Zinco - un oligoelemento vitale

Zinco: effetto, dosaggio, carenza ed effetti collaterali - VitaminExpress

Prodotti consigliati

Zinco - un oligoelemento vitale

Effetti dello zinco

Lo zinco ha così tanti benefici per la salute che è quasi impossibile descriverli tutti qui. Lo zinco è importante per il sistema immunitario, la riduzione delle infiammazioni, le funzioni cognitive, come antiossidante e molto altro ancora!

Lo zinco è un minerale essenziale che si trova in tutti gli organi, tessuti e fluidi del corpo.

In quanto secondo oligoelemento più comune nel corpo dopo il ferro, svolge un ruolo decisivo in diversi processi biologici, e soprattutto nella produzione di energia e nella formazione di nuovi tessuti, nonché nella costruzione dei muscoli. Lo zinco rende la pelle più bella e rafforza le ossa, i capelli e le unghie.

Lo zinco è necessario per l'azione di oltre 300 enzimi coinvolti nella sintesi e nel metabolismo di carboidrati, grassi, proteine, acidi nucleici e altri micronutrienti.

Inoltre favorisce la guarigione delle ferite e ha anche un effetto antinfiammatorio. Gli effetti positivi di questo minerale includono anche il rafforzamento del sistema immunitario. È indispensabile per la formazione dei globuli bianchi ed è contenuto, tra l'altro, negli ormoni tiroidei e sessuali (ad esempio il testosterone) e nell'insulina.

Lo zinco svolge anche un ruolo nella stabilizzazione delle strutture cellulari e degli organi, nelle difese immunitarie, nella divisione cellulare, nella crescita, nella coagulazione del sangue, nella funzione tiroidea, nella vista, nel gusto e nell'olfatto. [7]

Viene consumato costantemente e richiede perciò un'assunzione regolare attraverso il cibo.

Poiché lo zinco gioca un ruolo così critico all'intero del sistema immunitario, la carenza di zinco contribuisce in modo significativo al carico globale delle malattie ed è quindi un importante problema della salute in generale.[8]

I gruppi a rischio per la carenza di zinco includono le persone con disturbi digestivi, i vegetariani, le donne in gravidanza e in allattamento, gli alcolisti e le persone con anemia falciforme.[9]

Lo zinco è raccomandato in caso di

  • aumento del fabbisogno di zinco per gli atleti agonisti
  • dieta sbilanciata o a basso contenuto di zinco (ad esempio, in una dieta vegana o vegetariana)
  • un sistema immunitario indebolito o con infezioni croniche e acute
  • problemi della pelle (tra cui allergie, acne, neurodermite)
  • aumento delle perdite di zinco, ad esempio in occasione di gravi diarree
  • durante la gravidanza e l'allattamento

Zinco nel cibo

Tra le buone fonti di zinco vi sono le carni rosse, i frutti di mare (soprattutto le ostriche), i latticini, le noci, i legumi e i prodotti integrali. Tuttavia, lo zinco viene assorbito più facilmente se assunto dalla carne e da altre proteine animali.

Anche alcuni formaggi sono dei buoni fornitori di zinco. Fra gli alimenti vegetali, ad esempio, sostengono l'apporto di zinco dell'organismo i cereali integrali, i fiocchi d'avena e i legumi come le lenticchie o i piselli. Anche la maggior parte della frutta a guscio è considerata ricca di zinco.

Purtroppo, le verdure, i cereali e le noci non costituiscono però una fonte ideale perché contengono fitato, un composto presente nelle piante che impedisce l'assorbimento ottimale dello zinco.[12]

La carenza di zinco e le sue conseguenze

Non c'è nessun'altra sostanza che possa sostituire lo zinco nell'organismo umano. Se non viene regolarmente garantita una fornitura adeguata, può verificarsi una carenza di zinco. Una carenza moderata di solito porta a sintomi sistematici piuttosto aspecifici che spesso rimangono a lungo inosservati.

I possibili sintomi della carenza di zinco includono: [[B097]] [[B099]] [[B100]] [[B101]] [[B102]]

  • stanchezza, mancanza di motivazione
  • mancanza di concentrazione, difficoltà di apprendimento
  • aumento della suscettibilità alle infezioni e alle infiammazioni
  • guarigione lenta delle ferite
  • infiammazione cutanee
  • perdita o diradamento dei capelli
  • unghie fragili o con macchie bianche
  • alterazioni della crescita
  • diminuzione dell'interesse sessuale
  • disturbi delle percezioni sensoriali
  • infezioni fungine
  • funghi ai piedi
  • sbalzi d'umore
  • depressione
  • anemia
  • perdita di peso e/o di appetito
  • disturbi dello sviluppo (nei bambini)
  • disturbi della crescita (nei bambini)
  • eruzioni e lesioni cutanee

Dosaggio dello zinco

A volte, anche con una dieta variata, il fabbisogno giornaliero di zinco non può essere coperto a sufficienza. Normalmente si suppone che l'assunzione di zinco da parte degli uomini debba essere di 9-10 mg, mentre le donne hanno bisogno di circa 7 mg di zinco al giorno.

L'assunzione giornaliera di zinco raccomandata dalla Società Tedesca per la Nutrizione (DGE) dipende dall'età e dal peso, con diversi valori guida per uomini e donne.

I seguenti valori indicativi sono espressi in milligrammi (mg) al giorno:[[B105]]

  • neonati fino a 4 mesi: 1 mg
  • neonati da 4 a 12 mesi: 2 mg
  • bambini da 1 a 4 anni: 3 mg
  • bambini da 4 a 7 anni: 5 mg
  • bambini da 7 a 10 anni: 7 mg
  • bambini da 10 a 13 anni: ragazzi: 9 mg; ragazze: 7 mg
  • bambini da 13 a 15 anni: ragazzi: 9,5 mg; ragazze: 7 mg
  • adolescenti dai 15 anni in su e adulti: uomini: 10 mg; donne: 7 mg
  • donne in gravidanza dal 4° mese: 10 mg
  • donne in allattamento: 11 mg

Gli integratori alimentari sotto forma di compresse o capsule di zincopossono costituire un supporto utile nel fornire zinco al corpo umano in caso di una carenza o di un aumentato fabbisogno di zinco.

