Vitamina K: essenziale non solo per la coagulazione del sangue

Informazioni, benefici, carenze, dosaggio, effetti collaterali

La vitamina K è una vitamina liposolubile che svolge un ruolo decisivo soprattutto nella formazione dei fattori di coagulazione. È anche coinvolta nel metabolismo delle ossa e regola la crescita delle cellule. Una carenza di vitamina K può portare, tra l’altro, ad una maggiore tendenza al sanguinamento. Anche se il corpo è in grado di produrla autonomamente in una certa misura, è essenziale che venga fornita mediante il cibo e/o l’assunzione di integratori alimentari, al fine di soddisfarne il fabbisogno.

Cos'è la vitamina K?

La vitamina K non è in realtà una sola vitamina. Piuttosto, si dovrebbe parlare di vitamine K, perché la vitamina K3 prodotta sinteticamente è una delle sostanze vitali più importanti con efficacia della vitamina K, oltre alle vitamine K1 e K2.

La K nel nome sta per coagulazione. In ambito medico è il termine usato per indicare la coagulazione del sangue. In questo senso diventa chiaro quale ruolo decisivo riveste la vitamina K nella coagulazione del sangue. Proprio come le vitamine E, D e A, anche le vitamine K sono liposolubili.

Storia della vitamina K

Colui che ha scoperto la sostanza vitale è lo scienziato danese Carl Peter Henrik Dam, che negli anni '20 ha studiato la sintesi del colesterolo nei pulcini sottoponendo gli animali ad un’alimentazione priva di colesterolo. Dopo circa due settimane, ha notato che gli animali dei test manifestavano emorragie nei muscoli, nella pelle e anche in altri organi.

Dal momento che Dam è stato in grado di escludere una carenza di altre vitamine, la sua conclusione da queste osservazioni è stata che a causare queste emorragie doveva essere stata la carenza di una sostanza precedentemente sconosciuta. A questa sostanza ha dato il nome di vitamina K.

Dopo numerosi tentativi di alimentazione, Dam ha realizzato che la vitamina K è una vitamina essenziale e liposolubile. La struttura chimica è stata chiarita alla fine degli anni '30 all’Università di Berkeley in California. Per la loro scoperta, Henrik Dam e Edward Adelbert Doisy, che hanno effettuato la chiarificazione strutturale, sono stati insigniti congiuntamente del premio Nobel per la medicina.

K1, K2, K3: differenziazione

Anche se spesso menzioniamo solo la vitamina K, si tratta invece di un intero gruppo di vitamine. Ci sono più di 100 composti della vitamina K che hanno una propria efficacia. Per il corpo umano, però, contano solo 3 di queste sostanze.

Mentre le vitamine K1 e K2 sono del tutto naturali, la vitamina K3 è una sostanza prodotta sinteticamente.

Vitamina K1

Questa vitamina è anche conosciuta come fillochinone. Si tratta principalmente di un componente dei cosiddetti cloroplasti che si trovano nelle piante verdi. Nelle piante, il fillochinone è coinvolto nella fotosintesi, nell’uomo il corpo utilizza la vitamina per produrre fattori di coagulazione nel fegato.

Vitamina K2

Un altro nome per la vitamina K2 è menachinone. Circa la metà del fabbisogno di vitamina K nelle persone sane è fornito dalla produzione di vitamina K2 da parte dei batteri della flora intestinale umana, ad esempio Escherichia coli o Bacteroides fragilis. Ma anche i cibi fermentati come il natto contengono vitamina K2.

Proprio come per la vitamina K1, il corpo necessita anche della vitamina K2 per la corretta coagulazione del sangue. La sostanza agisce anche come cofattore del metabolismo osseo e sembra peraltro avere un compito nella prevenzione della calcificazione vascolare (arteriosclerosi). [1]

Vitamina K3

La vitamina K3, chiamata anche menadione, non è una sostanza naturale. Si tratta di una vitamina artificiale ottenuta mediante un processo di ossidazione del 2-metilnaftalene con acido nitrico o acido cromico.

In passato, il menadione era usato in medicina nella sua forma idrosolubile. Per via del suo effetto tossico, però, oggi la vitamina sintetica non viene più utilizzata. Il menadione può disturbare la funzione del glutatione e quindi danneggiare le pareti cellulari. Dal momento che non è più approvato per l’uso medico, il trattamento di una carenza di vitamina K viene di solito effettuato mediante integrazione con fillochinone (vitamina K1).

La vitamina K nel cibo

Ci sono molti alimenti che contengono vitamina K. Si trova soprattutto nelle verdure verdi che possiamo trovarla. Ad esempio, le varietà di cavolo verde come i cavolini di Bruxelles o il cavolo riccio contengono un quantitativo relativamente alto di vitamina K. È importante sapere che si tratta di vitamina K1.

Il corpo è effettivamente in grado di assorbire meglio la vitamina K2. Tuttavia, questa forma di vitamina è contenuta in grandi quantità solo in pochi alimenti. Questi includono carne, uova e latticini. Anche il natto ne è particolarmente ricco; si tratta di un prodotto tradizionale giapponese a base di soia fermentata.

