Carnosina: il micronutriente anti-età

Informazioni, benefici, dosaggio ed effetti collaterali

La carnosina può rallentare l'invecchiamento della pelle. In effetti, può ringiovanire le cellule della pelle. Quando la maggior parte di noi pensa ai trattamenti antietà, pensa subito ai moderni prodotti per la cura della pelle. Possiamo spendere cifre esorbitanti in creme che promettono effetti miracolosi solo per scoprire che gli effetti sono minimi, o nel migliore dei casi temporanei.

Una bella pelle si forma all'interno dell'organismo e cresce letteralmente verso l'esterno e sebbene possiamo certamente cambiare qualcosa usando le creme, non possiamo ignorare le possibilità di trattamenti dall'interno verso l'esterno.

Scienziati informati hanno sempre cercato modi in cui il processo di invecchiamento potesse essere influenzato dall'interno, studiando gli elementi che contribuiscono al processo di invecchiamento e cercando di trovare una soluzione basata sulla scienza reale piuttosto che su promesse cosmetiche.

Cos'è la carnosina?

La carnosina si occupa del paradosso biochimico della vita: 'Gli elementi che creano e danno vita - ossigeno, glucosio, lipidi, proteine, tracce di metalli, ma che distruggono anche la vita.'

La carnosina (da non confondere con la 'carnitina') è una combinazione di due amminoacidi (i mattoni delle proteine), alanina e istidina. Si trova naturalmente nei tessuti come i muscoli e il cervello, ma la sua concentrazione diminuisce con l'età.

Come funziona la carnosina?

La carnosina protegge dai radicali liberi (antiossidante)

In primo luogo, è un antiossidante che protegge le nostre cellule dai danni dei radicali liberi. Utilizzato insieme alla vitamina E e ad altri antiossidanti, ha effetti ottimali.

La carnosina prolunga la vita delle cellule (glicosilazione)

In secondo luogo, può ridurre la distruzione di preziose proteine e del DNA da parte delle molecole di zucchero, un processo noto come glicosilazione. La significatività di questo processo è stata riconosciuta solo di recente.

Le combinazioni anormali di zuccheri e proteine sono molto tossiche e contribuiscono allo sviluppo di diverse malattie legate all'età, come il diabete, le malattie cardiache, l'ictus, il morbo di Alzheimer, la demenza e l'invecchiamento della pelle. La carnosina può aiutare a prevenire i danni causati dalla glicosilazione, a liberare il sistema dalle sostanze anormali e a mantenerlo funzionante in modo ottimale.

La carnosina rimuove i metalli tossici dal corpo (chelazione)

In terzo luogo, lega i metalli tossici: reagisce con i sottoprodotti tossici del nostro metabolismo e li elimina dall'organismo. Stabilizza le cellule, le rende più resistenti alle lesioni e rafforza il sistema immunitario.

Quando noterò le differenze?

I primi test del prodotto in Scandinavia hanno mostrato miglioramenti visibili della pelle, della vitalità e dell'energia entro due mesi dall'inizio dell'assunzione.

Altri benefici della carnosina

Si dice che la carnosina fornisca molti altri benefici che coprono le seguenti aree: anti-invecchiamento, longevità, ringiovanimento della pelle, invecchiamento muscolare, disfunzione muscolare, potenza sessuale, cataratta, diabete, malattie cardiovascolari, neurologiche e mentali ed altri benefici per la salute.

La carnosina per l'energia e la resistenza

La carnosina è stata somministrata ad atleti e nuotatori russi per anni e fornisce dei notevoli benefici energetici e di resistenza, mentre molti utenti segnalano una notevole ondata di energia quotidiana.

Carnosina: trattamento anti-età dall'interno verso l'esterno

Uno dei motivi per cui le persone anziane e gli animali sembrano diversi da giovani ha a che fare con il danno e l'alterazione delle proteine nell'organismo. Le proteine sono responsabili del funzionamento di tutti gli organismi viventi. Il danno a queste proteine ha quindi un effetto drammatico su tutte le funzioni dell'organismo e anche sull'aspetto.

Molte ricerche negli ultimi decenni hanno dimostrato che l'alterazione delle proteine è una causa importante dell'invecchiamento e delle malattie degenerative. Questo cambiamento deriva dall'ossidazione (da parte dei radicali liberi) e dai processi correlati come le reazioni proteina-zucchero (glicazione).

