Coenzima Q10 - Energia per le cellule

Informazioni, effetto, dosaggio, effetti collaterali

Il coenzima Q10, noto anche come coQ10, è un composto che aiuta a fornire energia alle cellule.

Il corpo produce il coenzima Q10, ma la sua produzione diminuisce con l'età. Fortunatamente, il coenzima Q10 può essere ottenuto anche attraverso integratori alimentari o cibo.

Malattie cardiache e cerebrali, diabete e cancro sono state associate a bassi livelli di coenzima Q10.[1] Non è chiaro se queste malattie siano causate da bassi livelli di coenzima Q10.

Una cosa è tuttavia certa: numerosi studi hanno dimostrato che il coenzima Q10 offre una serie di benefici per la salute. Qui puoi scoprire tutto quello che c'è da sapere sul coenzima Q10.

Cos'è il coenzima Q10?

Il coenzima Q10 è un composto prodotto dal corpo e immagazzinato nei mitocondri delle cellule.[2] I mitocondri sono responsabili della produzione di energia. Proteggono inoltre le cellule dai danni ossidativi e dai batteri o virus patogeni.[3]

Il nome può non sembrare molto naturale, ma il coenzima Q10 è in realtà un nutriente essenziale che agisce come un antiossidante nell'organismo. Nella sua forma attiva si chiama ubichinoloo ubichinone.

Viene sintetizzato naturalmente nel corpo e utilizzato per funzioni importanti come fornire energia alle cellule, trasportare elettroni e regolare la pressione sanguigna. (1) La ragione per cui non è considerato una "vitamina" è che tutti gli animali, compresi gli esseri umani, possono produrre piccole quantità di coenzimi senza l'aiuto di cibo.

La produzione di coenzima Q10 diminuisce con l'aumentare dell'età. Pertanto le persone anziane possono soffrire di una carenza di coQ10. 


Altre cause di carenza di coenzima Q10 sono:[2] [4]

  • malnutrizione, come una carenza di vitamina B6
  • difetti genetici nella sintesi o nell'utilizzo del coenzima Q10
  • aumento del fabbisogno di tessuti a causa di malattie
  • malattie mitocondriali
  • stress ossidativo dovuto all'invecchiamento
  • effetti collaterali delle terapie con le statine

Le funzioni del coenzima Q10

La ricerca ha dimostrato che il coenzima Q10 ha diversi ruoli chiave nel corpo. Una delle sue funzioni principali è quella di assicurare energia alle cellule e contribuire alla produzione di adenosina trifosfato (ATP), che a sua volta è coinvolto nel trasferimento di energia tra le cellule.[2]

Svolge un ruolo importante anche come antiossidante, proteggendo le cellule dai danni ossidativi.[2] [5] Quantità eccessive di radicali liberi portano a danni ossidativi che possono compromettere il normale funzionamento delle cellule. Questo è noto per causare molti problemi di salute.[6]

Dato che l'ATP viene utilizzato per svolgere tutte le funzioni corporee e che i danni ossidativi sono molto nocivi per le cellule, non sorprende che alcune malattie croniche siano state associate a bassi livelli di coenzima Q10.[5]

Il coenzima Q10 è presente in ogni cellula del corpo. Tuttavia, le concentrazioni più elevate si trovano negli organi con il più alto fabbisogno energetico come il cuore, i reni, i polmoni e il fegato.



1. Potrebbe essere d'aiuto nel trattamento dell'insufficienza cardiaca

L'insufficienza cardiaca è spesso una conseguenza di altre malattie cardiache come le malattie coronariche o l'ipertensione arteriosa.[7] Queste malattie possono portare ad un aumento dei danni ossidativi e all'infiammazione delle vene e delle arterie.[7] [8]

L'insufficienza cardiaca si verifica quando questi problemi colpiscono il cuore a tal punto che non può contrarsi, rilassarsi o pompare regolarmente il sangue in tutto il corpo.[7] A peggiorare le cose, alcuni trattamenti per l'insufficienza cardiaca hanno effetti collaterali indesiderati, come una bassa pressione sanguigna, mentre altri possono ridurre ulteriormente i livelli di coenzima Q10.

In uno studio su 420 pazienti con insufficienza cardiaca, il trattamento con il coenzima Q10 per più di due anni ha migliorato i loro sintomi e ridotto il rischio di morte per problemi cardiaci.[9]

In un altro studio, 641 persone sono state trattate con il coenzima Q10 o un placebo per un anno. Alla fine dello studio, i pazienti del gruppo del coenzima Q10 sono stati ricoverati meno frequentemente in ospedale per insufficienza cardiaca e hanno avuto meno complicazioni gravi. [10] Sembra che il trattamento con il coenzima Q10 possa aiutare a ripristinare la produzione ottimale di energia, ridurre i danni ossidativi e migliorare la funzione cardiaca, il che può aiutare a trattare l'insufficienza cardiaca.[7]

Riassumendo: il coenzima Q10 sembra aiutare nel trattamento dell'insufficienza cardiaca migliorando la funzione cardiaca, aumentando la produzione di ATP e limitando i danni ossidativi.

2. Il CoQ10 potrebbe promuovere la fertilità

La fertilità femminile diminuisce con l'età con la diminuzione del numero e della qualità degli ovuli disponibili. Il coenzima Q10 è direttamente coinvolto in questo processo.

Con l'avanzare dell'età, la produzione del coenzima Q10 rallenta, il che rende l'organismo meno efficace nel proteggere gli ovuli dai danni ossidativi.[11] L'integrazione di coenzima Q10 sembra essere d'aiuto e può anche invertire il declino della qualità e della quantità degli ovuli dovuto all'età.

Allo stesso modo, gli spermatozoi maschili sono suscettibili ai danni ossidativi, i quali possono portare a una riduzione della quantità di spermatozoi, a una scarsa qualità dello sperma e all'infertilità.[12] [13]

Diversi studi hanno concluso che l'integrazione con il coenzima Q10 può migliorare la qualità, l'attività e la concentrazione degli spermatozoi aumentando la protezione antiossidante.[13] [14]

Riassumendo: le proprietà antiossidanti del coenzima Q10 potrebbero contribuire a migliorare la qualità dello sperma e a ridurre il calo del numero e della qualità degli ovuli nelle donne.

3. Il CoQ10 potrebbe aiutare a mantenere la giovinezza della pelle

La pelle è l'organo più grande del corpo ed è ampiamente esposta a fattori nocivi che contribuiscono all'invecchiamento della pelle. Questi possono essere fattori interni o esterni. Alcuni fattori interni dannosi sono i danni cellulari e gli squilibri ormonali. I fattori esterni includono le influenze ambientali come i raggi UV.[15]

Gli elementi nocivi possono portare a una riduzione dell'umidità della pelle e alla protezione contro gli aggressori ambientali, nonché all'assottigliamento degli strati cutanei.[15] [16] L'applicazione diretta del coenzima Q10 sulla pelle può ridurre i danni causati da fattori interni ed esterni, aumentando la produzione di energia nelle cellule della pelle e promuovendo la protezione antiossidante.[17]

Infatti, è stato dimostrato che il coenzima Q10 applicato direttamente sulla pelle riduce i danni ossidativi causati dai raggi UV e la profondità delle rughe. [18] Infine, le persone con bassi livelli di coenzima Q10 sembrano sviluppare più frequentemente il cancro alla pelle.[19]

Riassumendo: il Coenzima Q10, se applicato direttamente sulla pelle, può ridurre i danni del sole e aumentare la protezione antiossidante. L'integrazione con il coenzima Q10 potrebbe anche contribuire a ridurre il rischio di cancro alla pelle.

