Clorella - l'alga ricca di sostanze vitali

Informazioni, effetto, dosaggio, effetti collaterali

La clorella è una microalga con numerosi effetti positivi sulla salute. In forma essiccata, le alghe forniscono numerosi minerali, sostanze vegetali secondarie e vitamine, tra cui le vitamine K, E, D, C e A, nonché i minerali zinco, magnesio e calcio. I campi di applicazione della clorella sono tanto variegati quanto i suoi componenti. Le alghe possono essere utilizzate per il trattamento dell'ipertensione arteriosa, delle malattie del fegato o dell'avvelenamento da metalli pesanti. [1] [2] [3]

Cos'è la clorella?

La clorella è un'alga d'acqua dolce appartenente alla famiglia delle microalghe. La categoria clorella comprende 24 specie come la clorella fusca, la clorella rugosa o la clorella salina. Tuttavia, la specie più conosciuta è la chlorella vulgaris. Anche la clorella sorokiniana è parzialmente utilizzata per la produzione di integratori alimentari.

Quest'alga verde unicellulare ha la forma di una sfera e ha un diametro fino a 10 μm. Si trova in tutto il mondo e principalmente in acque stagnanti e correnti. Viene coltivata in grandi quantità e utilizzata in integratori alimentari e cosmetici.

Differenza fra clorella e spirulina

I termini clorella e spirulina sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia, la spirulina blu-verde non è in realtà un'alga, ma un tipo di cianobatteri. A differenza della spirulina, la clorella ha un nucleo cellulare che la rende,da un punto di vista botanico, questo la rende una pianta. La spirulina, in quanto batterio multicellulare, come la clorella ha un'alta densità di nutrienti e un notevole contenuto di proteine.

La clorella come integratore alimentare

Grazie al suo elevato contenuto di vitamine e minerali, la clorella è un ottimo integratore alimentare. Degno di nota è anche il suo contenuto di clorofilla, il pigmento delle foglie che conferisce alle alghe il loro colore verde intenso. Le alghe contengono anche cobalamina, appartenente al gruppo della vitamina B12, - che è un integratore alimentare particolarmente popolare per i vegani e per chi mangia molte verdure crude.

Alga clorella - Botanica

“Alga clorella” è il termine collettivo di un genere di alghe d'acqua dolce della famiglia delle chlorellaceae e dell'ordine delle chlorellales. Questo genere comprende attualmente 24 diverse specie di alghe. Tuttavia, per la produzione di integratori alimentari è utilizzata principalmente la chlorella vulgaris.

L'alga verde chlorella vulgaris

L'alga verde chlorella vulgaris è la più nota rappresentante della clorella. Si tratta di un'alga unicellulare di forma sferica che può raggiungere un diametro da 4 a 10 μm.

Il nome di questa pianta acquatica deriva dal greco. Chloros significa verde, mentre il suffisso -ella indica “piccolo”. L'alga clorella non è solo una delle piante più studiate, ma anche una delle più antiche. Si stima che esista sulla terra da oltre 2,5 miliardi di anni.

Questa microalga preferisce come habitat l'acqua dolce e si trova in tutto il mondo sia in acque correnti che in acque stagnanti. A causa dei suoi molteplici usi, viene coltivata anche in strutture di grandi dimensioni.

Le microalghe non flagellate si propagano attraverso le autospore. Le cellule figlie si formano e crescono nella cellula madre. Quando la cellula madre si deteriora, le autospore vengono rilasciate e possono diffondersi ulteriormente.

Differenza fra chlorella vulgaris e chlorella pyrenoidosa

Chiunque si informi sulle alghe clorella prima o poi si imbatterà nel termine chlorella pyrenoidosa. Le specie chlorella vulgaris e chlorella sorokiniana sono spesso denominate chlorella pyrenoidosa.

Tuttavia, questo è un termine superato. Negli anni '90, gli scienziati hanno studiato varie microalghe precedentemente note come chlorella pyrenoidosa. Osservando la struttura della parete cellulare, dei cosiddetti pirenoidi e vari altri fattori fisiologici, chimici, molecolo-biologici e morfologici, hanno scoperto che queste microalghe sono in realtà specie diverse.

La specie chlorella pyrenoidosa quindi ufficialmente non esiste più, anche se il termine è ancora oggi comunemente usato. Nel caso di integratori alimentari con l'etichetta chlorella pyrenoidosa, non è quindi chiaro quali alghe contengano. Al momento dell'acquisto, si dovrebbe quindi prestare attenzione che venga specificato che si tratta di nome chlorella vulgaris.

La scoperta della clorella

La microalga clorella è probabilmente uno degli organismi più antichi della terra. Si stima che esista da oltre 2,5 miliardi di anni. Ha una grande capacità d'adattamento ed è stata quindi in grado di sfidare molte condizioni di vita avverse.

Le microalghe integrano e ampliano la dieta delle popolazioni indigene del Sud America e dell'Asia ormai da diversi secoli. Tuttavia, l'isolamento delle alghe fu ottenuto dal microbiologo olandese Martinus Willem Beijerinck a Delft solo nel 1889.

Grazie al suo ampio profilo nutritivo, le alghe sono diventate sempre più popolari. Per questo motivo negli anni '50 gli scienziati hanno studiato come le alghe potessero essere coltivate per produrre maggiori quantità di chlorella vulgaris. L'obiettivo dei ricercatori era quello di utilizzare le alghe clorella per garantire un buon apporto proteico a tutta la popolazione mondiale.

Oggi la clorella è coltivata in tutto il mondo. In Germania, ad esempio, c'è la più grande azienda agricola di alghe d'Europa, specializzata nella coltivazione della clorella. Le alghe coltivate vengono trasformate in integratori alimentari, utilizzate in cosmetica o come mangime per girini in acquacoltura.

Valori nutrizionali e composizione

Grazie al suo contenuto di proteine, acidi grassi e sostanze vegetali secondarie, la clorella ha un particolare valore nutrizionale. Ad esempio, la pianta contiene vitamina B12, vitamina B9 e vitamina C. Anche calcio, potassio e ferro sono dei componenti delle microalghe.

