gupta R, Garg VK, Mathur DK, Goyal RK. Oral zinc therapy in diabetic neuropathy. J Assoc Physicians India. 1998 Nov;46(11):939-42.
  146. Anderson RA, Roussel AM, Zouari N, Mahjoub S, Matheau JM, Kerkeni A. Potential antioxidant effects of zinc and chromium supplementation in people with type 2 diabetes mellitus. J Am Coll Nutr. 2001 Jun;20(3):212-8.
  147. Gunasekara P, Hettiarachchi M, Liyanage C, Lekamwasam S. Effects of zinc and multimineral vitamin supplementation on glycemic and lipid control in adult diabetes. Diabetes Metab Syndr Obes. 2011 Jan 26;4:53-60. doi: 10.2147/DMSO.S16691.
  148. Kwun IS, Cho YE, Lomeda RA, Kwon ST, Kim Y, Beattie JH. Marginal zinc deficiency in rats decreases leptin expression independently of food intake and corticotrophin-releasing hormone in relation to food intake. Br J Nutr. 2007 Sep;98(3):485-9.
  149. Konukoglu D, Turhan MS, Ercan M, Serin O. Relationship between plasma leptin and zinc levels and the effect of insulin and oxidative stress on leptin levels in obese diabetic patients. J Nutr Biochem. 2004 Dec;15(12):757-60.
  150. Mantzoros CS, Prasad AS, Beck FW, Grabowski S, Kaplan J, Adair C, Brewer GJ. Zinc may regulate serum leptin concentrations in humans. J Am Coll Nutr. 1998 Jun;17(3):270-5.
  151. DMAB Dissanayake, PS Wijesinghe, WD Ratnasooriya, S Wimalasena Relationship between seminal plasma zinc and semen quality in a subfertile population. J Hum Reprod Sci. 2010 Sep-Dec; 3(3): 124–128.
  152. Fuse H, Kazama T, Ohta S, Fujiuchi Y. Relationship between zinc concentrations in seminal plasma and various sperm parameters. Int Urol Nephrol. 1999;31(3):401-8.
  153. Colagar AH, Marzony ET, Chaichi MJ. Zinc levels in seminal plasma are associated with sperm quality in fertile and infertile men. Nutr Res. 2009 Feb;29(2):82-8. doi: 10.1016/j.nutres.2008.11.007.
  154. Hunt CD, Johnson PE, Herbel J, Mullen LK. Effects of dietary zinc depletion on seminal volume and zinc loss, serum testosterone concentrations, and sperm morphology in young men. Am J Clin Nutr. 1992 Jul;56(1):148-57.
  155. Bedwal RS, Bahuguna A. Zinc, copper and selenium in reproduction. Experientia. 1994 Jul 15;50(7):626-40.
  156. Netter A, Hartoma R, Nahoul K. Effect of zinc administration on plasma testosterone, dihydrotestosterone, and sperm count. Arch Androl. 1981 Aug;7(1):69-73.
  157. Shabsigh R. Testosterone therapy in erectile dysfunction and hypogonadism. J Sex Med. 2005 Nov;2(6):785-92.
  158. Saad F, Grahl AS, Aversa A, Yassin AA, Kadioglu A, Moncada I, Eardley I. Effects of testosterone on erectile function: implications for the therapy of erectile dysfunction. BJU Int. 2007 May;99(5):988-92. Epub 2007 Feb 19.
  159. Novo S, Iacona R, Bonomo V, Evola V, Corrado E, Di Piazza M, Novo G, Pavone C. Erectile dysfunction is associated with low total serum testosterone levels and impaired flow-mediated vasodilation in intermediate risk men according to the Framingham risk score. Atherosclerosis. 2015 Feb;238(2):415-9. doi: 10.1016/j.atherosclerosis.2014.12.007. Epub 2014 Dec 9.
  160. Maes M, Mihaylova I, De Ruyter M. Lower serum zinc in Chronic Fatigue Syndrome (CFS): relationships to immune dysfunctions and relevance for the oxidative stress status in CFS. J Affect Disord. 2006 Feb;90(2-3):141-7. Epub 2005 Dec 9.
  161. Shaheen E Lakhan, Annette Kirchgessner. Gut inflammation in chronic fatigue syndrome. Nutr Metab (Lond). 2010; 7: 79. Published online 2010 Oct 12. doi: 10.1186/1743-7075-7-79.