Vitamina K contenuta negli alimenti in microgrammi per 100 grammi: [2]

Va notato che non è possibile ricavare tutta la vitamina K dal cibo. Il tasso di assorbimento dipende anche dalle condizioni dell'intestino. Va inoltre tenuto conto delle perdite di cottura, che possono arrivare fino al 50%.

Frutta e verdura
  • Crescione: 541
  • Spinaci, crudi: 483
  • Cavolo: 390
  • Broccoli: 224
  • Cavolini di Bruxelles: 177
  • Fagiolini verdi: 38
  • Ribes: 20
  • Mirtilli: 17
Carne e pesce:
  • Tonno (sott'olio): 7
  • Turchia: 4,5
  • Pollo: 4,5
  • Manzo: 1,7
Latte, latticini, uova
  • Burro: 7
  • Uova: 4,5
  • Crema: 3,2
  • Mozzarella: 2,3
  • Formaggio feta: 1,8
  • Latte: 0,5

Vitamina K prodotta dall'intestino

La vitamina K2 viene prodotta dai batteri presenti nell'intestino. Oltre a vari ceppi di Escherichia coli, questi includono anche batteri del gruppo Bacteroides fragilis. Quanto e se viene prodotta una quantità sufficiente di vitamina K nell'intestino dipende quindi prevalentemente da una sana flora intestinale. Se si è in presenza di una disbiosi con uno scarso numero di batteri produttori di vitamine, è possibile che si sviluppi rapidamente una carenza delle stesse.

Sia la vitamina K ricavata dal cibo che la K2 prodotta dall'intestino raggiungono il fegato attraverso la parete intestinale e la vena porta. Lì, i precursori inattivi dei fattori di coagulazione vitali vengono convertiti nella loro forma attiva con l'ausilio della sostanza vitale.

Effetti della vitamina K

La funzione più importante della vitamina K nel corpo umano è la coagulazione del sangue. Senza la vitamina, il corpo non è in grado di produrre fattori di coagulazione attivi. E senza fattori di coagulazione, moriremmo dissanguati in poco tempo nel caso fossimo feriti.

Ma da un livello sufficiente di vitamina K non dipende non solo la funzione dei fattori di coagulazione. Anche la proteina osteocalcina, che regola la mineralizzazione delle ossa, ne è dipendente.

La vitamina K ha altri importanti effetti e funzioni nel corpo:

  • previene i depositi di calcio nei tessuti molli come le arterie o la cartilagine
  • regola la divisione cellulare e la migrazione cellulare
  • è coinvolta in numerosi processi di riparazione

Forme di vitamina K

Tra le vitamine K, si distinguono principalmente le vitamine K1, K2 e K3, che differiscono nella struttura chimica e talvolta anche negli effetti.

Per quanto riguarda la struttura, si possono fare ulteriori distinzioni sia per la vitamina K1 che per la K2. Le forme più comuni includono:

  • MK4
  • MK7 in forma all-trans
  • MK7 nella forma cis
  • MK9

Sono stati condotti pochi studi sulla variante MK9, approvata solo come integratore alimentare negli Stati Uniti. La vitamina K MK4 è efficace solo se assunta in dosi elevate, quindi soltanto la forma MK7 rientra nell’interesse terapeutico. Ciononostante si consiglia di fare attenzione, perché non tutte le varianti della forma MK7 possono essere utilizzate dall’organismo.

MK7: differenza tra le forme all-trans e cis

La vitamina K2 MK7 è attualmente considerata la forma con la più alta biodisponibilità. Ma questo vale solo per l’MK7 all-trans e non per la forma cis. Da un punto di vista chimico, entrambe le forme sono identiche, differiscono solamente per una piccola struttura molecolare geometrica.

Per poter sviluppare appieno il loro effetto, le molecole vitaminiche devono agganciarsi alla parete cellulare. Mentre il recettore sulla parete cellulare e la vitamina K2 MK7 all-trans si agganciano l’uno nell’altro come una chiave con una serratura, la forma cis trova più difficoltà ad agganciarsi. [3]

Un integratore alimentare che contribuisce efficacemente all'apporto di vitamina K dovrebbe idealmente avere un contenuto minimo o nullo di cis.

Fabbisogno di vitamina K

L'esatto fabbisogno di vitamina K non è ancora del tutto noto. Si presume che il corpo abbia bisogno ogni giorno di circa 1 microgrammo al giorno di vitamina K per chilogrammo di peso corporeo. Ciò significa che il fabbisogno medio giornaliero è di 80 microgrammi. [4]

Tuttavia, secondo studi più recenti non è sufficiente. I calcoli di cui sopra si basano sull’ipotesi (superata) che la vitamina K sia importante solo per la coagulazione del sangue. Tenendo conto di tutti i compiti, gli scienziati valutano una necessità molto più elevata. Il fabbisogno ottimale stimato è quindi di 150-200 microgrammi al giorno.[5]

La Società Tedesca per la Nutrizione (DGE) fornisce raccomandazioni di gran lunga inferiori, consigliando invece quanto segue (in microgrammi al giorno): [6]

  • Neonati fino a 4 mesi: 4 mcg
  • Neonati da 4 a 12 mesi: 10 mcg
  • Bambini e adolescenti fino a 15 anni: da 15 a 50 mcg
  • Adulti sotto i 65 anni: da 60 a 70 mcg
  • Adulti oltre i 65 anni: da 65 a 80 mcg
  • Donne in gravidanza: 60 mcg
  • Donne in allattamento: 60 mcg

Carenza di vitamina K

La vitamina K è contenuta in molti alimenti, quindi una dieta equilibrata dovrebbe effettivamente coprirne il fabbisogno. Tuttavia, ci sono diversi fattori che possono influenzare la qualità dei cibi e l’assunzione di vitamine, rendendo necessaria un’integrazione.