Nutrienti delle alghe clorella

Il contenuto di sostanze nutritive delle alghe clorella non dipende solo dal tipo di alghe, ma anche dalla coltivazione e dalla lavorazione.

Proteine della clorella

Le microalghe sono tra le più importanti fonti di proteine vegetali. Ad esempio, il contenuto proteico della chlorella vulgaris essiccata è compreso tra il 51 e il 58%. Ciò significa che l'alga contiene più proteine del latte essiccato, del pesce, del pollo o della carne di manzo.

Il valore biologico di un alimento o di una proteina è determinato dalla composizione degli amminoacidi. Maggiore è il valore biologico di una proteina, migliore è la capacità dell'organismo di convertire questa proteina alimentare in proteine dell'organismo.

Più sono gli amminoacidi proteogenici ed essenziali contenuti in un alimento, più alta è la qualità delle proteine. Il profilo amminoacidico delle alghe clorella contiene 8 dei più importanti amminoacidi essenziali:

  • isoleucina
  • lisina
  • leucina
  • treonina
  • metionina
  • fenilalanina
  • triptofano
  • valina

La clorella contiene più leucina dell'uovo di gallina e anche il contenuto di lisina è significativamente più alto. Questa microalga è quindi una buona fonte di proteine vegetali sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. [4]

Grassi nell'alga clorella

La clorella contiene non solo proteine di alta qualità, ma anche oltre 30 acidi grassi. Questi includono gli acidi grassi saturi come l'acido palmitico o l'acido laurico e gli acidi grassi mono e polinsaturi.

Acidi grassi insaturi e saturi

Per quanto riguarda i grassi, può essere fatta una distinzione di base tra acidi grassi saturi e insaturi. Mentre gli acidi grassi saturi si trovano principalmente negli alimenti di origine animale, gli acidi grassi mono e polinsaturi si trovano preferibilmente negli alimenti vegetali e nel pesce.

Un acido grasso è saturo quando non ha doppi legami tra i suoi singoli atomi di carbonio. Oltre all'acido laurico e palmitico, anche l'acido caprico e arachidico appartengono agli acidi grassi saturi.

Gli acidi grassi insaturi, invece, hanno uno o più doppi legami tra i loro atomi di carbonio. Sono molto più reattivi degli acidi grassi saturi e possono quindi essere distrutti più velocemente. Gli acidi grassi omega-6 e omega-3 appartengono agli acidi grassi insaturi, promotori della salute.

Acidi grassi per la salute

Il corpo umano ha bisogno di acidi grassi per vari processi metabolici. Gli acidi grassi fanno parte delle pareti e del nucleo cellulare, servono a costruire gli ormoni dei tessuti e a regolare il metabolismo dei grassi.

Ai grassi in genere e agli acidi grassi saturi in particolare si imputa di essere dannosi per l’organismo ma in nessun caso i grassi devono essere esclusi da una dieta sana. Piuttosto, è il rapporto nell'assunzione di cibo che conta.

Il 30% delle calorie consumate giornalmente dovrebbe provenire dai grassi. Gli acidi grassi saturi non dovrebbero rappresentare più del 10% dell'energia, in quanto possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. La proporzione di acidi grassi omega-6 dovrebbe essere di circa l'8 per cento, mentre gli acidi grassi omega-3 dovrebbero costituire dall'1 al 2 per cento della fornitura di energia. Il rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3 è idealmente 5:1.

Tuttavia, la dieta attualevi si allontana significativamente. Molte persone consumano troppi acidi grassi saturi da prodotti animali. Inoltre, il rapporto con gli acidi grassi omega-6 e omega-3 è spesso 10:1 o addirittura 20:1.

Una combinazione errata di acidi grassi ha un effetto negativo sulla salute, aumentando il rischio di disturbi del metabolismo dei grassi, malattie coronariche (CHD) e attacchi cardiaci. [5]

Il profilo degli acidi grassi dell'alga clorella

Il contenuto di grasso delle alghe essiccate è in media del 12%, ma può essere superiore al 30% a seconda della coltivazione e della lavorazione. La clorella è ricca di acidi grassi insaturi e può quindi contribuire ad una buona fornitura di grassi essenziali di qualità. [6]

Vitamine della clorella

Le microalghe contengono varie vitamine. Tra questi, ad esempio, la vitamina B12, la vitamina E e l'acido folico.

Vitamina B12 nell'alga clorella

La vitamina B12 (cobalamina) svolge un ruolo importante in numerosi processi metabolici del corpo umano. Supporta la formazione del sangue e di sostanze ereditarie, oltre a favorire la crescita delle cellule. La mancanza di vitamina B12 può portare ai seguenti problemi:

  • esaurimento cronico e stanchezza
  • formicolio e paralisi alle braccia o alle gambe
  • disturbi di memoria
  • depressione
  • infiammazioni della mucosa orale
  • calo delle prestazioni e immunodeficienza

Poiché la vitamina B12 si trova quasi esclusivamente negli alimenti di origine animale, i vegani e i vegetariani sono particolarmente a rischio di soffrire di una carenza di B12. L'alga clorella è un'alternativa vegetale per fornire vitamina B12 a tutte le persone che vogliono evitare i prodotti animali.

100 g di alghe essiccate contengono circa 25-100 μg di metilcobalamina. Il contenuto dipende fortemente dalle condizioni di coltivazione, poiché la vitamina B12 è prodotta da microrganismi che vivono nel terreno o sulle alghe.

A differenza della spirulina, la clorella contiene principalmente vitamina B12 reale e non i cosiddetti analoghi della vitamina B12. Questi sono chimicamente simili alla vitamina B12 e si legano alle stesse molecole di trasporto nel corpo, ma non hanno alcun effetto. La clorella è quindi l'unica alga adatta all’integrazione della vitamina B12. [7] [8]

La clorella contiene acido folico e ferro

L'acido folico, una vitamina del gruppo B, è coinvolto nella divisione cellulare e nella formazione del sangue nel corpo. Poiché la vitamina gioca un ruolo decisivo anche in vari processi di crescita, le donne che vogliono avere figli dovrebbero consumare più acido folico.

Anche il ferro svolge un ruolo decisivo nella formazione del sangue, in quanto è un componente essenziale dell'emoglobina nel pigmento rosso del sangue. Le donne in gravidanza o con mestruazioni abbondanti sono particolarmente a rischio di soffrire di una carenza di ferro.