4. Il CoQ10 potrebbe alleviare il mal di testa

Una funzionalità mitocondriale anormale può portare ad un aumento dell'assorbimento di calcio da parte delle cellule, ad un'eccessiva produzione di radicali liberi e ad una ridotta protezione antiossidante. Questo può portare a bassa energia nelle cellule cerebrali e anche all'emicrania.[20]

Poiché il coenzima Q10 si trova principalmente nei mitocondri delle cellule, è stato dimostrato che migliora la funzionalità mitocondriale e aiuta a ridurre l'infiammazione che può verificarsi durante l'emicrania.[21]

Infatti, uno studio su 42 persone ha dimostrato che l'integrazione con il coenzima Q10 riduce l'emicrania tre volte più spesso rispetto che con un placebo.[22] Inoltre, è stata riscontrata una carenza di coenzima Q10 nelle persone soggette ad emicrania.

Uno studio più ampio ha rilevato che 1.550 persone con bassi livelli di coenzima Q10 hanno avuto meno mal di testa e di gravità minore dopo il trattamento con il coenzima Q10.[23] Inoltre, il coenzima Q10 sembra non solo aiutare a trattare l'emicrania, ma anche a prevenirla.[24]

Riassumendo: l'integrazione con il coenzima Q10 sembra contribuire alla prevenzione e al trattamento dell'emicrania aumentando la funzionalità mitocondriale e riducendo l'infiammazione.

5. Il CoQ10 potrebbe promuovere le prestazioni durante l'allenamento

Lo stress ossidativo può influenzare la funzione muscolare e quindi le prestazioni di allenamento. [25] Allo stesso modo, una funzionalità mitocondriale anormale può ridurre l'energia muscolare, rendendo difficile per i muscoli contrarsi in modo efficiente e mantenere l'allenamento.[26] [27]

Il coenzima Q10 può contribuire al miglioramento delle prestazioni riducendo lo stress ossidativo nelle cellule e migliorando le funzioni mitocondriali.[28]

In uno studio è stato studiato l'effetto del coenzima Q10 sull'attività fisica. Gli individui che hanno assunto 1.200 mg di coenzima Q10 al giorno per 60 giorni hanno mostrato una riduzione dei livelli di stress ossidativo (31). Inoltre, l'integrazione con il coenzima Q10 può aiutare ad aumentare la forza durante l'esercizio fisico e a ridurre la fatica. Entrambi questi fattori possono migliorare le prestazioni durante l’allenamento.[29] [30] [31]

Riassumendo: le prestazioni durante l’allenamento possono essere influenzate dallo stress ossidativo e dalle disfunzioni mitocondriali. Il coenzima Q10 può aiutare a ridurre i danni ossidativi, promuovere le prestazioni fisiche e diminuire la fatica.

6. Il coQ10 potrebbe essere d'aiuto per il diabete

Lo stress ossidativo può causare danni alle cellule. Ciò può portare a malattie metaboliche come il diabete. Anche una funzionalità mitocondriale anormale è stata associata alla resistenza all'insulina.[32] È stato dimostrato che il coenzima Q10 migliora la sensibilità all'insulina e regola i livelli di glucosio nel sangue.[33]

L'integrazione con il coenzima Q10 potrebbe inoltre aiutare ad aumentare le concentrazioni di coenzima Q10 nel sangue dei diabetici, che di solito hanno basse concentrazioni di questo composto, fino a tre volte.[34] [35]

In uno studio, le persone con diabete di tipo 2 hanno assunto il coenzima Q10 per 12 settimane. Questo ha ridotto significativamente i livelli di glucosio ed emoglobina-HbA1 nel sangue negli ultimi due-tre mesi.[36]

Infine, il coenzima Q10 potrebbe aiutare a prevenire il diabete stimolando la degradazione dei grassi e riducendo l'accumulo di cellule adipose che potrebbero portare all'obesità o al diabete di tipo 2.[37]

In sintesi, l'integrazione con il coenzima Q10 può aiutare ad aumentare la sensibilità all'insulina e a migliorare i livelli di zucchero nel sangue.

7. Il coQ10 potrebbe svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro

È noto che lo stress ossidativo causa danni alle cellule e ne compromette il funzionamento (41). Se il corpo non è in grado di combattere efficacemente i danni ossidativi, la struttura delle cellule può essere danneggiata, aumentando alla fine il rischio di cancro (41, 42).

Il coenzima Q10 può proteggere le cellule dallo stress ossidativo e promuovere la produzione di energia cellulare, che ne favorisce la salute e la sopravvivenza (42, 43). È interessante notare che i pazienti affetti da cancro hanno dimostrato di avere livelli più bassi di coenzima Q10.

I bassi livelli di coenzima Q10 sono associati a un rischio di cancro fino al 53,3% più elevato e indicano una prognosi sfavorevole per vari tipi di cancro (43, 44, 45). Inoltre, uno studio ha suggerito che l'integrazione con il coenzima Q10 potrebbe ridurre la probabilità di recidiva del cancro (46).

Riassumendo: il coenzima Q10 svolge un ruolo cruciale nella protezione del DNA cellulare e della sua sopravvivenza, entrambi strettamente correlati alla prevenzione e alla recidiva del cancro.

8. Il coQ10 fa bene al cervello

I mitocondri sono i principali generatori di energia delle cellule cerebrali. La funzionalità mitocondriale diminuisce con l'età. La disfunzionalità mitocondriale totale può portare alla morte delle cellule cerebrali e a malattie come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson (47).

Purtroppo, il cervello è estremamente suscettibile ai danni ossidativi a causa del suo alto contenuto di acidi grassi e dell'elevata richiesta di ossigeno. Questo danno ossidativo aumenta la produzione di composti nocivi che possono influenzare la memoria, la percezione e le funzioni fisiche (48, 49).

Il coenzima Q10 può ridurre questi composti nocivi e possibilmente rallentare la progressione del morbo di Alzheimer e del morbo di Parkinson (50, 51).

Riassumendo: è stato dimostrato che il coenzima Q10 protegge le cellule cerebrali dai danni ossidativi e riduce l'effetto dei composti nocivi che possono portare a malattie cerebrali.

9. Il coenzima Q10 potrebbe proteggere i polmoni

Di tutti gli organi, i polmoni hanno il maggior contatto con l'ossigeno. Questo li rende molto suscettibili ai danni ossidativi. L'aumento del danno ossidativo nei polmoni e la scarsa protezione contro gli antiossidanti, compresi i bassi livelli di coenzima Q10, possono portare a malattie polmonari come l'asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) (52).