Da una parte, frutta e verdura perdono sostanze vitali se conservate per lungo tempo. Anche durante la cottura alcune delle vitamine vengono distrutte. Per poter assorbire la vitamina K, l'intestino deve essere intatto. I disturbi nel microbioma, cioè nella flora intestinale, possono comprometterne l'assorbimento. Anche mediante un'assunzione sufficiente, la quantità effettivamente assorbita può essere troppo piccola.

Una parte non trascurabile del fabbisogno di vitamina K è anche coperta dalla produzione di vitamina K da parte dei batteri intestinali. Se il numero di questi batteri presenti è troppo basso, può svilupparsi una carenza che non può essere compensata dal cibo.

Sintomi e cause di una carenza

Diversi altri fattori possono determinare una condizione di carenza. Questi includono:

  • malnutrizione
  • alcolismo
  • malattie croniche del fegato come l'epatite B o C
  • malattie (croniche) dello stomaco e dell'intestino come diarrea cronica o malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa
  • fibrosi cistica (mucoviscidosi)
  • assunzione di antibiotici o farmaci che legano l’acido biliare così come l’assunzione di derivati cumarina (antagonisti della vitamina K)
  • evidente sovrappeso

La vitamina K è coinvolta nella formazione di diversi fattori di coagulazione nel fegato. Questi includono il fattore II, il fattore VII e le proteine C, S e Z. Se la vitamina K è carente, questi fattori di coagulazione vengono prodotti in quantità insufficiente.

In definitiva, ciò determina un tempo di coagulazione del sangue prolungato e quindi perdita di sangue, disturbi della guarigione di ferite, anemia e aumento della formazione di contusioni (ematomi), anche in caso di lesioni minori.

Inoltre, la vitamina K riveste un ruolo anche nel metabolismo del calcio, contrastando la calcificazione dei tessuti e delle ossa. Pertanto una mancanza di vitamina K favorisce lo sviluppo delle seguenti malattie:

  • Calcificazione vascolare (arteriosclerosi)
  • Osteoporosi (perdita di osso)
  • Artrite (infiammazione delle articolazioni)

La mancanza di vitamina K può, peraltro, far sì che l'ormone insulina non sia più in grado di esercitare il suo effetto sulle cellule del corpo. Mediante questa cosiddetta resistenza all'insulina, nel sangue rimane troppo zucchero. La resistenza all'insulina è la causa principale della malattia metabolica del diabete mellito di tipo 2.

Carenza di vitamina K nel bambino

Durante la gravidanza, il trasferimento della vitamina K dalla madre al bambino attraverso la placenta è quasi nullo. Di conseguenza, i bambini nascono con un livello molto basso di vitamina K nel sangue. Ad eccezione del colostro, nel latte materno non vi sono quasi più quantità apprezzabili di vitamina K. Gli alimenti artificiali per bambini, invece, vengono arricchiti con vitamina K.

Per prevenire i disturbi della coagulazione del sangue nei neonati e le emorragie potenzialmente letali ad essi associate, ai bambini viene iniettata o somministrata per via orale della vitamina K poco dopo la nascita. La dose in questo caso è 3 volte 2 milligrammi. Non tutti gli esperti, però, considerano raccomandabili queste alte dosi individuali.

Un'alternativa è la somministrazione continua e a basso dosaggio di 25-50 microgrammi di vitamina K per un periodo di 12 settimane. Questa profilassi può anche essere integrata da un singolo dosaggio leggermente più elevato, da 1 a 2 milligrammi, direttamente dopo la nascita. [7]

Se il contenuto di vitamina K nel latte materno possa essere aumentato integrando la vitamina K risulta attualmente controverso. Sebbene Saga et al. abbiano ottenuto buoni risultati con la somministrazione della vitamina nel loro studio del 1989, Pietschnig et al. non hanno potuto confermare questi successi. In tal caso sarebbe auspicabile un ulteriore lavoro di ricerca.[8] [9]

Vitamina K e coagulazione del sangue

La coagulazione del sangue (emostasi) è un processo vitale in cui si arresta l’emorragia causata dalle ferite. In questo modo si evita che troppo sangue fuoriesca dal sistema circolatorio causando uno shock mortale. Inoltre, anche la coagulazione del sangue costituisce un importante prerequisito per la guarigione delle ferite.

Emostasi primaria e secondaria

La coagulazione del sangue può dividersi in due processi. Nell'emostasi primaria, le piastrine del sangue (trombociti) si attaccano alle cellule della parete del vaso sanguigno danneggiato, restringendosi. Altre piastrine si attaccano e uniscono tra loro, generando così una prima chiusura provvisoria della ferita.