Effetti collaterali dello zinco e sovradosaggio

Lo zinco appartiene al gruppo dei metalli e può avere un effetto tossico se assunto in grandi quantità. L'assunzione massima raccomandata di zinco è di 40 mg per gli adulti. Possibili segni di avvelenamento acuto da zinco sono nausea e vomito, perdita di appetito, diarrea, crampi addominali e mal di testa.

Un sovradosaggio cronico di zinco (a partire da 150 mg/giorno) può portare a cambiamenti nei depositi di ferro o rame del corpo, così come ad una compromissione del sistema immunitario. Non si deve quindi superare la massima assunzione di zinco raccomandata.[[B108]]

Per chi è particolarmente importante lo zinco?

  • atleti
  • persone con carenza di zinco
  • persone con problemi alla pelle
  • donne in gravidanza e allattamento
  • persone con un sistema immunitario indebolito
  • persone con un maggiore fabbisogno di zinco a causa dell'assunzione di farmaci
  • vegani e vegetariani

Zinco e sistema immunitario

Lo zinco è essenziale per il normale sviluppo e la funzionalità di molte cellule immunitarie.[1] A causa del ruolo critico che lo zinco svolge nel sistema immunitario, anche una sua lieve carenza può influenzare le difese immunitarie e aumentare il rischio di infezioni batteriche, virali e parassitarie.[11]

In condizioni cliniche associate ad immunodeficienza (ad esempio, anemia falciforme, infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV), sindrome di Down, e in pazienti anziani), l'integrazione di zinco può ripristinare l'attività naturale delle cellule killer, la produzione di linfociti e la resistenza alle infezioni.[10] [16]

Studi su pazienti sieropositivi con bassi livelli di zinco nel sangue dimostrano che un'integrazione sostenuta con lo zinco è associata ad un ridotto rischio di infezioni e di malattie.[2] [5] Tuttavia, l'integrazione deve essere usata con cautela, poiché un eccesso di zinco può peggiorare i sintomi della malattia.[3] [4]

Le persone affette da acrodermatite enteropatica (sindrome da carenza ereditaria di zinco, un disturbo genetico che influenza l'assorbimento dello zinco) hanno alti tassi di infezione, ma l'integrazione con zinco in dosi terapeutiche porta al loro recupero completo.[6]

Molti studi hanno dimostrato che nei neonati e nei bambini dei paesi in via di sviluppo la somministrazione di zinco ha ridotto la durata, la gravità e la frequenza della diarrea acuta e cronica, delle infezioni acute delle basse vie respiratorie e della malaria.[14] [17]

Effetti benefici simili sono stati segnalati per altre malattie infettive che colpiscono gli adulti, tra cui la shigellosi (dissenteria batterica), la lebbra, la tubercolosi, la leishmaniosi, l'epatite C e il comune raffreddore (aumentando le citochine Th1).[18] [13]

D'altra parte, livelli di zinco eccessivi possono ridurre le difese immunitarie. Uno studio in giovani uomini sani ha dimostrato che alte dosi di zinco hanno ridotto diverse funzioni immunitarie, tra cui l'attivazione dei linfociti e la fagocitosi dei neutrofili.[15]

Lo zinco agisce come antiossidante

Uno studio in persone anziane ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco potrebbe ridurre i perossidi di grasso nel sangue.[19]

In un altro studio, lo zinco ha ridotto le rotture del DNA nelle donne. Le rotture del DNA sono comunemente usate come marcatore parametrico per determinare la quantità di lesioni indotte dallo stress ossidativo. [22]

Lo zinco è stato inoltre in grado di ripristinare i livelli normali degli scavenger di radicali superossido nello sperma degli uomini con astenospermia (scarsa motilità dello sperma). .[20]

Inoltre, lo zinco ha protetto i topi dallo stress ossidativo indotto dalle radiazioni.[24]

L'integrazione con lo zinco ha dimostrato un'ulteriore efficacia nel trattamento del morbo di Wilson, un disturbo in cui il rame si accumula nei tessuti.[21]

Lo zinco aiuta anche a prevenire la morte delle cellule cutanee a causa dello stress ossidativo e delle tossine batteriche.[25] [26]

Zinco e infiammazioni

Lo zinco inibisce la produzione di molte citochine infiammatorie inibendo il NF-kB.[1]

Studi su persone anziane (che spesso soffrono di carenza di zinco) dimostrano che lo zinco sopprime l'infiammazione abbassando le citochine e altri marcatori infiammatori.[23] [28]

Lo zinco mostra efficacia anche in una varietà di condizioni infiammatorie, tra cui la sindrome dell'intestino irritabile, l'acne e l'asma. [30] [32]

In un modello di topo invecchiato, l'integrazione con lo zinco ha portato ad un minore aumento dei marcatori infiammatori dovuto all'età.

Zinco e reazioni autoimmuni

Molti studi dimostrano che lo zinco può sopprimere le reazioni immunitarie indesiderate (ad esempio l'autoimmunità e i rigetti dei trapianti) stimolando le cellule T regolatorie.[29] [31]

Uno studio in uomini sani ha mostrato che lo zinco potrebbe ridurre il tasso di rigetto dei trapianti, proteggendo il corpo dalle infezioni derivanti da un sistema immunitario depresso.

Nei modelli murini di sclerosi multipla e artrite, lo zinco è stato in grado di migliorare i sintomi della malattia riducendo l'infiammazione, sopprimendo la proliferazione delle cellule T e aumentando le cellule T regolatorie.[27] [35] [36]

Nelle colture di linfociti misti, le cellule T regolatorie indotte dallo zinco hanno contribuito a ridurre il rigetto dei trapianti diminuendo le citochine infiammatorie e la proliferazione delle cellule T.

