Olio di krill: la fonte sana di Omega 3 dell'Antartico

Information, Wirkung, Mangel, Dosierung, Nebenwirkungen

Molte persone spesso si chiedono come le capsule di olio di krill possano aiutare in condizioni così diverse come le malattie cardiovascolari, l'artrite e la sindrome premestruale. La risposta è semplice: l'olio di krill è un antinfiammatorio molto efficace. Gli studi dimostrano che molte malattie croniche e anche l'invecchiamento sono direttamente associati all'infiammazione.

L'olio di krill è naturalmente sano

Poiché il krill è all'inizio della catena alimentare e si nutre solo di plancton vegetale, non è naturalmente contaminato da metalli pesanti, pesticidi o altri inquinanti, ed è al di sotto dei limiti in tutte le misurazioni. Inoltre, l'olio di krill proviene dalle acque limpide dell'Antartico.

Il krill costituisce la più grande massa di vita sulla terra ed è il principale alimento per molte forme di vita marina, soprattutto balene e pinguini. Il fatto che l'olio di krill sia offerto come integratore alimentare non ha alcun impatto sull'equilibrio ecologico in Antartide, poiché il pescato annuale è solo lo 0,03% circa dello stock di krill stimato.

Anche il WWF (World Wildlife Fund) e la Commissione Internazionale per la Conservazione degli Habitat dell'Antartico (CCAMLR) monitorano e lo confermano.

Se soffri di PMS, colesterolo alto, dolori articolari o qualsiasi altra condizione, o se vuoi semplicemente rimanere in buona salute, l'olio di krill può aiutarti.

Studi hanno confermato gli effetti dell'olio di krill:

  • L'olio di krill abbassa il colesterolo. Dopo solo 12 settimane: il colesterolo totale è ridotto del 13%, l'LDL del 32% e i trigliceridi dell'11%. [1]
  • L'olio di krill può ridurre il PMS. Dopo soli 3 mesi: l'irritabilità è ridotta del 47%, [2] la depressione del 40%, la ritenzione idrica del 37% e il dolore addominale del 33%.
  • L'olio di krill allevia i dolori articolari. Dopo solo 1 settimana: il dolore è ridotto del 24%, la rigidità del 22% e la flessibilità è aumentata del 16[3]
  • Ma l'olio di krill può fare ancora di più.Ha un grande potenziale come fonte di energizzante, tonico per il cervello, protezione della pelle (protezione solare dall'interno), antirughe, ecc.

Cos'è l'olio di krill?

L'olio di krill deriva dal krill, una piccola specie di crostaceo che vive nelle fredde acque dell'Antartide. Le piccole creature servono come cibo per i pesci più grandi.

Per natura, non sono contaminati da metalli pesanti e altre tossine nocive per l'uomo. Ogni anno, viene catturata solo una piccola parte della popolazione totale di krill. Poiché si riproducono molto rapidamente, la loro frequenza è quasi illimitata.

Questi crostacei simili a gamberetti vivono in enormi sciami nelle acque limpide e gelide dell'Antartide.

L'olio di krill: l'unica fonte di Omega 3 dell'Antartide

L'olio di krill combina tre preziose sostanze vitali in un unico preparato:

  1. Importanti acidi grassi Omega 3 antinfiammatori
  2. Grassi cellulari, i cosiddetti fosfolipidi
  3. Antiossidanti a protezione delle cellule

Gli esperti concordano sul fatto che la complessa interazione di queste tre sostanze vitali è responsabile delle numerose proprietà benefiche dell'olio di krill.

Si raccomanda un consumo regolare di olio di krill:

  • Per infiammazioni di ogni tipo
  • Per proteggere il cuore e i vasi sanguigni
  • Per il naturale miglioramento dei livelli di colesterolo nell'organismo umano
  • Contro i sintomi della psoriasi
  • Per dolori articolari e per aumentare la mobilità delle articolazioni
  • Per il raffreddore da fieno e allergia al polline
  • Per il trattamento dei sintomi dei crampi mestruali e della sindrome premestruale (PMS), come dolori addominali, depressione, aumento dell'irritabilità o ritenzione idrica
  • Per ritardare il processo di invecchiamento
  • Per aumentare il benessere
  • Contro la stanchezza, la depressione e lo scoraggiamento

A chi è particolarmente importante l'assunzione di olio di krill?

  • Per tutti coloro che vogliono essere più attivi e più sani
  • Per tutti coloro che vogliono proteggere le proprie cellule
  • Per le donne con problemi mestruali
  • Per le persone con livelli di colesterolo elevati
  • Per la prevenzione delle malattie cardiache

Gli effetti dell'olio di krill

L'olio di krill contiene i cosiddetti acidi grassi Omega 3, che si sono dimostrati importanti per la salute e il benessere dell'uomo. Tuttavia, poiché non possono essere prodotti dall'organismo stesso, devono essere assunti con il cibo.

