Collagene per una pelle bella e articolazioni sane

Effetto, carenza, dosaggio, effetti collaterali, sovradosaggio

Il collagene è una proteina strutturale che si trova nel corpo di molti animali multicellulari e quindi anche nell'uomo. Tra le altre cose, fa parte dei tendini, dei legamenti o delle ossa.

Anche parti della pelle sono costituite da collagene. Questa sostanza svolge un ruolo importante sia in medicina che in cosmetica. Ad esempio, la proteina strutturale viene utilizzata nella cura del corpo e nel trucco per migliorare l'aspetto della pelle o come integratore alimentare per promuovere la salute delle ossa e della cartilagine.

Cos'è il collagene?

Il collagene appartiene alle cosiddette proteine strutturali. Le proteine strutturali sono tutte quelle proteine che servono principalmente come 'impalcature' nelle cellule e nei tessuti del corpo. A differenza di altre proteine, non agiscono come enzimi, ma hanno il compito di dare alle cellule e ai tessuti la loro forma e tensione. Mantengono le strutture elastiche, ma allo stesso tempo forniscono una certa fermezza. Accanto alla creatina e all'elastina, il collagene è una delle proteine strutturali più importanti dell'organismo.

Struttura del collagene

Il collagene è sempre costituito da lunghe catene proteiche, le molecole di collagene. Queste formano un'elica sinistra. Tre di queste strutture sono disposte in una cosiddetta superelica. I legami di idrogeno tra i singoli filamenti forniscono la necessaria stabilità.

Le fibre di collagene sono strettamente avvolte in modo da avere un'enorme resistenza alla trazione. Tuttavia, sono difficilmente estensibili.

Tipi di collagene

I collageni possono essere suddivisi in diversi sottotipi. Negli esseri umani, i collageni di tipo I sono i più comuni. Pertanto, il termine collagene è spesso usato come sinonimo di collagene di tipo I. In totale sono noti 28 diversi tipi di collagene. Anche altre 10 proteine hanno strutture simili al collagene.

Collagene di tipo I

Il collagene di tipo I è un collagene fibrillare. Ciò significa che la proteina è in grado di formare fibrille. Sono abbastanza spesse e hanno una striatura trasversale. Il tipo I si trova principalmente nelle seguenti strutture corporee :

  • Ossa
  • Fibrocartilagine
  • Fasce
  • Tendini
  • Legamenti
  • Pelle
  • Denti
  • Pelle e cornea nell'occhio

Collagene di tipo II

Anche il collagene di tipo II è una proteina che forma fibre. Fa parte della cartilagine ialina ed elastica e si trova anche nella cartilagine fibrosa e nel corpo vitreo dell'occhio.

Collagene di tipo III

Il collagene di tipo III è spesso associato al tipo I. Come questa forma, anche il tipo III è fibrillare e quindi appartiene al gruppo dei collageni fibrillari.

Il collagene III è un importante componente delle fibre reticolari e quindi anche del tessuto connettivo reticolare. Le fibre reticolari sono fili particolarmente sottili disposti in una struttura a rete. Il tessuto reticolare fa parte degli organi linfatici come i linfonodi, la milza o le tonsille faringee e palatali. Ma il tipo III si trova anche nelle seguenti strutture corporee :

  • Cartilagine
  • Denti
  • Tendini
  • Sostanza ossea
  • Cuore

Collagene IV

Il collagene IV è un collagene reticolare che si trova principalmente nella membrana basale. La membrana basale, chiamata anche membrana di confine, separa tutto il tessuto epiteliale del corpo dal tessuto connettivo sottostante.

Collagene VI

Questa proteina è un collagene associato a fibre. Si trova principalmente nella matrice extracellulare del muscolo scheletrico. Tendini, tessuto osseo, tessuto cartilagineo, tessuto adiposo, tessuto nervoso e pelle contengono anche questo tipo di collagene.

Altri tipi di collagene

Nel corpo si trovano vari altri collageni a forma di fibra, reticolari o transmembrana. Fanno per esempio parte della placenta o del tessuto fetale. Si trovano anche negli organi interni, nella pelle, nelle zone di crescita della cartilagine o negli occhi. Le funzioni esatte di molti tipi di collagene sono ancora parzialmente sconosciute.

Peptidi di collagene e idrolizzato di collagene

Oltre alle forme come collagene I, collagene II o collagene IV, i nomi idrolizzato di collagene o peptidi di collagene sono spesso utilizzati per gli integratori alimentari.

L'idrolizzato di collagene si ottiene dal collagene. A differenza della gelatina, questo idrolizzato è modificato enzimaticamente in modo da essere facilmente solubile in acqua. I peptidi del collagene non sono una forma diversa, ma semplicemente un altro nome per il collagene idrolizzato.

Collagene come integratore alimentare

Il collagene idrolizzato, noto anche come idrolizzato di collagene, è usato principalmente negli integratori alimentari. Si tratta di collagene che è stato reso solubile in acqua tramite alcuni processi enzimatici. L'idrolizzato di collagene è quindi biodisponibile e può essere elaborato dall'organismo di conseguenza.

Il collagene derivato da animali è utilizzato nella maggior parte dei prodotti. Tra le possibili fonti ci sono le ossa di pollo o la pelle di pesce. Tuttavia, ci sono anche il collagene sintetico che può essere utilizzato come integratore alimentare.