Allo stesso modo, lo zinco ha ridotto il rigetto del trapianto di cuore nei modelli murini impedendo la morte del tessuto del trapianto (inibendo la caspasia-3). [38]

Nei pazienti con artrite reumatoide sono stati osservati cambiamenti positivi in termini di gonfiore articolare, rigidità mattutina e tempi di deambulazione dopo la terapia con lo zinco. [37] [33] [34]

Zinco per allergia e asma

In risposta al polline dell'erba, un allergene che è una delle principali cause della rinite allergica in molte parti del mondo, lo zinco ha aumentato le cellule T regolatorie e ha diminuito la proliferazione nelle cellule mononucleari del sangue periferico (PBMC) isolate dai soggetti allergici.[39]

Bassi livelli di zinco nel sangue sono associati a sintomi di asma più gravi nei bambini.[42]

Uno studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha migliorato i sintomi (ad esempio tosse, respiro affannoso e mancanza di respiro) nei bambini con asma.

Lo zinco potrebbe inoltre ridurre l'infiammazione respiratoria e l'iperreattività nei modelli murini di infiammazione allergica e asma.[28] [43]

Nei topi allergici, lo zinco è stato in grado di inibire la morte delle cellule epiteliali nel tratto respiratorio (inibendo la caspasia-3).

Lo zinco e la guarigione delle ferite

Lo zinco ha migliorato la riparazione delle ulcere della pelle nei diabetici.[41] La carenza di zinco è anche associata alla guarigione ritardata delle ferite.[40]

Gli studi sugli animali e sull'uomo dimostrano che la somministrazione di zinco può accelerare il processo di guarigione dopo operazioni, ustioni e altre ferite.

In applicazione topica, l'ossido di zinco ha migliorato la guarigione delle ferite escissionali nei ratti.

Zinco per le funzioni mentali

L'integrazione con lo zinco potrebbe migliorare il recupero cognitivo nelle persone con carenza di zinco che hanno avuto un ictus ischemico.[46]

Uno studio in doppio cieco nei bambini ha mostrato che l'integrazione di zinco ha portato a maggiori prestazioni neuropsicologiche, soprattutto in termini di attenzione e capacità di ragionamento, rispetto al gruppo di controllo.[44] [45]

Uno studio randomizzato ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha portato ad un aumento dell'attività, dello sviluppo mentale e della qualità motoria nei neonati e nei bambini.[47] [49]

Nei pazienti più anziani affetti da Alzheimer, la terapia a base di zinco protegge dal declino cognitivo abbassando i livelli di rame libero nel sangue, tossici per il cervello. [50] [48]

Molti studi su animali dimostrano che lo zinco in concentrazioni moderate è neuroprotettivo e aiuta a mantenere l'apprendimento e la memoria.[52] [53]

In un modello murino del morbo di Alzheimer, l'integrazione di zinco ha ridotto i fattori patologici associati alla progressione della malattia (ad esempio i carichi di proteine β amiloide e tau) e ha migliorato la funzione mitocondriale e il fattore di crescita BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello) nell'ippocampo.

Un altro studio ha dimostrato che l'integrazione materna con lo zinco ha migliorato l'apprendimento spaziale e la memoria nei cuccioli di ratto.

Uno studio ha rilevato che dosi moderate di zinco (12 mg/kg) hanno prolungato la sopravvivenza in un modello di topo ALS.[51]

Zinco e disturbi psichiatrici

Uno studio su pazienti affetti da OCD ha dimostrato che l'aggiunta di zinco alla terapia con fluoxetina è stata in grado di ridurre i sintomi (come valutato dalla scala ossessiva compulsiva Yale-Brown). [54] Poiché lo zinco può sopprimere il rilascio e la trasmissione di glutammato, può migliorare i sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo.[57]

Uno studio ha dimostrato che in combinazione con il metilfenidato (uno stimolante dell'SNC) l'integrazione dello zinco ha ridotto l'iperattività e l'impulsività nei bambini con ADHD.[55] [56]

Uno studio in uomini affetti da schizofrenia ha scoperto che lo zinco in combinazione con il risperidone ha migliorato molti sintomi associati al disturbo (ad esempio aggressività, allucinazioni e deliri). Questo effetto è in parte attribuito alle proprietà antiossidanti e antidepressive dello zinco.[58]

Zinco e autismo

Uno studio ha rilevato che le persone autistiche hanno livelli di zinco più bassi rispetto alle persone non autistiche. Nello studio, la gravità dei sintomi autistici (cioè la mancanza di consapevolezza, l'iperattività, la carenza di concentrazione e attenzione, il ridotto contatto visivo, la furtività, la sensibilità ai suoni, la sensibilità tattile e le crisi epilettiche) è diminuita dopo il trattamento con zinco e vitamina B6.[61]

Gli studi hanno scoperto che il trattamento prenatale di zinco ha impedito comportamenti di tipo autistico (ad esempio, deficit sociali indotti, comportamento ripetitivo e inflessibilità cognitiva) nei cuccioli di ratto, suggerendo un possibile legame tra la carenza di zinco e lo sviluppo dell'autismo.[60]

Uno studio recente ha mostrato che lo zinco inverte i cambiamenti delle cellule cerebrali causati dall'autismo: 'Il nostro lavoro dimostra che anche le cellule portatrici di cambiamenti genetici associati all'autismo sono influenzate dallo zinco.'

'La nostra ricerca si concentra sulla proteinaShank3 che si trova nelle sinapsi del cervello ed è associata a disturbi dello sviluppo neurologico come l'autismo e la schizofrenia.' 'I pazienti umani con cambiamenti genetici nella Shank3 mostrano profondi deficit di comunicazione e di comportamento. In questo studio dimostriamo che la Shank3 è una componente chiave di un sistema di segnalazione sensibile allo zinco e regola il modo in cui le cellule cerebrali comunicano.'

'È affascinante come i cambiamenti correlati all'autismo nel gene Shank3 influenzino la comunicazione delle cellule cerebrali', afferma la Dott.ssa Montgomery. 'Questi cambiamenti genetici nello Shank3 non alterano la capacità di rispondere allo zinco.'

'Di conseguenza, abbiamo dimostrato che lo zinco può aumentare la comunicazione tra le cellule cerebrali, che in precedenza era stata indebolita dai cambiamenti correlati all'autismo nella Shank3.'

'I disturbi nella regolazione dello zinco nel corpo possono non solo influenzare il funzionamento delle sinapsi nel cervello, ma anche portare a disturbi cognitivi e comportamentali in pazienti affetti da disturbi psichiatrici.'