Inoltre, è stato dimostrato che le persone che soffrono di queste malattie hanno livelli più bassi di coenzima Q10 (53, 54). Uno studio ha dimostrato che l'integrazione con il coenzima Q10 riduce l'infiammazione negli asmatici così come la necessità di farmaci steroidei per trattare l'asma (55).

Un altro studio ha mostrato miglioramenti nelle prestazioni fisiche dei pazienti affetti da BPCO. Questo è stato osservato da una migliore ossigenazione dei tessuti e dalla frequenza cardiaca dopo l'integrazione con il coenzima Q10 (56). 


Riassumendo: il coenzima Q10 può ridurre i danni ossidativi e le infiammazioni che portano a malattie polmonari.

Dosaggio ed effetti collaterali

Il coenzima Q10 esiste in due forme diverse - ubichinolo e ubichinone.

L'ubichinolo rappresenta il 90% del coenzima Q10 nel sangue ed è la forma più facilmente assorbibile. Si raccomanda pertanto di scegliere integratori alimentari contenenti ubichinolo (57, 58).

La dose standard di coenzima Q10 varia da 90 mg a 200 mg al giorno. Dosaggi fino a 500 mg sembrano essere ben tollerati: in diversi studi sono state utilizzate dosi ancora più elevate senza gravi effetti collaterali (59), (60), (61).

Poiché il coenzima Q10 è un composto liposolubile, il suo assorbimento è lento e limitato. Tuttavia, l'assunzione di integratori di coenzima Q10 con il cibo può aiutare il corpo ad assorbirlo fino a tre volte più velocemente (2, 62).

Inoltre, alcuni prodotti offrono una forma solubile di coenzima Q10 o una combinazione di coenzima Q10 e oli per migliorarne l'assorbimento (63, 64, 65). Il corpo non immagazzina il coenzima Q10, si raccomanda quindi un’assunzione continua per notare i suoi benefici (58, 66).

L'integrazione con il coenzima Q10 sembra essere ben tollerata dall'uomo e ha una bassa tossicità (58). Infatti, in alcuni studi i partecipanti non hanno mostrato gravi effetti collaterali quando hanno assunto 1200 mg al giorno per 16 mesi (51).

Tuttavia, se si verificano effetti collaterali, si consiglia di dividere la dose giornaliera in due o tre dosi più piccole.

Riassumendo: poiché il coenzima Q10 è liposolubile, si consiglia di assumerlo con il cibo o di utilizzare prodotti che lo combinano con degli oli per migliorarne l'assorbimento. L'integrazione con il coenzima Q10 sembra essere ben tollerata e ha una bassa tossicità.

Vantaggi del coenzima Q10

Il coenzima Q10 è un elemento essenziale per molte funzioni quotidiane ed è necessario per ogni singola cellula del corpo. Come antiossidante che protegge le cellule dagli effetti dell'invecchiamento, il coenzima Q10 è stato utilizzato in medicina per decenni, soprattutto nel trattamento dei problemi cardiaci.

Uno degli usi più comuni e ricercati del coenzima Q10, ancora oggi, è quello di proteggere il cuore e i vasi sanguigni dagli effetti dannosi dello stress ossidativo (noto anche come danno da radicali liberi).

Molte persone assumono integratori di coenzima Q10 per il trattamento di problemi di salute, tra cui aritmia, ipertensione, malattie coronariche, aterosclerosi e insufficienza cardiaca.

La ricerca ha dimostrato che questi integratori potrebbero essere utili nella prevenzione delle complicazioni e nel trattamento dei sintomi in pazienti con altre malattie infiammatorie come il cancro al seno, il diabete, i virus e l'infertilità.

Azione del coenzima Q10

  • Per ottenere energia sufficiente per le funzioni corporee, i minuscoli organuli, i cosiddetti mitocondri, assorbono il grasso e altri nutrienti nelle nostre cellule e li trasformano in fonti di energia utilizzabili. Questo processo di conversione richiede il coenzima Q10.
  • Come "coenzima", il coQ10 aiuta gli altri enzimi a digerire correttamente il cibo.
  • Il coenzima Q10 non è solo necessario per produrre energia cellulare, ma anche per proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi nocivi.
  • Il coenzima Q10 può esistere in tre diversi stati di ossidazione. La capacità, in alcune forme, di accettare e rilasciare elettroni è una caratteristica importante delle sue funzioni biochimiche, che compensano i danni dei radicali liberi.
  • In quanto potente antiossidante, il coenzima Q10 può aumentare l'assorbimento di altri nutrienti essenziali. È stato dimostrato che supporta il recupero della vitamina C e della vitamina E, massimizzando l'effetto delle vitamine e degli antiossidanti già attivi nell'organismo.
  • Anche se il corpo è in grado di produrre da solo il coenzima Q10, tale produzione diminuisce con l'età - proprio quando abbiamo più bisogno della protezione delle nostre cellule. Ciò significa che tutti noi possiamo beneficiare di maggiore coenzima Q10, assumendolo sia naturalmente, attraverso la nostra dieta, che attraverso integratori alimentari di alta qualità.

Chi dovrebbe assumere il coenzima Q10?

Secondo una ricerca dell'Oregon State University, la sintesi naturale del coenzima Q10 e l'assunzione di cibo sembrano essere sufficienti a prevenire la carenza di coenzima Q10 nelle persone sane. Tuttavia, come spiegato sopra, il corpo produce meno coenzima Q10 con l'avanzare dell’età. (2)

La capacità naturale di convertire il coenzima Q10 nella sua forma attiva ubichinolo diminuisce con l'invecchiamento. Questa diminuzione è più evidente nelle persone di età superiore ai 40 anni, e soprattutto nei pazienti che assumono statine. È stato inoltre riscontrato che le persone affette da diabete, cancro e scompenso cardiaco hanno generalmente livelli plasmatici inferiori di coenzima Q10.

Per questi motivi, il coenzima Q10 è raccomandato soprattutto per le persone con problemi cardiaci.

Ciò può includere persone che soffrono delle seguenti malattie:

  • precedenti attacchi di cuore o malattie coronariche
  • alto livello di colesterolo (specialmente se si assumono statine!)
  • pressione sanguigna alta
  • aterosclerosi
  • angina
  • prolasso della valvola mitrale

Oltre a sostenere un sistema cardiovascolare sano, il coenzima Q10 ha anche i seguenti vantaggi:

  • contrasta la fatica e aumenta la resistenza
  • protegge dai radicali liberi e dai segni tipici dell'invecchiamento, tra cui la perdita muscolare e i cambiamenti della pelle
  • ripristina il potere degli antiossidanti, tra cui la vitamina E e la vitamina C
  • stabilizza la glicemia
  • supporta le gengive sane
  • riduce la distrofia muscolare
  • aiuta in caso di disturbi cognitivi, tra cui il Parkinson e l'Alzheimer
  • porta ad un miglioramento metabolico nei pazienti con malattie mitocondriali ereditarie
  • potrebbe aiutare nel trattamento di altre malattie come il cancro, i disturbi endocrini, il diabete, i virus e le infezioni

Vantaggi del coenzima Q10

1. Conserva l'energia naturale

Il coenzima Q10 svolge un ruolo nella "sintesi mitocondriale ATP", cioè la conversione dell'energia grezza degli alimenti (carboidrati e grassi) in energia utilizzata dalle nostre cellule: questa è chiamata adenosina trifosfato (ATP).