  162. Maes M, Leunis JC. Normalization of leaky gut in chronic fatigue syndrome (CFS) is accompanied by a clinical improvement: effects of age, duration of illness and the translocation of LPS from gram-negative bacteria. Neuro Endocrinol Lett. 2008 Dec;29(6):902-10.
  163. Kilic M, Baltaci AK, Gunay M, Gökbel H, Okudan N, Cicioglu I. The effect of exhaustion exercise on thyroid hormones and testosterone levels of elite athletes receiving oral zinc. Neuro Endocrinol Lett. 2006 Feb-Apr;27(1-2):247-52.
  164. Tubek S, Grzanka P, Tubek I. Role of zinc in hemostasis: a review. Biol Trace Elem Res. 2008 Jan;121(1):1-8. Epub 2007 Oct 30.
  165. Hughes S, Samman S. The effect of zinc supplementation in humans on plasma lipids, antioxidant status and thrombogenesis. J Am Coll Nutr. 2006 Aug;25(4):285-91.
  166. Gordon PR, Woodruff CW, Anderson HL, O'Dell BL. Effect of acute zinc deprivation on plasma zinc and platelet aggregation in adult males. Am J Clin Nutr. 1982 Jan;35(1):113-9.
  167. Uriu-Adams JY, Keen CL. Zinc and reproduction: effects of zinc deficiency on prenatal and early postnatal development. Birth Defects Res B Dev Reprod Toxicol. 2010 Aug;89(4):313-25. doi: 10.1002/bdrb.20264.
  168. Keen CL, Uriu-Adams JY, Skalny A, Grabeklis A, Grabeklis S, Green K, Yevtushok L, Wertelecki WW, Chambers CD. The plausibility of maternal nutritional status being a contributing factor to the risk for fetal alcohol spectrum disorders: the potential influence of zinc status as an example. Biofactors. 2010 Mar-Apr;36(2):125-35. doi: 10.1002/biof.89.
  169. Favier AE. The role of zinc in reproduction. Hormonal mechanisms. Biol Trace Elem Res. 1992 Jan-Mar;32:363-82.
  170. Ota E, Mori R, Middleton P, Tobe-Gai R, Mahomed K, Miyazaki C, Bhutta ZA. Zinc supplementation for improving pregnancy and infant outcome. Cochrane Database Syst Rev. 2015 Feb 2;(2):CD000230. doi: 10.1002/14651858.CD000230.pub5.
  171. Keen CL, Uriu-Adams JY, Skalny A, Grabeklis A, Grabeklis S, Green K, Yevtushok L, Wertelecki WW, Chambers CD. The plausibility of maternal nutritional status being a contributing factor to the risk for fetal alcohol spectrum disorders: the potential influence of zinc status as an example. Biofactors. 2010 Mar-Apr;36(2):125-35. doi: 10.1002/biof.89.
  172. Garg HK, Singhal KC, Arshad Z. A study of the effect of oral zinc supplementation during pregnancy on pregnancy outcome. Indian J Physiol Pharmacol. 1993 Oct;37(4):276-84.
  173. Goldenberg RL, Tamura T, Neggers Y, Copper RL, Johnston KE, DuBard MB, Hauth JC. The effect of zinc supplementation on pregnancy outcome. JAMA. 1995 Aug 9;274(6):463-8.
  174. Nawathe AR, Christian M, Kim SH, Johnson M, Savvidou MD, Terzidou V. Insulin-like growth factor axis in pregnancies affected by fetal growth disorders. Clin Epigenetics. 2016 Jan 27;8:11. doi: 10.1186/s13148-016-0178-5. eCollection 2016.
  175. Kashefi F, Khajehei M, Tabatabaeichehr M, Alavinia M, Asili J. Comparison of the effect of ginger and zinc sulfate on primary dysmenorrhea: a placebo-controlled randomized trial. Pain Manag Nurs. 2014 Dec;15(4):826-33. doi: 10.1016/j.pmn.2013.09.001. Epub 2014 Feb 20.
  176. Batool Teimoori, Marzieh Ghasemi, Zeinab Sadat Amir Hoseini, Maryam Razavi. The Efficacy of Zinc Administration in the Treatment of Primary Dysmenorrhea Oman Med J. 2016 Mar; 31(2): 107–111. doi: 10.5001/omj.2016.21
  177. Zekavat OR, Karimi MY, Amanat A, Alipour F. A randomised controlled trial of oral zinc sulphate for primary dysmenorrhoea in adolescent females. Aust N Z J Obstet Gynaecol. 2015 Aug;55(4):369-73. doi: 10.1111/ajo.12367. Epub 2015 Jun 30.