'Insieme ai nostri risultati, i dati suggeriscono che fattori ambientali/nutrizionali come le variazioni dei livelli di zinco possono alterare il sistema di segnalazione di questa proteina e ridurre la sua capacità di regolare la funzione delle cellule nervose nel cervello', dice la Dott.ssa Montgomery.

Zinco per lo stress e l'umore

L'integrazione di zinco si è dimostrata efficace nel trattamento dei disturbi dell'umore (ad es. depressione e ansia) a livello clinico e nei modelli animali.[63] [59]

Lo zinco aumenta anche i livelli del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), che sono bassi nelle persone affette da depressione. Uno studio ha scoperto che la terapia a base di zinco è stata in grado di migliorare l'umore generale nei soggetti in sovrappeso, probabilmente aumentando i livelli di BDNF.[62]

Lo zinco controlla la morte delle cellule

Sia alte che basse concentrazioni intracellulari di zinco innescano l'apoptosi (una forma di morte cellulare programmata) in molti tipi di cellule.[66] [69]

Carenza di zinco e cancro

La carenza di zinco aumenta significativamente il rischio di cancro alla bocca, all'esofago e allo stomaco. Il tessuto del tratto digestivo è più suscettibile a causa dell'elevata esposizione alle tossine esterne.[65]

I bassi livelli di zinco nel sangue sono anche associati al cancro alla testa, al collo, ai polmoni, alla cistifellea, alla prostatae alle ovaie. [64] Il ripristino dei livelli di zinco può migliorare la funzione naturale delle cellule killer, essenziale per uccidere le cellule tumorali.[68] [71]

Lo zinco può inoltre bloccare la crescita dei tumori riducendo l'assorbimento del glucosio, impedendo la crescita di nuovi vasi sanguigni e inducendo la morte cellulare nelle cellule tumorali animali e umane.[67] [70] [72] [74]

Lo zinco è un antimicrobico

In dosi elevate, lo zinco inibisce la crescita di diverse specie batteriche, soprattutto di organismi gram-positivi.[73]

Lo zinco ha mostrato effetti antibatterici contro gli organismi aerobici e anaerobici nei canali radicali.[76]

Lo zinco ha inoltre inibito l'accumulo e la crescita dello Staphylococcus aureus (S.aureus) nel tessuto cutaneo.[79]

Lo zinco ha mostrato anche effetti antimicrobici nella guarigione delle ferite nei ratti.[75]

Zinco ed epilessia

Diversi studi hanno riportato una significativa diminuzione dei livelli di zinco nel sangue dei pazienti con epilessia persistente.[78] [80]

Uno studio sui bambini epilettici ha dimostrato che la zinco-terapia ha ridotto significativamente la frequenza delle crisi epilettiche nel 31% dei bambini trattati.[81]

L'integrazione con lo zinco potrebbe inoltre prolungare la latenza (il periodo tra un attacco e l'altro) delle crisi febbrili nei ratti.[77]

Lo zinco promuove la crescita

In una serie di studi, l'integrazione di zinco ha mostrato significativi effetti positivi nella misurazione dell'altezza e del peso dei bambini, soprattutto dei bambini sottopeso e con problemi di crescita.[87] [83]

Un'analisi degli studi sulla crescita nei bambini ha mostrato che una dose di 10 mg di zinco al giorno per 24 settimane ha portato ad un aumento dell'altezza netto di circa 0,37 cm nei bambini che hanno ricevuto l'integrazione di zinco rispetto ai bambini trattati con un placebo.[84]

Lo zinco aumenta anche la massa muscolare dei bambini.[86]

Zinco e intestino

L'integrazione con lo zinco ha un effetto protettivo sulla mucosa intestinale di modelli animali e sull'uomo in una varietà di malattie gastrointestinali (ad esempio malattie infiammatorie intestinali, tossicità alcolica e colite).[85]

Lo zinco ha stabilizzato la mucosa intestinale e ridotto le lesioni allo stomaco e all'intestino tenue migliorando i processi di riparazione intestinale nei ratti e nei topi.

Lo zinco ha anche protetto la mucosa intestinale dai danni causati dall'alcool nei ratti e nei topi.[82]

Lo zinco può prevenire la permeabilità intestinale, riducendo così il rischio di malattie infiammatorie intestinali.[90] [88] [89]

Uno studio su pazienti con dispepsia (disturbi digestivi) ha scoperto che l'infiammazione gastrica indotta dall'H.pylori è correlata negativamente con la concentrazione di zinco, suggerendo che lo zinco può ridurre il rischio di cancro allo stomaco, eliminando l'infiammazione gastrica.[95]

Lo zinco e la qualità del sonno

Le donne e i bambini con una maggiore concentrazione di zinco nel sangue hanno una migliore qualità del sonno.[91] Uno studio sui neonati ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco può prolungare la durata del sonno.

Lo zinco stimola l'appetito

Uno dei primi segni di carenza di zinco è la perdita di appetito.[92]

Uno studio nei ratti ha dimostrato che l'integrazione orale con zinco è stato in grado di stimolare drammaticamente l'assunzione di cibo (aumentando l'orexina e il neuropeptide Y).

Studi clinici in pazienti con anoressia nervosa (AN) mostrano una significativa associazione tra la malattia e i bassi livelli di zinco nel sangue.[94] [93]

Molti studi con l'integrazione orale con lo zinco hanno riportato un aumento dell'aumento di peso, della massa muscolare, dell'appetito, della sensibilità al gusto e dell'assunzione di cibo nei pazienti affetti da AN.[96] [97] [100]

Lo zinco e la salute della pelle

Lo zinco ha dimostrato di essere benefico per una varietà di malattie della pelle (ad esempio acne, verruche, rosacea, eczema, psoriasi, melasma e forfora). [6]

Nelle persone con acne vulgaris, i gruppi che hanno ricevuto lo zinco come integratore alimentare hanno mostrato un significativo miglioramento dei sintomi rispetto ai gruppi placebo.[99] [[A217]]

Gli studi clinici in pazienti con verruche virali hanno portato ad una completa sparizione delle verruche per la maggior parte delle persone trattate con lo zinco.[98] [[A219]]