Carnosina: perché le persone anziane hanno un aspetto diverso?

L'invecchiamento ha principalmente a che fare con i cambiamenti nelle proteine nell'organismo. Le proteine sono principalmente responsabili del funzionamento quotidiano degli organismi viventi, per cui i cambiamenti proteici hanno un effetto drammatico sulle funzioni e sull'aspetto del corpo.

Molti studi negli ultimi dieci anni hanno scoperto che l'alterazione delle proteine è una delle principali cause di invecchiamento e delle malattie degenerative. Questi cambiamenti derivano dall'ossidazione (dai radicali liberi) e dai processi correlati come la glicazione.

Il nostro organismo è composto principalmente da proteine. Poiché il sistema antiossidante e gli altri meccanismi di difesa del nostro organismo non possono proteggere completamente le proteine, tendono a cambiarsi in modi distruttivi con l'avanzare dell'età, principalmente a causa dell'ossidazione, della glicazione e di un altro processo chiamato carbonilazione. In altre parole, i gruppi carbonilici (> C = O) si attaccano alle molecole proteiche (e ai fosfolipidi). Il risultato è che le proteine si dividono durante la scissione delle proteine (proteolisi).

Poiché la carbonilazione delle proteine è avvenuta prima della perdita della membrana, può essere collegata al processo tossico che porta all'invecchiamento e alla morte delle cellule. Per comprendere gli effetti del declino proteolitico e la formazione di proteine anomale, è necessario riconsiderare il quadro.

Questa denaturazione e la correlata disgregazione proteica include l'ossidazione, la carbonilazione, la reticolazione, la glicazione e la formazione di Advanced Glycation End Products (AGE), come spiegato sopra. Questi non sono solo fortemente coinvolti nel processo di invecchiamento, ma sono anche coinvolti nella comparsa di segni ben noti come l'invecchiamento della pelle, la cataratta e la degenerazione nervosa (cioè la perdita di memoria e la demenza).

Un gran numero di studi scientifici pubblicati da ricercatori di tutto il mondo mostrano che la carnosina è efficace contro tutte queste forme di denaturazione delle proteine.

La carnosina reagisce con il gruppo carbonile e forma un legame inattivo proteina-carbonil-carnosina, proteggendo le proteine e invertendo la denaturazione.

In che modo la carnosina ringiovanisce le cellule?

La carnosina ripristina il normale controllo del ciclo cellulare.

  • Per capire come si ottiene, si pensi ad un motore il cui l'olio non viene cambiato regolarmente.
  • Quando il potere lubrificante dell'olio è esaurito, si accumulano sporco e morchie sulle parti fondamentali del motore. La melma si accumula e impedisce al motore di funzionare correttamente fino a quando alla fine il motore si rompe.
  • Quando il 'fango' proteico si accumula, i passaggi del ciclo cellulare si intasano. Ciò potrebbe ridurre l'efficienza della divisione cellulare e, forse ancora più importante, consentire alle cellule danneggiate di riprodursi.
  • Ne risulta una maggiore instabilità cromosomica che porta alla degenerazione e al cancro. Un altro possibile risultato è l'invecchiamento cellulare, per cui il ciclo cellulare si ferma.
  • La carbonilazione delle proteine diventa quindi una malattia potenzialmente fatale.
  • La carnosina assicura che abbiamo proteine sane e intatte e assicura un rinnovamento tempestivo.

La carnosina sembra essere di gran lunga superiore agli antiossidanti tradizionali come la vitamina E ed il selenio, che sono risultati meno efficaci di quanto si pensava in precedenza. Questi ultimi sopprimono alcuni dei numerosi percorsi coinvolti senza avere alcun effetto sugli altri, come la glicazione e la carbonilazione.

È stato indiscutibilmente stabilito che gli antiossidanti svolgono un'importante funzione biochimica, prevenendo i danni causati dall'ossigeno reattivo. Aspettarsi che un antiossidante protegga le proteine da tutti i tipi di glicazione e carbonilazione è come cercare di costruire una casa con un semplice cacciavite: uno strumento importante, ma che non può sostituire il resto della cassetta degli attrezzi.

La carnosina, lo strumento universale della natura per proteggere le proteine, è stata creata dall'evoluzione per controllare i molti fattori che lavorano insieme per distruggere le proteine nell'organismo.