Nell'emostasi secondaria, i fili di fibrina rinforzano questa occlusione. A tale scopo, devono essere attivati i fattori di coagulazione contenuti nel plasma sanguigno. La vitamina K svolge quindi un ruolo determinante soprattutto durante questa fase di emostasi secondaria.

Fattori di coagulazione e vitamina K

L’emostasi secondaria produce una rete di fibrina, che contiene globuli rossi oltre alle piastrine. Affinché si sviluppi questo trombo rosso, che chiude saldamente la ferita, deve essere messa in moto una cascata di coagulazione. I primi fattori di coagulazione nel sangue sono attivati dalla scissione proteolitica.

L’attivazione di questi fattori di coagulazione a sua volta mette in funzione altri fattori, dando luogo ad un processo di auto-rinforzo, una cosiddetta cascata di coagulazione. Se si verificano disturbi in questa cascata, l'emostasi non funziona o funziona in modo insufficiente.

Mediante la vitamina K, l’organismo può convertire i fattori della coagulazione II, VIII, IX e X in una forma attiva. La mancanza di vitamina K indica quindi che i fattori di coagulazione non possono essere sufficientemente attivati e la cascata si arresta.

Inoltre, la vitamina K è anche coinvolta nella produzione delle proteine C e S. Queste sono sintetizzate nel fegato e agiscono come anticoagulanti. La vitamina K non è quindi solo parte dell'emostasi, ma svolge anche un ruolo importante nella regolazione della coagulazione del sangue in generale. [10] [11]

Vitamina K e cumarina

Influenzando la vitamina K è quindi possibile intervenire sulla coagulazione del sangue. I derivati della cumarina, come il warfarin, sono utilizzati principalmente a questo scopo, inibendo l'attivazione dei fattori di coagulazione II, VII, IX e X da parte della vitamina. È per questo che sono anche definiti antagonisti della vitamina K.

I derivati della cumarina sono utilizzati per inibire la coagulazione del sangue e per prevenire la formazione di coaguli ed embolie. Le indicazioni includono in particolare la fibrillazione atriale cronica. I medici prescrivono anche derivati della cumarina per la sostituzione delle valvole cardiache, allo scopo di ridurre la formazione di trombi e il conseguente aumento del rischio di ictus.

A seguito dell'ingestione, possono svilupparsi ematomi relativamente grandi, anche in caso di lesioni minori. È anche possibile che si manifesti sanguinamento in vari sistemi di organi. Un sovradosaggio può quindi portare a un’emorragia potenzialmente mortale.

In una terapia con derivati della cumarina, l'assunzione di vitamina K è assolutamente controindicata. Anche piccole quantità da 1 a 2 milligrammi annullano l'effetto degli antagonisti della vitamina K. D'altra parte, questo meccanismo può essere utilizzato se, ad esempio, la tendenza al sanguinamento nei pazienti con derivati della cumarina deve essere ridotta a causa di un’operazione imminente. [12]

Vitamina K e metabolismo

La vitamina K che viene assunta con il cibo raggiunge il tessuto intestinale attraverso il trasporto e la diffusione attiva, da cui viene poi trasferito al fegato. Quest’ultimo può immagazzinare la vitamina K per un periodo di 14 giorni.

Prima che la vitamina K possa sprigionare la sua efficacia nell'organismo, deve prima essere attivata. Ciò avviene in una parte specifica della cellula, il cosiddetto reticolo endoplasmatico. È qui che la vitamina K del cibo viene convertita nella forma attiva di vitamina K idrochinone.

Al contrario, è anche possibile una conversione dalla forma vitaminica attiva a quella non attiva. Nel ciclo della vitamina K, noto anche come metabolismo della vitamina K, la vitamina può quindi passare da una di queste forme all’altra.

Alcuni farmaci possono interferire con questo ciclo della vitamina K e ostacolarne la conversione nella forma attiva. Tra questi rientrano, ad esempio, gli anticoagulanti warfarin e Marcumar. Ma anche alcuni antibiotici interferiscono con il metabolismo, portando a sintomi di carenza nonostante un'adeguata assunzione.

Vitamina K e ossa e articolazioni

Per molto tempo si è supposto che la vitamina K avesse un ruolo solo nella coagulazione del sangue. Nel frattempo, però, è diventato chiaro che i compiti e le funzioni della sostanza vitale vanno ben oltre questo. Oltre alla coagulazione del sangue, la vitamina è anche coinvolta nel metabolismo osseo. La vitamina K2, in particolare, risulta fondamentale per la salute dello scheletro e delle articolazioni.

La vitamina agisce come cofattore nell'attivazione di alcune proteine. Tra queste sono da segnalare l’osteocalcina e la proteina Gla della matrice.

L'ormone peptidico osteocalcina si forma nelle ossa e lega il calcio e l'idrossiapatite. È quindi un importante marcatore della formazione ossea e contribuisce alla stabilità delle ossa. La proteina Gla della matrice impedisce la calcificazione del tessuto cartilagineo e delle pareti dei vasi sanguigni.

La vitamina K2 aiuta quindi a garantire che il calcio proveniente dagli alimenti sia conservato nelle ossa e non nelle articolazioni o nelle arterie. Così, la sostanza vitale non solo ha un effetto positivo sulla salute delle ossa e delle articolazioni, ma protegge peraltro il sistema cardiovascolare.