Questo processo di conversione richiede il coenzima Q nella membrana mitocondriale interna. Uno dei suoi compiti è quello di assorbire gli elettroni durante il metabolismo degli acidi grassi e del glucosio e poi trasferirli agli accettatori di elettroni. (3)

Il processo di produzione dell'ATP ha molti benefici, dal mantenimento della massa muscolare alla regolazione dell'appetito e del peso corporeo.





2. Riduce i danni dei radicali liberi

Il danno ossidativo (o danno da radicali liberi) alle strutture cellulari gioca un ruolo importante nei cali funzionali associati all'invecchiamento e all’insorgenza di malattie.

Come antiossidante liposolubile, il coenzima Q10 ha dimostrato di inibire la perossidazione lipidica che si verifica quando le membrane cellulari e le lipoproteine a bassa densità sono esposte a condizioni ossidanti che penetrano nel corpo dall'esterno.

Quando l’LDL è ossidato, il coenzima Q10 è uno dei primi antiossidanti ad essere utilizzato per bilanciare gli effetti. All'interno dei mitocondri, il coenzima Q10 protegge le proteine della membrana e il DNA dai danni ossidativi associati alla perossidazione lipidica e neutralizza direttamente i radicali liberi che contribuiscono a quasi tutte le malattie legate all'età (malattie cardiache, cancro, diabete, ecc.).

3. Può migliorare la salute del cuore e controbilanciare gli effetti delle statine

Anche se gli esperti ritengono che siano necessari ulteriori studi clinici controllati per dimostrare la sua efficacia, il coenzima Q10 ha un grande potenziale per la prevenzione e il trattamento delle malattie cardiache, poiché migliora la bioenergetica cellulare, agisce come antiossidante e neutralizza i radicali liberi.

Un rapporto del 2015 pubblicato su Frontiers in Bioscience afferma che "la carenza di coenzima Q10 è dovuta a mutazioni autosomiche recessive, malattie mitocondriali, stress ossidativo legato all'età, carcinogenesi ed è un effetto collaterale dei trattamenti con statine”. 


Sappiamo che l'integrazione di coenzima Q10 sembra essere utile per le persone che assumono statine perché riduce i loro effetti collaterali. Le statine sono utilizzate per ridurre un enzima nel fegato che non solo riduce la produzione di colesterolo, ma abbassa ulteriormente la produzione naturale di coenzima Q10.

È ormai generalmente accettata l’idea che ci possa essere un'interazione tra il coenzima Q10 e i farmaci che abbassano i lipidi e inibiscono l'attività della HMG-CoA reduttasi, un enzima importante sia per il colesterolo che per la biosintesi del coenzima Q10.

L'integrazione con il coenzima Q10 serve quindi a ripristinare in modo ottimale i livelli naturali e a contrastare gli effetti delle statine.

4. Rallenta il processo di invecchiamento

La sintesi mitocondriale di ATP è una funzione importante per mantenere un metabolismo rapido, la forza muscolare, le ossa forti, la pelle giovane e i tessuti sani.

È stato riportato che i livelli di coenzima Q10 nei tessuti diminuiscono con l'età, il che si ritiene contribuisca ad una diminuzione del metabolismo energetico e alla degenerazione di organi come il fegato e il cuore e i muscoli scheletrici.

Anche se non è stato dimostrato che l'integrazione con il coenzima Q10 prolunghi la durata della vita degli animali testati con esso, i ricercatori ritengono che possa rallentare l'aumento dei danni al DNA legati all'invecchiamento.

Sono necessarie ulteriori ricerche per trarre conclusioni, ma i possibili benefici anti-invecchiamento derivanti dal consumo di una maggiore quantità di coenzima Q10 sono una riduzione della perdita muscolare, una minore evidenza dei danni alla pelle e una protezione contro lesioni alle ossa o alle articolazioni.

5. Aiuta a mantenere valori di pH ottimali

All'interno delle cellule, il coenzima Q10 aiuta a trasportare le proteine attraverso le membrane e a separare alcuni enzimi digestivi dal resto della cellula, contribuendo a mantenere un pH ottimale.

Si ritiene che le malattie si sviluppino più facilmente in ambienti con livelli di pH inadeguati, soprattutto in quelli non eccessivamente acidi.

Vari studi hanno dimostrato che il coenzima Q10 può contribuire a migliorare la funzione immunitaria complessiva e persino a ridurre il rischio di cancro per una serie di ragioni, probabilmente anche per la sua capacità di mantenere un livello di pH corretto.

Intorno agli anni '60, i ricercatori iniziarono a testare l'effetto del coenzima Q10 sulle funzioni immunitarie e scoprirono che le persone con alcuni tipi di cancro (mieloma, linfoma, seno, polmoni, prostata, pancreas e colon) avevano livelli ematici più bassi.

Recentemente, studi su donne adulte affette da tumore al seno hanno dimostrato che le loro condizioni di salute sono migliorate dopo l’integrazione con il coenzima Q10. (4)

6. Protegge le capacità cognitive

Nelle persone con problemi cognitivi, come il Parkinson, si ritiene che l'aumento dello stress ossidativo in una parte del cervello chiamata substantia nigra contribuisca ai sintomi.

Il coenzima Q10 ha dimostrato di compensare la diminuzione dell'attività delle catene di trasporto degli elettroni mitocondriali che influenzano i canali nervosi e le funzioni cerebrali, e gli studi hanno scoperto che le persone con deficit cognitivo tendono ad avere livelli più bassi di coenzima Q10 nel sangue. (5)

Diversi studi hanno studiato l'effetto del coenzima Q10 nelle persone affette da Parkinson. Uno studio randomizzato, controllato con placebo, che ha studiato l'efficacia di 300, 600 o 1.200 milligrammi al giorno in 80 persone con malattia di Parkinson precoce, ha rilevato che l'integrazione è stata ben tollerata ed è stata associata a un più lento deterioramento delle funzioni cognitive rispetto al placebo.

Altri studi hanno dimostrato che circa 360 milligrammi al giorno di coenzima Q10 per quattro settimane hanno avuto un moderato beneficio per i pazienti affetti da Parkinson (6).

Coenzima Q10 negli alimenti

Cibi ricchi di coenzima Q10: il coenzima Q10 si trova negli alimenti, tra cui pesce, fegato, reni e germogli di prodotti integrali.

Il coenzima Q10 assunto in capsule o attraverso il cibo è ugualmente ben assorbito dal corpo (67).

Le fonti naturali più ricche di coenzima Q10 negli alimenti sono la carne (soprattutto i volatili) e il pesce, ma anche alternative vegetariane come fagioli, noci, alcune verdure, uova e latticini sono utili per aumentarne l'assunzione. (7)

I seguenti alimenti contengono il coenzima Q10:

  • carne di bovini alimentati con erba
  • aringa
  • carne di polli ruspanti
  • trota iridea
  • semi di sesamo
  • pistacchi
  • broccoli
  • cavolfiore
  • arance
  • fragole
  • uova da galline allevate a terra
  • sardine
  • sgombro

Attualmente non esistono raccomandazioni dietetiche specifiche per il coenzima Q10 stabilite dall'Institute of Medicine o da altre agenzie. Poiché è un antiossidante liposolubile, viene assorbito più facilmente se consumato con una piccola quantità di grassi sani (proprio come le vitamine E e A).