Il corpo ha bisogno di questi acidi grassi per mantenere le cellule sane. Sono anche molto importanti per il sistema nervoso centrale, così come per i meccanismi di coagulazione del sangue, hanno un'influenza sui livelli di colesterolo e sulla pressione sanguigna e svolgono un ruolo determinante anche nella prevenzione e nel trattamento delle infiammazioni.

Inoltre, l'olio di krill ha un'influenza positiva sulle prestazioni del cervello e ha un effetto notevole sull'umore, sulla concentrazione e sulla vigilanza dopo un breve periodo di utilizzo.

Gli acidi grassi Omega 6, che noi umani spesso consumiamo in eccesso, aiutano il corpo a combattere le infezioni scatenando l'infiammazione. Poiché gli acidi grassi Omega 3 sono responsabili dell'infiammazione da placare dopo aver combattuto con successo l'infezione, una carenza di acidi grassi omega 3 può avere conseguenze negative per la salute.

L'olio di krill ha anche un effetto antiossidante, a differenza di altri acidi grassi omega 3. Gli antiossidanti sono sostanze che proteggono le cellule del corpo dagli effetti nocivi dei radicali liberi.

Sotto forma di integratore alimentare, l'olio di krill contiene anche grassi speciali, i cosiddetti fosfolipidi. Questi sono un componente della membrana delle cellule del corpo e peraltro proteggono l'organismo dai radicali liberi.

Inoltre, questi grassi aumentano la resistenza allo stress. Soprattutto le cellule cerebrali dipendono da un sufficiente apporto di fosfolipidi. L'olio di krill può quindi anche contribuire ad aumentare le prestazioni mentali e la memoria.

Il terzo lato del triangolo nutrizionale sinergico dell'olio di krill è un elenco di potenti antiossidanti naturali. Questi aiutano a contrastare gli effetti dannosi delle molecole di ossigeno instabili (radicali liberi).

Se lasciati incontrollati, questi possono causare gravi danni cellulari (noti come stress ossidativo) e sono responsabili di una lunga lista di problemi di salute cronici.

Le analisi hanno dimostrato che l'olio di krill contiene un impressionante cocktail di potenti antiossidanti che non solo forniscono un notevole beneficio per la salute, ma rendono l'olio stesso estremamente stabile.

L'olio di krill è ricco di astaxantina

Il più forte effetto antiossidante dell'olio di krill si trova nell'astaxanthina, un carotenoide della famiglia dei nutrienti che comprende anche beta-carotene, luteina e licopene. Gli antiossidanti come l'astaxantina sono i protagonisti tra gli ingredienti anti-età ed è stato dimostrato che sono in grado di inibire il processo di invecchiamento.

Una notevole proprietà dell'astaxantina nell'olio di krill è che è completamente esterificata, cioè è legata chimicamente alle molecole EPA e DHA, i prodotti di connessione del metabolismo cellulare del krill.

Ciò significa che il corpo umano può convertirlo completamente, sfruttando appieno le sue notevoli proprietà antiossidanti. L'astaxantina penetra anche nella barriera emato-encefalica, il che significa sia protezione che stimolazione per il cervello.

L'astaxantina dell'olio di krill fornisce anche un'eccellente protezione contro i raggi UV e i danni alla pelle causati dai raggi UV, ritardando così il processo di invecchiamento.

L'olio di krill antartico ha un contenuto di astaxantina eccezionalmente elevato rispetto ad altri prodotti. Oltre alle sue proprietà salutari, questo ha il vantaggio aggiuntivo di proteggere l'olio stesso dall'ossidazione e di renderlo stabile.

Flavonoide derivato

L'olio di krill contiene anche un flavonoide completamente nuovo (gli scienziati chiamano questo 'Sampalis'), una sostanza che normalmente si trova nelle piante che hanno forti proprietà antiossidanti.

L'olio di krill ha un alto valore ORAC

ORAC è un test di laboratorio standard utilizzato per valutare le proporzioni relative ai vari antiossidanti. Più basso è il numero, meno effetti possono verificarsi.

Gli antiossidanti contenuti nell'olio di krill hanno dimostrato di avere un sorprendente potenziale antiossidante. Quando l'olio di krill è stato misurato per il suo potenziale antiossidante usando lo standard ORAC (assorbibilità dei radicali dell'ossigeno), i risultati sono stati mozzafiato. Nella scala ORAC, più alto è il valore, più forte è l'effetto antiossidante.

Nel confronto diretto con altri antiossidanti noti presenti sotto forma di oli, l'olio di krill ha mostrato un valore sorprendentemente alto di 378, che è 300 volte superiore alla vitamina A o vitamina E e 48 volte superiore al potere antiossidante dell'olio di pesce omega-3 standard.