Tipi di collagene negli integratori alimentari

Se si desidera acquistare un integratore di collagene in un negozio, è necessario prestare molta attenzione al tipo di collagene che contiene. Sono disponibili integratori alimentari con collagene I o collagene II. Mentre il tipo I si trova principalmente nella pelle e nella sostanza ossea, il collagene di tipo II si trova principalmente nella cartilagine.

Le persone che soffrono di problemi articolari sono quindi più propense ad assumere integratori alimentari contenenti collagene di tipo II. Chi vuole stringere la pelle dall'interno o rafforzare le unghie dovrebbe piuttosto acquistare un integratore alimentare di tipo I. In realtà, però, la separazione non è così rigida, in quanto i tipi di collagene sono sempre mescolati nel corpo.

Integratori alimentari a base di collagene

Il collagene è fondamentalmente disponibile sotto forma di polvere, compresse o capsule. Ogni forma di dosaggio presenta vantaggi e svantaggi. L'idrolizzato di collagene in polvere è per lo più inodore e insapore e può essere facilmente disciolto in acqua.

Chi vuole evitare la miscelazione può assumere il collagene in forma di compresse o capsule. Questa forma di dosaggio è particolarmente pratica quando in viaggio.

Il collagene nell'industria cosmetica

Il collagene è un componente di molte creme idratanti e rassodanti per la pelle. Soprattutto nei settori della bellezza e dell'anti-invecchiamento, la proteina strutturale gode di grande popolarità grazie al suo effetto rassodante. Gel doccia, mascara, rossetto o lozione doposole sono prodotti popolari nell'industria cosmetica che contengono collagene.

Allo stesso modo, il collagene non è contenuto solo nei cosmetici, ma anche in molti prodotti per la cura dei capelli. Si suppone che metta una pellicola intorno ai capelli in modo che appaiano più lisci e siano anche più facile da pettinare.

Collagene nei prodotti per la cura della pelle

Nei prodotti cosmetici, tuttavia, si pone la questione se il collagene contenuto nel prodotto possa penetrare negli strati superiori della pelle. La pelle è composta da tre strati: epidermide, derma e sottocute.

Nel derma si intrecciano fili sottili di collagene e di elastina. Mantengono questo strato intermedio della pelle elastica e immagazzinano anche l'umidità. Affinché i cosmetici contenenti collagene siano efficaci, devono penetrare attraverso l'epidermide per raggiungere il derma.

Tuttavia, questo non è possibile perché il collagene come molecola è troppo grande per penetrare nella pelle. Nonostante ciò, la pelle può essere più in forma dopo l'uso di cosmetici contenenti collagene. Dopo l'asciugatura, i cosmetici con collagene sulla pelle si contraggono, aumentano la tensione e quindi eliminano piccoli urti e/o ammaccature, almeno per un breve periodo di tempo.

Necessità di collagene

L'esatta necessità non è nota. Il corpo è fondamentalmente in grado di produrre collagene da solo a partire dagli amminoacidi. Ma con l'aumentare dell'età la produzione propria del corpo diminuisce.

Inoltre, si deve sapere che le esigenze sono molto individuali. Chi soffre di problemi alle articolazioni o addirittura di danni alla cartilagine ha certamente un bisogno maggiore rispetto a chi ha articolazioni sane e in forma.

Negli studi condotti sugli effetti del collagene, il dosaggio era per lo più tra 2500 e 10000 milligrammi al giorno, l'assunzione media era di circa 8000 milligrammi.

Come funziona il collagene nel corpo?

Le persone devono la fermezza del loro corpo principalmente alle proteine che formano le fibre. Il collagene è composto da diverse molecole. Tre proteine a forma di catena si avvolgono l'una intorno all'altra a formare un'elica. Molte di queste 'corde proteiche' si collegano a loro volta per formare le fibrille del collagene.

Le molecole di collagene adiacenti sono sfalsate, in modo che la fibrillazione stessa sia costituita da zone meno dense e dense. Un fascio di fibrille è chiamato fibra di collagene. Il collagene può legare l'acqua, circa il 60% del peso è dovuto al contenuto d'acqua.

L'acqua legata svolge un ruolo sia per la stabilizzazione passiva e meccanica che per il ruolo attivo del collagene. Per esempio, i ricercatori hanno scoperto che le contrazioni del collagene causate dalla disidratazione dell'osso possono bilanciare le tensioni di trazione e quindi prevenire fratture o crepe nella struttura ossea fragile. [1]

Il collagene dà struttura

A seconda della sua composizione, il collagene nel tessuto connettivo del corpo costituisce gran parte della cosiddetta matrice extracellulare. Questa è la parte di tessuto che si trova tra le cellule nello spazio intracellulare. Così questi sottili filamenti nel corpo servono anche a modellare gli organi.

Aiutano a regolare il contenuto d'acqua dei tessuti e a mantenerli elastici. Senza collagene, i legamenti e i tendini non sarebbero così stabili e resistenti alle lacerazioni, e la cartilagine articolare sarebbe meno resistente alla pressione.