La clorella non è un integratore esclusivamente della vitamina B12, ma contiene anche ferro e acido folico. In uno studio del 2010, gli scienziati sono stati in grado di ridurre significativamente il rischio di anemia nelle donne in gravidanza facendo loro assumere 6 g di clorella al giorno. [9]

Altre vitamine nell’alga clorella

La clorella contiene anche:

  • vitamina A
  • calcio
  • magnesio
  • zinco
  • vitamina D
  • vitamina E
[10]

Clorofilla nella microalga clorella

L'elevato contenuto di clorofilla delle microalghe è responsabile del suo colore verde. La clorofilla è un colorante naturale presente nelle sostanze vegetali secondarie che svolge un'importante funzione nella fotosintesi.

Questo colorante verde vegetale è importante anche per gli esseri umani. La clorofilla delle piante ha infatti un effetto anticancerogeno, capace, cioè, di contrastare lo sviluppo del cancro. La clorofilla è nota anche per le sue proprietà disintossicanti. [11] [12]

Effetto della clorella

Grazie alla sua elevata densità di nutrienti, la microalga ha un ampio spettro di applicazioni. La clorella ha un'influenza sul metabolismo degli zuccheri, sulle prestazioni cognitive e sulle funzioni immunitarie. Fornendo importanti vitamine e minerali, può inoltre contribuire a mantenere una buona salute e ad aumentare il benessere generale. [13] [14] [15]

La clorella e il sistema immunitario

Gli ingredienti di questa microalga sembrano avere un'influenza positiva sul sistema immunitario. Ad esempio, l'assunzione di 6 g di clorella al giorno per un periodo di 4 settimane porta ad un significativo aumento dell'immunoglobulina A nella saliva. L'IgA protegge l'organismo da agenti patogeni come batteri, virus o funghi. [16]

Sorprendentemente, nel latte materno i livelli di IgA risultano aumentati se la madre ha assunto clorella durante la gravidanza. Le immunoglobuline A nel latte materno offrono al bambino allattato al seno una protezione importante contro le infezioni. [17]

La clorella allevia il dolore

In uno studio del 2000, i ricercatori sono stati in grado di ridurre significativamente il dolore dei pazienti con fibromialgia, somministrando loro la clorella. La fibromialgia è una sindrome associata a dolore in varie parti del corpo, esaurimento, disturbi del sonno, rigidità mattutina e problemi di concentrazione. I pazienti hanno riferito un miglioramento dei sintomi del 20-50 per cento dopo l'assunzione di clorella. [18]

Ulteriori benefici delle microalghe [19] [2] [14] [9] [20]

Tra le altre cose, la clorella

  • ha un effetto positivo sulla formazione del sangue e quindi previene l'anemia
  • riduce la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione arteriosa
  • rallenta il decorso della demenza senile
  • sostiene e protegge la funzionalità dei reni
  • previene i danni al DNA grazie al suo effetto antiossidante

La clorella per stomaco e intestino

Il compito principale dello stomaco e del tratto intestinale è quello di assorbire le sostanze nutritive dal cibo. Tuttavia, l'intestino in particolare ha molti altri compiti. È una parte importante del sistema immunitario e, attraverso il cosiddetto sistema nervoso enterico (ENS), anche una parte importante del sistema nervoso. Una funzionalità dello stomaco o dell’intestino disturbata può causare vari problemi. Questi includono, tra gli altri:

  • diarrea o costipazione
  • vomito
  • sangue o muco nelle feci
  • nausea
  • dolore addominale

La flora intestinale

L'intestino umano non è affatto un tubo sterile, ma è popolato da molti batteri. Nell'intestino si trovano circa 1000 trilioni di cellule batteriche. Questa colonizzazione batterica è anche chiamata flora intestinale o microbioma.

I batteri intestinali come l'Escherichia coli (E. Coli) o i lattobacilli agiscono, tra le altre cose, come coadiuvanti della digestione, per esempio, rompendo le fibre o producendo enzimi digestivi. Ma sono anche una parte importante della barriera intestinale e impediscono la diffusione di agenti patogeni nell'intestino.

Molte malattie provocano disturbi alla flora intestinale. Ad esempio, i pazienti con una malattia infiammatoria cronica intestinale come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa hanno un microbioma alterato.

La clorella per la flora intestinale

Le microalghe sembrano avere un effetto positivo sulla flora intestinale. Studi condotti su animali hanno rilevato un aumento di lattobacilli durante l'assunzione di chlorella vulgaris. I lattobacilli regolano il valore del pH nell'intestino producendo acido lattico, favorendo così la digestione e proteggendo anche da potenziali agenti patogeni.

L'assunzione di clorella riduce anche i l’aumento patologico di salmonella ed escherichia coli. La salmonella può causare pronunciate infezioni intestinali e portare a forme gravi di diarrea. [21]

La clorella rafforza la barriera intestinale

La barriera intestinale è una struttura funzionale che impedisce agli agenti patogeni e ad altre sostanze nocive di entrare nel flusso sanguigno attraverso la parete intestinale. La barriera intestinale è costituita dal microbioma, dalla mucosa intestinale e da uno strato di muco.

Le tight junctions (giunzioni strette) sono di importanza cruciale per la tenuta di questa barriera intestinale, in quanto le proteine che si trovano intorno alle cellule epiteliali della mucosa intestinale impediscono alle sostanze di entrare nell’organismoin modo incontrollato. Quando necessario, le giunzioni strette si aprono selettivamente permettendo quindi l'assorbimento delle sostanze nutritive.

