L'acido ialuronico per la bellezza e la salute

Informazioni, benefici, dosaggio, effetti collaterali

L'acido ialuronico è parte integrante dell'industria cosmetica da molti anni. Il principio attivo, che si trova naturalmente nell'organismo, è particolarmente apprezzato per le sue proprietà anti-invecchiamento. Tuttavia, le possibili applicazioni vanno ben oltre, ad esempio in vari settori della medicina.

Cos'è l'acido ialuronico?

L'acido ialuronico è un polisaccaride, uno zucchero multiplo. È il più semplice glicosamminoglicano, una classe di polisaccaridi a carica negativa. Il polisaccaride a catena lunga, in particolare, ha una proprietà strutturante.

Il polisaccaride è sintetizzato nella membrana plasmatica della cellula e si trova in quasi tutti i tessuti e gli organi dei vertebrati. Tuttavia, la concentrazione più alta si trova nel tessuto connettivo. L'acido ialuronico si presenta nel corpo sia in forma libera non legata che in combinazione con altri componenti della matrice extracellulare (ECM). [1]

Denominazioni dell'acido ialuronico

L'acido ialuronico ha molti nomi differenti:
  • Acido ialuronico è il nome colloquiale e più comune.
  • Hyaluronic Acid è il termine inglese.
  • Laluronano è il termine ufficiale e scientifico.
  • HA, occasionalmente anche HYA, sono le abbreviazioni comuni.

La storia della scoperta dell'acido ialuronico

Il chimico francese Portes notò per la prima volta nel 1880 che le mucine del corpo vitreo, da lui chiamate ialomucine, si comportavano diversamente. Le mucine sono parte del muco di molti organismi e hanno una funzione protettiva e strutturante.

Lo scienziato tedesco Karl Meyer ha poi isolato l'acido ialuronico dal corpo vitreo. Ha descritto che il composto consisteva, tra l'altro, di un acido uronico e di un amminoacido. [2]

Assegnandogli il nome, Meyer ha combinato i termini ialoide - il nome scientifico del corpo vitreo - e acido uronico. Ecco come è nato il termine acido ialuronico. [2]

Benefici e funzione dell'acido ialuronico

Lo ialuronano è un polimero lineare, non ramificato, alternato, ad alto peso molecolare. A differenza di altri glicosaminici che si trovano nell'ECM, come l'eparina, non è solfatato. [1] [3]

Una proprietà speciale dell'acido ialuronico è l'elevata capacità legante dell'acqua. Questo perché il composto chimico è idrofilo, ha una carica negativa e può assorbire grandi quantità di acqua a causa della lunga catena polimerica.

Si forma una soluzione visco-elastica, per cui la viscosità della soluzione aumenta con l'aumentare della concentrazione. In questo modo, lo ialuronano è in grado di legare un multiplo del proprio peso in acqua. [4]

Il ruolo biologico dell'acido ialuronico

Originariamente si supponeva che l'acido ialuronico agisse come una sorta di riempimento molecolare del tessuto connettivo. Come già detto, una delle sue proprietà più importanti è la capacità di legare grandi quantità di acqua. Anche a basse concentrazioni, l'acido ialuronico può formare una rete intricata. [5]

I ricercatori hanno anche identificato diverse specifiche proteine leganti ialuroniche. Queste proteine sono chiamate ialadrine. Le loro ricerche hanno dimostrato che l'acido ialuronico svolge molte altre importanti funzioni: [6]

  • Stoccaggio e omeostasi dell'acqua

    Le sue proprietà fisiche rendono l'acido ialuronico resistente alla perdita d'acqua. Nel tessuto agisce come una barriera naturale contro i rapidi cambiamenti del contenuto d'acqua e la conseguente disidratazione.[7]

  • Lubrificante nei giunti

    Le articolazioni, come i gomiti e le ginocchia, sono circondate da una membrana chiamata membrana sinoviale. Forma una capsula attorno alle estremità delle due ossa articolari. La membrana secerne un fluido chiamato fluido sinoviale.

L'acido ialuronico è un componente essenziale del liquido sinoviale. È denso e ha un'elevata viscosità che è garantita principalmente dalla sua proprietà di legare l'acqua. Tra le articolazioni sinoviali, come l'articolazione del ginocchio, agisce come ammortizzatore o lubrificante.

Oltre alla sua funzione elastica e ammortizzante per l'articolazione, l'acido ialuronico ha un'altra importante funzione: trasportare le sostanze nutritive nella cartilagine e trasportare i prodotti di scarto della capsula articolare. [8]

Struttura e funzionalità nel tessuto osseo e cartilagineo

L'acido ialuronico si trova in tutte le ossa e le strutture cartilaginee del corpo umano. Dà ad entrambe le strutture l'elasticità necessaria.

Le strutture cartilaginee, in particolare la cartilagine ialina, contengono molto acido ialuronico. La cartilagine ialina spesso ricopre le estremità delle ossa e, per il suo effetto ammortizzante, si trova spesso tra le articolazioni che possono essere piegate. Altre cartilagini ialine si trovano alla giunzione tra le costole e lo sterno, la punta del naso o la cartilagine di supporto della trachea e dei bronchi nei polmoni.

L'acido ialuronico è importante per il tessuto connettivo

Il tessuto connettivo si trova in tutto il corpo umano. Può assumere molte forme e svolgere diverse funzioni, come legare, sostenere, proteggere o isolare.

Un esempio di tessuto connettivo è costituito dalle strutture simili a corde che collegano i muscoli con le ossa sotto forma di tendini. Un'altra variante collega l'osso con l'osso. In questo caso si tratta di legamenti.

Ci sono 3 elementi strutturali in tutti i tessuti connettivi. La sostanza di base è l'acido ialuronico, le fibre elastiche sono costituite da collagene ed elastina e, a seconda dell'organo, da un tipo di cellula di base.