Le reazioni chimiche collaterali che corrodono la struttura e le funzioni biologiche durante l'invecchiamento derivano dagli effetti tossici degli elementi più elementari della chimica del corpo umano: l'ossigeno, gli zuccheri, i lipidi ed i metalli essenziali. Senza questi elementi biochimici non possiamo vivere, ma la scienza della nutrizione ora ci fornisce le conoscenze per controllare meglio gli effetti collaterali.

Le proteine non sono le uniche molecole denaturate dalla carbonilazione, ma anche i fosfolipidi ne sono influenzati. La carbonilazione dei fosfolipidi danneggia principalmente il sistema nervoso centrale e periferico e porta a problemi di memoria e altri deterioramenti delle capacità cognitive.

Poiché la carnosina combatte anche la carbonilazione dei fosfolipidi, questo dipeptide è un fantastico neuro-protettore.

Nello sport e nel bodybuilding, la carnosina è coinvolta nel processo di disintossicazione delle aldeidi reattive dalla perossidazione lipidica, che si manifestano nei muscoli scheletrici durante lo sforzo fisico. Pertanto, la carnosina protegge i muscoli scheletrici dalle lesioni, aumenta la forza muscolare e accelera il recupero dopo una faticosa sessione di esercizio.

La carnosina è il nuovo più importante integratore alimentare anti-età

La carnosina è ai blocchi di partenza per diventare il più importante nuovo integratore alimentare anti-età sul mercato. È un amminoacido presente naturalmente nell'organismo, scoperto più di 100 anni fa.

Sebbene venga utilizzato già da molti anni in Russia, le sue specifiche proprietà anti-età hanno attirato l'attenzione dei ricercatori occidentali solo di recente.

La carnosina viene solitamente commercializzata in capsule. Non sono stati osservati effetti collaterali e può essere assunta assieme ad altri integratori alimentari.

L-carnosina: farmacologia e biochimica

La carnosina è una sostanza naturale al 100%, un cosiddetto dipeptide, costituito da due amminoacidi (ß-alanil-L-istidina). È spesso chiamato neuropeptide a causa delle sue proprietà protettive del cervello.

La carnosina si trova naturalmente nei muscoli sani, nel cuore, nel cervello, nel fegato, nei reni e in altri tessuti. I muscoli contengono circa 20 μmol/g di peso secco. Maggiore è la quantità di carnosina contenuta nella carne, più lunga sarà la sua durata di conservazione, poiché la carnosina - un fantastico antiossidante - le impedisce di irrancidire.

La carnosina agisce insieme ad altri antiossidanti biologici, come la vitamina E e la vitamina C, lo zinco e il selenio, e riduce il loro consumo nei tessuti. Le persone con una leggera carenza di vitamina E consumano più carnosina del normale. Si sottolinea che gran parte della popolazione soffre di una carenza di vitamina E, che è stata dimostrata da studi epidemiologici mondiali.

Nel corpo umano, l'enzima carnosina sintetasi forma la carnosina dagli amminoacidi alanina e istidina. Questa reazione avviene principalmente nel cervello e nei muscoli. Un altro gruppo di enzimi, chiamati dipeptidasi o carnosinasi, disattiva la carnosina nel sangue e in altri tessuti.

La carne è la principale fonte alimentare di carnosina. Per un effetto terapeutico sono necessarie dosi elevate di carnosina poiché l'organismo scompone naturalmente la carnosina utilizzando l'enzima carnosinasi. L'assunzione di carnosina attraverso gli alimenti va dal 30 al 70% (a seconda della quantità dei vari amminoacidi presenti nella carne), quella della L-carnosina pura è superiore al 70%.

Gran parte dell'assorbimento avviene nell'intestino tenue (nel digiuno, ma non nell'ileo). La carnosina viene trasportata dal sangue ai muscoli, al cervello e ad altri tessuti. Il plasma umano non contiene quantità misurabili di carnosina - in altre parole, una possibile carenza non può essere determinata da un esame del sangue.

Invece, il plasma di cavallo contiene oltre 100 µmol/l di carnosina. A seguito di una lesione muscolare, la quantità contenuta nel plasma aumenta, per cui la determinazione della carnosina nel plasma può essere utilizzata per diagnosticare lesioni muscolari.