La funzione di barriera dell'intestino può essere danneggiata da vari fattori. Ad esempio, si sospetta che nanoparticelle, edulcoranti, emulsionanti o solventi organici aumentino la permeabilità dell'intestino. [22]

Quando la barriera intestinale non funziona più correttamente si incorre nella cosiddetta sindrome dell'intestino gocciolante. Un tale disturbo funzionale si trova in varie malattie, fra cui morbo di Crohn, colite ulcerosa e celiachia, oltre alle malattie infiammatorie croniche intestinali. I sintomi sono molteplici:

  • disturbi intestinali acuti e cronici come diarrea o costipazione
  • allergie
  • stanchezza
  • mal di testa
  • tendenza alle malattie autoimmuni
  • intolleranze alimentari
  • disturbi della pelle

L'assunzione di clorella può ridurre lo stress ossidativo nell'intestino e rafforzare la microflora. Ciò ha un effetto positivo sulla mucosa intestinale e sulla sua funzione di barriera. In questo modo si evita che batteri, tossine batteriche o altre sostanze nocive entrino nel flusso sanguigno. [23]

La clorella nella colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una temuta malattia intestinale cronica associata ad una pronunciata infiammazione del retto e del colon. L'infiammazione provoca ulcere, che a loro volta causano diarrea viscida e dolori addominali simili a crampi. In casi gravi possono verificarsi gravi complicazioni come il megacolon o un'emorragia mortale.

I pazienti con colite ulcerosa beneficiano di effetti positivi grazieall’assunzione della microalga clorella. In uno studio in doppio cieco controllato con placebo, Merchant et al. hanno studiato l'influenza della clorella sulla colite ulcerosa, scoprendo che la clorella favorisce la guarigione delle ferite e migliora anche le difese immunitarie. Questo ha migliorato significativamente i sintomi nei pazienti affetti da colite. [13]

La clorella contro le ulcere gastriche da stress

Sempre più persone lamentano uno stress cronico. Le conseguenze possono essere gravi per il corpo. Per esempio, in caso di stress costante può svilupparsi un'ulcera allo stomaco.

L'ulcera peptica è una ferita profonda al rivestimento dello stomaco. I pazienti con ulcera gastrica soffrono di perdita di appetito, nausea e vomito. Questo può anche portare all'anemia attraverso la perdita cronica di sangue. Nel peggiore dei casi, l'ulcera sfonda il rivestimento e provoca una peritonite mortale.

Tamaka et al. hanno scoperto che l'assunzione di chlorella vulgaris può contrastare lo sviluppo di ulcere dello stomaco legate allo stress. Questo effetto preventivo si basa probabilmente sull'influenza positiva sull'asse intestino-cervello e sulla protezione del rivestimento dello stomaco. [24]

Perdita di peso con la clorella

Il sovrappeso non è un problema puramente estetico, ma anche un problema di salute. Oltre il 50% di tutti gli adulti in Germania è in sovrappeso. Il 15 per cento dei bambini e degli adolescenti sono obesi. [25]

Secondo la definizione della Deutsche Adipositas Gesellschaft (Società Tedesca per l'Obesità), l'obesità è un aumento del grasso corporeo che supera il livello normale. La base di calcolo è l'indice di massa corporea (IMC), il quoziente fra peso e altezza al quadrato. Chiunque abbia un IMC superiore a 25 è considerato in sovrappeso. L'obesità inizia con un IMC superiore a 30.

L'obesità può portare a gravi problemi di salute. Il sovrappeso è associato ad un aumento del rischio di malattie secondarie come l'ipertensione arteriosa, le malattie cardiovascolari, il diabete mellito di tipo 2 e i disturbi ortopedici. Questo rende di fondamentale importanzala riduzione del peso corporeo in caso di sovrappeso.

L'alga clorella potrebbe essere utile in questo caso. In 2 studi, gli scienziati hanno somministrato 4 compresse di 300 mg di clorella al giorno a volontari affetti da fegato grasso non alcolico. Dopo aver assunto le compresse per 8 settimane si sono registrati dei risultati positivi.

I partecipanti allo studio che hanno assunto la clorella hanno perso più peso rispetto al gruppo placebo. Inoltre, il gruppo della clorella ha migliorato la sensibilità all'insulina.

La resistenza all'insulina, spesso accompagnata da una ridotta sensibilità all'insulina, porta al diabete mellito 2, una malattia metabolica: le cellule non reagiscono più all'insulina del sangue, con un conseguente aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

Le persone obese possono quindi beneficiare doppiamente delle microalghe, riducendo il loro peso più facilmente e proteggendosi anche dalle gravi malattie che possono essere causate dal sovrappeso. [26]

Disintossicarsi con la clorella

Il nostro corpo è esposto ogni giorno a numerose tossine ambientali. La clorella riesce a legare metalli pesanti, pesticidi e altre tossine e può quindi essere usata per disintossicarsi.

La clorella contro l’avvelenamento da metalli pesanti

L'avvelenamento da metalli pesanti è causato da sostanze come cadmio, mercurio o tallio. Anche l'avvelenamento da piombo è classificato come avvelenamento da metalli pesanti. I sintomi di tale avvelenamento variano a seconda dell'entità e del metallo responsabile.

Cadmio e clorella

A causa di fattori industriali o ambientali, il cadmio può accumularsi nel corpo per un lungo periodo di tempo e quindi portare a gravi avvelenamenti cronici. In caso di avvelenamento da cadmio, sono particolarmente danneggiati ossa e reni. I sintomi includono anche diarrea, mal di stomaco, vomito e disturbi mentali. Per motivi etici, sono disponibili quasi esclusivamente studi condotti su animali per analizzare il collegamento tra avvelenamento da metalli pesanti e clorella.

In uno di questi studi, la clorella ha mostrato un effetto di protezione dei reni nei ratti affetti da avvelenamento da cadmio. I valori del sangue sono migliorati e l'escrezione di proteine nelle urine, un marcatore della salute dei reni, è diminuita.⁠ [3]

Mercurio e clorella

Anche l'avvelenamento da mercurio ha effetti gravi. Noto anche come mercurialismo, è causato, tra le altre cose, dall'assorbimento di vapori. Si sospetta inoltre che gli amalgami dentari siano tra le cause dell'avvelenamento da mercurio.⁠ [27]

I sintomi dell'avvelenamento da mercurio includono:

  • reazioni cutanee infiammatorie
  • diarrea
  • insonnia
  • disturbi della concentrazione
  • stanchezza
  • mal di testa
  • indebolimento e perdita dei denti
  • tremori involontari
  • problemi di deambulazione
  • balbuzie

La clorella può essere utilizzata come supporto alla disintossicazione grazie alle sue proprietà leganti dei metalli pesanti. Negli esperimenti sugli animali, le microalghe si sono rivelate efficaci anche nei casi di avvelenamento da mercurio della madre durante la gravidanza. La clorella ha impedito il trasporto del metilmercurio al feto, proteggendo così il nascituro dall'avvelenamento. Nella sperimentazione su animali, inoltre, si è ritrovato meno mercurio nel cervello negli esemplari sottoposti ad integrazione di clorella rispetto a quelli del gruppo placebo. [28] [29]

Diossine e clorella

Diossine è un termine collettivo per varie sostanze chimiche come le policlorodiossine o i dibenzofurani polibromurati. Le diossine e i furani contenenti cloro si formano principalmente durante i processi di combustione in presenza di cloro o di carbonio organico. Negli anni '80 sono state rilasciate nell'ambiente grandi quantità di diossine attraverso sostanze chimiche contaminate da diossina e alcuni prodotti fitosanitari (erbicidi).