Anche se può essere assunto da alcuni alimenti, questi di solito forniscono solo dosi basse, ragion per cui molti esperti raccomandano l'integrazione per gli anziani o le persone con malattie cardiache.

I sintomi della carenza non sono stati descritti o studiati in dettaglio nella popolazione generale. Si stima che la dieta media di una persona contribuisca a circa il 25% del totale del coenzima Q10.

Il modo migliore per garantire una dose sufficiente è una dieta varia e nutriente, con l’aggiunta di integratori alimentari se c'è un rischio di malattie cardiache o infiammatorie.

Integratore alimentare di coenzima Q10

Il coenzima Q10 è presente nella maggior parte degli alimenti in quantità così piccole che anche una dieta sana è un modo poco pratico per mantenere le dosi giornaliere raccomandate.

L'assunzione di un integratore giornaliero di coenzima Q10 di alta qualità sotto forma di capsula (che facilita l'assorbimento nel flusso sanguigno) può rimediare a questa carenza.

Dosaggio del coenzima Q10 per gli integratori alimentari:

  • Secondo un sondaggio condotto da ConsumerLab.com su oltre 50 prodotti testati con il coenzima Q10, il dosaggio giornaliero raccomandato varia da 30 milligrammi a 1.000 milligrammi al giorno. (8)
  • La maggior parte degli esperti consiglia agli adulti di assumere almeno 200 milligrammi al giorno per sperimentarne i benefici.
  • Le persone che assumono statine o che pesano più di 90 kg dovrebbero prendere in considerazione una dose più alta.

Effetti collaterali del coenzima Q10

Sebbene sia generalmente considerato molto sicuro e sia utilizzato in campo medico da molti anni, il coenzima Q10 può talvolta avere i seguenti effetti collaterali: (9)

  • Lieve insonnia, aumento degli enzimi epatici, eruzioni cutanee, nausea, dolore nella parte superiore dell'addome, vertigini, sensibilità alla luce, irritabilità, mal di testa, bruciore di stomaco e stanchezza.
  • Interazione con le statine: i preparati di coenzima Q10 possono ridurre l'efficacia anticoagulante delle statine come il warfarin e altri farmaci comuni per abbassare il colesterolo (per es. le statine note come inibitori della HMG-CoA reduttasi). Si consiglia di consultare il proprio medico per l'assunzione di questi farmaci in condizioni controllate.
  • In alcuni casi, l'integrazione con il coenzima Q10 può anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il fabbisogno di insulina. I diabetici che assumono farmaci per controllare la glicemia dovrebbero monitorare le loro condizioni quando assumono il coenzima Q10.
  • Leggere sempre le istruzioni per il dosaggio e iniziare con una dose più bassa e aumentarla gradualmente. È possibile ridurre al minimo gli effetti collaterali dividendo la dose giornaliera in dosi più piccole di circa 100 milligrammi.
  • Se sei incinta o stai allattando, informa il tuo medico di tutti gli integratori che stai assumendo per assicurarti che siano sicuri.

Il coenzima Q10 ubichinolo allevia i sintomi dell'autismo

I bambini con disturbo dello spettro autistico hanno mostrato un miglioramento dei sintomi centrali (R) durante l'assunzione del coenzima Q10.

I bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni a cui è stato diagnosticato l'autismo e che sono stati trattati con l'ubichinolo mostrano un miglioramento nella comunicazione con i genitori, nella comunicazione verbale, nel gioco, nel sonno e nell'assunzione di cibo (R).

Il coenzima Q10 riduce i sintomi della fibromialgia nei giovani

Gli adolescenti che soffrono di fibromialgia mostravano valori del coenzima Q10 inferiori alla media. L'integrazione con l'ubichinolo ha alleviato il dolore e l'indolenzimento muscolare, ha aumentato il metabolismo del colesterolo e in generale ha contrastato l’affaticamento (R).

Il coenzima Q10 e gli effetti collaterali delle statine

Le statine sono farmaci che aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo. I pazienti che soffrono di dolori muscolari, perdita di forza muscolare e ridotta attività aerobica a causa delle statine possono aumentare le loro prestazioni assumendo il coenzima Q10 ogni giorno senza altri sintomi (R). 


Le statine possono indurre la rabdomiolisi (morte muscolare), che rilascia le cellule del rabdomiosarcoma nel flusso sanguigno e rompe gli altri tessuti. Le cellule umane del rabdomiosarcoma trattate con simvastatina e integratori di coenzima Q10 hanno invertito la morte muscolare e ucciso le restanti cellule del sarcoma (R).

I topi a cui è stata somministrata la simvastatina avevano bassi livelli di coenzima Q10. Ciò portava ad una minore interruzione dei battiti cardiaci spontanei e ad una ridotta sensibilità alla stimolazione elettrica.

L'assunzione simultanea di simvastatina e coenzima Q10 ha permesso un corretto effetto della simvastatina, oltre a combattere anche gli effetti collaterali negativi nei cuori dei topi (R). Oltre all'esercizio fisico quotidiano e all'integrazione con l'ubichinolo, i pazienti hanno osservato un aumento ancora maggiore delle lipoproteine ad alta densità, il che ha ridotto i problemi associati alla malattia coronarica (R).

Il coenzima Q10 riduce le complicazioni chirurgiche

Il coenzima Q10, assunto in dosi elevate prima e dopo l'intervento al cuore, ha contribuito ad evitare complicazioni durante l'intervento (R).

Nei pazienti umani in recupero dopo un intervento chirurgico alle arterie del cuore che hanno assunto alte dosi di coenzima Q10, la probabilità di sviluppare complicazioni cardiache era del 95% più bassa (R).

Dopo l'intervento di bypass, i pazienti che hanno assunto alti livelli di coenzima Q10 avevano livelli di infiammazione più bassi. Questo ha ridotto il tempo di terapia intensiva e ha ridotto la probabilità di infezioni future (R).

Effetto antiossidante del coenzima Q10

Se applicato topicamente, l'ubichinolo rinnova il livello del coenzima Q10 della pelle non solo sulla superficie ma anche negli strati più profondi dell'epidermide. L'ubichinolo topico aumenta il metabolismo cellulare e la guarigione nei cheratinociti umani danneggiati (R).

Il coenzima Q10 riduce la quantità di radicali liberi nella pelle e aumenta la quantità di antiossidanti nei pazienti umani (R).

Sia i fumatori di sesso maschile che quelli di sesso femminile hanno una ridotta capacità di produrre il coenzima Q10, il che porta ad un aumento dei radicali liberi e del tessuto danneggiato nei polmoni. L'integrazione di ubichinolo contrasta la degradazione del coenzima Q10 e riduce il rischio di danni ai polmoni causa dalla scarsa quantità di questo coenzima (R).

Nei ratti, il trattamento con il coenzima Q10 ha ridotto la morte degli epatociti e ha aumentato il livello totale di albumina, proteine e lipidi nel fegato. Il coenzima Q10 ha ripristinato i livelli di antiossidanti nel fegato riducendo i danni ossidativi (R). 