Le funzioni biologiche della L-carnosina

  • Attenuazione degli effetti dell'acido lattico nei muscoli (il valore del pH rimane neutro anche durante le unità di allenamento intense come gli sprint)
  • Effetti antiossidanti pluripotenti
  • Capacità di disattivare le specie reattive dell'ossigeno, eliminazione dei radicali liberi
  • Cattura degli aldeidi
  • Prevenzione della glicazione
  • Prevenzione della carbonilazione delle proteine, ovvero 'carnosinilazione'
  • Funziona come un neurotrasmettitore
  • Protezione contro i proteasomi
  • Chelazione dei metalli

L-carnosina: una breve rassegna storica

La carnosina è stata utilizzata all'inizio del XX secolo dallo scienziato russo W.S. Gulewich che ne determinò anche la struttura. È stato il primo ed il più semplice esempio di peptidi biologicamente attivi (in realtà un dipeptide) e ha aperto la lunga lista di regolatori di proteine naturali del metabolismo ampiamente utilizzati.

I primi decenni furono dedicati agli studi sulla struttura, la distribuzione e le proprietà del composto. È stato scoperto che la carnosina è direttamente collegata alla funzione dei tessuti eccitabili come i muscoli e il cervello.

Nel 1953 SE Severin, un altro scienziato russo, dimostrò che la carnosina tampona efficacemente l'acido lattico prodotto dai muscoli che lavorano e che l'ingestione di carnosina aumenta la contrattilità e la resistenza dei muscoli.

Quando la carnosina viene scomposta, l'acido lattico si accumula nei muscoli, il livello di pH scende ed i muscoli si stancano. Quando viene aggiunta la carnosina, i muscoli si riprendono quasi istantaneamente e si contraggono come se non fossero mai esausti. Questo fenomeno è noto come il 'fenomeno Severin'.

Chiunque abbia avuto un'esperienza sportiva sa come ci si sente dopo la fatica fisica e capirà l'incredibile importanza di assumere un integratori di carnosina durante gli eventi sportivi.

L'interesse diffuso per questa sostanza naturale e sicura è recentemente aumentato, poiché le sensazionali scoperte australiane e britanniche hanno dimostrato che ha proprietà anti-età. Le proprietà anti-età della carnosina sono state studiate più da vicino solo negli ultimi anni, anche se le conosciamo da quasi un secolo.

La ricerca più sorprendente è arrivata dagli Stati Uniti nel 2002, dove il Dr. Michael Chez ha fornito dati sugli effetti benefici della carnosina sui bambini autistici. Nel frattempo sono stati pubblicati più di 900 studi sulla carnosina.

La storia della carnosina come medicinale e integratore alimentare

Un'ampia varietà di usi terapeutici è stata suggerita per questa straordinaria sostanza. La carnosina è stata riconosciuta come trattamento per la poliartrite già nel 1935. La carnosina ha la notevole capacità di rallentare i processi cellulari ed enzimatici in eccesso e di accelerarli quando sono soppressi.

Diversi studi recenti dimostrano che una combinazione di zinco e carnosina può proteggere la mucosa gastrica da vari irritanti ed è efficace come sostanza per prevenire le ulcere (Odashima et al. 2002). Ad esempio, la carnosina riduce la coagulazione delle piastrine del sangue nei pazienti con tendenza anormale alla coagulazione ('diluisce il sangue') e aumenta la coagulazione nei pazienti con ridotta coagulazione del sangue.

La carnosina ha effetti protettivi sulle membrane delle cellule del sangue, prolungandone la sopravvivenza e ha mostrato effetti stabilizzanti sulle membrane cellulari, proteggendole così dall'anemia emolitica indotta chimicamente.