Lo zinco mostra un'efficacia simile nel trattamento dell'herpes genitale (verruche genitali causate dal virus dell'Herpes simplex (HSV) 1 e 2). [[A220]]

Uno studio condotto su persone affette da rosacea (una malattia infiammatoria cronica caratterizzata da arrossamento, capillari sottili e protuberanze rosse sul viso) ha dimostrato che lo zinco per via orale può ridurre i sintomi della malattia.[[A221]]

L'integrazione con lo zinco mostra un'efficacia simile nel trattamento di altre malattie infiammatorie della pelle come la psoriasi e l'eczema, probabilmente a causa delle sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.[[A222]]

Lo zinco può anche trattare l'eczema seborroico (forfora). Gli studi dimostrano che gli shampoo contenenti zinco possono ridurre significativamente le incrostazioni e le infiammazioni associate alla forfora.[[A223]]

Il melasma è un'alterazione dei pigmenti della pelle che causa una colorazione della pellemarrone. Il trattamento con lo zinco è stato in grado di ridurre la gravità di questa malattia nei pazienti affetti da effetti collaterali minimi.[[A224]]

Lo zinco protegge anche dai danni della pelle provocati dal sole, che possono causare l'invecchiamento della pelle e il cancro. Uno studio su esseri umani ha mostrato che l'integrazione orale con zinco protegge contro i raggi UV meglio dell'ossido di titanio.[[A225]]

Zinco e perdita di capelli

In uno studio clinico, è stato dimostrato che lo zinco topico migliora la crescita dei capelli negli uomini calvi. Si ritiene che gli effetti antimicrobici, antinfiammatori, antiossidanti e antiandrogeni dello zinco sul cuoio capelluto siano potenzialmente coinvolti nella densità dei capelli. [[A226]] [[A227]] [[A228]] [[A229]]

Un altro studio in donne con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha avuto effetti positivi su una serie di sintomi, tra cui l'alopecia (perdita di capelli).[[A230]]

Il trattamento con lo zinco ha anche invertito la perdita di capelli nei pazienti sottoposti a gastroplastica verticale (bendaggio gastrico), un'operazione chirurgica che può portare a carenza di zinco.[[A231]]

Lo zinco protegge il fegato

L'integrazione con lo zinco nei modelli animali di malattie alcoliche del fegato (ALD) protegge il fegato bloccando la maggior parte dei meccanismi di danni al fegato (ad esempio la permeabilità intestinale, l'endotossinemia, lo stress ossidativo, la produzione di citochine infiammatorie in eccesso e la morte delle cellule epatiche).[[A237]] [[A238]]

Nei pazienti con cirrosi epatica non alcolica, l'integrazione di zinco ha migliorato la funzionalità epatica e ha impedito un eccessivo accumulo di rame, che può danneggiare il fegato (R). Lo zinco ha inoltre migliorato i risultati nei pazienti con epatite C, che, se non trattata, può portare a cicatrici al fegato.[[A239]]

Zinco per ossa forti

Gli studi hanno scoperto che lo zinco può aumentare la densità e la forza delle ossa stimolando la formazione delle ossa e prevenendo la perdita ossea.[[A240]]

Negli osteoblasti (le cellule che formano le ossa) dei topi, il trattamento con lo zinco ha stimolato l'attività di formazione delle ossa.[[A241]]

Un altro studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha aumentato i marcatori di formazione ossea (cioè ALP, BAPE e BAP-M) negli uomini sani.[[A242]]

Lo zinco è stato anche in grado di sopprimere l'attività delle fratture ossee nelle colture di midollo osseo di topo inibendo i marcatori di fratture ossee (ad esempio l'ormone paratiroideo e il PGE2).[[A243]]

A causa dei suoi effetti di rafforzamento delle ossa, lo zinco ha dimostrato di proteggere da molte complicazioni legate alle ossa negli animali e nell'uomo.[[A244]] [[A245]]

Lo zinco e il cuore

Gli studi hanno dimostrato che nelle persone con arteriosclerosi (indurimento delle arterie), malattie cardiache, dolori al petto e attacchi di cuore i livelli di zinco sono spesso bassi.[[A290]] [[A291]] [[A292]] [[A293]]

Uno studio ha scoperto che un maggiore tasso di insufficienza cardiaca è associato a carenza di zinco.[[A294]]

Altri studi hanno dimostrato che alte dosi di zinco sono state in grado di prevenire e trattare l'angina (dolore toracico) nei pazienti con aterosclerosi.[[A294]]

L'integrazione di zinco ha protetto inoltre il cuore da lesioni da ictus in ratti e topi.[[A291]]

Zinco e diabete

Gli ioni di zinco possono legarsi ai recettori dell'insulina e attivare le vie di segnalazione dell'insulina.[[A295]]

Imitando l'insulina, lo zinco riduce l'eccessiva secrezione di insulina da parte delle cellule pancreatiche, le quali proteggono il tessuto pancreatico dai danni.[[A296]]

Lo zinco migliora anche la solubilità dell'insulina nelle cellule pancreatiche e aumenta il legame dell'insulina al suo recettore.[[A298]]

A causa del ruolo essenziale dello zinco nella lavorazione, nello stoccaggio e nella secrezione di insulina, una carenza può portare ad un aumento della resistenza all'insulina.[[A297]]

Uno studio ha rilevato che i pazienti prediabetici avevano maggiori probabilità di soffrire di carenza di zinco.[[A298]]

Altri studi hanno trovato alte percentuali di carenza di zinco nei pazienti con diabete di tipo 2.[[A299]]

Gli studi sulle donne riferiscono che una maggiore assunzione di zinco nella dieta può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.[[A300]] [[A299]]

Diversi studi hanno scoperto che l'integrazione di zinco ha ridotto i livelli di glucosio nel sangue a digiuno e ha migliorato la sensibilità all'insulina nei modelli animali diabetici e negli esseri umani. [[A301]] [[A301]] [[A302]] [[A303]]

Lo zinco ha anche ridotto la gravità della neuropatia diabetica (dolore ai nervi), lo stress ossidativo e i livelli di colesterolo/trigliceridi nei diabetici di tipo 2.[[A304]] [[A305]] [[A303]] [[A306]]