L'olio di krill ha una composizione unica

Mentre molte delle proprietà dell'olio di krill e i loro effetti sono ancora in fase di studio, gli esperti concordano sul fatto che la complessa interazione dei tre componenti principali - acidi grassi omega-3, fosfolipidi e antiossidanti - potrebbe essere responsabile delle numerose proprietà benefiche dell'olio di krill.

Quali alimenti contengono olio di krill?

Le specie ittiche considerate particolarmente grasse, come lo sgombro, il salmone e il tonno, sono molto ricche di acidi grassi omega-3. Tuttavia, l'olio di krill, per molti versi più sano e benefico per l'organismo umano, si trova solo nei crostacei di krill originari dell'Antartide.

Dosaggio e modalità di assunzione dell'olio di krill

Si raccomanda di assumere le capsule di olio di krill come integratore alimentare poco prima dei pasti e distribuite nell'arco della giornata. Non sono noti effetti collaterali, né particolari interazioni farmacologiche.

Per le prime 2 settimane si consiglia un dosaggio complessivo di 2-4 capsule al giorno da 500 mg ciascuna; successivamente si può ridurre la dose a 1-2 capsule al giorno. La quantità di olio di krill necessaria dipende dallo scopo per il quale si sceglie di assumerlo.

In generale, una dose di 300-1000 mg al giorno di olio di krill dovrebbe essere sufficiente per far fronte alla maggior parte dei problemi di salute.

Le capsule di olio di krill possono essere assunte in qualsiasi momento. Ciononostante, si consiglia di assumerlo prima di un pasto, preferibilmente subito prima della colazione.

Quanto tempo occorre per sentire gli effetti dell'olio di krill?

Se si soffre di dolori articolari, si può avvertire un miglioramento già in poche settimane. I miglioramenti in caso di colesterolo alto o PMS possono essere notati dopo 2 o 3 mesi di assunzione regolare.

L'utilizzo quotidiano di olio di krill migliorerà anche la condizione della pelle, dei capelli e delle unghie, rafforzerà la funzione cerebrale, ridurrà i sintomi allergici e migliorerà il benessere generale.

Acquistare olio di krill: a cosa occorre fare attenzione

Ricorda: i prodotti a base di olio di krill non sono uguali. Al momento dell'acquisto, è sempre consigliabile controllare che le capsule contengano olio di krill di alta qualità proveniente dall'Antartico. È anche fondamentale che l'olio di krill sia ottenuto per estrazione a freddo, in modo da preservare gli ingredienti bioattivi sensibili dell'olio di krill.

È scientificamente provato che costituisce una fonte di alta qualità di fosfolipidi, con un'alta concentrazione di astaxantina antiossidante e ricco di importanti acidi grassi omega-3 EPA e DHA. Inoltre, l'olio di krill è anche un'ottima fonte di colina.

Effetti collaterali dell'olio di krill

Se assunti secondo il dosaggio raccomandato, non sono stati osservati effetti collaterali nell'utilizzo di integratori a base di olio di krill. Non è quindi dannoso. L'unica cosa che si può notare è che si abbia più energia e che ci si senta più attivi. Per i pazienti affetti da un disturbo della coagulazione del sangue si raccomanda di discutere l'utilizzo dell'olio di krill insieme al proprio medico curante.

L'olio di krill come antinfiammatorio

Quasi tutti mangiamo troppi acidi grassi Omega 6 (olio di semi di girasole, olio di cartamo, olio di mais, oli vegetali idrogenati, uova, ecc.) e pochissimi omega 3 (pesci grassi come sgombro, salmone, tonno).

Questo squilibrio porta ad un'infiammazione delle cellule del corpo, che provoca grandi danni molto prima che causi disagio o dolore, senza che noi ce ne accorgiamo.

Studi recenti dimostrano che l'infiammazione è una delle principali cause di malattie cardiovascolari, artrite, cancro, allergie, diabete, reumatismi, lipidi elevati nel sangue e disturbi nervosi, accelerando il processo di invecchiamento e influendo fortemente sul benessere generale. L'olio di krill inibisce naturalmente l'infiammazione in tutte le cellule del corpo.

L'importanza degli acidi grassi omega 3 EPA e DHA nell'olio di krill per noi esseri umani viene ripetutamente sottolineata dagli esperti di nutrizione, in quanto una carenza può essere una causa contributiva di molte malattie della civiltà.

Gli Omega 3 sono essenziali per lo sviluppo del sistema nervoso centrale, svolgono un ruolo importante nella coagulazione del sangue, garantiscono una pressione sanguigna nella norma e livelli di colesterolo sani e svolgono una funzione decisiva nei processi infiammatori.

Però, il fatto che con l'alimentazione odierna si consumano troppi acidi grassi omega 6 e troppo pochi omega 3 porta purtroppo ad uno squilibrio nel corpo. Se nell'organismo deve essere combattuta un'infezione, gli Omega 6 scatenano le necessarie reazioni infiammatorie.