L'ubichinolo assunto da pazienti umani sani ha aumentato la capacità antiossidante del cuore (R).

Nei pazienti umani anziani con insufficienza cardiaca, i livelli di NT-proBNP sono indicatori della gravità della malattia. L'assunzione giornaliera di ubichinolo ha abbassato completamente i livelli di NT-proBNP e ha ridotto gli effetti delle malattie cardiache e le possibilità di insufficienza cardiaca (R).

L'assunzione di ubichinolo nei bambini che soffrono sia di H1N1 che di influenza stagionale ha aumentato la capacità antiossidante a livelli normali. L'ubichinolo ha ridotto lo stress ossidativo dovuto all'infezione nei bambini, senza influenzare l’azione di altri farmaci antinfluenzali (R).

Farmaci ipocolesterolemizzanti

Il colesterolo è una sostanza che il nostro corpo produce e utilizza per svolgere varie funzioni essenziali come la produzione di membrane cellulari e la formazione di ormoni.

La maggior parte del colesterolo necessario per una buona salute è prodotto dal fegato, mentre il resto viene ingerito attraverso la dieta. Si tratta di una sostanza essenziale per la vita umana.

Tuttavia, troppo colesterolo nel nostro sangue può aumentare il rischio di malattie cardiache e di ictus. Molte persone hanno questo problema.

Qualcuno riesce ad abbassare i propri livelli alti di colesterolo cambiando la loro dieta e l'esercizio fisico, ma milioni di persone hanno bisogno dell'aiuto di farmaci su prescrizione. 


Diversi farmaci su prescrizione sono approvati per il trattamento del colesterolo alto LDL, compresi i leganti dell'acido biliare, la niacina e, più recentemente, una classe di farmaci iniettabili chiamati inibitori PCSK9.

La stragrande maggioranza delle persone che vengono curate per il colesterolo alto - milioni di persone - assumono farmaci ipocolesterolemizzanti comunemente noti come statine. Potresti conoscerli con il nome dei loro marchi: Lipitor, Crestor o Zocor.

Le statine sono popolari perché sono relativamente poco costose e hanno dimostrato di essere efficaci nell'abbassare il tipo di colesterolo che i medici considerano dannoso per la salute del cuore.

Statine e coenzima Q10

Le statine ipocolesterolemizzanti inibiscono la produzione di coenzima Q10 nel corpo. Questo porta ad un livello più basso di ubichinolo nel sangue.

Quello che molte persone non sanno è che le statine ipocolesterolemizzanti inibiscono anche la produzione del corpo di coenzima Q101-4, soprattutto se assumono una dose elevata o prendono il farmaco per un lungo periodo di tempo. Questo porta a meno ubichinolo coenzima Q10 nel sangue.

Anche piccole diminuzioni del coenzima Q10 possono interferire con la capacità dell'organismo di produrre energia e causare altri problemi. Inoltre, l'uso di statine a lungo termine e bassi livelli di coenzima Q10 possono essere associati in alcuni pazienti ad affaticamento e crampi muscolari.

Inoltre, il coenzima Q10 sotto forma di ubichinolo può proteggere dall'ossidazione del colesterolo LDL. Ma nelle persone che hanno livelli più bassi di coenzima Q10 a causa dell'assunzione di statina, il colesterolo LDL era più suscettibile all'ossidazione e il colesterolo ossidato è un noto fattore di rischio per alcuni problemi vascolari.

Perché le statine portano a un deficit di coenzima Q10?

Le statine sono farmaci che abbassano efficacemente i livelli di colesterolo. Ma perché si ha una carenza di coenzima Q10 da questi farmaci?

La risposta è che il nostro corpo produce colesterolo allo stesso modo in cui produce il coenzima Q10. Il coenzima Q10, importante per la salute del cuore, è in realtà trasportato dal colesterolo nel sangue.

Nel corpo, l'acetil-CoA è convertito in un composto organico chiamato mevalonato con l'aiuto di un enzima chiamato HMG-CoA reduttasi. Il mevalonato può essere utilizzato sia per la produzione di colesterolo che di coenzima Q10.

Le statine inibiscono l'azione della HMG-CoA reduttasi, che riduce la quantità di mevalonato disponibile per la produzione di colesterolo, molto importante per il trattamento del colesterolo alto. Purtroppo, questo significa anche che il corpo ha meno mevalonato disponibile per la produzione del coenzima Q10.

Studi sugli esseri umani hanno dimostrato che le statine possono ridurre significativamente la quantità di coenzima Q10 nel sangue - sia nella forma convenzionale che come ubichinolo - anche se una persona ha assunto una dose standard solo per tre mesi (1). 


Cosa devono fare le persone che prendono le statine?

È abbastanza facile risolvere la distruzione del coenzima Q10 causata dai farmaci ipocolesterolemizzanti.

Poiché il coenzima Q10 è difficile da assumere con la sola dieta, si dovrebbe prendere in considerazione un integratore alimentare. È una buona idea consultare il proprio medico prima di assumere vitamine o integratori alimentari.

Il coenzima Q10 è la scelta migliore per chi ha più di 30 anni e soprattutto più di 40 anni. 


Il coenzima Q10 convenzionale è una buona opzione per la maggior parte dei giovani, poiché il loro corpo può ancora convertirlo efficacemente in ubichinolo. Questa conversione diventa più difficile e meno efficiente con l'età, rendendo il coenzima Q10 una scelta migliore per le persone sopra i 30 e soprattutto sopra i 40 anni.

Il coenzima Q10 è anche un potente antiossidante che non solo neutralizza i radicali liberi dannosi, ma ha anche la rara capacità di rigenerare altri antiossidanti come le vitamine C ed E.

Ubichinolo vs. coenzima Q10: le diverse forme di coenzima Q10

Milioni di persone assumono integratori di coenzima Q10 per sostenere la salute del cuore. Molti sono sorpresi di apprendere che il coenzima Q10 esiste in realtà in due forme principali con importanti differenze.

Il coenzima convenzionale Q10, tecnicamente noto come ubichinolo, è la versione ossidata del nutriente. Ne ricaviamo una parte dal cibo che mangiamo, ma la maggior parte della nostra fornitura proviene dal nostro corpo.

Circa il 90% del coenzima Q10 totale nel sangue di un giovane adulto sano è sotto forma di ubichinolo.

1 Prima che possa fare molte delle cose meravigliose che le persone associano al coenzima Q10, la forma convenzionale del coenzima Q10 deve essere convertita dal nostro corpo in una forma più avanzata chiamata coenzima Q10 ubichinolo.

2 Questa conversione in ubichinolo diventa più difficile con l'aumentare dell'età o quando si soffre di determinate malattie.3 4

Conversione del coenzima Q10 in ubichinolo

Il coenzima Q10 ha due caratteristiche speciali che mancano al suo cugino meno avanzato: molecole di idrogeno ed elettroni extra. 5 Tali caratteristiche possono fare una grande differenza nella capacità del nutriente di muoversi attraverso il sangue e di essere assorbito nelle cellule.