Mentre tutti gli altri tessuti primari del corpo sono costituiti principalmente da cellule viventi, il tessuto connettivo è costituito principalmente da una sostanza di base non vivente, l'acido ialuronico. Esso separa le cellule viventi del tessuto connettivo e le imbottisce.

La separazione e l'imbottitura consentono al tessuto di resistere alle sollecitazioni dovute al peso, alla tensione e al sovraffaticamento. Tutto ciò è reso possibile dalla presenza di acido ialuronico e dalla sua capacità di formare il fluido gelatinoso di base.

Anche le gengive sono costituite da tessuto connettivo. Questo è relativamente denso e fibroso e prende il nome di legamento. È responsabile del fissaggio dei denti all'osso mascellare. Nel legamento, come in altri tessuti connettivi, l'acido ialuronico gioca un ruolo importante nella struttura.

Senza la presenza di acido ialuronico, il tessuto gengivale non potrebbe rimanere sano e compatto. L'acido ialuronico fornisce al tessuto la sua resistenza alla trazione e aiuta fornendo umidità e sostanze nutritive. Il risultato sono gengive sane.

Il cuoio capelluto è strutturalmente identico a tutti gli altri tessuti cutanei dell'organismo. Tuttavia, la differenza è la media di circa 100.000 follicoli piliferi che crescono al suo interno. I capelli e i follicoli piliferi sono un derivato del tessuto cutaneo.

Ci sono 2 diversi strati di pelle. L'epidermide è lo strato esterno. È lo scudo protettivo e la barriera naturale dell'organismo verso il mondo esterno. Lo strato inferiore o interno è lo strato dermico e costituisce la parte principale della pelle.

I follicoli piliferi crescono nello strato dermico. Questo strato cutaneo è costituito da tessuto connettivo e dall'acido ialuronico in esso contenuto che con le sue proprietà gelatinose e liquide sostiene, nutre e idrata gli strati profondi del cuoio capelluto. Il risultato sono capelli sani e lucenti e un cuoio capelluto sufficientemente idratato.

L'acido ialuronico nel corpo

Lo ialuronano è un componente di tutti i vertebrati e la capsula di alcuni ceppi di streptococchi. È un componente importante della matrice extracellulare e di altri tessuti e organi differenziati. La concentrazione varia a seconda del tessuto e della funzione.

Concentrazione e distribuzione

Oltre all'ECM, lo ialuronano è il componente principale dei seguenti organi e fluidi con la concentrazione corrispondente: [9]

  • Cordone ombelicale (4100 µg/g)
  • Fluido per giunti sinoviali (da 1400 a 3600 µg/ml)
  • Corpo vitreo dell'occhio (da 140 a 338 µg/ml)

La maggiore quantità di acido ialuronico, circa 2,5 g/l, si trova nella pelle. Questo fa un totale di circa 7-8 g di acido ialuronico in un adulto che è circa il 50% della quantità totale nell'organismo.

I ricercatori ipotizzano che la quantità totale di acido ialuronico nel corpo di un adulto sia compresa tra 11 e 17 g. La più alta concentrazione mai riscontrata nel tessuto umano si trova nel cordone ombelicale ed è di circa 4 mg/ml. [10]

Degradazione dell'acido ialuronico

L'acido ialuronico, come quasi ogni materiale biologico, è degradabile. Può essere degradato nell'organismo in 2 modi diversi. In entrambi i casi sono necessarie ialuronidasi, enzimi speciali. Ci sono diverse varianti di questo enzima, che agiscono in diversi punti: [1]

  • Degradazione all'interno delle cellule:

    La ialuronidasi, ial-1, è responsabile del catabolismo dello ialuronano all'interno della cellula. Funziona principalmente nel lisosoma. I prodotti di degradazione finale sono zuccheri semplici che possono essere ulteriormente elaborati o scomposti in altre vie metaboliche.

  • Rilascio dall'ECM

    La ialuronidasi, ial-2, è responsabile della degradazione della ialuronasi extracellulare. Dopo la scissione, viene trasportato via attraverso il sistema linfatico. Se poi è nel flusso sanguigno, il fegato rimuove circa l'80%, il rene un altro 10% e il resto viene filtrato attraverso il sistema linfatico.

  • Emivita dell'acido ialuronico

    L'acido ialuronico viene scomposto nel corpo a ritmi diversi. I ricercatori hanno scoperto che l'emivita nella matrice extracellulare è di poche ore a settimane - nel liquido sinoviale anche solo poche ore.[11]

Carenza di acido ialuronico

Il corpo umano è in grado di produrre l'acido ialuronico. Ma questa capacità diminuisce costantemente con l'età. A circa 40 anni, l'organismo può sintetizzare solo il 40%. All'età di 60 anni, il tasso di produzione è solo il 10% circa dell'apporto originale.

Come già descritto, l'acido ialuronico è contenuto in molti organi del corpo umano e quindi assume varie funzioni, alcune delle quali sono vitali. Pertanto, una carenza di acido ialuronico può portare a sintomi molto diversi:

  • occhi secchi e irritati
  • visione ridotta
  • pelle sottile e secca
  • mucose secche
  • guarigione ridotta delle ferite
  • aumento delle rughe
  • tessuto connettivo flaccido
  • Dolore alle articolazioni
  • mobilità limitata

Acido ialuronico e nutrizione

L'alimentazione corretta può promuovere in una certa misura la produzione propria dell'organismo di acido ialuronico. Ad esempio, uno studio ha dimostrato che il consumo di latte di soia fermentato può stimolare la produzione di acido ialuronico. [12]

Affinché il corpo sia in grado di produrre acido ialuronico, deve essere fornito dei blocchi necessari per la sintesi. Il magnesio è essenziale per la sintesi di ialuronano. Pertanto, al fine di promuovere la produzione endogena dell'organismo, dovrebbe essere fornito un quantitativo sufficiente di magnesio. [13]

Il magnesio si trova, tra l'altro, nei seguenti alimenti:

  • Cavolfiore
  • Ortaggi a radice
  • Banane
  • Noci
  • Leguminose

L'acido ialuronico è contenuto anche in molti prodotti di origine animale. Tra questi, ad esempio:

  • Carne
  • Ostriche
  • Brodo di ossa
  • Fegato
  • Uova

Ialuronano e altri fattori ambientali

Ci sono molti fattori noti che possono influenzare i livelli di acido ialuronico. I geni sono solo uno di questi. Ci sono molte influenze ambientali che possono influire su tali livelli.