Senza collagene, gli esseri umani non riuscirebbero nemmeno a vedere. Le fibre di collagene filigranato garantiscono la compattezza e la chiarezza della cornea. Se la disposizione di questi sottili fili nella cornea è disturbata, questo porta ad una ridotta fermezza visiva. Con un cheratocono di questo tipo, la cornea si gonfia in avanti in modo tale che la vista viene notevolmente compromessa.[2] [3]

Collagene e pelle

La pelle non è solo uno degli organi più grandi, ma svolge anche molti compiti:

  • protegge contro il caldo e il freddo
  • protegge da pressione, urti e attrito
  • offre protezione contro i danni chimici e le radiazioni
  • previene la perdita di calore e di umidità
  • impedisce agli agenti patogeni di penetrare attraverso il mantello acido protettivo
  • agisce come organo sensoriale

Affinché la pelle possa svolgere tutti questi compiti, ha una struttura speciale. Lo strato cutaneo superiore, l'epidermide, è costituito da 5 diversi strati.

Il derma sottostante è uno strato di pelle elastica, che consiste principalmente di tessuto connettivo. Lo strato reticolare, una parte importante del derma, è formato da una fitta rete di fibre di collagene riempite di tessuto elastico. Questa costruzione conferisce alla pelle forza, tensione ed elasticità.

Lo strato più basso della pelle è lo strato sottocutaneo, costituito da un tessuto sciolto in cui sono incorporati dei cuscinetti di grasso. I filamenti fermi del derma corrono attraverso questo strato come propaggini. Essi agiscono anche come fasce di tenuta, in quanto sono anche collegati alla fascia corporea sotto la pelle. La fascia generale del corpo, che si trova sotto la pelle, è anch'essa costituita da fibre di collagene molto sode.

Collagene contro l'invecchiamento della pelle

Con l'aumentare dell'età la struttura della pelle cambia. I singoli strati cutanei diventano più sottili e il numero di fibre di collagene diminuisce. Questo riduce anche il contenuto di grassi e di acqua nella pelle. Si formano le rughe e la pelle tende a diventare secca e screpolata. Nel complesso, si sviluppa una significativa perdita di elasticità con le rughe e la pelle non è più in grado di rigenerarsi come una volta.

Vari studi dimostrano che il collagene può ridurre i segni dell'invecchiamento della pelle. Negli esperimenti sugli animali di Song et al. hanno somministrato idrolizzato di collagene ai topi ogni giorno in un dosaggio di 400-800 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo. Con questa integrazione l'attività degli enzimi antiossidanti nella pelle potrebbe essere aumentata. Il collagene ha anche contrastato il rilassamento cutaneo, ha stimolato l'accumulo di fibre nel derma e quindi ha aiutato la pelle a diventare più elastica.[4]

Collagene e fotoinvecchiamento

L'idrolizzato di collagene svolge forse un ruolo decisivo nel trattamento e nella prevenzione del fotoinvecchiamento, cioè dell'invecchiamento della pelle causato dalle radiazioni solari. Un'esposizione eccessiva ai raggi UV può causare un invecchiamento precoce della pelle. I raggi UV causano un aumento della produzione di radicali liberi nella pelle. Queste danneggiano le cellule della pelle e distruggono l'armatura di supporto delle fibre di collagene e di elastina.

La pelle perde umidità e diventa sempre più secca. I segni del fotoinvecchiamento includono:

  • pelle cadente
  • leggeri calli
  • pieghe grossolane
  • pigmenti vistosi

L'assunzione di idrolizzato di collagene può contrastare questi sintomi. I peptidi di collagene della pelle del pesce hanno un'influenza positiva sulla pelle danneggiata dai raggi UV.

L'idrolizzato di collagene può aumentare il contenuto di umidità della pelle e contribuire alla riparazione e alla rigenerazione dei fili di elastina e collagene. La secchezza cutanea e le rughe causate dalla secchezza si riducono e la pelle torna ad essere più elastica. La terapia a luce rossa e un'irradiazione con luce rossa possono sostenere questo effetto. [5] [6] [7] [8]

Collagene e cancro della pelle

Sotto il termine collettivo di cancro della pelle si riassumono diverse malattie tumorali della pelle. Questi includono il cancro della pelle nera (melanoma), il carcinoma basocellulare o il carcinoma a cellule squamose.

Ogni anno, solo in Germania, circa 20.000 persone contraggono un melanoma maligno. L'incidenza è in costante aumento. Due terzi di tutti i melanomi vengono scoperti in uno stadio abbastanza precoce e quindi hanno buone possibilità di guarigione.

La causa principale del cancro della pelle nera è la luce UV. Le ripetute scottature solari aumentano quindi significativamente il rischio di cancro alla pelle. Chi apprezza l'abbronzatura in estate dovrebbe quindi rimanere protetto solo al sole. Esiste anche una certa predisposizione ereditaria per questa forma di cancro della pelle.

Poiché l'assunzione di idrolizzato di collagene può stimolare l'attività degli enzimi antiossidanti nella pelle, protegge anche dall'influenza dannosa dei radicali liberi. È possibile che anche gli integratori alimentari contenenti collagene possano contribuire in questo modo alla prevenzione del cancro. Ulteriori ricerche con questo obiettivo potrebbero generare più conoscenza ed espandere le possibilità di profilassi del cancro.[4]

Collagene e tessuto connettivo

Il tessuto connettivo è un tessuto di base del corpo che consiste di cellule di tessuto connettivo e sostanza intercellulare. Sia le cellule mobili che le cellule locali del tessuto connettivo sono incorporate in una matrice extracellulare, che si forma principalmente da collagene e altre proteine strutturali. Questi formano una rete, negli spazi tra i quali si trovano i cosiddetti proteoglicani.