Benefici della carnosina

  • Sicura, naturalmente presente negli alimenti e nell'organismo
  • Antiossidante versatile e neutralizzante degli aldeidi
  • Cattura i radicali idrossilici, superossidi e perossili
  • Eccellente protezione dei cromosomi contro i danni dell'ossigeno
  • Sopprime la perossidazione lipidica
  • L'arma più efficace per combattere la glicazione naturale
  • Previene la formazione di AGE
  • Protegge le proteine dalla tossicità degli AGE
  • Protegge le proteine dalla reticolazione
  • Protezione multifunzionale di proteine e fosfolipidi
  • Protegge dalla formazione di carbonili proteici, segno distintivo dei danni alle proteine
  • Previene il danneggiamento delle proteine proteggendo i proteasomi
  • Aiuta a mantenere il normale ricambio proteico
  • Prolunga del 20% la durata della vita dei topi con invecchiamento accelerato
  • Migliora notevolmente il comportamento e l'aspetto dei vecchi topi
  • Effetti drastici sui disturbi dello spettro autistico
  • Protegge le cellule cerebrali dall'eccitotossicità
  • Protegge le proteine e la biochimica del cervello
  • Mantiene le funzioni biochimiche del cervello
  • protegge la chimica del cervello dalle malattie che portano alla sovrapproduzione di radicali liberi
  • Ringiovanisce le cellule umane invecchiate in coltura
  • Aumenta la durata della vita delle cellule
  • Ripristina l'aspetto giovanile e il modello di crescita delle cellule che si avvicinano all'invecchiamento
  • Protegge dalla tossicità dei metalli
  • Chelazione di rame e zinco
  • Protegge naturalmente dalla tossicità del rame-zinco nel cervello
  • I chelanti rame-zinco dissolvono le drusen dell'Alzheimer
  • Previene la reticolazione delle proteine beta-amiloide nelle drusen di Alzheimer

Benefici della carnosina: il super peptide

La L-carnosina è un noto neuropeptide, costituito da alanina e istidina (beta-alanil-L-istidina). Normalmente è prodotto nel corpo umano e si trova in grandi quantità nel cervello, nei tessuti innervati, nei cristallini degli occhi e nel tessuto muscolare scheletrico.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che la carnosina ha la capacità di proteggere le cellule dallo stress ossidativo e di rafforzare la loro resistenza all'esaurimento funzionale e all'accumulo di caratteristiche senili.

I meccanismi di tale protezione sono spiegati utilizzando i seguenti termini:

  • Buffer di protoni (mantenimento dell'equilibrio del pH nei muscoli durante sessioni di allenamento intense)
  • Chelazione di metalli pesanti (in particolare del rame e dello zinco)
  • Neutralizza gli effetti dei radicali liberi e delle molecole di zucchero attivo (previene la glicazione e la carbonilazione delle proteine)
  • Previene la modificazione delle biomacromolecole mantenendo la loro funzione naturale sotto stress ossidativo
  • Concentrazioni fisiologiche (20-30 micromoli o MM) in portatori standard
  • Prolunga la vita dei fibroblasti umani in provetta e riduce notevolmente i normali processi di invecchiamento. Negli animali da laboratorio, la carnosina ha notevolmente migliorato l'aspetto esterno ed ha prodotto effetti positivi visibili in termini di parametri comportamentali e di durata media della vita.

La carnosina può aiutare a combattere le malattie legate all'età quali:

  • Degenerazione neurologica (Alzheimer, Parkinson, epilessia, depressione, schizofrenia, lieve deterioramento cognitivo, demenza e ictus)
  • Disturbi dello spettro autistico, sindrome di Asperger, ADHD, dislessia
  • Invecchiamento cellulare, invecchiamento in generale
  • Reticolazione del cristallino (cataratta)
  • Reticolazione del collagene cutaneo (invecchiamento cutaneo)
  • Formazione di Advanced Glycation End Products (AGE)
  • Accumulo di proteine danneggiate
  • Atrofia muscolare
  • Deficit di afflusso di sangue al cervello (ictus)
  • Malattie cardiovascolari
  • Diabete e sue complicazioni

La carnosina come integratore alimentare multifunzionale è una scoperta relativamente recente. È un impressionante super antiossidante fisiologico e naturale al 100% con numerose funzioni biologiche tra cui (oltre a quanto sopra):

  • Effetto antiossidante universale e versatile
  • Supporto della vitalità dei muscoli
  • Aumento della forza muscolare e della resistenza
  • Recupero più veloce dopo gli sprint
  • Previene i danni cellulari causati dall'alcol

Effetti collaterali della carnosina

Al momento non sono noti effetti collaterali della carnosina.

Carnosina: un super antiossidante multipotente

La carnosina è un antiossidante che stabilizza e protegge la membrana cellulare. Più precisamente, essendo un neutralizzatore di radicali liberi solubile in acqua, previene specificamente la perossidazione lipidica all'interno della membrana cellulare.