Ancora oggi i terreni sono contaminati a causa dell’uso di fertilizzanti a base di materie prime secondarie. Anche la combustione incontrollata del legno verniciato può essere una fonte di diossina. Poiché la diossina ha tempi di dissoluzione molto lunghi, nell’ambiente ne permangono quantità significative.

La diossina entra nella catena alimentare attraverso particelle di terreno che aderiscono alle verdure. Le diossine si accumulano anche nelle uova e nella carne di animali allevati su terreni contaminati da diossine. Anche il pesce può essere contaminato dalla diossina.

Nel corpo umano, la diossina si accumula nel grasso corporeo e viene eliminata solo molto lentamente. Si ritiene che un'alta percentuale di diossine possa essere cancerogena. La diossina raggiunge il bambino attraverso la placenta e il latte materno anche in concentrazioni molto basse. Così, anche concentrazioni di diossina nell’organismo della madre nei limiti dellatollerabilità possono comunque ritardare o addirittura disturbare in modo permanente lo sviluppo del bambino. [30]

La diossina si accumula principalmente nei grassi. Essendo il latte materno particolarmente ricco di grassi, è considerato un buon marcatore dell'esposizione complessiva della madre. Le donne che assumono clorella durante la gravidanza hanno un contenuto di diossina inferiore nel proprio latte. Per questo motivo, si può considerare che la clorella eviti che la diossina raggiunga il nascituro attraverso il cordone ombelicale. [17] [31]

Gli esperimenti sugli animali hanno anche dimostrato che la clorella aumenta l'escrezione di diossina nelle urine. Gli animali che hanno ricevuto un olio contenente allo stesso tempo diossina e clorella hanno escreto più diossina nelle urine rispetto agli animali del gruppo di confronto. Questo risultato indica che la clorella riduce l'assorbimento di diossina nell'intestino e può quindi proteggere control'avvelenamento (cronico) da diossina. [32]

Riassumendo

La microalga clorella può essere utilizzata come supporto per disintossicare l'organismo in caso di avvelenamento da varie sostanze. Soprattutto quando si verifica un’elevata contaminazione da diossina o si ha un avvelenamento cronico da cadmio e mercurio, può essere utile assumerla consultando preventivamente un medico.

Clorella e funzionalità epatica

Il fegato non è solo la ghiandola più grande del corpo umano, ma anche un organo metabolico estremamente importante che svolge numerosi compiti. Conserva zucchero, grassi e aminoacidi, produce proteine, colesterolo e acidi biliari e converte sostanze tossiche come l'ammoniaca in sostanze non tossiche. Inoltre, serve per abbattere gli ormoni e metabolizzare le droghe o l'alcool.

Infezioni virali, alcolici, farmaci o altre sostanze nocive possono danneggiare il fegato e compromettere le funzioni epatiche. Le malattie epatiche più comuni sono il fegato grasso, l'infiammazione del fegato (epatite) e il cancro al fegato.

Le malattie del fegato possono manifestarsi attraverso sintomi come nausea, vomito o perdita di appetito. Anche la stanchezza e la sensazione di pressione nell'addome superiore destro possono indicare una malattia del fegato.

Aliashrafi et al. hanno dimostrato nel loro studio del 2014 che la microalga clorella ha un'influenza positiva sulla salute del fegato. Hanno somministrato 300 mg di clorella al giorno a pazienti con fegato grasso causato da un aumento dell'apporto calorico. Dopo 8 settimane, i valori del fegato ALT e AST nel sangue sono migliorati significativamente. [33]

Secondo lo studio di Noguchi et al., la clorella può essere utilizzata anche per la prevenzione del fegato grasso non alcolico. Negli esperimenti su animali, la clorella ha inibito l'attività della proteina MCP-1 nei ratti alimentati con una dieta a base di grassi. Le alghe hanno anche inibito la crescita delle cellule di grasso nel fegato. [34]

La clorella protegge il fegato dai danni causati dall'alcool

Tuttavia, la clorella non sembra offrire solo protezione contro il cibo troppo grasso, ma anche contro i danni al fegato provocati dall'alcool. Byun et al. hanno usato nella loro ricerca un estratto di etanolo e chlorella vulgaris. Con l'aiuto della microalga sono stati in grado di ridurre i danni al fegato dovuti all'alcool. Ciò è stato dimostrato, tra l'altro, da una diminuzione della γ glutamiltransferasi e della transaminasi glutammica piruvica nel sangue. Entrambi i valori sono considerati dei marcatori per la salute del fegato. [35]

Il complesso proteico della luteina

Tra le altre cose, il complesso proteico della luteina (LPC) è responsabile dell'effetto protettivo del fegato. Cai et al. sono riusciti per la prima volta nel 2015 ad estrarre questo speciale complesso dalle microalghe. Nei modelli animali, questo complesso ha mostrato un effetto positivo sulle cellule del fegato. Le aminotransferasi del fegato nel sangue sono diminuite significativamente dopo la somministrazione del complesso proteico della luteina. ALT e AST si trovano normalmente solo nelle cellule del fegato. Se sono presenti anche in misura maggiore nel sangue, ciò indica un danno alle cellule epatiche. [36]

La clorella contro l'epatite

L'epatite è un'infiammazione del fegato. Può essere tossica, infettiva o una malattia autoimmune. Le forme infettive comprendono l'epatite virale A, B, C ed E.