La struttura in fibra di collagene rende il tessuto resistente alle forze di trazione, mentre i proteoglicani regolano le forze di compressione. In questa combinazione il tessuto serve, tra l'altro, a mantenere la forma degli organi.

Rafforzamento del tessuto connettivo

Una debolezza del tessuto connettivo può farsi sentire attraverso vari segni. Se la superficie della pelle non è più adeguatamente supportata, nella pelle si formano delle ammaccature visibili. Queste si trovano principalmente sui glutei o sulle cosce e sono note anche come cellulite o pelle a buccia d'arancia.

Anche le smagliature sono segni di debolezza del tessuto connettivo. Si tratta di lesioni tissutali che si verificano quando la pelle è troppo tesa. All'inizio sono di colore bluastro, ma sfumano gradualmente fino a quando non rimane una leggera striscia cicatriziale. Molte persone non sanno che una debolezza del tessuto connettivo sulle gambe può anche portare a capillari rotti o vene varicose.

Vari articoli della ricerca attuale mostrano che le donne con debolezza del tessuto connettivo possono trarre beneficio dall'assunzione di collagene. In uno studio in doppio cieco controllato con placebo del 2015, 105 donne con cellulite moderata hanno ricevuto 2,5 milligrammi di peptidi di collagene bioattivo o una preparazione placebo al giorno.

Dopo un periodo di 6 mesi, il gruppo che prendeva l'idrolizzato di collagene ha mostrato un chiaro effetto. La pelle mostrava meno ammaccature ed era più soda. I migliori risultati sono stati ottenuti dalle donne di peso normale, ma la pelle a buccia d'arancia è stata ridotta anche nelle donne in sovrappeso. [9]

Collagene e muscoli

Molte persone sanno che il collagene svolge un ruolo importante nella salute delle articolazioni e della pelle, ma la proteina strutturale ha anche un'influenza sui muscoli.

A causa del suo basso valore biologico, l'idrolizzato di collagene è stato a lungo noto come una proteina 'inutile' nell'allenamento con i pesi. Il valore biologico è un indicatore di come il corpo può convertire una proteina alimentare in una proteina prodotta dall'organismo. Il collagene manca di amminoacidi per un buon valore biologico.

Costruire i muscoli con il collagene

Da questo si è concluso che il collagene non è adatto a sostenere la crescita muscolare, ma ciò è errato, come rivela un articolo del 2015. Lo scopo di questo studio era quello di scoprire se il collagene è adatto per rafforzare i muscoli.

I partecipanti allo studio erano uomini anziani affetti da sarcopenia di I o II grado. Sarcopenia è il termine tecnico per indicare l'atrofia muscolare legata all'età, che colpisce circa il 10 per cento di tutti i 60-70enni e fino al 50 per cento degli ultraottantenni.

Metà dei partecipanti allo studio ha ricevuto una preparazione placebo, mentre l'altra metà ha assunto 15 grammi di peptidi di collagene al giorno. Inoltre, tutti i soggetti si sono dedicati ad un allenamento di forza tre volte alla settimana.

I risultati sono stati sorprendenti. I partecipanti che hanno integrato il collagene hanno accumulato 4,2 chilogrammi di massa muscolare in 12 settimane. Nel gruppo di controllo il guadagno muscolare era di soli 2,9 chilogrammi. La forza muscolare è migliorata significativamente anche nel gruppo del collagene.

Risultati simili potrebbero essere raggiunti solo in studi comparabili con la somministrazione dell'ormone testosterone. Tuttavia, la somministrazione di testosterone è associata a maggiori effetti collaterali. [10]

Perché il collagene abbia un effetto così positivo sulla crescita muscolare nonostante la mancanza di amminoacidi essenziali non è stato ancora chiarito. Si sospetta che la sostanza contenuta nell'idrossiproglicina attivi percorsi anabolici di segnalazione nei muscoli, che a loro volta stimolano i processi di costruzione muscolare.

Collagene e scheletro

Lo scheletro umano è costituito da più di 200 ossa scheletriche. Il cranio, la colonna vertebrale, le ossa pelviche, la gabbia toracica e le molte altre ossa sostengono il corpo e sono estremamente stabili. Servono anche a proteggere organi importanti. Anche camminare in piedi non sarebbe possibile senza lo scheletro.

Per capire l'importanza del collagene per la salute delle ossa, è importante osservare da vicino la struttura ossea. Macroscopicamente, lo strato corticale esterno (compacta) può essere distinto dalla struttura spugnosa interna (osso spongioso).

Il tessuto che conferisce all'osso la sua stabilità si chiama tessuto osseo. È costituito da cellule ossee, i cosiddetti osteociti, che sono racchiusi in una matrice extracellulare. Il 95% delle parti organiche di questa matrice ossea è costituito da collagene. La maggior parte di questi sono collagene di tipo I.

Cristalli del minerale idrossiapatite sono attaccati a queste fibrille di collagene a trazione. Attraverso l'attacco in un orientamento definito, le fibre di collagene in combinazione con il minerale conferiscono all'osso la sua resistenza alla compressione. Senza collagene, le ossa non sarebbero quindi stabili e resistenti.