I fumatori, ad esempio, tendono a sviluppare più spesso rughe più profonde. Uno studio in vitro del 1989 ha dimostrato che il fumo di sigaretta può abbattere l'acido ialuronico. I ricercatori hanno ipotizzato che questo effetto sia causato dai radicali liberi contenuti nel fumo. [14]

Anche il livello ormonale può influenzare la concentrazione di acido ialuronico nell'organismo. Gli studi hanno dimostrato che il trattamento con estrogeni aumenta l'attività dell'acido ialuronico. L'ormone è noto per aumentare l'uso di sostanze nutritive come il magnesio e lo zinco , sostanze nutritive che sono note per la loro influenza sui livelli di acido ialuronico. [15]

Acido ialuronico e invecchiamento della pelle

L'invecchiamento cutaneo si manifesta come una progressiva riduzione della capacità funzionale e di riserva del tessuto cutaneo. Si tratta di un processo complesso e di un'interazione di diversi eventi biologici.

Si può distinguere il naturale processo interno da quello esterno. Il corpo umano è in grado di produrre l'acido ialuronico. Tuttavia, questa capacità diminuisce con il tempo.

Possibili motivi sono la diminuzione di estrogeni e di progesterone. È noto che la mancanza di estrogeni e di androgeni porta alla degradazione del collagene, alla secchezza, alla perdita di elasticità e alle rughe della pelle. [16]

La diminuzione della concentrazione di acido ialuronico nella pelle ha come conseguenza una minore capacità di legarsi all'acqua. La pelle diventa secca e meno elastica. Si favorisce così la formazione delle rughe.

Acido ialuronico e mobilità

Giunture e tendini sono essenziali per consentire il movimento. Come già detto, l'acido ialuronico è il componente principale del fluido sinoviale e garantisce elasticità e assorbimento degli urti.

Se il livello di acido ialuronico diminuisce, questo ha anche un effetto sulla consistenza del liquido sinoviale. L'effetto come lubrificante diminuisce e la cartilagine e le articolazioni non sono più sufficientemente protette dagli urti. [17]

Questo porta all'attrito delle articolazioni e della cartilagine che è associato a forti dolori. La conseguenza è che ogni movimento è percepito come doloroso e, se possibile, viene evitato. La mobilità diminuisce sempre più.

Acido ialuronico e problemi alle articolazioni

Molte condizioni diverse possono portare a dolori articolari. Le malattie più comuni sono l'artrosi, l'artrite reumatoide, la gotta, gli strappi, le distorsioni e l'eccesso di tensione. [18]

Il corpo umano ha circa 100 articolazioni reali. Solo quelli che sono costituiti da due parti di giunzione opposte sono chiamati veri e propri giunti. Questi sono protetti da uno strato protettivo cartilagineo contenente acido ialuronico.

Le giunture che vengono utilizzate con particolare frequenza o che sono sottoposte a maggiore stress sono più spesso percepite come dolorose. Queste includono in particolare l'articolazione del ginocchio, della spalla o anche dell'anca.

I dolori articolari possono essere da lievemente irritanti a gravemente debilitanti. Se il dolore dura fino a diverse settimane, si chiama dolore acuto. Se dura diverse settimane o mesi, può diventare una malattia cronica.

L'acido ialuronico può aiutare a fermare l'usura naturale delle articolazioni. Il lubrificante delle articolazioni previene l'irritazione della cartilagine. Questo spesso provoca un'infiammazione, che a lungo termine porta alla degenerazione del tessuto osseo e cartilagineo e causa dolore.

L'acido ialuronico nei cosmetici

Da quando i ricercatori hanno scoperto il legame tra l'acido ialuronico e la struttura della pelle, è diventato un principio attivo popolare in vari cosmetici. Oggi l'acido ialuronico è disponibile in creme per il viso, maschere, sieri e sotto forma di fiale per l'applicazione.

L'effetto di questi cosmetici è principalmente il miglioramento dell'umidità della pelle. Il potere legante dell'acqua garantisce anche un migliore aspetto della pelle. La pelle appare rimpolpata e le aree del viso pallide o infossate appaiono meno pronunciate.

Tuttavia, i prodotti cosmetici di solito possono fornire solo un effetto temporaneo. La barriera cutanea naturale e la struttura molecolare impediscono la loro penetrazione nelle regioni più profonde della pelle.

I ricercatori hanno dimostrato che solo l'acido ialuronico a basso contenuto molecolare era in grado di penetrare nello strato corneo, lo strato epiteliale superiore della pelle. Le varianti ad alta molecolarità sono troppo grandi per questo e non possono superare la barriera. [19]

L'acido ialuronico in medicina estetica

L'acido ialuronico è usato sempre più frequentemente in medicina estetica. Trattandosi di procedure non invasive, sono meno rischiose delle procedure di chirurgia plastica.

I possibili campi di applicazione sono versatili:

  • Trattamento delle rughe
  • Filler di labbra e zigomi
  • Modellamento del volto
  • Aumento del seno
  • Trattamento del tessuto cicatriziale infossato
  • Correzione di parti del corpo deformate o danneggiate
  • Lifting del viso

A seconda dell'area di applicazione, si deve scegliere un diverso tipo e reticolazione delle molecole di acido ialuronico. Per modellare si usa un acido ialuronico reticolato, perché è meno facilmente scomponibile dall'organismo. L'effetto dura più a lungo.