L'epatite C è particolarmente temuta, in quanto ha un decorso cronico nell’80% di tutti i casi della malattia e può portare a gravi danni al fegato. L'infezione da virus dell'epatite C è un fattore di rischio significativo per il cancro al fegato.

La clorella può essere utilizzata come supporto nel trattamento delle persone affette da epatite C. In uno studio del 2013, ai pazienti con infiammazione cronica del fegato è stata somministrata la chlorella vulgaris per un periodo di 12 settimane. Il trattamento non solo ha migliorato i valori del fegato nel sangue, ma più del 70% dei partecipanti allo studio ha anche riportato un miglioramento delle condizioni generali. Oltre il 60% manifestava anche un livello di energia più elevato con una riduzione significativa della stanchezza tipica della malattia. [1]

La clorella e il sistema cardiovascolare

La maggior parte dei decessi registrati in Germania è causata da malattie del sistema cardiovascolare. Nel 2015, quasi il 40% del totaleha avuto origine da malattie cardiovascolari e quasi 51.000 persone sono morte di infarto.[37]

Vari fattori (influenzabili) possono promuovere lo sviluppo di malattie cardiovascolari:

  • alta pressione sanguigna
  • disturbi lipometabolici
  • diabete mellito
  • arteriosclerosi
  • sovrappeso

La clorella contro la pressione sanguigna alta

L'ipertensione arteriosa è un importante fattore di rischio per l'infarto, l'ictus e altre malattie del sistema cardiovascolare potenzialmente letali. Secondo le linee guida della Hochdruckliga, l'ipertensione è presente quando il valore sistolico supera i 140 e/o il valore della pressione diastolica è superiore a 90. [38]

In vari studi, gli scienziati sono stati in grado di dimostrare un'influenza positiva della chlorella vulgaris sulla pressione sanguigna, rilevando un miglioramento sia dei valori della pressione sanguigna sistolica che diastolica. [2] [39] [13]

La clorella per migliorare i livelli di lipidi nel sangue

Gli elevati valori lipidici nel sangue (iperlipidemia) aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, così come l'ipertensione. Secondo gli studi le persone con livelli elevati di colesterolo e trigliceridi nel sangue possono trarre beneficio dall'assunzione di clorella.

Questa microalga può ridurre significativamente il livello di grassi nel sangue. In uno studio del 2014, gli scienziati sono stati in grado di ridurre il livello di colesterolo dei volontari in media dell'1,6%. Il contenuto di trigliceridi è addirittura diminuito di quasi il 12%. La clorella ha avuto un effetto positivo anche sul rapporto tra il colesterolo LDL "cattivo" e il colesterolo HDL "buono". Mentre il livello di colesterolo LDL è diminuito, il colesterolo HDL è aumentato del 4%. [40]

La clorella contro l'arteriosclerosi

Depositi di grasso, trombi, tessuto connettivo e calcio nei vasi sanguigni arteriosi sono tutti problemi dell’arteriosclerosi. L'arteriosclerosi è uno dei principali fattori di rischio per malattie come l'infarto e l'ictus.

L'alga clorella contiene sostanze nutritive che possono contrastare lo sviluppo dell'arteriosclerosi, fra cui vitamine antiossidanti come la vitamina C, l'amminoacido arginina, il potassio e il calcio.[41]

Equilibrio acido-base e clorella

Tutti i processi metabolici che avvengono nel corpo umano richiedono un certo valore del pH. Il valore ideale del pH del sangue è 7,4 e quindi nel range leggermente alcalino. Tuttavia, una dieta sbilanciata e acida e stati di stress fisico e mentale possono modificare il valore del pH. Per mantenerlo entro il limite richiesto, l’organismo ha un sistema tampone.

Per tamponare l’effetto dei prodotti finali acidi, l'organismo ha bisogno soprattutto di minerali di base come ferro, calcio, magnesio o zinco. Poiché le microalghe contengono numerosi minerali, possono contribuire alla regolazione dell'equilibrio acido-base. [10]

Corella e carnagione

Con una dimensione fino a 2 metri quadrati, la pelle è l'organo sensoriale più grande dell'uomo. Protegge dal freddo e dal caldo, ci permette di sentire al tatto e, in quanto barriera naturale, offre protezione contro gli agenti patogeni. Ma non si limita solo a questi compiti legati alla salute: una bella carnagione contribuisce anche a veicolare un generale senso di benessere.

La clorella può avere un effetto positivo sull'aspetto della pelle in vari modi. Ad esempio, le microalghe hanno effetti positivi sulla pelle secca o tendente alle infiammazioni. La clorella può migliorare la guarigione delle ferite ed è quindi adatta anche per applicazioni orali o topiche in malattie infiammatorie della pelle come l'acne o la neurodermite. [42] [43] [44]

Dopo l’assunzione di clorella, i partecipanti a uno studio polacco del 2017 hanno riferito non solo una ridotta suscettibilità alle infezioni e una maggiore vitalità, ma anche un netto miglioramento della qualità dei capelli e della struttura della pelle. [45]

Forme di clorella

Le alghe clorella sono coltivate in grandi acquacolture. Il contenuto di sostanze nutritive dipende in larga misura dal tipo di coltivazione. Per ottenere il maggior numero possibile di sostanze nutritive e vitali, le microalghe devono essere filtrate ed essiccate il più delicatamente possibile. Le alghe possono poi essere ulteriormente elaborate.

Polvere di clorella

Le alghe essiccate possono essere polverizzate e utilizzate come polvere. La polvere può essere facilmente mescolata in frullati o acqua. Il dosaggio può essere regolato facilmente e individualmente con un piccolo cucchiaio misuratore o una bilancia di precisione.

Compresse di clorella

La clorella polverizzata è disponibile anche sotto forma di compresse. Nella migliore formulazione, queste compresse non contengono additivi. Sono facili da dosare, hanno un sapore neutro e possono essere assunte rapidamente e facilmente. La clorella pressata può essere usata meglio della polvere soprattutto in viaggio.

Pasticche di clorella

Il termine pasticche è di solito usato come sinonimo del termine compresse. Anche in questo caso si tratta di polvere di clorella pressata.