Molti antiossidanti (come le vitamine E e C) mirano a impedire ai radicali liberi di entrare nei tessuti, ma non hanno effetto dopo che questo primo strato protettivo è stato rotto. I radicali liberi provocano lo stress ossidativo nell'organismo.

La carnosina non è efficace solo nella prevenzione, ma agisce anche attivamente dopo che i radicali liberi reagiscono e formano altri composti pericolosi come perossidi lipidici e sottoprodotti. Protegge quindi il tessuto da questi dannosi prodotti chimici di 'secondo stadio'.

Ad esempio, un prodotto finale della perossidazione lipidica altamente reattivo chiamato malondialdeide o MDA, un prodotto pericoloso della reazione dei radicali liberi, viene bloccato dalla carnosina. L'MDA, se non controllato, può danneggiare i lipidi, gli enzimi e il DNA e svolge un ruolo nell'arteriosclerosi, nell'infiammazione articolare, nella cataratta e nell'invecchiamento in generale.

La carnosina si sacrifica come mediatore dello stress ossidativo reagendo con l'MDA e disattivandolo per proteggere gli amminoacidi della molecola proteica. La carnosina reagisce chimicamente con tutte le varietà di ossigeno reattivo, prevenendo lo stress ossidativo.

Una proprietà antiossidante piuttosto insolita della carnosina è la sua capacità di ridurre i livelli di sostanze reattive dell'acido tiobarbiturico (TBARS).

La carnosina è una sostanza che protegge e prolunga la vita funzionale dei più importanti elementi costitutivi dell'organismo - le cellule, il DNA ed i lipidi - e quindi può sicuramente essere definita un principio attivo per la longevità.

Interagendo con i prodotti di ossidazione dei lipidi aldeidici, la carnosina protegge il tessuto biologico dall'ossidazione, poiché le aldeidi possono formare degli addotti con il DNA, con le proteine, con gli enzimi e con le lipoproteine, portando a cambiamenti nefasti nella loro attività biologica. (Burcham et al. 2002).

Lo stress ossidativo e il trauma possono portare ad una riduzione dei livelli di carnosina che può aiutare a spiegare l'aumento della mortalità negli anziani dopo eventi stressanti. Pertanto, delle buone difese antiossidanti sono fondamentali per una buona salute, soprattutto negli anziani.

La carnosina è una soluzione totale: una pillola super antiossidante per coloro che non vogliono ingerire una manciata di pillole ogni giorno. Le proprietà anti-età della carnosina si estendono ben oltre i suoi effetti antiossidanti, come scoprirete presto.

Carnosina: la terapia per la chelazione dei metalli

Molti ricercatori ritengono che gli effetti benefici sulla salute della carnosina si basino, almeno in parte, sulla sua capacità di chelare i metalli. (Miller e O'Dowd 2000, Chez 2003).

Cosa significa questo in termini semplici?

Il termine 'chelato' deriva dal greco 'chele' che significa 'artiglio' e si riferisce alla capacità di un materiale di combinarsi con i metalli in eccesso nelle cellule e nel flusso sanguigno in modo che il fegato ei reni possano rimuoverli.

La terapia chelante viene solitamente somministrata sotto forma di più infusioni endovenose contenenti EDTA disodico e varie altre sostanze come la penicillina. La terapia chelante è tradizionalmente utilizzata nella medicina del lavoro in quanto è efficace nella rimozione dei metalli pesanti tossici (come il piombo) dall'organismo.

Nella medicina del lavoro, la terapia chelante è la medicina convenzionale, non un trattamento alternativo. Tuttavia, la terapia chelante viene utilizzata anche nelle cliniche private come trattamento aggiuntivo per una varietà di altre malattie diverse dall'avvelenamento da metalli pesanti, in quanto può avere i seguenti vantaggi:

  • Dilatazione delle arterie ristrette
  • Riduzione della pressione sanguigna alta
  • Riduzione dell'attività dei radicali liberi
  • Miglioramento dell'assorbimento di ossigeno nelle cellule
  • Rimozione di metalli pesanti tossici dall'organismo
  • Miglioramento della memoria
  • Sollievo dal dolore alle estremità
  • Aumento dell'elasticità dei vasi sanguigni
  • Miglioramento del flusso sanguigno al cuore, al cervello, agli organi e alle gambe
  • Miglioramento dell'attività enzimatica

Vaccinazioni & Mercurio

Nel contesto delle vaccinazioni, la chelazione con la carnosina può essere fondamentale in quanto rimuove il mercurio organico (thimerosal o thiomersal) dal bambino.