  178. Kelly RW, Abel MH. Copper and zinc inhibit the metabolism of prostaglandin by the human uterus. Biol Reprod. 1983 May;28(4):883-9.
  179. Baptiste CG, Battista MC, Trottier A, Baillargeon JP. Insulin and hyperandrogenism in women with polycystic ovary syndrome. J Steroid Biochem Mol Biol. 2010 Oct;122(1-3):42-52. doi: 10.1016/j.jsbmb.2009.12.010. Epub 2009 Dec 28.
  180. Foroozanfard F, Jamilian M, Jafari Z, Khassaf A, Hosseini A, Khorammian H, Asemi Z. Effects of zinc supplementation on markers of insulin resistance and lipid profiles in women with polycystic ovary syndrome: a randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Exp Clin Endocrinol Diabetes. 2015 Apr;123(4):215-20. doi: 10.1055/s-0035-1548790. Epub 2015 Apr 13.
  181. Messalli EM, Schettino MT, Mainini G, Ercolano S, Fuschillo G, Falcone F, Esposito E, Di Donna MC, De Franciscis P, Torella M. The possible role of zinc in the etiopathogenesis of endometriosis. Clin Exp Obstet Gynecol. 2014;41(5):541-6.
  182. Liu T, Walker JS, Tracey DJ. Zinc alleviates thermal hyperalgesia due to partial nerve injury. Neuroreport. 1999 Feb 25;10(3):645-9.
  183. Nozaki C, Vergnano AM, Filliol D, Ouagazzal AM, Le Goff A, Carvalho S, Reiss D, Gaveriaux-Ruff C, Neyton J, Paoletti P, Kieffer BL. Zinc alleviates pain through high-affinity binding to the NMDA receptor NR2A subunit. Nat Neurosci. 2011 Jul 3;14(8):1017-22. doi: 10.1038/nn.2844.
  184. Tamba BI, Leon MM, Petreus T. Common trace elements alleviate pain in an experimental mouse model. J Neurosci Res. 2013 Apr;91(4):554-61. doi: 10.1002/jnr.23191. Epub 2013 Jan 30.
  185. Kugelmas M. Preliminary observation: oral zinc sulfate replacement is effective in treating muscle cramps in cirrhotic patients. J Am Coll Nutr. 2000 Feb;19(1):13-5.
  186. Hambidge M. Human zinc deficiency. J Nutr. 2000 May;130(5S Suppl):1344S-9S.
  187. Shatzman AR, Henkin RI. Gustin concentration changes relative to salivary zinc and taste in humans. Proc Natl Acad Sci U S A. 1981 Jun;78(6):3867-71.
  188. Tupe RP, Chiplonkar SA. Zinc supplementation improved cognitive performance and taste acuity in Indian adolescent girls. J Am Coll Nutr. 2009 Aug;28(4):388-96.
  189. Hoeve LJ, Wensink J, Mertens zur Borg IR. Hearing loss related to zinc deficiency in rats. Eur Arch Otorhinolaryngol. 1990;247(5):267-70.
  190. Coelho CB, Tyler R, Hansen M. Zinc as a possible treatment for tinnitus. Prog Brain Res. 2007;166:279-85.
  191. Arda HN, Tuncel U, Akdogan O, Ozluoglu LN. The role of zinc in the treatment of tinnitus. Otol Neurotol. 2003 Jan;24(1):86-9.
  192. Ochi K, Kinoshita H, Kenmochi M, Nishino H, Ohashi T. Zinc deficiency and tinnitus. Auris Nasus Larynx. 2003 Feb;30 Suppl:S25-8.
  193. Yang CH, Ko MT, Peng JP, Hwang CF. Zinc in the treatment of idiopathic sudden sensorineural hearing loss. Laryngoscope. 2011 Mar;121(3):617-21. doi: 10.1002/lary.21291. Epub 2010 Oct 6.
  194. Abba K, Gulani A, Sachdev HS. Zinc supplements for preventing otitis media. Cochrane Database Syst Rev. 2010 Feb 17;(2):CD006639. doi: 10.1002/14651858.CD006639.pub2.