Collagene e osteoporosi

L'osteoporosi, popolarmente conosciuta come perdita ossea, è una malattia caratterizzata dalla perdita di massa ossea. Le ossa perdono stabilità e forza e quindi si rompono più rapidamente.

L'osteoporosi è particolarmente comune nelle donne dopo la menopausa. Presumibilmente la causa sono i processi ormonali. Secondo i risultati di recenti ricerche, tuttavia, anche lo stress ossidativo e i cambiamenti nella struttura del collagene sembrano giocare un ruolo decisivo.

Lo stress ossidativo, come quello causato da una maggiore incidenza di radicali liberi dannosi, ma anche un aumento dell'offerta di zucchero nel sangue portano ad una maggiore formazione dei cosiddetti prodotti finali di glicazione avanzata (AGE). Questi prodotti di reazione glicolata compromettono la reticolazione dei filamenti di collagene e quindi portano ad una struttura ossea instabile.

Inoltre, la produzione propria del corpo di collagene diminuisce con l'età. Questo influisce anche sulla stabilità dell'osso. [11]

Metabolismo del collagene e delle ossa

Studi scientifici suggeriscono che l'assunzione di collagene può migliorare la salute delle ossa. In uno studio del 2004 sui topi, dopo quattro settimane di somministrazione di collagene, è stato riscontrato un significativo aumento della densità ossea. [12]

Il collagene può anche essere combinato con altri farmaci per la terapia dell'osteoporosi. L'ormone calcitonina, tra gli altri, è usato per trattare l'osteoporosi e può ridurre l'aumento del tasso di riassorbimento osseo. L'integrazione con collagene può essere utile per contrastare la perdita ossea. [13]

Collagene e articolazioni

In medicina, un collegamento mobile di due o più ossa è chiamato articolazione. Ci sono circa 360 articolazioni nel corpo umano. Tra le articolazioni più grandi ci sono le articolazioni del ginocchio e dell'anca.

Un'articolazione è sempre costituita da due ossa che sono modellate in modo che si incastrino bene. L'estremità di un osso è chiamata testa articolare, l'estremità dell'altro osso è chiamata cavità. Entrambe le estremità delle ossa sono coperte da un sottile strato di cartilagine.

Tra le estremità dell'osso c'è lo spazio dell'articolazione, riempito di fluido sinoviale. Insieme ai legamenti, ai tendini e ai muscoli, la capsula articolare che circonda l'intera articolazione forma un guscio protettivo.

Lo strato cartilagineo e il liquido sinoviale permettono movimenti dolci e soprattutto indolori dell'articolazione. Se qui ci sono dei danni, spesso l'articolazione può essere mossa solo con dolore.

Il tessuto cartilagineo sulle superfici articolari è costituito da cellule cartilaginee (condrociti) e dalla matrice cartilaginea extracellulare. Si tratta di una sostanza di base in cui le fibre di collagene sono incorporate in una rete. Una perdita di collagene è quindi sempre accompagnata da una perdita di massa cartilaginea.

Formazione di collagene e cartilagine

Una volta che la cartilagine si è rotta, non può essere ricostruita. Molti medici hanno ancora questa opinione. Tuttavia, studi recenti suggeriscono che la rigenerazione della cartilagine danneggiata è abbastanza possibile.

Se la causa dell'abrasione della cartilagine viene rimossa, la sostanza cartilaginea può ricostruirsi da sola. Una domanda interessante è la misura in cui il collagene può sostenere la formazione della cartilagine. [14]

Quando si verifica un danno alla cartilagine, un numero maggiore di cellule progenitrici della cartilagine, le cosiddette cellule progenitrici condrogeniche, migrano nella regione danneggiata. Queste alla fine si convertono in cellule cartilaginee per compensare i danni alla cartilagine. Tuttavia, le cellule hanno bisogno delle giuste sostanze nutritive e degli elementi costitutivi per questa rigenerazione.

Gli studi dimostrano che l'idrolizzato di collagene può aumentare l'attività dei condrociti in modo che producano più tessuto cartilagineo. Allo stesso tempo, il collagene serve anche come elemento costitutivo di questa sostanza cartilaginea. [15]

Collagene e artrosi

Artrosi è il termine medico per indicare l'usura delle articolazioni. L'artrosi è una delle malattie degenerative delle articolazioni associate ad un declino del tessuto cartilagineo. In linea di principio, l'artrosi può svilupparsi in qualsiasi articolazione. Tuttavia, in particolare il ginocchio e l'anca sono spesso colpiti.

I sintomi tipici dell'artrosi sono il dolore iniziale e la rigidità mattutina delle articolazioni. I primi movimenti dopo un lungo periodo di riposo sono dolorosi, ma dopo un breve periodo di attività i sintomi si attenuano abbastanza rapidamente. Anche la rigidità delle articolazioni al mattino di solito non dura più di 30 minuti. Altri sintomi includono:

  • Dolore da pressione nelle articolazioni
  • Mobilità articolare limitata
  • Rumore di sfregamento o scricchiolio nell'articolazione durante il movimento
  • Articolazioni gonfie

Cause dell'artrosi

Le cause esatte dell'artrosi sono controverse. Da un lato, l'abrasione meccanica contribuisce a ridurre la cartilagine, ma sembra anche che i condrociti mal orientati abbiano un ruolo nello sviluppo della malattia articolare.