Un ulteriore vantaggio dell'acido ialuronico reticolato è il più forte legame dell'acqua. Il gel assorbe più acqua e quindi raggiunge un volume maggiore. Questa proprietà è particolarmente importante per l'ingrandimento o il modellamento. [20]

Trattamento delle rughe con acido ialuronico

In questa procedura, piccole quantità di gel di acido ialuronico vengono iniettate nello strato cutaneo dell'area interessata. La quantità e la consistenza del gel dipendono dalla profondità delle rughe e dalla zona da trattare.

Un gel sottile è solitamente utilizzato per le rughe superficiali. Per le rughe più profonde, viene iniettato un preparato viscoso. In entrambi i casi è previsto un effetto riempitivo.

Un'alternativa all'acido ialuronico era l'iniezione di collagene nelle rughe. Tuttavia, questa tendenza è diminuita, poiché il collagene ha portato a complicazioni e incompatibilità più frequenti. Reazioni allergiche e noduli sotto la pelle si sono spesso verificati.

Ciò era dovuto principalmente all'origine del collagene: esso veniva solitamente estratto da tessuti di maiali o bovini. Il corpo reagisce più spesso con una risposta immunitaria al collagene estraneo.[21]

Acido ialuronico contro Botox

Un altro metodo comune di trattamento delle rughe è l'uso del Botox. Questa è la tossina botulinica, una potente neurotossina. La tossina è sintetizzata da un ceppo di batteri, il Clostridium botulinum. Solo 1 g di questa tossina nervosa potrebbe uccidere un milione di persone. [22]

Tuttavia, la tossina botulinica ha dimostrato di essere una proteina terapeutica di successo e di valore. Non viene utilizzato solo per scopi estetici, ma è anche approvato per il trattamento di altri disturbi, come l'emicrania cronica o spasmi muscolari. [23]

Ci sono alcune differenze essenziali rispetto al trattamento con acido ialuronico. Uno studio ha dimostrato che circa l'1% delle persone che hanno ricevuto iniezioni di tossina botulinica sviluppano anticorpi contro la tossina. I trattamenti successivi con Botox sono quindi inefficaci. [24]

Un trattamento con Botox dura circa 3-6 mesi. Il gel di acido ialuronico iniettato viene scomposto dal corpo nel tempo.

Poiché il Botox rilassa i muscoli, la mimica facciale può soffrire molto del trattamento. Il viso appare spesso rigido e congelato. Il trattamento con acido ialuronico, tuttavia, ha un effetto riempiente e non influisce sulle espressioni del viso.

Un'altra importante differenza tra i due metodi di trattamento è la reversibilità. Un trattamento fallito con il Botox non può essere invertito prematuramente. Utilizzando le ialuronidasi (enzimi che scompongono lo ialuronano), c'è la possibilità di un miglioramento o addirittura di una completa cancellazione dell'effetto. [25]

Fondamentalmente, quando si sceglie tra Botox e acido ialuronico, ci si chiede quale effetto dovrebbe avere la terapia. Di norma, l'acido ialuronico viene utilizzato per le rughe statiche, come le pieghe naso-labiali o le rughe agli angoli della bocca. La ragione di ciò è che riempie le depressioni legate all'età.

Il Botox è più adatto per le rughe dinamiche, come le zampe di gallina o le rughe di espressione. Poiché ha un effetto paralizzante sui muscoli facciali iniettati, le espressioni facciali non sono così pronunciate. Questo impedisce la comparsa di questo tipo di rughe o le riduce completamente.

L'acido ialuronico nella medicina umana

L'acido ialuronico non viene utilizzato solo in medicina estetica. Anche nella medicina umana è sempre più utilizzata in vari settori.

Ad esempio, essendo un componente importante per l'occhio umano, viene spesso utilizzato nella chirurgia oculare. Le soluzioni di acido ialuronico sono utilizzate per mantenere l'occhio umido durante l'intervento chirurgico e per favorire la guarigione delle ferite. Le gocce oculari contenenti acido ialuronico possono essere utili anche dopo un'operazione o per occhi secchi e irritati. [26] [27]

In generale, si dice che l'acido ialuronico migliori la guarigione delle ferite. I ricercatori lo suppongono perché la concentrazione di acido ialuronico nella pelle è aumentata durante il processo di guarigione della ferita. [28]

Uno studio del 2009 ha esaminato il trattamento delle perforazioni del timpano con una soluzione di acido ialuronico all'1%. Delle 25 perforazioni trattate, 17 si sono ritirate con successo, mentre la dimensione di altre 4 è stata notevolmente ridotta. Non sono stati osservati effetti collaterali in nessuno dei casi. [29]

Nella medicina clinica, il livello di acido ialuronico viene utilizzato come marcatore diagnostico per diverse possibili malattie. Così, il livello può indicare vari disturbi del fegato o una possibile malattia tumorale. [30] [31] [32]

Acido ialuronico e artrosi

Un'altra possibile applicazione nella medicina umana è il trattamento dell'artrosi con iniezioni di acido ialuronico. Questo metodo è stato utilizzato per molti anni ed è stato dimostrato in vari studi che è un'opzione terapeutica utile. [33]

Cos'è l'osteoartrite?

L'artrosi, nota anche come osteoartrite, è considerata la più comune malattia cronica delle articolazioni. Di solito è causata dall'usura naturale delle articolazioni e della cartilagine. Se il liquido sinoviale diminuisce nel tempo, aumenta il contatto diretto tra i componenti delle giunture.

Con il passare del tempo, la cartilagine diventa sempre più sottile per abrasione o viene addirittura completamente distrutta. Questo porta ad un contatto diretto tra le ossa nelle articolazioni. Le conseguenze sono dolore, rigidità e gonfiore delle articolazioni.

Che effetto ha il trattamento con acido ialuronico sull'osteoartrite?