Vitamina K e osteoporosi

Nell'osteoporosi, anche nota come perdita ossea, le ossa perdono la loro forza e diventano fragili. Di conseguenza, vi è un aumento dell’incidenza di fratture ossee senza una causa apparente. È particolarmente frequente che le donne dopo la menopausa siano colpite dall'osteoporosi per via dei cambiamenti ormonali.

Se in Germania non è ancora diffusa la somministrazione di vitamina K per curare l’osteoporosi, in altri paesi, come il Giappone, l'integrazione è stata a lungo parte dei farmaci standard. Vari studi scientifici suggeriscono che la combinazione di vitamina D e vitamina K in particolare può migliorare la salute delle ossa e la stabilità delle stesse.

In Germania, anche il calcio e la vitamina D vengono spesso prescritti per l'osteoporosi. Tuttavia, anche se vari studi scientifici dimostrano che la somministrazione di calcio e vitamina D può ridurre il rischio di fratture ossee, è anche possibile che al contempo aumenti il rischio di arteriosclerosi. È qui che entra in gioco la vitamina K, contrastando i depositi nei vasi sanguigni e favorendo l'incorporazione del calcio nelle ossa.

Diversi studi dimostrano che la somministrazione contemporanea di vitamina D, calcio e vitamina K può ridurre il rischio di fratture ossee senza aumentare il rischio di calcificazione vascolare. [13] [14]

La vitamina K2 per la salute delle articolazioni

Le proteine dipendenti dalla vitamina K, come la proteina Gla della matrice, non si trovano solo nelle ossa, ma anche nella cartilagine. L'inadeguata attivazione di queste proteine sembra avere un effetto negativo sulla condizione della cartilagine e quindi anche sulla salute delle articolazioni.

Diversi studi hanno evidenziato una chiara correlazione tra lo stato della vitamina K e l'insorgenza di malattie articolari. Ad esempio, i partecipanti ad uno studio clinico con un basso livello di vitamine nel plasma hanno sofferto molto più frequentemente di danni alla cartilagine e al menisco nel ginocchio rispetto ai partecipanti con un livello di vitamine sufficientemente alto. [15]

Vitamina K e artrite reumatoide

L'artrite reumatoide è una forma di malattia reumatica. Conosciuta anche come poliartrite cronica, è associata a dolori articolari e gonfiore.

Gli scienziati giapponesi hanno esaminato l'influenza della vitamina K2 MK4 sulla diffusione dei fibroblasti sinoviali nei ratti. L’attivazione di questi fibroblasti sinoviali li rende in gran parte responsabili dei processi di degradazione della cartilagine nell'artrite reumatoide.

Negli esperimenti sugli animali, la vitamina K2 ha inibito l'attività e la diffusione di questi fibroblasti sinoviali. Ciò indica che, a seguito di ulteriori ricerche, la sostanza vitale potrebbe essere impiegata nella terapia dell'artrite reumatoide. [16]

Vitamina K e calcificazione vascolare

La calcificazione vascolare, chiamata anche arteriosclerosi in medicina, è una delle principali cause di infarti, ictus e altri disturbi circolatori. Durante la malattia, si sviluppano depositi e calcificazioni nelle pareti vascolari delle arterie. Queste cosiddette placche assicurano che la parete vascolare, che è molto elastica, non solo diventi più spessa, ma anche più rigida.

Di conseguenza, il sangue non può più fluire così bene attraverso i vasi interessati, portando a disturbi circolatori. C'è anche il rischio che si formi un coagulo di sangue (trombo), che chiude completamente il vaso. Una tale occlusione vascolare nelle arterie coronarie provoca infarto. Se i vasi sanguigni del cervello si chiudono, si parla di ictus.

I principali fattori di rischio per lo sviluppo dell'arteriosclerosi sono:

  • fumo
  • diabete mellito
  • elevati livelli di colesterolo LDL nel sangue
  • elevati livelli di trigliceridi nel sangue

Le placche nei vasi sanguigni sono costituite principalmente da colesterolo e calcio. Attivando la proteina Gla della matrice, la vitamina K2 può contrastare l'accumulo di calcio nei vasi sanguigni.

In un ampio studio pubblicato nel 2009 sulla rivista specializzata Atherosclerosis, è stato riscontrato un chiaro collegamento tra la vitamina K e l’arteriosclerosi. Più alte erano le quantità di vitamina K2 assunte dai volontari, minore era la loro arteriosclerosi. I ricercatori non sono riusciti a trovare alcuna connessione, invece, tra la vitamina K1 e l’arteriosclerosi.

Il Rotterdam Heart Study ha anche esaminato la relazione tra la vitamina K e la salute vascolare. A tale scopo, oltre 4.000 partecipanti allo studio sono stati seguiti nel corso di un periodo medio di 10 anni. I partecipanti che hanno inserito quantità relativamente alte di vitamina K2 nella loro dieta hanno manifestato un rischio inferiore di contrarre malattie cardiovascolari, rispetto ai partecipanti che hanno invece consumato piccole quantità di vitamina K. [17]

L'aorta (arteria principale) ha evidenziato una minore calcificazione e anche la mortalità complessiva è stata inferiore. In seguito a questo studio a lungo termine, i ricercatori hanno determinato il ruolo decisivo che la vitamina K svolge nella prevenzione dell'arteriosclerosi e nello sviluppo delle malattie cardiovascolari.[18]

La vitamina K per le calcificazioni esistenti

La vitamina K non è indicata solo per la prevenzione dell’arteriosclerosi. La sostanza vitale sembra anche avere un'influenza sulle placche già esistenti nei vasi. In uno studio condotto su animali, gli scienziati hanno somministrato il warfarin anticoagulante ai ratti, inducendo l’arteriosclerosi.