  195. Wickens AP. Ageing and the free radical theory. Respir Physiol. 2001 Nov 15;128(3):379-91.
  196. Romano AD, Serviddio G, de Matthaeis A, Bellanti F, Vendemiale G. Oxidative stress and aging. J Nephrol. 2010 Sep-Oct;23 Suppl 15:S29-36.
  197. Noor R, Mittal S, Iqbal J. Superoxide dismutase--applications and relevance to human diseases. Med Sci Monit. 2002 Sep;8(9):RA210-5.
  198. Candore G, Caruso C, Colonna-Romano G. Inflammation, genetic background and longevity. Biogerontology. 2010 Oct;11(5):565-73. doi: 10.1007/s10522-010-9286-3. Epub 2010 Jun 13.
  199. Prasad AS, Beck FW, Bao B, Fitzgerald JT, Snell DC, Steinberg JD, Cardozo LJ. Zinc supplementation decreases incidence of infections in the elderly: effect of zinc on generation of cytokines and oxidative stress. Am J Clin Nutr. 2007 Mar;85(3):837-44.
  200. Kralik A, Eder K, Kirchgessner M. Influence of zinc and selenium deficiency on parameters relating to thyroid hormone metabolism. Horm Metab Res. 1996 May;28(5):223-6.
  201. Ambooken Betsy, MP Binitha, S Sarita. Zinc Deficiency Associated with Hypothyroidism: An Overlooked Cause of Severe Alopecia Int J Trichology. 2013 Jan-Mar; 5(1): 40–42. doi: 10.4103/0974-7753.114714
  202. Nishiyama S, Futagoishi-Suginohara Y, Matsukura M, Nakamura T, Higashi A, Shinohara M, Matsuda I. Zinc supplementation alters thyroid hormone metabolism in disabled patients with zinc deficiency. J Am Coll Nutr. 1994 Feb;13(1):62-7.
  203. Licastro F, Mocchegiani E, Zannotti M, Arena G, Masi M, Fabris N. Zinc affects the metabolism of thyroid hormones in children with Down's syndrome: normalization of thyroid stimulating hormone and of reversal triiodothyronine plasmic levels by dietary zinc supplementation. Int J Neurosci. 1992 Jul-Aug;65(1-4):259-68.
  204. Ahmed Ibrahim Amin, Noha Mohamed Hegazy, Khadiga Salah Ibrahim, Heba Mahdy-Abdallah, Hamdy A. A. Hammouda,Eman Essam Shaban. Thyroid Hormone Indices in Computer Workers with Emphasis on the Role of Zinc Supplementation Open Access Maced J Med Sci. 2016 Jun 15; 4(2): 296–301.
  205. Rajesh V. Lalla, B.D.S., Ph.D., C.C.R.P,a Stephen T. Sonis, D.M.D, D.M.Sc.,b and Douglas E. Peterson, D.M.D., Ph.Da Management of Oral Mucositis in Patients with Cancer Dent Clin North Am. 2008 Jan; 52(1): 61–viii.
  206. Arbabi-kalati F, Arbabi-kalati F, Deghatipour M, Ansari Moghadam A. Evaluation of the efficacy of zinc sulfate in the prevention of chemotherapy-induced mucositis: a double-blind randomized clinical trial. Arch Iran Med. 2012 Jul;15(7):413-7. doi: 012157/AIM.008.
  207. Ertekin MV, Koç M, Karslioglu I, Sezen O. Zinc sulfate in the prevention of radiation-induced oropharyngeal mucositis: a prospective, placebo-controlled, randomized study. Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2004 Jan 1;58(1):167-74.
  208. Christian K. Roberts, Andrea L. Hevener, R. James Barnard. Metabolic Syndrome and Insulin Resistance: Underlying Causes and Modification by Exercise Training. Compr Physiol. Author manuscript; available in PMC 2014 Aug 12.
  209. Kelishadi R, Hashemipour M, Adeli K, Tavakoli N, Movahedian-Attar A, Shapouri J, Poursafa P, Rouzbahani A. Effect of zinc supplementation on markers of insulin resistance, oxidative stress, and inflammation among prepubescent children with metabolic syndrome. Metab Syndr Relat Disord. 2010 Dec;8(6):505-10. doi: 10.1089/met.2010.0020. Epub 2010 Oct 28.