Le iniezioni di acido ialuronico nell'articolazione sono un'opzione di trattamento che molti medici offrono. Questo di solito avviene quando un paziente non può più alleviare il dolore dell'osteoartrite con altri antidolorifici come l'ibuprofene o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Altri motivi possono essere l'intolleranza o gli effetti collaterali degli antidolorifici.

L'idea di usare l'acido ialuronico per curare l'osteoartrite è stata originariamente concepita nel 1971 dallo scienziato ungherese Endre A. Balazs. In precedenti immagini al microscopio elettronico delle articolazioni, aveva scoperto il fluido sinoviale e la sua possibile composizione. [34]

Da allora, il trattamento dell'osteoartrite con iniezioni di acido ialuronico è stato studiato in vari studi e testato per la sua efficacia. Nel 2006, un team guidato da Nicholas Bellamy della University of Queensland di Brisbane, Australia, ha raccolto 76 studi sull'uso dell'acido ialuronico per il trattamento dell'osteoartrite del ginocchio e ne ha valutato i risultati.

Questa è stata la più grande e completa revisione del suo genere all'epoca. Il team ha riscontrato che il dolore si è ridotto in media del 28-54% nei pazienti che hanno ricevuto iniezioni.

Gli autori hanno concluso che il trattamento con acido ialuronico offre circa gli stessi effetti antidolorifici degli agenti non steroidei. Tuttavia, il vantaggio dell'acido ialuronico consisteva nel fatto che migliorava anche la mobilità. I pazienti sono stati in grado di svolgere le loro attività quotidiane tra il 9 e il 32 % meglio di prima.[35]

Processo di produzione dell'acido ialuronico

Inizialmente, l'acido ialuronico è stato estratto esclusivamente da tessuti animali. Negli anni '40 e '70 il processo è stato sempre più ottimizzato e migliorato. Nello stesso periodo, sono state effettuate ricerche sulla sintesi di ialuronano da parte dei batteri.

Il primo brevetto per l'estrazione dell'acido ialuronico dalle creste di gallo è stato registrato nel 1979. Anche le piante contengono acido ialuronico che viene rilasciato dalle cellule con un processo speciale. Infine, i ricercatori hanno scoperto anche la sintesi in vitro tramite enzimi come terzo processo di produzione. [36]

Ialuronano di origine animale

L'acido ialuronico può essere estratto da vari tessuti animali. Questi includono occhi di bovini o di pesci, pelle di maiale, cartilagine, articolazioni o creste di gallo. Questi ultimi sono stati utilizzati più frequentemente in quanto contenevano la più alta concentrazione mai documentata.

Inizialmente, tuttavia, l'acido ialuronico proveniente da tessuti animali era adatto solo per i test di laboratorio. Il rischio di trasmettere agenti patogeni o altri frammenti era troppo elevato per l'uso medico. [37]

Lo ialuronano attraverso i processi biotecnologici

Oggi, l'acido ialuronico viene sempre più sintetizzato in laboratorio attraverso processi biotecnologici e con l'aiuto di vari batteri. Questo ha il vantaggio di poter essere ottenuto in quantità maggiori.

Il processo è chiamato fermentazione a cascata. Qui, alcune piante e funghi vengono utilizzati come terreno di coltura per i microrganismi.

La fermentazione avviene in più fasi. Aggiungendo zucchero, i microrganismi vengono stimolati a digerire le parti della pianta e a moltiplicarsi. Di solito alcuni ceppi batterici o di lievito sono utilizzati per questo.

L'aggiunta di zucchero provoca la fermentazione. I microrganismi formano una capsula intorno a loro stessi. Queste capsule contengono anche acido ialuronico, tra le altre cose.

L'acido ialuronico viene così arricchito in diverse fasi e diversi serbatoi di fermentazione e può quindi essere isolato con speciali processi biotecnologici. Nel processo, lo ialuronano viene prodotto con un peso molecolare particolarmente basso. Come già detto, il corpo assorbe meglio questi composti più piccoli.

Ma un altro vantaggio decisivo rispetto all'acido ialuronico di origine animale è la sua compatibilità. Una contaminazione con proteine animali o agenti patogeni è esclusa con acido ialuronico prodotto sinteticamenten. [38]

Quindi, oggi in medicina l'acido ialuronico prodotto dai microrganismi è sempre più utilizzato. Il rischio di trasmissione delle malattie è escluso. Anche la probabilità di una reazione allergica è ridotta al minimo.

Acido ialuronico di origine animale contro quello di origine vegetale

L'estrazione dell'acido ialuronico dal tessuto animale è il metodo più antico. La procedura è molto più costosa rispetto alla variante vegetale.

Le piante non contengono acido ialuronico. Tuttavia, possono essere utilizzati come materiale di partenza per la fermentazione con l'aiuto di microrganismi. Rispetto alla variante animale, questo processo è meno costoso perché l'acido ialuronico può essere prodotto in grandi quantità.

La qualità costantemente elevata è la prova che la produzione per fermentazione è migliore. Inoltre, si possono escludere reazioni indesiderate che potrebbero essere scatenate da proteine animali.

Per le persone che apprezzano uno stile di vita vegano, l'acido ialuronico non animale è una buonaalternativa, innocua e generalmente ben tollerata.

Acido ialuronico per l'ingestione

Lo ialuronano viene offerto in diverse forme per l'ingestione. Tra questi, ad esempio:

  • Capsule e compresse
  • Bevande o fiale
  • Pastiglie

Le capsule di acido ialuronico e le bevande sono solitamente usate come cura che dovrebbe essere ripetuta ogni 3 o 4 mesi. L'efficacia dell'assunzione di acido ialuronico è già stata confermata da diversi studi. In Giappone, gli integratori alimentari con ialuronano sono molto popolari. [39]

Due studi indipendenti hanno anche fatto luce sull'assorbimento dell'acido ialuronico nell'organismo e sulla sua distribuzione quando viene assunto per via orale. Uno dei gruppi di ricerca è stato in grado di confermare che può anche alleviare i sintomi dell'osteoartrite del ginocchio. L'iniezione diretta nei giunti non è quindi assolutamente necessaria. [40]

Le pastiglie di acido ialuronico possono essere utili per tosse e mucose secche. Poiché l'acido ialuronico lega l'acqua, ha un effetto idratante sulle mucose della gola e della faringe. Questo inibisce l'irritazione della gola e il mal di gola in modo naturale. [41]

Il vantaggio di ingerire l'acido ialuronico in contrapposizione alla crema di acido ialuronico o al siero di acido ialuronico è che può penetrare più in profondità nell'organismo ed essere distribuito. I preparati di acido ialuronico applicati non penetrano in tutti gli strati della pelle e hanno solo un effetto superficiale.