Ad alcuni dei ratti è stato poi somministrato cibo contenente vitamina K2, mentre altri sono stati nutriti con cibo normale. Rispetto al gruppo di controllo, i ratti del gruppo K2 hanno mostrato il 50% di calcificazione in meno dopo 6 settimane.[19]

Vitamina K e diabete

Nella malattia metabolica del diabete mellito, il livello di zucchero nel sangue è permanentemente e patologicamente elevato. Se il diabete mellito di tipo 1 si basa sull’assoluta mancanza di insulina, il diabete di tipo 2 si fonda sulla resistenza all'insulina.

L'ormone viene prodotto nel pancreas e assicura che lo zucchero del sangue raggiunga le cellule. Se, a causa di una dieta squilibrata o della mancanza di esercizio fisico, si verificano forti fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue e quindi un aumento della secrezione di insulina, le cellule acquisiscono resistenza.

Il pancreas continua a secernere insulina, ma le cellule non reagiscono più. Di conseguenza, lo zucchero rimane nel sangue e non raggiunge le cellule. Livelli di zucchero nel sangue patologicamente elevati portano ai seguenti sintomi:

  • aumento della minzione
  • forte sete
  • debolezza, stanchezza e problemi di concentrazione
  • disturbi della vista
  • prurito e scarsa guarigione delle ferite
  • maggiore tendenza a incorrere in infezioni

A lungo termine, anche i vasi sanguigni e i nervi subiscono danni. I pazienti soffrono di una sensazione di dolore disturbata, di percezioni errate o di problemi digestivi. Il cervello, il cuore e gli altri organi non sono più riforniti di ossigeno sufficiente e il rischio di malattie potenzialmente mortali come l’infarto o l’ictus aumenta notevolmente.

Alla luce di queste drastiche conseguenze, è importante ridurre il rischio di diabete nei pazienti ad alto rischio. La vitamina K2 può contribuire a questa prevenzione. Gli studi dimostrano che la vitamina è in grado di migliorare il metabolismo dell'insulina e del glucosio. Questa azione preventiva si basa probabilmente sull'attivazione delle proteine osteocalcina e MGP (proteina Gla della matrice).

L'osteocalcina non solo svolge una propria funzione nella salute delle ossa, ma stimola anche direttamente la produzione di insulina negli isolotti di Langerhans nel pancreas. Promuove, inoltre, il rilascio di adiponectina, un ormone peptidico prodotto nelle cellule adipose che aumenta l'effetto dell'insulina. Una carenza di adiponectina aumenta il rischio di diabete; la vitamina K può, in questo senso, aumentare la sensibilità all'insulina e contrastare la resistenza alla stessa.[20] [21]

Vitamina K e flora intestinale

La totalità di tutti i microrganismi che vivono nell'intestino è chiamata flora intestinale o microbioma. In un adulto sano, circa 100 trilioni di batteri di 200-300 specie diverse colonizzano l'organo digestivo. Questi ceppi batterici includono, ad esempio, Firmicutes, Bacteroidetes o Proteobacteria.

Questi batteri non solo svolgono una propria funzione nella salute dell’intestino, ma contribuiscono anche a:

  • modulare il sistema immunitario
  • stimolare la peristalsi dell’intestino
  • produrre acidi grassi a catena corta
  • migliorare le prestazioni generali
  • producono varie vitamine, tra cui vitamina K, tiamina, B12 e riboflavina

Vitamina K e disbiosi

Si parla di disbiosi quando si verifica uno squilibrio della flora intestinale. Le cause principali sono da ritrovare in una dieta sbilanciata e nell’assunzione di antibiotici. Di conseguenza, i batteri nocivi si diffondono e spostano quelli desiderati. Così, nell’intestino si verificano processi di putrefazione, il cibo non viene più utilizzato correttamente e vengono a mancare importanti nutrienti.

La disbiosi ha due effetti negativi sull'apporto di vitamina K. Da un lato, in presenza di uno squilibrio nell’intestino, la vitamina K non può più essere assorbita adeguatamente dal cibo. In secondo luogo, vi è una mancanza di batteri produttori di vitamina K.

Chiunque soffra di disbiosi dovrebbe quindi considerare l'integrazione con vitamina K. Quelli che seguono sono sintomi indicanti uno squilibrio nell'intestino:

  • Flatulenza
  • Diarrea
  • Costipazione
  • Dolori addominali
  • Intolleranze alimentari

Vitamina K e Cancro

In Germania, ogni anno a circa 500.000 persone viene diagnosticato un nuovo tumore. I tipi di cancro più comuni sono il cancro alla prostata, al colon e al seno. Nel 2014, un decesso su quattro è stato causato dal cancro, e la tendenza continua ad essere in aumento.