Queste due proprietà influenzano anche l'attività antiossidante e svolgono un ruolo cruciale nella produzione di energia cellulare. 6 Il nostro corpo deve convertire il coenzima convenzionale Q10 in ubichinolo prima che possa essere utilizzato per generare energia cellulare. 


Purtroppo, non è facile per molti di noi, con l'aumentare dell'età, convertire il coenzima convenzionale Q10 in ubichinolo.

Immaginati come un diciottenne sano che deve spingere diverse palle pesanti su per una collina. Il giovane e spensierato Andrea ha pochi problemi a portare ogni palla in cima e a tornare giù per prendere un'altra palla. Quasi non suda. Immagina ora che io stia cercando di fare lo stesso con un sessantacinquenne. Sebbene sia più saggio e maturo, Andrea, 65 anni, ha dei problemi con questa attività ripetitiva. Ogni distanza viene percorsa più lentamente e richiede un tempo di recupero più lungo.

Un processo altrettanto complesso ha luogo nel nostro corpo quando cerchiamo di convertire il coenzima convenzionale Q10 in ubichinolo.

Perché deve essere convertito in ubichinolo?

I nostri organi e muscoli più importanti - per esempio il cervello e il cuore - hanno bisogno di grandi quantità di energia cellulare per funzionare in modo ottimale. Per generare questa energia, abbiamo bisogno del coenzima Q10 sotto forma di ubichinolo.

All'età di circa 30 anni, il nostro corpo trova più difficile convertire il coenzima convenzionale Q10 nella forma più avanzata dell'ubichinolo, che influisce sull'energia cellulare del nostro corpo. 


In minuscole centrali elettriche cellulari chiamate mitocondri, il coenzima Q10 utilizza i suoi due elettroni in un modo molto specifico per convertire il cibo in un tipo di combustibile (chiamato ATP) di cui il nostro corpo ha bisogno.

Le persone giovani e sane di 18 anni, ad esempio, convertono facilmente l'ubichinolo in coenzima Q10. Ma dall'età di 30 anni e soprattutto oltre i 40, la nostra capacità di convertire il coenzima convenzionale Q10 in ubichinolo diventa più difficile e meno efficiente. Questo influisce sulla quantità di energia cellulare disponibile per i nostri organi.

Coenzima Q10: un'altra importante differenza

Finora abbiamo scoperto che l’ubichinolo, sotto forma di coenzima Q10, gioca un ruolo importante nella produzione di energia cellulare necessaria ad organi importanti come il cuore e il cervello.

Abbiamo anche affrontato il fatto che dall'età di 30 anni in poi, il nostro corpo trova più difficile convertire il coenzima convenzionale Q10 nella forma più avanzata dell'ubichinolo, il che influisce sull'energia cellulare del nostro corpo.

Ma c'è qualcos'altro che rende speciale il coenzima Q10. A differenza del coenzima convenzionale Q10, l'ubichinolo è un antiossidante molto forte grazie ai suoi due elettroni aggiuntivi. Questi elettroni sono importanti perché contengono la chiave per neutralizzare le sostanze chiamate radicali liberi.

I radicali liberi sono dannosi in quanto cercano costantemente di rubare elettroni ovunque, compresi DNA, proteine e lipidi. La rimozione di un elettrone ossida la molecola (stress ossidativo) e può causare danni alla nostra salute.

La forma ubichinolica del coenzima Q10 non ha problemi a rinunciare ad un elettrone per neutralizzare un radicale libero che altrimenti avrebbe potuto causare alcuni problemi metabolici. Il coenzima Q10 è anche uno dei pochi antiossidanti che agiscono non solo nelle parti grasse del nostro corpo (come le membrane cellulari e il colesterolo LDL), ma anche nei mitocondri dove si produce energia.7

Proprio come i motori delle automobili producono gas di scarico, i mitocondri hanno una loro forma di gas di scarico, piena di radicali liberi. L'ubichinolo è l'unica forma di coenzima Q10 in grado di proteggere i mitocondri e le loro membrane lipidiche dall'attacco dei radicali liberi. 


Considerazioni finali sul coenzima Q10

Il coenzima Q10 è una sostanza liposolubile, simile alle vitamine, che sembra avere molti benefici per la salute. È coinvolto nella produzione di energia cellulare e ha una funzione antiossidante. Queste proprietà sono utili per il mantenimento delle cellule e per prevenire e curare alcune malattie croniche.

Il coenzima Q10 ha dimostrato di migliorare la salute del cuore e la regolazione dello zucchero nel sangue, aiutare a prevenire e curare il cancro e ridurre la frequenza delle emicranie. Potrebbe anche ridurre il danno ossidativo che porta ad affaticamento muscolare, danni alla pelle e malattie cerebrali e polmonari.

Il coenzima Q10 è disponibile come integratore alimentare che sembra essere ben tollerato. Si trova anche in alcuni alimenti come gli organi animali, verdure e legumi. 


Poiché la produzione di coenzima Q10 diminuisce con l'età, gli adulti di tutte le età possono beneficiare di quantità più elevate. Sia che si consumino più alimenti con un alto contenuto di coenzima Q10 o che si assumano integratori alimentari, il coenzima Q10 potrebbe essere benefico per la salute.

  • Il coenzima Q10, noto anche come coQ10 o ubichinolo, è una sostanza naturale che aiuta a combattere lo stress ossidativo e a prevenire i danni ai tessuti.
  • I benefici includono il rallentamento degli effetti dell'invecchiamento, la protezione della salute cognitiva, il miglioramento delle funzioni metaboliche e il miglioramento della salute del cuore.
  • Il coenzima Q10 è prodotto nell'organismo e si trova anche in piccole quantità nella carne, nel pesce, nelle noci, nei semi, nelle verdure e nelle uova. Tuttavia, la nostra capacità di produrlo e utilizzarlo diminuisce notevolmente con l'età.
  • Gli integratori di coenzima Q10 vanno da 30-1.000 milligrammi al giorno, ma alcuni medici raccomandano l'assunzione di circa 200-300 milligrammi al giorno (suddivisi in diverse dosi).

Il coenzima Q10 è un coenzima presente nella maggior parte dei corpi cellulari animali e si trova principalmente nei mitocondri. L'ubichinolo è un derivato del coenzima Q10 completamente ridotto e saturo di elettroni supplementari per sostenere l'assorbimento del corpo (R).

Sia il coenzima Q10 che l'ubichinolo sono componenti chiave nella catena di trasporto degli elettroni e facilitano la produzione di ATP nelle reazioni redox (R). L'ubichinolo è completamente ridotto e assorbibile dal corpo in modo che possa essere venduto come integratore alimentare per i pazienti con carenza di coenzima Q10 (R).