Acido ialuronico - combinazioni utili

A seconda dell'area di applicazione, sono disponibili diverse combinazioni con l'acido ialuronico. Se l'obiettivo è generalmente quello di aumentare la produzione di acido ialuronico, la combinazione con magnesio o zinco può essere appropriata. Come già detto, questi nutrienti svolgono un ruolo importante nella biosintesi dell'acido ialuronico.

Molti cosmetici combinano il collagene o il coenzima Q10 con l'acido ialuronico. Il collagene è anche un componente del tessuto connettivo. Il coenzima Q10 è particolarmente apprezzato per i suoi effetti antiossidanti e le sue funzioni nel metabolismo delle cellule. [42]

Uno studio con 20 volontari selezionati a caso ha esaminato l'effetto combinato dell'acido ialuronico, del collagene e del succinato, noto anche come acido succinico, per un periodo di tempo più lungo. Studi in vitro avevano già dimostrato che l'acido succinico stimola la crescita dei fibroblasti.

Il gruppo di ricerca è giunto alla conclusione che la combinazione di acido ialuronico e di acido succinico può migliorare la capacità del l'organismo di produrre collagene. L'effetto a lungo termine sarebbe quindi una pelle dall'aspetto più sodo e giovanile.[43]

In uno studio del 2015, i ricercatori hanno studiato l'effetto a breve termine di una combinazione di acido ialuronico, condrotina solfato e una matrice cheratinica sul trattamento dell'artrosi del ginocchio. In questo studio, 40 persone hanno preso la combinazione descritta in forma di pasticche per un periodo di un mese.

L'esame era rivolto a persone in cui l'artrosi era ancora in fase iniziale. In media, la sensazione di dolore potrebbe essere ridotta di circa il 40% grazie al trattamento. Non ci sono stati effetti collaterali. [35]

Dosaggio e concentrazione dell'acido ialuronico

La dimensione molecolare gioca un ruolo decisivo nel modo in cui l'acido ialuronico viene assorbito dall'organismo. Grazie alle sue piccole dimensioni, l'acido ialuronico a basso contenuto molecolare è più mobile e penetra più facilmente nelle cellule.

Oltre alla dimensione molecolare, anche la concentrazione gioca un ruolo decisivo. Preparati ad alto dosaggio con una concentrazione di principio attivo di almeno 100 mg vengono assorbiti meglio dall'organismo grazie all'effetto veicolante.

I vettori sono proteine di trasporto incorporate nelle membrane cellulari. Permettono l'assorbimento e il trasporto di sostanze vitali come sali, zucchero o amminoacidi. Il trasporto attraverso le proteine portanti è notevolmente più veloce e più efficace della diffusione classica.

Un team di ricerca giapponese ha scoperto che il consumo di almeno 120 mg di acido ialuronico al giorno contribuisce ad aumentare l'umidità della pelle e migliora la pelle secca. [44]

Sovradosaggio di acido ialuronico

Le istruzioni di dosaggio del produttore devono essere seguite esattamente. Il sovradosaggio con acido ialuronico può portare a:

  • Irritazioni cutanee
  • Prurito
  • Dolore alle articolazioni

I sintomi di solito si attenuano rapidamente e non c'è pericolo di vita.

Effetti collaterali dell'acido ialuronico

Siccome lo ialuronano si trova naturalmente nel corpo umano, è di solito ben tollerato. I possibili effetti collaterali dipendono piuttosto dal modo di assunzione.

Vari studi hanno dimostrato che l'iniezione di gel di acido ialuronico può portare a reazioni allergiche o ipersensibilità in singoli casi. Altri effetti collaterali documentati sono stati lividi, coagulazione, cambiamenti di colore e ritenzione di liquidi. Gli effetti collaterali descritti si sono verificati solo nel 10% circa dei soggetti.[45] [46] [47]

L'assunzione di capsule di acido ialuronico è sicura purché si segua il dosaggio raccomandato dal produttore. Anche le creme e i gel all'acido ialuronico sono ben tollerati. Poiché l'acido ialuronico è un acido relativamente blando, raramente provoca lievi irritazioni della pelle.

Possibili interazioni

Se l'acido ialuronico viene applicato sulla pelle sotto forma di crema o gel o usato sotto forma di pastiglie e gocce oculari, non ci sono interazioni note con altri farmaci.

Le interazioni tra le compresse di acido ialuronico e altri farmaci non sono state finora scientificamente provate. Tuttavia, non dovrebbero essere assunti senza consultare il proprio medico di famiglia, soprattutto se vengono assunti regolarmente altri farmaci.

Se l'acido ialuronico viene applicato sulla pelle, si dovrebbero evitare disinfettanti contenenti cloruro di benzalconio. Questi cristallizzano lo ialuronano che di conseguenza perde la sua efficacia.

Allergia all'acido ialuronico

Un'allergia all'acido ialuronico si verifica molto raramente, in quanto si tratta di un composto prodotto naturalmente nell'organismo. Tuttavia, le persone con allergie alimentari dovrebbero prestare attenzione al processo di produzione e agli altri ingredienti.

Per esempio, può verificarsi una reazione allergica se lo ialuronano proviene da fonti animali come le creste di gallo o se c'è un'allergia alle proteine delle uova di gallina. Questo potrebbe renderlo inadatto a persone con un'allergia.