La causa specifica di molti tumori rimane ancora sconosciuta. Tuttavia, studi recenti suggeriscono che lo sviluppo del cancro è in molti casi favorito da uno stile di vita malsano. Si stima che il 30% di tutti i tumori sia dovuto ad una cattiva alimentazione. Per i tumori dello stomaco e del tratto intestinale, la percentuale sale addirittura al 70%. [22]

Sempre più ricerche sono quindi dedicate alla connessione tra vitamine e cancro. Anche la vitamina K sembra avere un ruolo nella prevenzione del cancro. I risultati dello studio EPIC suggeriscono che essa potrebbe proteggere dal cancro.

Più di 20.000 persone di età compresa tra i 35 e i 64 anni hanno partecipato allo studio. Nel 1994 sono stati regolarmente esaminati e monitorati per l'incidenza del cancro e il tasso di mortalità. I ricercatori hanno anche fatto ricorso all’ausilio di questionari per valutare l’apporto di vitamina K attraverso il cibo.

È stata trovata una correlazione inversa tra l'assunzione di vitamina K2 e l'incidenza del cancro, ovvero la frequenza degli eventi tumorali nel gruppo dei partecipanti allo studio: i soggetti che hanno assunto un quantitativo maggiore di vitamina K2 avevano meno probabilità di sviluppare il cancro. Questa correlazione era più evidente negli uomini che nelle donne e riguardava principalmente il cancro alla prostata e al polmone. [23]

La vitamina K come integratore alimentare

In quanto integratore alimentare, la vitamina K è in grado di prevenire e contrastare i sintomi di carenza. Tuttavia, è bene considerare alcuni punti nella scelta dei prodotti più giusti.

Le vitamine K1 e K2 hanno effetti diversi. Mentre la vitamina K1 è particolarmente efficace nella coagulazione del sangue, la vitamina K2 svolge una sua funzione nella salute delle ossa, delle articolazioni e dei vasi sanguigni. Viene utilizzata soprattutto nella profilassi del cancro e delle malattie metaboliche come il diabete mellito. Se si desidera rafforzare le ossa, diventa quindi necessaria, ad esempio, l’integrazione di vitamina K2.

Al momento dell’acquisto, occorre assicurarsi che la vitamina presente negli integratori alimentari sia disponibile nella forma MK7. Il contenuto di cis dovrebbe essere idealmente basso; nella migliore delle ipotesi si tratta di un preparato all-trans, la forma che il corpo utilizza con più facilità.

La vitamina K2 è spesso disponibile in combinazione con la vitamina D, in quanto entrambe le sostanze vitali agiscono in sinergia. Tra le altre cose, la vitamina D favorisce l'assorbimento del calcio dal cibo, mentre la vitamina K2 fa in modo che questo quantitativo di calcio raggiunga le ossa e non calcifichi le arterie. [24]

Forma di dosaggio della vitamina K

La vitamina K è disponibile come integratore alimentare in diverse forme di dosaggio: in capsule, in gocce o in polvere.

Le gocce sono la variante ideale per bambini e adolescenti. Sono facili da dosare e possono essere ingeriti rapidamente. Possono ricorrere a questa variante anche gli adulti che desiderano un’alternativa alle capsule. Uno dei vantaggi delle gocce è che di solito contengono olio. In questo modo, la vitamina liposolubile risulta maggiormente assorbibile nell'intestino.

Le capsule sono anche indicate per l’apporto di vitamine. Contengono una quantità standardizzata di vitamina K e possono quindi essere dosate in modo sicuro. Per un migliore assorbimento, la capsula può essere assunta con un cucchiaino di olio.

Effetti collaterali della vitamina K

Al dosaggio raccomandato, solitamente la vitamina K non presenta effetti collaterali. Il Food and Nutritional Board (FNB) negli Stati Uniti non ha stabilito limiti massimi di vitamina K per via del suo basso potenziale di tossicità [25]. Nella sua relazione finale, la FNB ha riportato che non sono stati segnalati effetti negativi in merito all’assunzione di vitamina K sotto forma di cibo o integratori, né negli esseri umani né negli animali.

Sovradosaggio di vitamina K e possibili interazioni

Nei neonati, un sovradosaggio può provocare la rottura dei globuli rossi (emolisi). Non sono stati invece osservati effetti negativi negli adulti, anche a dosi più elevate.

Possono tuttavia verificarsi interazioni con alcuni farmaci [26]

  • Warfarin e altri anticoagulanti: la vitamina K può ridurre o annullare completamente gli effetti anticoagulanti di questi farmaci.

  • Antibiotici: gli antibiotici possono interferire con il ciclo della vitamina K e decimare i batteri produttori di vitamine nell'intestino, portando allo sviluppo di sintomi di carenza.

  • Colestiramina: questi farmaci inibiscono l'assorbimento del colesterolo. Allo stesso tempo, però, impediscono anche l'assorbimento di vitamine liposolubili come la vitamina K. Pur nonostante un apporto sufficiente, questo fenomeno può determinare una carenza di vitamine.

  • Orlistat: Orlistat è un farmaco utilizzato per il trattamento dell'obesità. Riduce l'assorbimento di grassi e quindi anche di vitamine liposolubili.