Quando la cartilagine è consumata, non è più in grado di proteggere adeguatamente le strutture ossee dell'articolazione dagli urti e dall'attrito. Per proteggersi, l'osso forma più sostanza ossea. Di conseguenza, le giunture si deformano e si ispessiscono.

Non è raro che l'articolazione colpita si infiammi con surriscaldamento, arrossamento ed effusione dell'articolazione. Questa si chiama artrosi attivata.

Ci sono vari fattori di rischio per l'osteoartrite:

  • Sesso (le donne si ammalano più spesso)
  • Età
  • Sovrappeso
  • Lesioni che portano all'instabilità dell'articolazione
  • Hobby che sovraccaricano le giunture o stress articolare sul lavoro
  • Predisposizione genetica

Trattare l'osteoartrite con il collagene

L'obiettivo primario del trattamento conservativo dell'artrosi è quello di rallentare l'usura delle articolazioni e di alleviare i disturbi articolari. Oltre a vari farmaci o ausili ortopedici, anche la fisioterapia aiuta. Per prevenire un intervento chirurgico, può essere utile l'assunzione supplementare di integratori alimentari contenenti collagene.

Diversi studi hanno concluso che l'integrazione aiuta a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da osteoartrite. La proteina strutturale mostra anche un effetto migliore della condroitina o della glucosamina, che sono anche frequentemente consigliate per il trattamento dell'osteoartrite. [16]

Nel loro studio del 2009, Crowley et al. hanno utilizzato il Western Ontario McMaster Osteoarthritis Index (WOMAC) per valutare correttamente i sintomi dei loro soggetti. Dopo aver assunto collagene di tipo II per 90 giorni, il punteggio su questa scala è stato ridotto di circa il 30%. I pazienti stessi hanno stimato che il loro dolore è circa il 40% in meno rispetto a prima del trattamento con la scala analogica visiva.[17]

Collagene e reumatismi

Anche se il termine reumatismo è spesso usato per chiamare comunemente i problemi articolari, non è una singola malattia, ma un intero gruppo di malattie. La forma reumatica comprende i disturbi dell'apparato muscoloscheletrico, che sono associati al dolore e spesso a limitazioni funzionali.

Oltre alle ossa e ai muscoli, sono interessate anche le funzioni del collagene e degli organi. Ci sono ora circa 400 malattie individuali conosciute che possono essere classificate come malattie reumatiche. Le malattie reumatiche conosciute sono:

  • artrite reumatoide (poliartrite cronica)
  • spondilite anchilosante
  • collagenosi come la sclerodermia o il lupus eritematoso
  • artrosi
  • gotta
  • fibromialgia

Le cause esatte dei reumatismi sono sconosciute. Comune a molte malattie reumatiche è il fatto che il sistema immunitario attacca le strutture del corpo. Si tratta quindi di malattie autoimmuni. Nelle collagenosi, ad esempio, il sistema immunitario considera il collagene del tessuto connettivo come estraneo e forma anticorpi contro di esso.

Poiché il collagene si trova in molti organi, vari sistemi di organi come le membrane mucose, i vasi, la pelle, i polmoni o il cuore possono essere colpiti.

Collagene nell'artrite reumatoide

L'artrite reumatoide è una delle malattie reumatiche più comuni e la più comune infiammazione cronica delle articolazioni. Fino all'1% della popolazione mondiale è affetta dalla malattia.

L'artrite reumatoide può svilupparsi in modo insidioso o apparire improvvisamente. I sintomi principali sono il gonfiore e il surriscaldamento delle articolazioni e la rigidità mattutina. In genere, i sintomi si manifestano simmetricamente alla base e al centro delle dita delle mani o dei piedi. Tuttavia, possono essere interessate anche altre articolazioni, come quelle dell'anca o del piede.

L'artrite reumatoide non è ancora curabile. Lo scopo del trattamento è quindi quello di arrestare il progresso della distruzione delle articolazioni e anche di alleviare il dolore. La ricerca scientifica suggerisce che il collagene può essere d'aiuto in questo caso.

Uno studio dell'Università di Harvard ha coinvolto 60 pazienti con artrite reumatoide. Prima dello studio, hanno interrotto tutti i farmaci immunosoppressori e sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo ha ricevuto un placebo, mentre i partecipanti dell'altro gruppo hanno preso il collagene per un periodo di 90 giorni.

Anche se non ci sono stati cambiamenti nell'emocromo dei due gruppi dopo questi tre mesi, le differenze nelle loro condizioni erano evidenti. Le articolazioni erano meno gonfie e anche meno sensibili alla pressione. Mentre la mobilità dei partecipanti al gruppo placebo è peggiorata, nel gruppo del collagene è stata migliorata. I partecipanti allo studio che hanno preso il collagene avevano anche bisogno di antidolorifici meno frequentemente. [18]

Collagene e vasi sanguigni

Una fitta rete di vasi sanguigni alimenta gli organi del corpo con sangue ricco di ossigeno e sostanze nutritive. Inoltre molti vasi sanguigni servono a trasportare via il sangue venoso. Le arterie del corpo devono essere elastiche per un'alimentazione di ossigeno ottimale e per compensare le fluttuazioni della pressione sanguigna.