L'Omega 3 contenuto nell'olio di krill dovrebbe garantire il ripristino di uno stato normale. A causa della loro concentrazione troppo bassa nell'organismo, spesso non riescono a farlo e il rischio di sviluppare problemi di salute legati all'infiammazione aumenta.

Come gli omega 6, gli acidi grassi omega 3 non possono essere prodotti dall'organismo stesso, ma devono essere ricavati dal cibo. L'olio di krill contiene un'alta proporzione di acidi grassi da omega 3 a omega 6 (15:1), ed è quindi in grado di compensare questo squilibrio. Le infiammazioni possono essere prevenute mentre quelle già in corso si attenuano più rapidamente.

Recentemente, gli scienziati hanno mostrato un crescente interesse per il ruolo che l'infiammazione gioca nella salute e nella malattia, e oggi l'infiammazione è una delle aree più studiate della ricerca medica.

Ad esempio, questi studi hanno dimostrato che gli attacchi di cuore e gli ictus potrebbero essere correlati ad un aumento dei livelli di proteina C reattiva.[1] [3]

Effetti dell'olio di krill sull'infiammazione (proteina C reattiva PCR):

L'assunzione giornaliera di 300 mg di olio di krill, ha ridotto questi valori del sangue come segue:

  • dopo 7 giorni – del 19,3%
  • dopo 14 giorni – del 29,7%
  • dopo 30 giorni – del 30,9%

L'olio di krill aiuta contro i dolori articolari

Il terzo importante studio clinico sull'olio di krill si è concentrato su suoi potenziali effetti nella prevenzione delle infiammazioni e dei dolori articolari cronici.[3]

In una serie di test attentamente controllati, i ricercatori hanno esaminato gli effetti dell'olio di krill su pazienti a cui era stata diagnosticata l'osteoartrite o artrite reumatoide e che avevano mostrato elevati livelli ematici di proteina C reattiva (PCR), una molecola prodotta dal fegato in risposta a un segnale infiammatorio nel corpo. I risultati sono stati molto incoraggianti.

Effetti sui dolori articolari dopo soli 7 giorni di consumo di olio di krill:

  • Riduzione del dolore del 24%
  • Riduzione della tensione del 22%
  • Miglioramento della flessibilità del 16%

Cos'è l'infiammazione?

Il gonfiore e il dolore alle articolazioni sono causati dall'infiammazione. Il sistema immunitario del corpo attacca i germi invasori e distrugge i tessuti infetti. Una volta contenuto il numero degli invasori, l'infiammazione si placa e inizia il processo di guarigione. A volte, però, il processo infiammatorio non si arresta come di solito accade e l'infiammazione diventa un problema cronico.

Infiammazione e dolori articolari

Nell'artrite reumatica o infiammatoria, si verifica un'infiammazione perché, per una ragione ancora sconosciuta, il sistema immunitario reagisce in modo errato e attacca il proprio tessuto articolare sano. Quello che succede poi è un classico esempio del processo infiammatorio a cascata di base.

I globuli bianchi si accumulano nelle articolazioni e attaccano, rilasciando sostanze infiammatorie (interleuchine e altre). In risposta, le cellule dell'articolazione coinvolta rilasciano prostaglandine, che sono responsabili del fatto che l'articolazione diventi rossa, dolorosa e gonfia.

Altrettanto importante è l'infiammazione del dolore dovuta all'osteoartrite, una condizione in cui la cartilagine articolare si consuma letteralmente nel tempo. Questa usura causa a sua volta un'infiammazione cronica dei tessuti interessati, provocando calore, gonfiore, rigidità e dolore.

Ridurre l'infiammazione è la chiave per alleviare il dolore articolare e i suoi sintomi artritici.

I medici raccomandano abitualmente farmaci antinfiammatori per modificare o sopprimere le risposte infiammatorie del corpo. Ma anche la natura offre alcuni potenti agenti antinfiammatori, tra cui gli acidi grassi omega-3.

Gli studi dimostrano che le persone affette da artrite reumatoide, ad esempio, che consumano oli arricchiti con acidi omega-3, hanno meno dolori articolari, gonfiore e rigidità; c'è anche la possibilità che abbiano bisogno di dosi più basse di farmaci antinfiammatori.

Altrettanto importanti sono gli antiossidanti, che hanno dimostrato forti effetti antinfiammatori grazie alla loro capacità di combattere i radicali liberi. Entrambi sono componenti principali dell'olio di krill.

L'olio di krill può ridurre la PMS

Il primo grande studio clinico condotto con olio di krill ne ha evidenziato gli effetti sui sintomi della sindrome premestruale (PMS).