Il mercurio organico è incluso nella maggior parte dei vaccini come conservante antimicrobico, sebbene sia stato riconosciuto come sostanza tossica che colpisce il sistema nervoso centrale sin dagli anni '30.

A nostro avviso, ogni bambino e adulto vaccinato dovrebbe assumere la carnosina come precauzione per eliminare il thimerosal dall'organismo il prima possibile.

Terapia chelante con EDTA ed arteriosclerosi

La terapia chelante è diventata un trattamento 'alternativo' popolare dopo che l'EDTA si è rivelato efficace nel chelare e rimuovere i metalli tossici dal sangue. Alcuni ricercatori suggeriscono che le arterie indurite potrebbero diventare più morbide quando il calcio viene rimosso dalle loro pareti.

Il primo suggerimento che il trattamento con EDTA potrebbe aiutare i pazienti con arteriosclerosi è venuto da Clarke, Clarke e Mosher, che nel 1956 riferirono che le persone con arteriopatia periferica occlusiva si sentivano meglio dopo il trattamento con EDTA.

Come integratore alimentare, la carnosina sembra avere le stesse proprietà chelanti dell'EDTA ed offre l'opportunità di una terapia chelante orale poco costosa. La carnosina ha la capacità di chelare metalli pro-ossidativi come rame, zinco e metalli pesanti tossici (piombo, mercurio, cadmio, nichel).

Carnosina e trattamenti anti-età

A causa delle sue proprietà preventive della glicazione, la carnosina può essere utile nella prevenzione e nel trattamento delle complicanze diabetiche come cataratta, malattie nervose, arteriosclerosi ed insufficienza renale.

Può anche essere utile per tutti noi, poiché tutti invecchiamo a causa degli AGE, ma non così rapidamente come un diabetico. L'ultima ricerca mostra che il più importante beneficio della carnosina è il suo effetto anti-glicazione (Aldini et al 2002a, 2002b, Yeargans e Seidler 2003).

Cos'è in realtà la glicazione?

Proverò a spiegarlo in modo semplice.

  • Nell'organismo, ogni secondo avviene un processo distruttivo chiamato 'glicazione'.
  • La glicazione può essere descritta come il legame di una molecola proteica ad una molecola di glucosio che porta alla formazione di strutture danneggiate e non funzionanti.
  • La glicazione modifica la struttura delle proteine e riduce l'attività biologica.
  • Le proteine glicate che si accumulano nei tessuti colpiti sono marcatori notevoli di malattia. Molte malattie legate all'età, come l'irrigidimento arterioso, la cataratta o il danno neurologico, sono almeno in parte attribuibili alla glicazione.

La carnosina, che previene la glicazione, può anche svolgere un ruolo nella rimozione delle proteine glicate. La carnosinilazione (il processo mediante il quale la carnosina si combina con le molecole denaturate) contrassegna le proteine glicate per il trasporto cellulare.

La glicazione, nota anche in biochimica come reazione di Maillard, che avviene tra proteine e glucosio, è riconosciuta come il fattore principale del processo di invecchiamento e forse del cancro, oltre che delle complicazioni del diabete. Il glucosio fornisce il carburante per la glicazione, la combinazione pericolosa di proteine/glucosio che,dopo diversi passaggi, incluso il processo di ossidazione, porta alla formazione di prodotti finali di glicazione avanzata, o AGE.

Una volta che gli AGE si sono formati, interagiscono con le proteine vicine per formare legami crociati patologici che induriscono il tessuto. È stato ipotizzato che nessun'altra molecola abbia effetti potenzialmente tossici sulle proteine come i prodotti finali di glicazione avanzata. I diabetici formano quantità eccessive di AGE prima dei non diabetici, un processo che interrompe la normalità degli organi che dipendono dalla flessibilità e dalla funzione. È stato dimostrato che la glicazione indurisce le arterie dei diabetici.

Gli AGE innescano una reazione a catena di eventi distruttivi perché si attaccano ai siti dei legami cellulari. Una delle conseguenze degli AGE è un aumento del 50 per cento della formazione di radicali liberi. Poiché il diabete, una condizione di invecchiamento accelerato, produce un gran numero di AGE, vengono attaccati principalmente le arterie, il cristallino e la retina degli occhi, i nervi periferici ed i reni.