L'elastina e il collagene sono responsabili dell'elasticità dei vasi e allo stesso tempo della stabilità contro le sollecitazioni meccaniche. Con l'aumentare dell'età o in malattie come il diabete mellito, l'elasticità dei vasi sanguigni diminuisce. Questo li rende suscettibili allo sviluppo della calcificazione vascolare (arteriosclerosi).

Arteriosclerosi dovuta a carenza di collagene

Le cosiddette placche arteriosclerotiche sono causate dallo stress ossidativo, che porta ad un processo infiammatorio cronico nelle pareti dei vasi. Normalmente, l'endotelio vascolare produce sostanze che impediscono alle cellule del sangue o alle piastrine di attaccarsi alla parete del vaso.

In caso di disfunzione endoteliale, favorita da fattori di rischio come il fumo o l'obesità, le cellule endoteliali rilasciano molecole di adesione. Queste molecole fanno sì che alcune cellule del sangue penetrino nella parete del vaso e si trasformino in macrofagi, che a loro volta immagazzinano grassi e componenti del colesterolo. In questo modo si mette in moto un processo infiammatorio, che in ultima analisi contribuisce alla degradazione del collagene e quindi allo sviluppo di calcificazioni vascolari.

Prevenzione dell'arteriosclerosi con il collagene

Un articolo scientifico del 2017 fornisce la prova che il collagene potrebbe essere adatto per la prevenzione dell'arteriosclerosi e quindi anche per la profilassi di malattie come l'infarto o l'ictus.

Con un'assunzione di 16 grammi di collagene al giorno è stato osservato un miglioramento dei livelli di colesterolo nei partecipanti allo studio dopo 6 mesi. Mentre il colesterolo LDL 'nocivo' è diminuito, i valori del colesterolo HDL 'buono' sono migliorati. Inoltre, è stata osservata una significativa riduzione dell'indice vascolare cardiocircolatorio (CAVI). Questo indice è un indicatore della rigidità del giunto. Più alto è il valore, maggiore è il rischio di eventi cardiovascolari come l'infarto o l'ictus. [19]

Igase et al. sono giunti a una conclusione simile nel loro studio del 2018, chiedendosi se l'apporto di collagene abbia un'influenza sulla velocità dell'onda d'impulso. Questo valore fornisce informazioni sulla velocità con cui un'onda di pressione attraversa l'arteria. Più rigide sono le pareti del vaso e più piccolo è il volume del vaso, più alto è il valore. Valori più elevati durante la misurazione della velocità dell'onda si trovano nell'arteriosclerosi ma anche in altre malattie associate a cambiamenti nel sistema vascolare.

Nello studio, la metà dei partecipanti ha ricevuto una preparazione con placebo, mentre il gruppo di prova ha consumato 2,5 grammi e mezzo di collagene al giorno. Il gruppo di prova ha mostrato una velocità d'onda d'impulso significativamente più bassa dopo lo studio rispetto al gruppo placebo. [20]

Quali alimenti stimolano la produzione di collagene?

Il corpo ha bisogno di varie vitamine e minerali per la produzione di collagene. Una dieta equilibrata o un'integrazione mirata può quindi sostenere l'organismo in questa importante produzione di collagene.

La vitamina E può inibire l'attività delle collagenasi e quindi contrastare la degradazione del collagene. La vitamina C, d'altra parte, in quanto uno dei più importanti spazzini radicali, è anche un co-fattore essenziale nella produzione di collagene. Inoltre, la vitamina C attiva gli avversari delle collagenasi e quindi impedisce anche la degradazione del collagene. Gli alimenti che sono ricchi di vitamina C e vitamina E e che quindi svolgono un ruolo importante nella produzione del collagene necessario sono:

  • Superfoods come l'acai
  • Rosa canina
  • Olivello spinoso
  • Peperoni
  • Broccoli
  • Cavolini di Bruxelles
  • Noci
  • Oli vegetali

L'acido silicico è importante per la formazione di fibre del tessuto connettivo nella pelle e in altri tessuti. Sostiene l'attività dell'enzima prolyl-idrossilasi che è di grande importanza nella biosintesi del collagene. Cereali come l'avena, l'orzo o il miglio, così come l'ortica e l'equiseto sono importanti fonti di acido silicico. [21]

Effetti collaterali del collagene e sovradosaggio

Negli esperimenti sugli animali non sono stati mostrati effetti tossici anche ad un dosaggio di 5000 milligrammi/chilogrammo di peso corporeo. Il suo utilizzo come integratore alimentare è quindi considerato sicuro. In rari casi possono verificarsi i seguenti effetti collaterali:[22]

  • Nausea
  • Dolore addominale
  • Truffa
  • Sonnolenza
  • Mal di testa

Se non sei sicuro di tollerare bene il collagene, dovresti ordinare online presso un'azienda che offre una garanzia di soddisfazione. Qui il cliente può contattare il negozio se non è soddisfatto della qualità del prodotto e sarà rimborsato per qualsiasi pagamento già effettuato o potrà scegliere un nuovo articolo in sostituzione.