Nel 2002, i ricercatori dell'Università di Montreal, della McGill University e di altri centri medici del Québec hanno condotto uno studio randomizzato in doppio cieco sull'uso dell'olio di krill per alleviare i sintomi della sindrome premestruale (PMS). È stato pubblicato sulla rivista de Alternative Medicine Review (volume 8, numero 2), nel 2003.

Lo studio clinico di tre mesi ha scoperto che l'olio di krill (specialmente gli ingredienti brevettati nell'olio di krill) riduce drasticamente i sintomi fisici ed emotivi della sindrome premestruale e le mestruazioni dolorose (o abbondanti), conosciute dal punto di vista medico come distonia mestruale o dismenorrea.

Effetti dell'olio di krill nella sindrome premestruale:

  • riduce il dolore addominale e i crampi uterini del 33%
  • riduce l'irritabilità mestruale del 47%
  • riduce la depressione del 49%
  • riduce l'aumento di peso del 30%
  • riduce la ritenzione idrica del 37%
  • riduce la tensione del seno legata al PMS del 42%
  • aiuta in caso di nausea, flatulenza e stanchezza
  • allevia il mal di testa e i dolori alle articolazioni e al corpo
  • migliora gli sbalzi d'umore e l'appetito famelico
  • aiuta a evitare l'ansia e lo stress mestruali

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di valutare la gravità dei loro sintomi PMS da 0 (nessun sintomo) a 10 (insopportabile). Lo hanno fatto al momento della baseline (linea di base), dopo 45 giorni e poi 90 di trattamento con olio di krill. I loro sintomi della sindrome premestruale hanno subito una riduzione notevole, dal 20% a oltre il 60%.

Cos'è la sindrome premestruale?

Ogni mese, gli esperti stimano che l'85-97% delle donne in età riproduttiva soffre di dolore, disagi e stati emotivi direttamente legati al ciclo mestruale.

I sintomi variano da donna a donna e di mese in mese. In generale, tuttavia, i sintomi della sindrome premestruale sono fastidiosi e di vasta portata: vanno da una sensazione di irritabilità, al trangugiare un'intera scatola di cioccolatini, a una vasta gamma di problemi fisici (tensione del seno, dolori addominali, crampi, ritenzione idrica, gonfiore, aumento di peso, dolori articolari e muscolari, affaticamento e mal di testa).

Perché l'olio di krill funziona per il PMS

I ricercatori hanno attribuito i grandi risultati degli studi al profilo molecolare unico di fosfolipidi, acidi grassi omega-3 e vari antiossidanti dell'olio di krill.

Hanno sostenuto che i fosfolipidi ei principali acidi grassi omega-3 DHA ed EPA avessero lavorato insieme per bloccare l'infiammazione, a causa della maggior parte dei sintomi della sindrome premestruale. Inoltre, i fosfolipidi sono noti per avere un effetto modulante su alcuni importanti neurotrasmettitori nel cervello che influenzano fortemente i segnali emotivi e fisici del sintomo premestruale.

Riassumendo i risultati dello studio clinico di tre mesi, in doppio cieco e randomizzato, gli autori hanno concluso 'con un alto livello di fiducia' che, a loro parere, l'assunzione di olio di krill 'può ridurre significativamente i sintomi fisici ed emotivi associati alla sindrome premestruale'.

L'olio di krill abbassa il colesterolo

Il secondo importante studio sui benefici per la salute dell'olio di krill si è concentrato sugli effetti dell'olio marino sui livelli di colesterolo alto, un fattore di rischio per malattie cardiache e ictus da non sottovalutare.

In uno studio clinico ben preparato, i ricercatori canadesi dell'Università di Montreal, della McGill University e del Riverview Medical Center di Montreal hanno esaminato le modalità di azione dell'olio di krill sull'iperlipidemia (livelli elevati di grassi e colesterolo nel sangue).

I ricercatori hanno esaminato più da vicino i livelli di colesterolo totale, LDL e HDL e trigliceridi, per un periodo di tre mesi, durante l'assunzione di olio di krill. Lo studio è apparso sulla rivista medica Alternative Medicine Review nel 2004 (volume 9, numero 4).

Lo studio ha evidenziato che l'olio di krill ha ridotto significativamente i livelli di colesterolo totale – LDL e trigliceridi – aumentando invece l'HDL, il che è un bene in caso di colesterolo elevato e altri lipidi nel sangue.

Cos'è il colesterolo?

Anche se si è magri e in salute, si potrebbe comunque avere livelli elevati di colesterolo ed essere a rischio di malattie cardiache e ictus. Come componente ceroso e grasso, il colesterolo fa parte di un gruppo di lipidi (grassi nel sangue) essenziali per la produzione di ormoni, fibre nervose e membrane cellulari.

Il colesterolo diventa un problema solo quando se ne ha troppo. Normalmente, il fegato produce già da solo tutto il colesterolo necessario. Se si mangiano cibi ad alto contenuto di colesterolo o grassi saturi, il fegato reagisce rilasciando ancora più colesterolo.