Coenzima Q10 Studies and references

  1. Garrido-Maraver J. Clinical applications of coenzyme Q10. Front Biosci (Landmark Ed). 2014 Jan 1;19:619-33.
  2. Garrido-Maraver J. Coenzyme q10 therapy. Mol Syndromol. 2014 Jul;5(3-4):187-97.
  3. Galluzzi L, Kepp O, Trojel-Hansen C, Kroemer G. Mitochondrial control of cellular life, stress, and death. Circ Res. 2012 Oct 12;111(9):1198-207.
  4. Doimo M et al. Genetics of coenzyme q10 deficiency. Mol Syndromol. 2014 Jul;5(3-4):156-62.
  5. Ernster L, Forsmark-Andrée P. Ubiquinol: an endogenous antioxidant in aerobic organisms. Clin Investig. 1993;71(8 Suppl):S60-5.
  6. Simpson JL, Bailey LB, Pietrzik K et al. Micronutrients and women of reproductive potential: required dietary intake and consequences of dietary deficiency or excess. Part I--Folate, Vitamin B12, Vitamin B6. J Matern Fetal Neonatal Med., Vol. 23 (12), 2010, 1323-1343.
  7. DiNicolantonio JJ et al. Coenzyme Q10 for the treatment of heart failure: a review of the literature. Open Heart. 2015 Oct 19;2(1):e000326.
  8. Sharma A, Fonarow GC, Butler J, Ezekowitz JA, Felker GM. Coenzyme Q10 and Heart Failure: A State-of-the-Art Review. Circ Heart Fail. 2016 Apr;9(4):e002639.
  9. Embryotox Arzneimittelsicherheit in Schwangerschaft und Stillzeit.
  10. Morisco C, Trimarco B, Condorelli M. Effect of coenzyme Q10 therapy in patients with congestive heart failure: a long-term multicenter randomized study. Clin Investig. 1993;71(8 Suppl):S134-6.
  11. Ben-Meir A, et al. Coenzyme Q10 restores oocyte mitochondrial function and fertility during reproductive aging. Aging Cell. 2015 Oct;14(5):887-95.
  12. Walczak-Jedrzejowska R, Wolski JK, Slowikowska-Hilczer J. The role of oxidative stress and antioxidants in male fertility. Cent European J Urol. 2013;66(1):60-7.
  13. Lafuente R, et al. Coenzyme Q10 and male infertility: a meta-analysis. J Assist Reprod Genet. 2013 Sep;30(9):1147-56.
  14. Ahmadi S, Bashiri R, Ghadiri-Anari A, Nadjarzadeh A. Antioxidant supplements and semen parameters: An evidence based review. Int J Reprod Biomed (Yazd). 2016 Dec;14(12):729-736.
  15. Farage MA, Miller KW, Elsner P, Maibach HI. Characteristics of the Aging Skin. Adv Wound Care (New Rochelle). 2013 Feb;2(1):5-10.
  16. Rinnerthaler M, Bischof J, Streubel MK, Trost A, Richter K. Oxidative stress in aging human skin. Biomolecules. 2015 Apr 21;5(2):545-89.
  17. National Institutes of Health Vitamin B6 Dietary Supplement Fact Sheet.
  18. Hoppe U, et al. Coenzyme Q10, a cutaneous antioxidant and energizer. Biofactors. 1999;9(2-4):371-8.
  19. Rusciani L., et al. Low plasma coenzyme Q10 levels as an independent prognostic factor for melanoma progression. J Am Acad Dermatol. 2006 Feb;54(2):234-41. Epub 2005 Dec 27.
  20. Yorns WR Jr, Hardison HH. Mitochondrial dysfunction in migraine. Semin Pediatr Neurol. 2013 Sep;20(3):188-93.
  21. Slater SK., et al. A randomized, double-blinded, placebo-controlled, crossover, add-on study of CoEnzyme Q10 in the prevention of pediatric and adolescent migraine. Cephalalgia. 2011 Jun;31(8):897-905.
  22. Bender DA. Non-nutritional uses of vitamin B6. Br J Nutr, Vol. 81, 1999, 7-20.
  23. Fäth-Neubauer B, Viebahn I. Der Einfluss eines speziellen Mikronährstoff-Präparats auf den Mikronährstoff-Status und das psychische Wohlbefinden von Frauen, die orale Kontrazeptiva verwenden. Biogena Studie, 2012.
  24. Shoeibi A., et al. Effectiveness of coenzyme Q10 in prophylactic treatment of migraine headache: an open-label, add-on, controlled trial. Acta Neurol Belg. 2017 Mar;117(1):103-109.
  25. Leeuwenburgh C, Heinecke JW. Oxidative stress and antioxidants in exercise. Curr Med Chem. 2001 Jun;8(7):829-38.
  26. Mancuso M., et al. Fatigue and exercise intolerance in mitochondrial diseases. Literature revision and experience of the Italian Network of mitochondrial diseases. Neuromuscul Disord. 2012 Dec;22 Suppl 3:S226-9.
  27. Abraham GE, Schwartz UD, Lubran MM. Effect of vitamin B-6 on plasma and red blood cell magnesium levels in premenopausal women. Ann Clin Lab Sci, Vol. 11(4), 1981, 333-336.
  28. Gül I, Gökbel H, Belviranli M, Okudan N, Büyükbaş S, Başarali K. Oxidative stress and antioxidant defense in plasma after repeated bouts of supramaximal exercise: the effect of coenzyme Q10. J Sports Med Phys Fitness. 2011 Jun;51(2):305-12.
  29. Glover EI, Martin J, Maher A, Thornhill RE, Moran GR, Tarnopolsky MA. A randomized trial of coenzyme Q10 in mitochondrial disorders. Muscle Nerve. 2010 Nov;42(5):739-48. doi: 10.1002/mus.21758.
  30. Gökbel H, Gül I, Belviranl M, Okudan N. The effects of coenzyme Q10 supplementation on performance during repeated bouts of supramaximal exercise in sedentary men. J Strength Cond Res. 2010 Jan;24(1):97-102.
  31. Mizuno K., et al. Antifatigue effects of coenzyme Q10 during physical fatigue. Nutrition. 2008 Apr;24(4):293-9.
  32. Xu Z., et al. Coenzyme Q10 Improves Lipid Metabolism and Ameliorates Obesity by Regulating CaMKII-Mediated PDE4 Inhibition. Sci Rep. 2017 Aug 15;7(1):8253.
  33. Amin MM., et al. Novel CoQ10 antidiabetic mechanisms underlie its positive effect: modulation of insulin and adiponectine receptors, Tyrosine kinase, PI3K, glucose transporters, sRAGE and visfatin in insulin resistant/diabetic rats. PLoS One. 2014 Feb 20;9(2):e89169.
  34. Smith N, Atroch AL. Guaraná's Journey from Regional Tonic to Aphrodisiac and Global Energy Drink. Evidence- Based Complementary and Alternative Medicine , Vol. 7(3), September 2010, 279- 282.
  35. Eriksson JG, Forsén TJ, Mortensen SA, Rohde M. The effect of coenzyme Q10 administration on metabolic control in patients with type 2 diabetes mellitus. Biofactors. 1999;9(2-4):315-8.
  36. Zahedi H., et al. Effects of CoQ10 Supplementation on Lipid Profiles and Glycemic Control in Patients with Type 2 Diabetes: a randomized, double blind, placebo-controlled trial. J Diabetes Metab Disord. 2014 Jul 25;13:81.
  37. Abdali D, Samson SE, Grover AK. How effective are antioxidant supplements in obesity and diabetes? Med Princ Pract. 2015;24(3):201-15.
Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!