Studi e referenze

  1. Lodish H, Berk A, Zipursky SL, Matsudaira P, Baltimore D, Darnell J.Collagen: The Fibrous Proteins of the Matrix.2000.
  2. Quantock AJ, Winkler M, Parfitt GJ, et al.From nano to macro: studying the hierarchical structure of the corneal extracellular matrix.Exp Eye Res. 133, 2015, 81–99.
  3. Shoulders MD, Raines RT.Collagen structure and stability.Annu Rev Biochem. 78, 2009, 929–958.
  4. Song H, Zhang S, Zhang L, Li B.Effect of Orally Administered Collagen Peptides from Bovine Bone on Skin Aging in Chronologically Aged Mice.Nutrients. 9(11), 2017.
  5. Song H, Meng M, Cheng X, Li B, Wang C.The effect of collagen hydrolysates from silver carp (Hypophthalmichthys molitrix) skin on UV-induced photoaging in mice: molecular weight affects skin repair.Food Funct. 8(4), 2017, 1538–1546.
  6. Fan J, Zhuang Y, Li B.Effects of Collagen and Collagen Hydrolysate from Jellyfish Umbrella on Histological and Immunity Changes of Mice Photoaging.Nutrients. 5(1), 2013, 223–233.
  7. Hou H, Li B, Zhang Z, et al.Moisture absorption and retention properties, and activity in alleviating skin photodamage of collagen polypeptide from marine fish skin.Food Chem. 135(3), 2012, 1432–1439.
  8. Wunsch A, Matuschka K.A controlled trial to determine the efficacy of red and near-infrared light treatment in patient satisfaction, reduction of fine lines, wrinkles, skin roughness, and intradermal collagen density increase.Photomed Laser Surg. 32(2), 2014, 93–100.
  9. Schunck M, Zague V, Oesser S, Proksch E.Dietary Supplementation with Specific Collagen Peptides Has a Body Mass Index-Dependent Beneficial Effect on Cellulite Morphology.J Med Food. 18(12), 2015, 1340–1348.
  10. Zdzieblik D, Oesser S, Baumstark MW, Gollhofer A, König D.Collagen peptide supplementation in combination with resistance training improves body composition and increases muscle strength in elderly sarcopenic men: a randomised controlled trial.Br J Nutr. 114(08), 2015, 1237–1245.
  11. Willett TL, Pasquale J, Grynpas MD.Collagen Modifications in Postmenopausal Osteoporosis: Advanced Glycation Endproducts May Affect Bone Volume, Structure and Quality.Curr Osteoporos Rep, 12(3), 2014, 329–337.
  12. Wu J, Fujioka M, Sugimoto K, Mu G, Ishimi Y.Assessment of effectiveness of oral administration of collagen peptide on bone metabolism in growing and mature rats.J Bone Miner Metab. 22(6), 2004, 547–553.
  13. Moskowitz RW.Role of collagen hydrolysate in bone and joint disease.Semin Arthritis Rheum. 30(2), 2000, 87–99.
  14. Intema F, Van Roermund PM, Marijnissen ACA, et al.Tissue structure modification in knee osteoarthritis by use of joint distraction: an open 1-year pilot study.Ann Rheum Dis. 70(8), 2011, 1441–1446.
  15. Smeriglio P, Dhulipala L, Lai JH, et al.Collagen VI enhances cartilage tissue generation by stimulating chondrocyte proliferation.Tissue Eng Part A, 21(3–4), 2015, 840–849.
  16. Crowley DC, Lau FC, Sharma P, et al.Safety and efficacy of undenatured type II collagen in the treatment of osteoarthritis of the knee: a clinical trial.Int J Med Sci. 6(6), 2009, 312–321.
  17. Lugo JP, Saiyed ZM, Lane NE.Efficacy and tolerability of an undenatured type II collagen supplement in modulating knee osteoarthritis symptoms: a multicenter randomized, double-blind, placebo-controlled study.Nutr J. 15, 2016, 14.
  18. Harvard Study.Type II Collagen.
  19. Tomosugi N, Yamamoto S, Takeuchi M, et al.Effect of Collagen Tripeptide on Atherosclerosis in Healthy Humans.J Atheroscler Thromb. 24(5), 2017, 530–538.
  20. Igase M, Kohara K, Okada Y, et al.A double-blind, placebo-controlled, randomised clinical study of the effect of pork collagen peptide supplementation on atherosclerosis in healthy older individuals.Biosci Biotechnol Biochem. 82(5), 2018, 893–895.
  21. Szyszkowska B, Łepecka-Klusek C, Kozłowicz K, Jazienicka I, Krasowska D.The influence of selected ingredients of dietary supplements on skin condition.Adv Dermatology Allergol, 3(3), 2014, 174–181.
  22. Marone PA, Lau FC, Gupta RC, Bagchi M, Bagchi D.Safety and toxicological evaluation of undenatured type II collagen.Toxicol Mech Methods. 20(4), 2010, 175–189.
Collagene
Il collagene è il segreto di una pelle giovane e invidiabilmente bella. Questa proteina è fondamentale per la struttura e l'elasticità della pelle. Il collagene è responsabile di mantenere la pelle elastica...

Prodotti consigliati

I vostri vantaggi

  • CONSEGNA GRATUITA

  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

  • COMODO PAGAMENTO

    PayPal, Carta di credito, Addebito diretto

Cosa dicono di noi i nostri clienti

La nostra raccomandazione
Beauty Collagen

29,90 € *

Consegna GRATUITA

Maggiori informazioni