Combattendo la glicazione, si riducono i danni glomerulari e la conseguente infiammazione e contrazione renale. I ratti diabetici non trattati con inibitori della glicazione hanno mostrato un raddoppiamento della colorazione glomerulare dei prodotti finali della glicazione avanzata rispetto ad un gruppo simile di ratti diabetici trattati (Forbes et al., 2001).

La cataratta (un'altra complicanza del diabete) può anche formarsi a causa della glicazione, mentre gli inibitori della glicazione, come la carnosina ed il piruvato di calcio, proteggono da tali danni. L'assunzione di inibitori della glicazione consente alle persone di prevenire molti dei problemi dell'invecchiamento.

Poiché la struttura della carnosina è simile ai siti che vengono attaccati dagli agenti di glicazione, sembra che la carnosina si sacrifichi per proteggere il bersaglio. La carnosina supporta anche il processo proteolitico, cioè la rimozione di proteine danneggiate e non necessarie.

A causa delle sue proprietà preventive della glicazione, la carnosina può essere utile nella prevenzione e nel trattamento delle complicanze diabetiche come cataratta, malattie nervose, arteriosclerosi ed insufficienza renale. Può anche essere utile per tutti noi, poiché gli AGE fanno invecchiare tutti noi, ma meno rapidamente dei diabetici.

Carnosina: riepilogo

L'interesse per la carnosina è aumentato notevolmente negli ultimi anni e molti esperti prevedono che diventerà uno degli integratori alimentari più importanti per le persone di tutte le età, in particolare per quelle con più di 40 anni.

In America e nel Regno Unito, gli specialisti anti-età ed i dietologi raccomandano la carnosina come prezioso integratore alimentare. Non sono noti effetti collaterali o interazioni con altri farmaci.

Le ricerche di laboratorio sull'invecchiamento cellulare (la fine del ciclo di vita delle cellule in divisione) suggerisce che questi fattori potrebbero non essere coincidenze. La carnosina ha una notevole capacità di ringiovanire le cellule che si stanno avvicinando all'invecchiamento, ripristinando così il loro aspetto normale e prolungandone la vita.

La carnosina è un neutralizzante degli aldeidi che può anche rimuovere i rifiuti (disaccoppiando così proteine, zuccheri e fosfolipidi danneggiati) ed è un fattore chiave nella costruzione di nuove torri più robuste.

Come integratore alimentare, la carnosina è un potenziale regolatore di complicanze diabetiche, arteriosclerosi, Alzheimer, Parkinson, epilessia, autismo, dislessia, ADHD, schizofrenia e sindromi correlate.

Il rame e lo zinco vengono rilasciati durante la normale attività sinaptica. Invece, negli ambienti leggermente acidi caratteristici dell'Alzheimer sono ridotti alle loro forme ioniche e sono quindi tossici per il sistema nervoso. La ricerca ha dimostrato che la carnosina può attenuare la tossicità del rame e dello zinco nel cervello.

La carnosina ha dimostrato in vitro (nella provetta) di ostacolare la glicosilazione non enzimatica e la reticolazione delle proteine che vengono stimolate da aldeidi reattive, inclusi gli zuccheri aldosi e chetosi, alcuni prodotti intermedi di triosi glicolitici e la malondialdeide (MDA, un prodotto di perossidazione lipidica).

La carnosina previene anche la formazione di prodotti finali di glicosilazione avanzata (AGE) indotti da MDA e correlati alle proteine e la formazione di legami incrociati tra DNA e proteine che derivano dall'acetaldeide e dalla formaldeide. Il prodotto di perossidazione liquido malondialdeide forma addotti con proteine che si trovano durante i test di routine dopo la carbonilazione delle proteine.

Carnosina
La carnosina ha la straordinaria capacità di ringiovanire le cellule quando si avvicinano alla fine della loro vita. Infatti, attualmente non esiste nessun altro ingrediente attivo in grado di proteggere meg...

Prodotti consigliati

I vostri vantaggi

  • CONSEGNA GRATUITA

  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

  • COMODO PAGAMENTO

    PayPal, Carta di credito, Addebito diretto

Cosa dicono di noi i nostri clienti

La nostra raccomandazione
UltraPure Carnosin

24,90 € *

Consegna GRATUITA

Maggiori informazioni