  210. Olson JH, Erie JC, Bakri SJ. Nutritional supplementation and age-related macular degeneration. Semin Ophthalmol. 2011 May;26(3):131-6. doi: 10.3109/08820538.2011.577131.
  211. Evans JR. Antioxidant vitamin and mineral supplements for age-related macular degeneration. Cochrane Database Syst Rev. 2002;(1):CD000254.
  212. Vishwanathan R, Chung M, Johnson EJ. A systematic review on zinc for the prevention and treatment of age-related macular degeneration. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2013 Jun 12;54(6):3985-98. doi: 10.1167/iovs.12-11552.
  213. Daniel Organisciak, Paul Wong, Christine Rapp, Ruth Darrow, Alison Ziesel, Rekha Rangarajan, and John Lang. Light-Induced Retinal Degeneration Is Prevented by Zinc, a Component in the Age-related Eye Disease Study Formulation. Photochem Photobiol. Author manuscript; available in PMC 2015 Aug
  214. Xiao Miao, Weixia Sun, Lining Miao, Yaowen Fu, Yonggang Wang, Guanfang Su, Quan Liu. Zinc and Diabetic Retinopathy. J Diabetes Res. 2013; 2013: 425854. Published online 2013 Mar 17. doi: 10.1155/2013/425854
  215. Christian P, Khatry SK, Yamini S, Stallings R, LeClerq SC, Shrestha SR, Pradhan EK, West KP Jr. Zinc supplementation might potentiate the effect of vitamin A in restoring night vision in pregnant Nepalese women. Am J Clin Nutr. 2001 Jun;73(6):1045-51.
  216. Yamaguchi M, Kura M, Okada S. Role of zinc as an activator of mitochondrial function in rat liver. Biochem Pharmacol. 1982 Apr 1;31(7):1289-93.
  217. Chris Callewaert, Frederiek-Maarten Kerckhof, Michael S. Granitsiotis, Mireille Van Gele, Tom Van de Wiele, Nico Boon. Characterization of Staphylococcus and Corynebacterium Clusters in the Human Axillary Region. PLoS One. 2013; 8(8): e70538.
  218. Poleník P. Zinc in etiology of periodontal disease. Med Hypotheses. 1993 Mar;40(3):182-5.
  219. Harrap GJ, Best JS, Saxton CA. Human oral retention of zinc from mouthwashes containing zinc salts and its relevance to dental plaque control. Arch Oral Biol. 1984;29(2):87-91.
  220. Uçkardeş Y, Tekçiçek M, Ozmert EN, Yurdakök K. The effect of systemic zinc supplementation on oral health in low socioeconomic level children. Turk J Pediatr. 2009 Sep-Oct;51(5):424-8.
  221. Van Biervliet S, Vande Velde S, Van Biervliet JP, Robberecht E. The effect of zinc supplements in cystic fibrosis patients. Ann Nutr Metab. 2008;52(2):152-6. doi: 10.1159/000129650. Epub 2008 Apr 29.
  222. Misbahuddin M, Islam AZ, Khandker S, Ifthaker-Al-Mahmud, Islam N, Anjumanara. Efficacy of spirulina extract plus zinc in patients of chronic arsenic poisoning: a randomized placebo-controlled study. Clin Toxicol (Phila). 2006;44(2):135-41.
  223. Sadlik J, Pach J, Winnik L, Piekoszewski W. Concentration of zinc, copper and magnesium in the serum of drug addicts. Przegl Lek. 2000;57(10):563-4.
  224. Elnimr T, Hashem A, Assar R. Heroin dependence effects on some major and trace elements. Biol Trace Elem Res. 1996 Aug;54(2):153-62.
  225. Ruiz Martínez M, Gil Extremera B, Maldonado Martín A, Cantero-Hinojosa J, Moreno-Abadía V. Trace elements in drug addicts. Klin Wochenschr. 1990 May 17;68(10):507-11.
  226. Ciubotariu D, Nechifor M. Zinc involvements in the brain. Rev Med Chir Soc Med Nat Iasi. 2007 Oct-Dec;111(4):981-5.
  227. Diana Ciubotariu, Cristina Mihaela Ghiciuc, Cătălina Elena Lupușoru. Zinc involvement in opioid addiction and analgesia – should zinc supplementation be recommended for opioid-treated persons? Subst Abuse Treat Prev Policy. 2015; 10: 29. Published online 2015 Aug 4. doi: 10.1186/s13011-015-0025-2
Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!