La composizione e l'origine devono quindi essere attentamente controllate prima dell'ingestione se sono note incompatibilità.

Trattamento con acido ialuronico

L'effetto di un trattamento con acido ialuronico si manifesta in modo diverso a seconda del tipo di terapia. Nel caso delle iniezioni nelle rughe, l'effetto è visibile subito dopo l'iniezione.

Le iniezioni di acido ialuronico per il trattamento dell'osteoartrite mostrano il loro pieno effetto solo dopo poche settimane o mesi. Tuttavia, un effetto analgesico può essere avvertito già dopo pochi giorni. Diversi studi con trattamenti ripetuti hanno dimostrato che l'effetto positivo può durare fino a 40 mesi. [48]

Anche l'assunzione orale di acido ialuronico mostra i primi risultati solo dopo poche settimane. Uno studio giapponese ha dimostrato che l'effetto dell'acido ialuronico sulla pelle si verifica dopo 3-6 settimane. I risultati di questo studio hanno anche indicato che l'effetto può durare diverse settimane anche dopo l'interruzione del trattamento. [44]

La cura della pelle con la crema o il gel all'acido ialuronico ha un immediato effetto tappezzante grazie al suo potere legante dell'acqua. Il tessuto connettivo può anche essere rinforzato con un'applicazione a lungo termine.