Vitamina K Studies and references

  1. Gast GCM, de Roos NM, Sluijs I, et al. A high menaquinone intake reduces the incidence of coronary heart disease. Nutr Metab Cardiovasc Dis, 19(7), 2009, 504–510
  2. USDA Food Composition Database. Food Composition Databases Show Nutrients List – Vitamin K.
  3. Wu S, Liu S, Davis CH, Stafford DW, Kulman JD, Pedersen LG. A hetero-dimer model for concerted action of vitamin K carboxylase and vitamin K reductase in vitamin K cycle. J Theor Biol, 279(1), 2011, 143–149.
  4. Dalmeijer GW, van der Schouw YT, Magdeleyns E, Ahmed N, Vermeer C, Beulens JWJ. The effect of menaquinone-7 supplementation on circulating species of matrix Gla protein. Atherosclerosis, 225(2), 2012, 397–402.
  5. Westenfeld R, Krueger T, Schlieper G, et al. Effect of Vitamin K2 Supplementation on Functional Vitamin K Deficiency in Hemodialysis Patients: A Randomized Trial. Am J Kidney Dis, 59(2), 2012, 186–195.
  6. Vitamin K.
  7. van Hasselt PM, de Koning TJ, Kvist N, et al. Prevention of Vitamin K Deficiency Bleeding in Breastfed Infants: Lessons From the Dutch and Danish Biliary Atresia Registries. Pediatrics, 121(4), 2008, e857–e863.
  8. Saga K, Terao T. Studies on transfer of vitamin K into human breast milk Nihon Sanka Fujinka Gakkai Zasshi, 41(11), 1989, 1713–1719.
  9. Pietschnig B, Haschke F, Vanura H, et al. Vitamin K in breast milk: no influence of maternal dietary intake. Eur J Clin Nutr, 47(3), 1993, 209–215.
  10. D’Alessandro AJ. Vitamin K and its rôle in blood coagulation. Am J Surg, 57(1), 1942, 104–111.
  11. Dowd P, Ham SW, Naganathan S, Hershline R. The Mechanism of Action of Vitamin K. Annu Rev Nutr, 15(1), 1995, 419–440.
  12. Lurie Y, Loebstein R, Kurnik D, Almog S, Halkin H. Warfarin and vitamin K intake in the era of pharmacogenetics. Br J Clin Pharmacol, 70(2), 2010, 164–170.
  13. Shiraki M, Shiraki Y, Aoki C, Miura M. Vitamin K2 (Menatetrenone) Effectively Prevents Fractures and Sustains Lumbar Bone Mineral Density in Osteoporosis. J Bone Miner Res, 15(3), 2010, 515–521.
  14. Plaza SM, Lamson DW. Vitamin K2 in bone metabolism and osteoporosis. Altern Med Rev, 10(1), 2005, 24–35.
  15. Shea MK, Kritchevsky SB, Hsu F-C, et al. The association between vitamin K status and knee osteoarthritis features in older adults: The Health, Aging and Body Composition Study. Osteoarthr Cartil, 23(3), 2015, 370–378.
  16. Okamoto H. Vitamin K and rheumatoid arthritis. IUBMB Life, 60(6), 2008, 355–361.
  17. Beulens JWJ, Bots ML, Atsma F, et al. High dietary menaquinone intake is associated with reduced coronary calcification. Atherosclerosis, 203(2), 2009, 489–493.
  18. Geleijnse JM, Vermeer C, Grobbee DE, et al. Dietary Intake of Menaquinone Is Associated with a Reduced Risk of Coronary Heart Disease: The Rotterdam Study. J Nutr, 134(11), 2004, 3100–3105.
  19. Schurgers LJ, Spronk HM., Soute BA., Schiffers PM, DeMey JG, Vermeer C. Regression of warfarin-induced medial elastocalcinosis by high intake of vitamin K in rats. Blood, 109(7), 2006, 2823–2831.
  20. Choi HJ, Yu J, Choi H, et al. Vitamin K2 supplementation improves insulin sensitivity via osteocalcin metabolism: a placebo-controlled trial. Diabetes Care, 34(9), 2011, e147.
  21. Manna P, Kalita J. Beneficial role of vitamin K supplementation on insulin sensitivity, glucose metabolism, and the reduced risk of type 2 diabetes: A review. Nutrition, 32(7–8), 2016, 732–739.
  22. Krebs und schlechte Ernährung sind miteinander verknüpft. Februar 2011.
  23. Nimptsch K, Rohrmann S, Kaaks R, Linseisen J. Dietary vitamin K intake in relation to cancer incidence and mortality: results from the Heidelberg cohort of the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC-Heidelberg). Am J Clin Nutr, 91(5), 2010, 1348–1358.
  24. Lanham-New SA. Importance of calcium, vitamin D and vitamin K for osteoporosis prevention and treatment. Proc Nutr Soc, 67(02), 2008, 163–176.
  25. Institute of Medicine. Dietary reference intakes for vitamin A, vitamin K, arsenic, boron, chromium, copper, iodine, iron, manganese, molybdenum, nickel, silicon, vanadium, and zinc. Washington, DC: National Academy Press; 2001.
  26. Vitamin K — Health Professional Fact Sheet.
Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!