Zinco e dieta

La leptina è un ormone che svolge un ruolo importante nel controllo dell'appetito e del peso. Bassi livelli di zinco possono portare alla riduzione della produzione di leptina dalle cellule di grasso nei ratti e negli esseri umani.[[A307]] [[A308]] [[A306]]

Il ripristino dei livelli di zinco negli uomini con una carenza marginale di zinco ha portato ad un aumento dei livelli di leptina nel sangue (forse a causa di elevati IL-2 e TNF-alfa).[[A309]]

Zinco e fertilità maschile

La concentrazione di zinco seminale è positivamente correlata con il numero, la motilità e la vitalità di spermatozoi.[[A317]] [[A318]] [[A319]] Ciò è probabilmente dovuto al ruolo che lo zinco svolge nella stabilizzazione delle membrane cellulari e del DNA (riducendo il danno ossidativo) degli spermatozoi e migliorando la spermatogenesi (la formazione di nuovi spermatozoi). [[A320]]

Dosi da basse a moderate (12-120 mg/kg) di zinco sembrano migliorare la funzione riproduttiva nei ratti.

Lo zinco si trova in alte concentrazioni nella prostata e nei testicoli ed è coinvolto nella sintesi del testosterone.[[A320]] [[A321]]

Negli uomini sterili (con basso livello di testosterone nel sangue) l'integrazione di zinco ha portato ad un aumento del numero di spermatozoi, di testosterone, di diidrotestosterone (DHT) e della fertilità.[[A322]]

L'effetto di miglioramento del testosterone dello zinco potrebbe aiutare ad aumentare la libido e le prestazioni sessuali negli uomini con disfunzione erettile, che spesso hanno bassi livelli di testosterone.[[A323]] [[A324]] [[A325]]

Lo zinco può anche ridurre i danni ossidativi ai testicoli. Nei ratti, lo zinco ha dimostrato di preservare la funzione testicolare (misurata in base al peso testicolare, alla concentrazione di sperma e ai livelli di testosterone) in risposta allo stress ossidativo indotto dal fumo di sigaretta.

Zinco per la fatica

Basse concentrazioni di zinco nel sangue sono associate a molti sintomi della sindrome da affaticamento cronico (ad es. stanchezza, depressione e difficoltà di concentrazione).

Uno studio ha dimostrato che i livelli di zinco nel sangue nei pazienti con sindrome da affaticamento cronico (CFS) erano significativamente inferiori al normale e che la gravità della sindrome era correlata negativamente con i livelli di zinco. Lo studio ha concluso che lo zinco può essere efficace nell'attenuare i sintomi del CFS grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.[[A326]]

L'infiammazione intestinale (causata da una perdita intestinale) è comune nelle persone con CFS.[[A327]]

Uno studio ha scoperto che il trattamento delle perdite intestinali con una miscela di sostanze antinfiammatorie e antiossidanti, tra cui lo zinco, ha portato nei pazienti CFS a un significativo miglioramento dei sintomi.[[A328]]

Zinco e prestazioni sportive

Uno studio sui lottatori ha scoperto che un allenamento pesante può ridurre significativamente gli ormoni tiroidei e i livelli di testosterone, portando all'esaurimento. Tuttavia, l'integrazione con lo zinco potrebbe prevenire questa conseguenza, suggerendo che l'assunzione di zinco (in dosi fisiologiche) può beneficiare le prestazioni atletiche. Un altro studio su uomini sedentari ha mostrato risultati simili.[[A382]]

Zinco e coagulazione del sangue

Studi sull'uomo dimostrano che lo zinco è coinvolto nella regolazione dei fattori protrombotici (formazione di coaguli di sangue) e antitrombotici (prevenzione dei coaguli di sangue) derivati dalle piastrine e dal lume dei vasi sanguigni.[[A329]] [[A330]]

L'iperzincinemia (alti livelli di zinco nel sangue) può causare la coagulazione del sangue durante l'ipozincinemia (bassi livelli di zinco nel sangue) portando a tempi di coagulazione del sangue prolungati. Entrambe le condizioni causano un deterioramento dell'aggregazione piastrinica e un'emorragia anomala.[[A330]]

Uno studio ha scoperto che il ripristino dei livelli di zinco negli uomini con carenza di zinco ha portato alla normalizzazione dell'aggregazione piastrinica e del tempo di coagulazione.[[A331]]

Zinco durante la gravidanza

Bassi livelli di zinco nel sangue sono associati a complicazioni della gravidanza (ad esempio, aborto spontaneo, preeclampsia, gravidanza prolungata, parto prematuro e sviluppo fetale anormale).[[A332]] [[A333]] [[A334]]

Gli studi hanno dimostrato che l'integrazione di zinco da parte della madre (se si ha una carenza di zinco o si è sottopeso) può ridurre il rischio di parto prematuro e proteggere dai danni fetali dovuti all'esposizione all'alcool.[[A335]] [[A336]]

Uno studio ha scoperto che le madri indiane che hanno ricevuto un'integrazione di zinco hanno avuto gravidanze più lunghe e bambini con pesi più sani.[[A337]]

Un altro studio su donne in gravidanza (con bassi livelli di zinco nel sangue) ha mostrato che l'integrazione di zinco (25mg/giorno) ha aumentato significativamente il peso alla nascita del neonato e le circonferenze della testa durante la seconda metà della gravidanza.[[A338]]

Si pensa che questi effetti benefici siano il risultato della capacità dello zinco di inibire la morte delle cellule embrionali, di aumentare i fattori di crescita (ad esempio IGF, PDGF e FGF) e di ridurre i danni ossidativi, contribuendo così a promuovere uno sviluppo sano del feto.[[A332]] [[A339]]

Lo zinco e la salute delle donne

La carenza di zinco è associata a squilibri ormonali che possono portare a problemi di funzione ovarica, irregolarità mestruali e infertilità.[[A340]]

Diversi studi hanno scoperto che la somministrazione orale di zinco (in combinazione con l'acido mefenamico e da solo) potrebbe ridurre la gravità e la durata dei dolori mestruali nelle donne.[[A334]] [[A341]] [[A342]]