Acido ialuronico Studies and references

  1. Fraser, J. R. E., Laurent, T. C., & Laurent, U. B. G. Hyaluronan: its nature, distribution, functions and turnover. Journal of internal medicine, 1997: 242(1), 27-33.
  2. Simoni, Robert D., et al. The discovery of hyaluronan by Karl Meyer. Journal of Biological Chemistry 277.39 (2002): e27-e27.
  3. Papakonstantinou E, Roth M, Karakiulakis G. Hyaluronic acid: A key molecule in skin aging. Dermato-Endocrinology 2012;4(3):253-258.
  4. A. Varti, R. Cummings, J. Esko, H. Freeze, G. Hart, J. Marth (Herausgeber). Essentials of Glycobiology. 2nd edition. Cold Spring Harbor Laboratory Press (1999): Chapter 15.
  5. Laurent, Torvard C., Ulla BG Laurent, and J. Robert E. Fraser. The structure and function of hyaluronan: an overview. Immunology and cell biology 74.2 (1996): A1.
  6. Laurent, Torvard C., U. B. Laurent, and J. R. Fraser. Functions of hyaluronan. Annals of the rheumatic diseases 54.5 (1995): 429.
  7. Comper, Wayne D., and Torvard C. Laurent. Physiological function of connective tissue polysaccharides. Physiological reviews 58.1 (1978): 255-315.
  8. Ghosh, P. The role of hyaluronic acid (hyaluronan) in health and disease: interactions with cells, cartilage and components of synovial fluid. Clinical and experimental rheumatology Auflage 12 Ausgabe 1 (1994): 75-82.
  9. Fraser, J. R. E., T. C. Laurent, and U. B. G. Laurent. Hyaluronan: its nature, distribution, functions and turnover. Journal of internal medicine Auflage 242 Ausgabe 1 (1997): 27-33.
  10. Fraser, J. R. E., and T. C. Laurent. Turnover and metabolism of hyaluronan. The Biology of Hyaluronan Ciba Foundation Symposium 143 (1989): 41-59.
  11. Bastow, E. R., et al. Hyaluronan synthesis and degradation in cartilage and bone. Cellular and Molecular Life Sciences Auflage 65 Ausgabe 3 (2008): 395-413.
  12. Miyazaki, K., et al. Bifidobacterium-fermented soy milk extract stimulates hyaluronic acid production in human skin cells and hairless mouse skin. Skin Pharmacology and Physiology Auflage 16 Ausgabe 2 (2003): 108-116.
  13. Jaya, P., and P. A. Kurup. Effect of magnesium deficiency on the metabolism of glycosamino-glycans in rats. Journal of Biosciences Auflage 10 Ausgabe 4 (1986): 487-493.
  14. McDevitt, Cahir A., et al. Cigarette smoke degrades hyaluronic acid. Lung. 1989;167(4):237-45.
  15. Uzuka, Makoto, et al. The mechanism of estrogen-induced increase in hyaluronic acid biosynthesis, with special reference to estrogen receptor in the mouse skin. Biochim Biophys Acta. 1980 Jan 17;627(2):199-206.
  16. Vaillant, L., and A. Callens. Hormone replacement treatment and skin aging. Therapie. 1996 Jan-Feb;51(1):67-70.
  17. Pitsillides, A. A., T. M. Skerry, and J. C. W. Edwards. Joint immobilization reduces synovial fluid hyaluronan concentration and is accompanied by changes in the synovial intimal cell populations. Rheumatology, Volume 38, Issue 11, 1 November 1999, Pages 1108–1112.
  18. Acheson, R. M., and ANNE B. Collart. New Haven survey of joint diseases. Ann. rheum. Dis. (1975), 34, 379-387.
  19. Boeriu, Carmen G., et al. Production methods for hyaluronan. International Journal of Carbohydrate Chemistry Volume 2013, Article ID 624967, 14 pages.
  20. Balazs, Endre A., and Adolf Leshchiner. Cross-linked gels of hyaluronic acid and products containing such gels. U.S. Patent No. 4,636,524. 13 Jan. 1987.
  21. Baumann, Leslie S., et al. Comparison of smooth‐gel hyaluronic acid dermal fillers with cross‐linked bovine collagen: a multicenter, double‐masked, randomized, within‐subject study. Dermatologic Surgery 33 (2007): 128-135.
  22. Dhaked, Ram Kumar et al. Botulinum Toxin: Bioweapon & Magic Drug. The Indian Journal of Medical Research 2010 Nov; 132(5): 489–503.
  23. Aoki, K. Roger. Botulinum toxin: a successful therapeutic protein. Current medicinal chemistry 2004 Dec;11(23):3085-92.
  24. Dressler, D., and M. Hallett. Immunological aspects of Botox®, Dysport® and MyoblocTM/NeuroBloc®. European journal of neurology Volume13, Issues1 February 2006 Pages 11-15.
  25. Maurizio Cavallini, Riccardo Gazzola, Marco Metalla, Luca Vaienti. The Role of Hyaluronidase in the Treatment of Complications From Hyaluronic Acid Dermal Fillers. Aesthetic Surgery Journal, Volume 33, Issue 8, 1 November 2013, Pages 1167–1174.
  26. Balazs, Endre A. Hyaluronan as an ophthalmic viscoelastic device. Current Pharmaceutical Biotechnology, Volume 9, Number 4, August 2008, pp. 236-238(3).
  27. Rah, Marjorie J. A review of hyaluronan and its ophthalmic applications. Optometry-Journal of the American Optometric Association, January 2011, Volume 82, Issue 1, Pages 38–43.
  28. Chen, WY John, and Giovanni Abatangelo. Functions of hyaluronan in wound repair. Wound Repair and Regeneration 1999;7:79–89.
  29. Stenfors, Lars-Eric. Treatment of tympanic membrane perforations with hyaluronan in an open pilot study of unselected patients. Acta Oto-Laryngologica Volume 104, (1987): 81-87.
  30. Lokeshwar, Vinata B., et al. Tumor-associated hyaluronic acid: a new sensitive and specific urine marker for bladder cancer. CANCER RESEARCH 57.773-777, February15, 1997.
  31. Leroy, Vincent, et al. Circulating matrix metalloproteinases 1, 2, 9 and their inhibitors TIMP-1 and TIMP-2 as serum markers of liver fibrosis in patients with chronic hepatitis C: comparison with PIIINP and hyaluronic acid. American Journal of Gastroenterology volume 99, pages 271–279 (2004).
  32. Lokeshwar, Vinata B., et al. Stromal and epithelial expression of tumor markers hyaluronic acid and HYAL1 hyaluronidase in prostate cancer. The Journal of Biological Chemistry 276, (2001):11922-11932.
  33. Arrich, Jasmin, et al. Intra-articular hyaluronic acid for the treatment of osteoarthritis of the knee: systematic review and meta-analysis. Canadian Medical Association Journal April 12, 2005 172 (8) 1039-1043.
  34. Rydell, Nils, and Endre A. Balazs. Effect of intra-articular injection of hyaluronic acid on the clinical symptoms of osteoarthritis and on granulation tissue formation. Clinical orthopaedics and related research, Volume 80, (1971): 25-32.
  35. Bellamy, Nicholas, et al. Intraarticular corticosteroid for treatment of osteoarthritis of the knee. Cochrane Database Syst Rev 2 (2006): CD005328.
  36. Balazs, Endre A. Ultrapure hyaluronic acid and the use thereof. U.S. Patent No. 4,141,973. 27 Feb. 1979.
  37. Shiedlin, Aviva, et al. Evaluation of Hyaluronan from Different Sources: Streptococcus z ooepidemicus, Rooster Comb, Bovine Vitreous, and Human Umbilical Cord. Biomacromolecules 5, 6, 2122-2127.
  38. Akasaka, Hidemichi, Hisayuki Komasaki, and Takayuki Arai. Fermentation method for producing hyaluronic acid. U.S. Patent No. 4,801,539. 31 Jan. 1989.
  39. Kawada, Chinatsu, et al. Ingestion of hyaluronans (molecular weights 800 k and 300 k) improves dry skin conditions: a randomized, double blind, controlled study. Journal of clinical biochemistry and nutrition, 2015 Jan;56(1):66-73.
  40. Tashiro, T., et al. Oral administration of polymer hyaluronic acid alleviates symptoms of knee osteoarthritis: a double-blind, placebo-controlled study over a 12-month period. The Scientific World Journal 2012 (2012): 167928-167928.
  41. Hertegård, Stellan, et al. Cross‐Linked Hyaluronan Used as Augmentation Substance for Treatment of Glottal Insufficiency: Safety Aspects and Vocal Fold Function. The Laryngoscope, Volume112, Issue12, December 2002: Pages 2211-2219.
  42. Crane, Frederick L. Biochemical functions of coenzyme Q10. Journal of the American College of Nutrition Volume 20, 2001 - Issue 6: 591-598.
  43. Borumand, Maryam. Combination treatment with hyaluronic acid, succinate, and collagen: A novel approach to skin rejuvenation. Journal of Clinical & Experimental Dermatology Research (2015): 44.
  44. Kawada, Chinatsu, et al. Ingested hyaluronan moisturizes dry skin. Nutrition Journal, 2014, 13:70.
  45. Lupton, Jason R., and Tina S. Alster. Cutaneous hypersensitivity reaction to injectable hyaluronic acid gel. Dermatologic Surgery Volume 26, Issue 2 (2000): 135-137.
  46. Hönig, Johannes Franz, Ulrich Brink, and Monika Korabiowska. Severe granulomatous allergic tissue reaction after hyaluronic acid injection in the treatment of facial lines and its surgical correction. Journal of Craniofacial Surgery: Volume 14, Issue 2, (2003): 197-200.
  47. Lupton, Jason R., and Tina S. Alster. Cutaneous hypersensitivity reaction to injectable hyaluronic acid gel. Dermatologic Surgery, 2000 Feb;26(2):135-7.
  48. Maheu, Emmanuel, François Rannou, and Jean-Yves Reginster. Efficacy and safety of hyaluronic acid in the management of osteoarthritis: Evidence from real-life setting trials and surveys. Seminars in Arthritis and Rheumatism, 2016 Feb;45 (4 Suppl) :S28-33.
Please visit the online shop in your region. Simply click on the according flag symbol!