Con il tempo, questo eccesso si accumula nelle arterie e si indurisce in quella che viene chiamata placca arteriosclerotica. Se non trattata, questa condizione definita aterosclerosi può svilupparsi in angina, infarto o ictus.

Conosci i tuoi livelli di colesterolo?

Se credi agli esperti, è importante che tu mantenga i tuoi livelli di colesterolo in un range sano. Idealmente, il colesterolo totale dovrebbe essere inferiore a 200 mg/dl (milligrammi per decilitro).

È opportuno considerare anche due sottogruppi principali di colesterolo. L'ideale sarebbe che le lipoproteine a bassa densità o colesterolo beta (LDL), il cosiddetto colesterolo 'cattivo', sia inferiore a 100 mg/dl, e che le lipoproteine ad alta densità (HDL) o colesterolo 'buono' sia presente in concentrazioni di almeno 60 mg/dl.

(Le lipoproteine sono piccoli globuli di grasso e proteine che aiutano a trasportare il grasso alle cellule in tutto il corpo).

I trigliceridi, un'altra importante tipologia di lipidi, dovrebbero essere inferiori a 150 mg/dl. Costituiscono i più comuni grassi in eccesso negli alimenti (90% dei grassi alimentari) e la principale fonte di energia per l'organismo.

Ciascun tipo di lipoproteina ha effetti diversi sulla salute.

  • Ad esempio, maggiore è il tuo LDL, una proteina che trasporta il colesterolo nel sangue, maggiore è il rischio di contrarre malattie cardiache.

  • D'altra parte, alti livelli di HDL riducono il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, perché l'HDL trasporta il colesterolo al fegato, dove viene metabolizzato e infine escreto.

  • Alti livelli di trigliceridi contribuiscono all'ispessimento del sangue e rendono le persone colpite più suscettibili alle trombosi. Questi trigliceridi elevati di solito si verificano come effetto collaterale del colesterolo alto e di altri fattori di rischio per le malattie cardiache, come l'obesità.

Mantieni i livelli di colesterolo entro il range ottimale

Oggi, le malattie cardiache e l'ictus rappresentano le principali cause di morte negli Stati Uniti, in Canada e nella maggior parte dei paesi occidentali. I livelli elevati di colesterolo sono un importante fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari.

L'American Heart Association stima che quasi 150 milioni di americani presentano livelli di colesterolo al limite (da (200 a 239 mg/dl) o superiori. sopra (oltre 240 mg/dl). Come risultato di un recente studio, le nuove linee guida del governo richiedono che le persone del gruppo a più alto rischio (coloro che hanno avuto un attacco di cuore, per esempio) mantengano i loro livelli di colesterolo anche al di sotto delle raccomandazioni standard (specialmente i livelli di LDL).

I medici hanno risposto prescrivendo più farmaci per abbassare il colesterolo, soprattutto statine, che si sono dimostrati efficaci nell'abbassare i livelli di LDL.

Le persone sono peraltro incoraggiate a modificare il proprio stile di vita: fare esercizio fisico regolarmente, mantenere un peso sano, smettere di fumare, ridurre lo stress e, soprattutto, mangiare cibi più sani e rispettosi del cuore (meno grassi saturi e trans, più verdure, frutta, cereali integrali e più pesce d'acqua fredda ricco di acidi grassi omega-3.

L'olio di krill previene le malattie cardiache

Gli scienziati hanno confermato gli effetti benefici dell'olio di pesce nel momento in cui hanno scoperto che vi era un'incidenza sorprendentemente bassa di malattie cardiache tra gli eschimesi della Groenlandia, nonostante la loro alimentazione ricca di grassi.

Il motivo, hanno scoperto i ricercatori, è stato proprio l'elevata quantità di acidi grassi omega-3 contenuti nel pesce, che è alla base dei pasti eschimesi quotidiani. Studi successivi hanno confermato l'effetto protettivo della circolazione proprio degli oli di pesce, e hanno dimostrato che gli acidi grassi omega-3, insieme a quelli dell'olio di krill, sono in grado di ridurre i livelli di trigliceridi e di LDL aumentando effettivamente l'HDL.

Gli acidi grassi omega-3 impediscono così l'infiammazione all'interno delle arterie, che costituisce un fattore di formazione della placca.

Perché l'olio di krill funziona in caso di malattie cardiache

I ricercatori credevano che la struttura molecolare unica dell'olio di krill, con il suo ricco contenuto di fosfolipidi e antiossidanti (in particolare astaxantina), spiegasse gli effetti impressionanti dell'olio di krill nella normalizzazione del colesterolo e di altri livelli di lipidi nel sangue.