Questi effetti sono probabilmente dovuti all'inibizione del metabolismo delle prostaglandine nell'utero da parte dello zinco, che porta a ridurre i crampi dolorosi nel basso addome.[[A343]]

Nelle donne con la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), l'insulino-resistenza può portare ad un aumento della produzione di ormoni androgeni (ad esempio testosterone e DHEA), con conseguente calvizie, crescita dei peli del corpo, ciclo irregolare e infertilità.[[A344]]

Gli studi hanno scoperto che l'integrazione con lo zinco può abbassare i livelli di insulina e migliorare i sintomi della malattia (ad esempio, la crescita dei peli del corpo e la calvizie) nelle donne con PCOS.[[A345]] [[A230]]

Le donne con endometriosi (una condizione in cui il tessuto interno dell'utero cresce al di fuori dell'utero) hanno mostrato bassi livelli di zinco nel sangue.[[A346]]

Uno studio ha riportato che l'assunzione di antiossidanti (come vitamina C, vitamina E, selenio e zinco) è stato inversamente correlato con la gravità della progressione dell'endometriosi nelle donne, suggerendo che lo zinco può rallentare lo sviluppo di questo disturbo.[[A346]]

Zinco per il dolore

Lo zinco ha dimostrato di avere proprietà analgesiche in una serie di studi sugli animali.[[A347]] [[A348]]

Nei ratti con lesioni del nervo sciatico, l'iniezione di cloruro di zinco ha notevolmente alleviato l'iperalgesia termica (aumento della sensibilità al dolore) in base alla dose assunta.[[A347]]

Un altro studio ha dimostrato che i sali di zinco sono stati in grado di sopprimere il dolore nei topi esposti a una serie di stimoli dolorosi (ad esempio calore e sostanze chimiche irritanti).[[A350]]

Nei pazienti con malattia epatica cronica, lo zinco ha ridotto la frequenza e la gravità dei crampi muscolari. [[A349]] Si ritiene che lo zinco allevi parzialmente il dolore legandosi al recettore NMDA (come antagonista) coinvolto nell'avvio del dolore.

Zinco per il senso del gusto

La carenza di zinco è associata ad una ridotta sensibilità al gusto.[[A356]]

Questo può essere dovuto al fatto che la gustina (o anidrasi carbossilica VI), un enzima dipendente dallo zinco, non è molto attiva quando le concentrazioni di zinco nella saliva sono basse.[[A357]]

Uno studio ha dimostrato che l'integrazione di zinco ha portato ad un aumento del senso del gusto (giudicato dalle soglie di accettazione del sale) negli adolescenti indiani (che spesso soffrono di carenza di zinco).[[A358]]

Zinco per i disturbi dell'udito

La carenza di zinco è associata a una riduzione dell'udito nei topi e nei ratti e può essere curata con un'integrazione di zinco.[[A365]]

Questo è probabilmente il risultato dell'effetto protettivo dello zinco (che aumenta la SOD) contro le tossine nelle strutture dell'orecchio (ad es. coclea e vestibolo).[[A366]]

Le persone con acufene (ronzio nelle orecchie) hanno livelli di zinco più bassi nel sangue.[[A367]] [[A368]]

Uno studio ha riportato che l'integrazione con lo zinco (50 mg/giorno) per due mesi è stata in grado di ridurre la gravità dell'acufene nell'82% dei pazienti.[[A367]]

In un altro studio è stato scoperto che l'integrazione di zinco al corticosterone orale è stata associata ad un miglioramento dei sintomi nelle persone con improvvisa perdita dell'udito neurosensoriale (sordità improvvisa per motivi sconosciuti) rispetto al solo corticosterone.[[A369]]

L'otite media (OM) è un'infezione dell'orecchio medio. Uno studio ha dimostrato che l'integrazione con lo zinco potrebbe ridurre significativamente il tasso di otite media nei bambini sani provenienti da aree a basso reddito.[[A370]]

Zinco e durata di vita

Si presume che lo stress ossidativo acceleri il processo di invecchiamento. Lo zinco è un componente chiave della superossido-dismutasi Cu/Zn (Cu/Zn-SOD), un potente enzima che neutralizza i radicali superossidi.[[A371]] [[A372]]

Uno studio ha scoperto che i vermi (ad esempio S.cerevisiae) e i topi geneticamente modificati per avere alti livelli di SOD avevano una durata di vita più lunga.

Le mutazioni del gene SOD sono associate a molte malattie legate all'età (ad esempio la SLA, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e il cancro). [[A373]]

Anche le infiammazioni sono coinvolte nel processo di invecchiamento. [[A374]]

È stato dimostrato che gli integratori di zinco riducono nei pazienti anziani l'infiammazione, lo stress ossidativo e il tasso di infezione.[[A375]]

Ad esempio, lo zinco può promuovere la longevità grazie alle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, soprattutto nei pazienti più anziani che spesso soffrono di carenza di zinco.

Lo zinco e la tiroide

Negli studi sugli animali e sull'uomo, la carenza di zinco è associata ad una diminuzione della funzione tiroidea (dovuta a bassi livelli di triiodotironina (T3) e tiroxina libera (FT4) nel sangue). [[A376]] [[A377]]

Nell'uomo, l'integrazione con lo zinco ha dimostrato di avere effetti efficaci sulla funzione tiroidea.[[A378]] [[A379]]

Nei pazienti ipotiroidei disabili sottoposti a terapia anticonvulsivante (con deficit di zinco da lieve a moderato), l'integrazione con zinco è stata in grado di normalizzare i livelli di ormoni tiroidei nel sangue (cioè T3 e FT3) e ripristinare la funzione tiroidea. [[A378]]

In un caso studio di due studentesse universitarie, l'assunzione di zinco ha aumentato i livelli di ormoni tiroidei (cioè T3 e T4) e il tasso metabolico residuo. L'integrazione con zinco sembrava anche invertire gli effetti nocivi delle radiazioni emesse dai monitor dei computer sui livelli di ormoni tiroidei degli utilizzatori di computer.[[A380]]

Zinco e chemioterapia

La mucosite (ulcerazione delle mucose) è un effetto collaterale comune della chemioterapia e della radioterapia.[[A383]]

Studi su pazienti sottoposti a chemioterapia e radioterapia suggeriscono che l'assunzione di zinco sarebbe in grado di ridurre la gravità della mucosite orale. La disgeusia (distorsione del gusto) e la disosmia (distorsione dell'olfatto) possono verificarsi anche durante la chemioterapia.[[A384]] [[A385]]

Uno studio ha rilevato che un'assunzione giornaliera di 100mg di zinco per 4-6 mesi ha migliorato i sintomi di disgeusia e disosmia in pazienti con deficit di anidroasi carbonica VI (gustina).

