Acido linolenico

  • olio di enotera al 100% naturale
  • alto contenuto di acido gamma-linolenico (dal 9 al 14%)
  • ricco di acidi grassi insaturi essenziali
  • ideale per pelli secche, pruriginose e squamose
  • perfetto per vegetariani e vegani/li>

Acquista gli integratori di acido linolenico - in modo conveniente e sicuro su VitaminExpress

  • Qualità del prodotto garantita - testata da laboratori indipendenti
  • Purezza garantita del prodotto - completamente privo di additivi superflui
  • Presenza garantita di componenti attivi - qualità del contenuto ottenuta grazie a materie prime testate e conformi agli standard
  • Garanzia di rimborso esercitabile entro 100 giorni - anche senza motivazioni

Cos'è l'acido linolenico?

L'acido linolenico è un acido grasso triplo insaturo composto da 18 atomi di carbonio, appartenente al gruppo degli acidi grassi essenziali omega-3.

Quando si fa generico riferimento all'acido linolenico, il più delle volte si intende l'acido alfa-linolenico (ALA).

Il termine acido linolenico è usato anche per indicare molti altri acidi grassi strutturalmente molto diversi dall'acido linolenico puro. L'acido gamma-linolenico (GLA) e l'acido diomo-gamma-linolenico (DGLA), per esempio, appartengono agli acidi grassi - anch'essi essenziali - omega-6.

Perché l'organismo ha bisogno di acido linolenico?

L'acido alfa-linolenico rientra nel novero dei nutrienti essenziali ed è fondamentale per l'organismo che, tuttavia, non è in grado di produrlo autonomamente. L'ALA è necessario per la formazione degli acidi grassi omega-3 come l'acido docosaesaenoico (DHA) e l'acido eicosapentaenoico (EPA).

Nelle sue linee guida, la Società Tedesca di Nutrizione (DGE) sottolinea ripetutamente l'importanza dell'assunzione di sufficienti quantità di acidi grassi insaturi di alta qualità come, ad esempio, l'acido linolenico e l'acido gamma linolenico.

Chi può avvalersi dell'acido linolenico?

La percentuale di grassi nella dieta giornaliera dovrebbe essere del 30% circa; nella maggioranza delle persone, invece, si aggira intorno al 40%. Il problema principale, tuttavia, resta la qualità dei grassi che vengono consumati, che è per lo più errata.

Il cibo prodotto con sistemi industriali, per esempio, ha un'alta percentuale di acidi grassi saturi e grassi idrogenati dannosi ed è privo di acidi grassi polinsaturi che, invece, sono di aiuto per la salute. Per quanto riguarda specificamente gli acidi grassi omega-3come l'acido linolenico, se ne riscontra sempre una quantità troppo bassa all'interno dei prodotti industriali.

Cosa dicono di noi i nostri clienti

I vostri vantaggi

  • CONSEGNA GRATUITA

  • GARANZIA DI RIMBORSO VALIDA 100 GIORNI

  • RISPARMIA FINO AL 20%

    con i nostri sconti sulle quantità e il 5% di extra bonus

  • COMODO PAGAMENTO

    PayPal, Carta di credito, Addebito diretto