Anche se non sono state ancora del tutto comprese le sue modalità di azione, gli autori hanno concluso che, grazie all'eccezionale combinazione di sostanze benefiche, l'olio di krill sembra offrire un 'approccio superiore' per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

L'olio di krill riduce i livelli di colesterolo

Nello studio sopra citato, una dose giornaliera da 1,0 a 1,5 grammi di olio di krill è stata significativamente più efficace nel ridurre i livelli di LDL e di trigliceridi rispetto a una dose da due a tre volte superiore (3 grammi al giorno) di olio di pesce. A dosi più elevate (3 grammi), l'olio di krill aveva ridotto anche i trigliceridi nel sangue, risultato che l'olio di pesce non aveva ottenuto.

Di seguito i risultati dello studio:

Risultati sulla base di una dose giornaliera di 1000 mg di olio di krill dopo 90 giorni:

  • Colesterolo totale ridotto del 13,44%
  • LDL ridotto del 32,03%
  • Trigliceridi ridotti dell'11,03%

Risultati sulla base di una dose giornaliera di mantenimento di 500 mg di olio di krill dopo 180 giorni:

  • Colesterolo totale ridotto del 18,90%
  • LDL ridotto del 44,40%
  • Trigliceridi ridotti del 25,40%

L'olio di krill rappresenta dunque l'unico prodotto naturale in grado di abbassare non solo il colesterolo, ma anche i trigliceridi, anche in dosi molto basse.

L'olio di krill migliora la struttura e l'aspetto della pelle

Grazie ai suoi potenti antiossidanti (in particolare il carotenoide astaxantina), l'olio di krill ha dimostrato di fornire una buona protezione contro i danni alla pelle e le infiammazioni causati dalla luce ultravioletta (UV).

Inoltre, il 58% delle donne che hanno compilato i questionari sulla qualità della vita nell'ambito dello studio sul colesterolo ha riportato una riduzione delle rughe, degli arrossamenti e di altri problemi della pelle.

Un partecipante allo studio ha scritto: 'La mia pelle è meno secca e sembra molto più liscia; inoltre ho meno eczema sul cuoio capelluto'.

Infatti, sono in corso studi per indagare gli effetti dell'olio di krill non solo sull'eczema, ma anche sulla psoriasi. L'astaxantina agisce a protezione delle cellule contro i disturbi di ossidazione, cioè tutto, dal danno cellulare relativamente semplice al completo sviluppo del cancro.

Capelli e unghie: nell'indagine sulla qualità della vita, le donne hanno riportato come risultati anche capelli più lucenti con relativa minore perdita degli stessi e unghie più forti. Questi benefici possono essere attribuiti all'elevato contenuto di acidi grassi Omega 3 DHA ed EPA nell'olio di krill.

L'olio di krill aumenta l'energia

Nell'indagine sulla qualità della vita, il 51% delle donne ha anche riferito una spinta energetica. Inoltre, molti partecipanti hanno segnalato di essersi sentiti meno svogliati durante l'assunzione dell'olio di krill. Un uomo ha persino riferito di aver abolito il suo lungo e abituale pisolino pomeridiano.

Invece uno studente canadese di economia ha scritto:

  • «Vivendo la mia vita a un ritmo incredibile, spesso mi sono spesso sentito vuoto e privo di energie. Grazie all'olio di krill,ho avvertito una forte riduzione della fatica mentale e i miei sensi notevolmente più acuti».

Gli atleti hanno anche riportato un miglioramento delle prestazioni e della resistenza grazie all'assunzione di olio di krill. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto all'alto contenuto di colina (un componente chiave dell'acetilcolina chimica del cervello) combinato con gli acidi omega-3 in grado di supportare tali effetti. Gli atleti riferiscono pertanto di potersi allenare più velocemente ottenendo prestazioni migliori.

L'olio di krill aumenta la concentrazione e l'attenzione

In sei casi di studio, i genitori di bambini affetti da dislessia, sindrome da deficit di attenzione (ADD) o autismo hanno riportato un netto miglioramento della capacità di concentrazione e di attenzione dei loro figli dopo aver iniziato a utilizzare l'olio di krill.

Anche in questo caso, gli acidi grassi omega-3 sani (in particolare il DHA sotto forma di fosfolipidi, uno dei principali componenti del cervello) sono probabilmente responsabili di questi risultati impressionanti. I genitori riferiscono che i loro figli non hanno più bisogno di un pisolino e che sono riusciti a concentrarsi meglio su una situazione mentale complessa.

L'olio di krill aiuta in caso di raffreddore da fieno

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, è stato osservato che l'olio di krill riesce a ridurre rinite, difficoltà respiratorie, naso che cola ed episodi di occhi irritati, tutti fattori correlati alla reazione eccessiva del sistema immunitario al polline microscopico e ad altri fattori scatenanti allergie.