Capsule di clorella

Le capsule di clorella sono costituite da un guscio di capsula e da un ripieno di clorella. Il guscio può essere fatto di gelatina, ma anche da cellulosa o carragenina in forma vegetariana. Proprio come le compresse e le pasticche, le capsule contengono una quantità standardizzata di clorella. Ciò consente un dosaggio sicuro e una facile ingestione.

Estratto di clorella

L’estratto di clorella, la forma concentrata delle alghe, è spesso indicato come fattore di crescita della clorella (CGF). L'estratto contiene molte sostanze vegetali secondarie e glicoproteine. Può essere assunto da solo o come supplemento all’alga clorella intera.

Dosaggio della clorella

Non esiste una raccomandazione generale di assunzione della microalga clorella. Negli studi si sceglie di solito un dosaggio compreso tra 6 e 10 grammi. Si consiglia di iniziare con una piccola quantità di clorella al giorno e, se ben tollerata, di aumentare gradualmente la dose. [46]

Effetti collaterali e interazioni della clorella

La clorella è generalmente ben tollerata. Praticamente non ci sono effetti collaterali conosciuti, anche se occasionalmente, nelle prime settimane di assunzione, possono verificarsi mal di testa o nausea. [46]

Poiché la clorella contiene quantità significative di vitamina K, si consiglia cautela nell'assumere contemporaneamente anticoagulanti. Warfarin e Marcumar sono i cosiddetti antagonisti (indiretti) della vitamina K, con la quale interferiscono. Un'assunzione eccessiva di vitamina K può ridurre l'effetto degli anticoagulanti e quindi aumentare il rischio di formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni. [47]