Lo zinco è noto per stimolare la produzione di carboanidrasi VI, un enzima della saliva coinvolto nella crescita delle papille gustative.

Lo zinco e la sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un gruppo di condizioni (ad esempio obesità, insulino-resistenza, pressione alta e colesterolo alto) che possono portare ad un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiache e diabete di tipo 2.[[A386]]

Uno studio in bambini con sindrome metabolica ha scoperto che l'integrazione di zinco riduce la resistenza all'insulina, lo stress ossidativo, l'infiammazione, lo zucchero nel sangue, il colesterolo e l'indice di massa corporea. [[A387]]

Zinco e salute degli occhi

La degenerazione maculare legata all'età, una delle principali cause di cecità negli anziani, si ritiene sia causata dallo stress ossidativo. Studi clinici hanno scoperto che l'integrazione con lo zinco può rallentare la progressione della malattia, eventualmente prevenendo il danno ossidativo alla retina. [[A359]] [[A360]] [[A361]] [[A362]]

Si ritiene che lo zinco possa proteggere dalla retinopatia diabetica (che può portare alla cecità) impedendo la morte delle cellule capillari della retina e la neovascolarizzazione (crescita di nuovi vasi sanguigni). Ciò è dovuto alla capacità dello zinco di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione (inibendo la NADPH ossidasi e la NF-κB), coinvolto nella progressione della retinopatia diabetica.[[A363]]

La cecità notturna è uno dei primi sintomi della carenza di vitamina A. Uno studio ha scoperto che lo zinco è stato in grado di migliorare l'effetto della vitamina A nel ripristinare la visione notturna nelle donne in gravidanza (con bassi livelli di zinco). [[A364]]

Lo zinco e la funzione mitocondriale

Uno studio nei ratti ha scoperto che l'assunzione di zinco ha migliorato il sistema di trasferimento degli elettroni e la fosforilazione ossidativa nei mitocondri del fegato, aumentando la produzione di energia (ATP) nelle cellule del fegato.[[A388]]

Zinco e odore di corpo

La bromidrosi (odore corporeo) è solitamente associata ad un aumento della flora batterica nell'ascella, costituita principalmente da specie di Stafilococco e Corynebacterium.[[A215]]

Grazie al suo effetto antibatterico, lo zinco topico ha dimostrato negli studi clinici di essere efficace nel ridurre l'odore delle ascelle e dei piedi.[6]

Zinco e salute orale

La carenza di zinco può portare ad un'eccessiva formazione di placca e peggiorare il processo infiammatorio nelle malattie gengivali (a causa dell'aumento della produzione di IL-1).[[A314]] [[A315]]

I collutori a base di zinco sono risultati efficaci nel ridurre la crescita della placca.[[A315]]

Analogamente, uno studio condotto su bambini provenienti da aree a basso reddito ha rilevato che un'assunzione giornaliera di 15 mg di zinco per dieci settimane è associata a una ridotta formazione di placca dentale.[[A316]]

Zinco e mucoviscidosi

La fibrosi cisticaè una malattia genetica che può causare difficoltà respiratorie, polmonite e incapacità di ingrassare. Uno studio retrospettivo in pazienti con fibrosi cistica ha rilevato che l'integrazione con lo zinco potrebbe migliorare la funzione polmonare e l'assunzione di energia e ridurre il tasso di infezione.[[A381]]

Zinco nell'avvelenamento da arsenico

Uno studio su pazienti con avvelenamento cronico da arsenico ha dimostrato che lo zinco in combinazione con l'estratto di spirulina è stato efficace nel ridurre i sintomi (ad esempio, la melanosi e la cheratosi).[[A389]]

Dipendenza da zinco e oppioidi

Gli utilizzatori di oppioidi hanno livelli di zinco più bassi. [[A351]] [[A352]] [[A353]]

Studi su topi e ratti hanno scoperto che lo zinco riduce l'intensità della dipendenza dalla morfina (un oppioide), mentre i chelati di zinco aumentano i sintomi di astinenza.[[A354]] [[A355]]

Sulla base di questi risultati, un articolo della letteratura clinica ha suggerito che l'integrazione con lo zinco è utile per ridurre il rischio di dipendenza nelle persone che assumono oppioidi per il dolore cronico, a causa degli effetti antidolorifici e della bassa tossicità dello zinco.[[A355]]

Cosa dicono gli esperti dello zinco:

1. Zinco per la prevenzione dei raffreddori

L'analisi di diversi studi condotti da ricercatori della Cochrane Collaboration, una rete internazionale, ha dimostrato che lo zinco non solo può aiutare le persone a guarire dalle infezioni acute, ma può anche essere usato in modo preventivo.

Quando il farmaco viene assunto regolarmente per diversi mesi, gli studenti hanno meno raffreddori, meno assenze e meno uso frequente di antibiotici rispetto ai compagni di classe della stessa età.

2. Zinco per la salute della prostata

Studi in Francia e Svezia hanno dimostrato che un adeguato apporto di zinco - in combinazione con il selenio - può ridurre significativamente il rischio di cancro alla prostata. Lo zinco può anche essere usato in modo sensato come misura integrativa per le malattie della prostata.



I vostri vantaggi

  • SPEDIZIONE GRATUITA

    da 50€
  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

    if unsatisfied
  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus
  • COMODO PAGAMENTO

    Contrassegno, Carta di credito, PayPal, Compra ora, paga dopo, Bonifico Bancario, Google Pay, Apple Pay

Prodotti visualizzati di recente