L'olio di krill riduce le malattie autoimmuni

Uno studio nel numero di dicembre 2002 del Journal of the American College of Nutrition riporta che gli acidi grassi omega-3 dell'olio di pesce possono apportare miglioramenti significativi ai pazienti affetti da infiammazioni e malattie autoimmuni.

Attualmente sono in fase di sviluppo test per determinare gli effetti dell'olio di krill ricco di omega-3 in caso di artrite reumatoide, sclerosi multipla, morbo di Crohn e lupus.

Studi recenti che prevedono l'utilizzo dell'olio di krill si concentrano anche sul cancro alla prostata e al seno, poiché entrambi i tumori sono sensibili agli ormoni e l'olio di krill ha anche dimostrato di agire da regolatore ormonale.

Il sorprendente krill

Euphausia superba, è una specie multicellulare con il più grande accumulo (biomassa) sulla terra. La quantità di krill stimata nell'Oceano del Sud che circonda l'Antartide varia da 135 milioni di tonnellate a più di 6700 milioni di tonnellate.

Negli ultimi anni, le catture annuali dei pescatori commerciali dell'Oceano del Sud sono variate tra le 102.000 e le 110.000 tonnellate, molto meno rispetto alle caute quote fissate dalla Commissione internazionale per la conservazione degli habitat dell'Antartico (CCAMLR). Questo assicura la conservazione del krill antartico - e la continua produzione dell'incredibile olio - per il prossimo futuro.

Il fatto che l'olio di krill sia offerto come integratore alimentare non ha alcun impatto sull'equilibrio ecologico in Antartide, poiché le catture annuali rappresentano solo lo 0,03% dello stock di krill stimato.

Anche il WWF (World Wildlife Fund) e la Commissione Internazionale per la Conservazione degli Habitat dell'Antartico (CCAMLR) monitorano e lo confermano. Per questo l'olio di krill può essere definito ECOSAFE.

Tutti, dai russi ai giapponesi, hanno cercato di sviluppare un metodo economico per estrarre il krill dall'Antartico e metterlo in tavola. Nel momento in cui nessuno dei metodi ha avuto successo (il krill congelato e scongelato ha una durata di conservazione molto breve), è nata l'idea innovativa di raccogliere i molluschi per via del loro olio potenzialmente efficace dal punto di vista terapeutico.

Gli scienziati hanno passato anni a cercare di estrarre l'olio dal krill antartico senza distruggerne le sostanze nutritive, senza tuttavia risultati soddisfacenti. La situazione è cambiata grazie a un processo brevettato sviluppato da Neptune Technologies e Bioressources, Inc.

Un team di scienziati ha trascorso cinque anni a capire come estrarre l'olio dal krill, mantenendone intatte le proprietà. In collaborazione con l'Università di Sherbrooke in Québec, è stato sviluppato un processo di estrazione unico nel suo genere che ha reso possibile proprio questo.

Cosa dicono gli esperti sull'olio di krill:

Gli studi dimostrano che l'olio di krill ha numerosi vantaggi rispetto ai prodotti convenzionali contenenti acidi grassi omega 3. Gli esperti, inoltre, concordano sul fatto che abbia un'azione benefica anche per le donne con problemi mestruali. In questo senso, molti sintomi della sindrome premestruale possono essere ridotti fino al 50%.

Studi e referenze

  1. Bunea R, El Farrah K, Deutsch L.Evaluation of the effects of Neptune Krill Oil on the clinical course of hyperlipidemia.Altern Med Rev. 2004 Dec;9(4):420-8.
  2. Sampalis F, Bunea R, Pelland MF, Kowalski O, Duguet N, Dupuis S.Evaluation of the effects of Neptune Krill Oil on the management of premenstrual syndrome and dysmenorrhea.Altern Med Rev. 2003 May;8(2):171-9.
  3. Deutsch L.Evaluation of the effect of Neptune Krill Oil on chronic inflammation and arthritic symptoms.J Am Coll Nutr. 2007 Feb;26(1):39-48.
Olio di krill
Gli acidi grassi omega 3 contenuti nell'olio di krill sono legati ai fosfolipidi, perciò vengono assorbiti particolarmente bene dall'organismo. Gli studi dimostrano che l'olio di krill può promuovere la salu...
Omega 3
Gli acidi grassi omega 3 sono tra le sostanze vitali più importanti del nostro tempo, poiché hanno un effetto estremamente positivo sulla salute. La ricerca mostra che gli omega 3 possono aiutare a prevenire...

Prodotti consigliati

I vostri vantaggi

  • CONSEGNA GRATUITA

  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

  • COMODO PAGAMENTO

    PayPal, Carta di credito, Addebito diretto

Cosa dicono di noi i nostri clienti

Eccellente
Anonymous: "All okay"
22 novembre 2020
Gitte: "Excellent"
16 ottobre 2020
Jolanta: "Szybko dostarczone do domu polecam"
14 settembre 2020
Mostra tutte le recensioni >