Clorella Studies and references

  1. Azocar J, Diaz A. Efficacy and safety of Chlorella supplementation in adults with chronic hepatitis C virus infection. World J Gastroenterol, 19(7), 2013, 1085.
  2. Shimada M, Hasegawa T, Nishimura C, et al. Anti-hypertensive effect of gamma-aminobutyric acid (GABA)-rich Chlorella on high-normal blood pressure and borderline hypertension in placebo-controlled double blind study. Clin Exp Hypertens, 31(4), 2009, 342–354.
  3. Senthilkumar T, Sangeetha N, Ashokkumar N. Antihyperglycemic, antihyperlipidemic, and renoprotective effects of Chlorella pyrenoidosa in diabetic rats exposed to cadmium. Toxicol Mech Methods, 22(8), 2012, 617–624.
  4. Barka A, Blecker C. Microalgae as a potential source of single-cell proteins, A review. Biotechnol Agron Soc Env, 20(3), 2016, 427–436.
  5. Wolfram G, Bechthold A, Boeing H, et al. Fettzufuhr und Prävention ausgewählter ernährungsmitbedingter Krankheiten. 2015.
  6. Ortiz Montoya EY, Casazza AA, Aliakbarian B, Perego P, Converti A, de Carvalho JCM. Production of Chlorella vulgaris as a source of essential fatty acids in a tubular photobioreactor continuously fed with air enriched with CO 2 at different concentrations. Biotechnol Prog, 30(4), 2014, 916–922.
  7. Chen J-H, Jiang S-J. Determination of Cobalamin in Nutritive Supplements and Chlorella Foods by Capillary Electrophoresis−Inductively Coupled Plasma Mass Spectrometry. J Agric Food Chem, 56(4), 2008, 1210–1215.
  8. Kumudha A, Selvakumar S, Dilshad P, Vaidyanathan G, Thakur MS, Sarada R. Methylcobalamin – A form of vitamin B12 identified and characterised in Chlorella vulgaris. Food Chem, 170, 2015, 316–320.
  9. Nakano S, Takekoshi H, Nakano M. Chlorella pyrenoidosa Supplementation Reduces the Risk of Anemia, Proteinuria and Edema in Pregnant Women. Plant Foods Hum Nutr, 65(1), 2010, 25–30.
  10. Panahi Y, Darvishi B, Jowzi N, Beiraghdar F, Sahebkar A. Chlorella vulgaris: A Multifunctional Dietary Supplement with Diverse Medicinal Properties. Curr Pharm Des, 22(2), 2016, 164–173.
  11. McQuistan TJ, Simonich MT, Pratt MM, et al. Cancer chemoprevention by dietary chlorophylls: A 12,000-animal dose–dose matrix biomarker and tumor study. Food Chem Toxicol, 50(2), 2012, 341–352.
  12. Morita K, Ogata M, Hasegawa T. Chlorophyll derived from Chlorella inhibits dioxin absorption from the gastrointestinal tract and accelerates dioxin excretion in rats. Environ Health Perspect, 109(3), 2001, 289–294.
  13. Merchant RE, Andre CA. A review of recent clinical trials of the nutritional supplement Chlorella pyrenoidosa in the treatment of fibromyalgia, hypertension, and ulcerative colitis. Altern Ther Health Med, 7(3)79–91.
  14. Nakashima Y, Ohsawa I, Konishi F, et al. Preventive effects of Chlorella on cognitive decline in age-dependent dementia model mice. Neurosci Lett, 464(3), 2009, 193–198.
  15. Mizoguchi T, Takehara I, Masuzawa T, Saito T, Naoki Y. Nutrigenomic Studies of Effects of Chlorella on Subjects with High-Risk Factors for Lifestyle-Related Disease. J Med Food, 11(3), 2008, 395–404.
  16. Otsuki T, Shimizu K, Iemitsu M, Kono I. Salivary Secretory Immunoglobulin a secretion increases after 4-weeks ingestion of chlorella-derived multicomponent supplement in humans: a randomized cross over study. Nutr J, 10(1), 2011, 91.
  17. Nakano S, Takekoshi H, Nakano M. Chlorella ( Chlorella pyrenoidosa ) Supplementation Decreases Dioxin and Increases Immunoglobulin A Concentrations in Breast Milk. J Med Food, 10(1), 2007, 134–142.
  18. Merchant RE, Carmack CA, Wise CM. Nutritional supplementation with Chlorella pyrenoidosa for patients with fibromyalgia syndrome: a pilot study. Phytother Res, 14(3), 2000, 167–173.
  19. Matsuura E, Nemoto T, Hozumi H, et al. Effect of chlorella on rats with iron deficient anemia. Kitasato Arch Exp Med, 64(4), 1991, 193–204.
  20. Lee SH, Kang HJ, Lee H-J, Kang M-H, Park YK. Six-week supplementation with Chlorella has favorable impact on antioxidant status in Korean male smokers. Nutrition, 26(2), 2010, 175–183.
  21. Zheng L, Oh ST, Jeon JY, et al. The Dietary Effects of Fermented Chlorella vulgaris (CBT) on Production Performance, Liver Lipids and Intestinal Microflora in Laying Hens. Asian-Australasian J Anim Sci, 25(2), 2011, 261–266.
  22. Vojdani A. A Potential Link between Environmental Triggers and Autoimmunity. Autoimmune Dis, 2014, 2014, 437231.
  23. Bedirli A, Kerem M, Ofluoglu E, et al. Administration of Chlorella sp, microalgae reduces endotoxemia, intestinal oxidative stress and bacterial translocation in experimental biliary obstruction. Clin Nutr, 28(6), 2009, 674–678.
  24. Tanaka K, Yamada A, Noda K, Shoyama Y, Kubo C, Nomoto K. Oral Administration of a Unicellular Green Algae, Chlorealla vulgaris , Prevents Stress-Induced Ulcer. Planta Med, 63(05), 1997, 465–466.
  25. Entwicklungen | IFB AdipositasErkrankungen Universitätsmedizin Leipzig
  26. Ebrahimi-Mameghani M, Sadeghi Z, Abbasalizad Farhangi M, Vaghef-Mehrabany E, Aliashrafi S. Glucose homeostasis, insulin resistance and inflammatory biomarkers in patients with non-alcoholic fatty liver disease: Beneficial effects of supplementation with microalgae Chlorella vulgaris : A double-blind placebo-controlled randomized clinical trial. Clin Nutr, 36(4), 2017, 1001–1006.
  27. Mai S. Kieler Amalgam-Gutachten. 1997
  28. Uchikawa T, Maruyama I, Kumamoto S, Ando Y, Yasutake A. Chlorella suppresses methylmercury transfer to the fetus in pregnant mice. J Toxicol Sci, 36(5), 2011, 675–680.
  29. Rafati-Rahimzadeh M, Rafati-Rahimzadeh M, Kazemi S, Moghadamnia AA. Current approaches of the management of mercury poisoning: need of the hour. Daru, 22(1), 2014, 46.
  30. Umweltbundesamt Dioxine
  31. Nakano S, Noguchi T, Takekoshi H, Suzuki G, Nakano M. Maternal-fetal distribution and transfer of dioxins in pregnant women in Japan, and attempts to reduce maternal transfer with Chlorella (Chlorella pyrenoidosa) supplements. Chemosphere, 61(9), 2005, 1244–1255.
  32. Morita K, Matsueda T, Iida T, Hasegawa T. Chlorella Accelerates Dioxin Excretion in Rats. J Nutr, 129(9), 1999, 1731–1736.
  33. Ebrahimi-Mameghani M, Aliashrafi S, Javadzadeh Y, AsghariJafarabadi M. The Effect of Chlorella vulgaris Supplementation on Liver En-zymes, Serum Glucose and Lipid Profile in Patients with Non-Alcoholic Fatty Liver Disease. Heal Promot Perspect, 4(1), 2014, 107–115.
  34. Noguchi N, Yanagita T, Rahman SM, Ando Y. Chlorella Protein Hydrolysate Attenuates Glucose Metabolic Disorder and Fatty Liver in High-fat Diet-induced Obese Mice. J Oleo Sci, 65(7), 2016, 613–620.
  35. Byun H-G, Lee JK. Chlorella Ethanol Extract Induced Phase II Enzyme Through NFE2L2 (Nuclear Factor [Erythroid-Derived] 2-Like 2, NRF2) Activation and Protected Ethanol-Induced Hepatoxicity. J Med Food, 18(2), 2015, 182–189.
  36. Cai X, Huang Q, Wang S. Isolation of a novel lutein-protein complex from Chlorella vulgaris and its functional properties. Food Funct, 6(6), 2015, 1893–1899.
  37. Herz-Kreislauf-Erkrankungen und Krebs häufigste Todesursachen.
  38. Hochdruckliga Leitlinien für das Management der arteriellen Hypertonie.
  39. Merchant RE, Andre CA, Sica DA. Nutritional Supplementation with Chlorella pyrenoidosa for Mild to Moderate Hypertension. J Med Food, 5(3), 2002, 141–152.
  40. Ryu NH, Lim Y, Park JE, et al. Impact of daily Chlorella consumption on serum lipid and carotenoid profiles in mildly hypercholesterolemic adults: a double-blinded, randomized, placebo-controlled study. Nutr J, 13(1), 2014, 57.
  41. Otsuki T, Shimizu K, Iemitsu M, Kono I. Multicomponent supplement containing Chlorella decreases arterial stiffness in healthy young men. J Clin Biochem Nutr, 53(3), 2013, 166–169.
  42. Hidalgo-Lucas S, Bisson J-F, Duffaud A, et al. Benefits of oral and topical administration of ROQUETTE Chlorella sp, on skin inflammation and wound healing in mice. Antiinflamm Antiallergy Agents Med Chem, 13(2), 2014, 93–102.
  43. Noguchi N, Maruyama I, Yamada A. The influence of chlorella and its hot water extract supplementation on quality of life in patients with breast cancer. Evid Based Complement Alternat Med, 2014, 2014, 704619.
  44. Sibi G. Inhibition of lipase and inflammatory mediators by Chlorella lipid extracts for antiacne treatment. J Adv Pharm Technol Res, 6(1), 2015, 7–12.
  45. Rzymski P, Jaśkiewicz M. Microalgal food supplements from the perspective of Polish consumers: patterns of use, adverse events, and beneficial effects. J Appl Phycol, 29(4), 2017, 1841–1850.
  46. Frank K, Patel K, Lopez G, Willis B. Chlorella Research Analysis. Juni 2018.
  47. Ohkawa S, Yoneda Y, Ohsumi Y, Tabuchi M. Warfarin therapy and chlorella. Rinsho Shinkeigaku, 35(7), 1995, 806–807.
Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!